Amazon Prime Air, prima consegna a mezzo drone

La prima consegna via aerea nel Regno Unito. Per ora è tutto sperimentale: ma Jeff Bezos e compagni fanno sul serio

Roma – Sembra che questo sia un periodo estremamente proficuo per Amazon che, dopo aver annunciato l’accordo con FCA per vendere automobili online , le innovazioni in campo IA di AWS e i minimarket del nuovo servizio Go , ha finalmente concretizzato l’avvento del servizio Prime Air svolgendo la prima consegna a mezzo drone.


L’annuncio arriva direttamente dal sito ufficiale dove sono state postate immagini e video su questa impresa. La prima consegna del servizio si è svolta, come già annunciato , nel Regno Unito a causa delle regolamentazioni particolarmente restrittive della FAA sui voli degli UAV sul suolo americano. La spedizione conteneva un’Amazon FireTV e un pacco di popcorn, e ha richiesto un tempo complessivo di 13 minuti per essere consegnata.

Al momento la beta del servizio Air è aperta a due soli clienti ma sarà presto disponibile a un pubblico più ampio. Amazon ha dichiarato che il servizio sarà attivo 7 giorni su 7 anche se con qualche limitazione: i droni potranno volare solamente nelle ore diurne e con condizioni meteorologiche adatte, inoltre il cliente dovrà avere a disposizione una superficie come un giardino o un tetto abbastanza grande da permettere il corretto atterraggio.


Sembra che quella dei droni, anche se con alcuni risvolti controversi , stia piano piano diventando una tecnologia fondamentale nella vita aziendale di tutti i giorni e non solo per compiti di consegna. Colossi come Google , Apple e Facebook stanno lavorando attivamente per integrare gli UAV nel processo lavorativo.

Pasquale De Rose

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pierino impostato scrive:
    razzate
    Non sono mai stato razzista, e comunque conosco arabofoni, sia musulmani che copti, che sono persone in gamba.Quello che noto, e notare non è razzismo, è che dove ci sono musulmani ci sono diatribe, divisioni, discriminazioni, intolleranza, rabbia, e nei casi peggiori, guerre e terrorismo.Persino fra di loro, vedi sciiti e sunniti.Un po' come gli ebrei e i palestinesi.Un registro è una discriminazione, ed è proprio quanto sopra detto.
  • LOL scrive:
    Oltre 500 dipendenti di società hi-tech
    Ah beh, addirittura CINQUECENTO FIRME! (cylon)(rotfl)(rotfl) :((ghost) ;) ;)
  • ... scrive:
    F. col q degli altri
    ok, si fa una legge per permettere gli utenti ad accedere ai servizi di queste aziende SENZA fornire dati personali. Account anonimi per capirci. Cosa ne pensano guggule/twittere & Co.?
  • ... scrive:
    schedatura? inutile e anacronistica
    perche schedarli? basta chiedere a facebook/gmail/apple di acceereai loro profili/device e si avranno molte piu' informazioni di una classica schedatura.
  • scumm78 scrive:
    585 sono un numero bassisimo
    quindi a quanto la maggior parte questo registro lo vuole
Chiudi i commenti