Stati Uniti: i droni siano identificabili

La Federal Aviation Administration imporrà ai possessori dei droni di mostrare il numero di registrazione all'esterno di ogni unità.

Negli Stati Uniti tutti i possessori di un drone dovranno rendere il numero di registrazione dell’unità ben visibile e leggibile all’esterno della scocca. Un obbligo imposto dalla Federal Aviation Administration e dal Department of Transportation, incluso nel regolamento “External Marking Requirement for Small Unmanned Aircraft” che entrerà in vigore a partire dal 23 febbraio.

FAA e l’identificazione dei droni

Se da un lato la misura viene introdotta con la finalità di rispondere alle crescenti preoccupazioni manifestate in merito alla possibilità che i droni possano essere impiegati come mezzi per la movimentazione da remoto di esplosivi, dall’altra testimonia la volontà da parte degli enti d’oltreoceano di ampliarne raggio d’azione e potenziali utilizzi. Il mese scorso la stessa FAA ha avanzato una proposta che, se approvata, consentirà il volo su aree affollate e nelle zone urbane che ora risultano essere off-limits.

Questo permetterebbe, ad esempio, di sperimentare l’impiego degli UAV per le consegne, un’idea già messa in cantiere da colossi come Amazon con Prime Air e Google con Wing, ma che fino ad oggi non è stato possibile applicare se non al di fuori di ambienti fortemente controllati. In fase di studio anche norme che dovrebbero obbligare i piloti a equipaggiare un dispositivo in grado di identificarne la posizione in modo preciso e in tempo reale, sempre per questioni legate alla sicurezza.

L’agenzia statunitense, lo ricordiamo, ha introdotto l’obbligo di registrazione per i droni nel 2015, imponendo ai possessori di inserire una targhetta con il numero assegnato all’interno dell’alloggiamento che ospita le batterie. Si sceglie ora di spostare la sua posizione all’esterno poiché l’apertura del vano potrebbe costituire un potenziale pericolo per gli operatori. L’obbligo di registrazione è stato poi revocato nel 2017 in seguito alla decisione di un giudice di Washington e ripristinato lo scorso anno con l’entrata in vigore del National Defense Authorization Act.

Equilibrio tra innovazione e sicurezza

Emerge dunque in modo chiaro la volontà di supportare l’innovazione e non porre freno alle sperimentazioni legate alla tecnologia, ma al tempo stesso di adottare tutte le possibili precauzioni per scongiurare qualsiasi rischio, individuando nel minor tempo possibile i responsabili di eventuali abusi. La vicenda che nel mese di dicembre ha portato al prolungato blocco dell’aeroporto di Londra-Gatwick a causa di due unità in volo nello spazio aereo dello scalo è ancora fresca nella memoria.

Fonte: FAA (PDF)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti