Statua Libertà protetta dalla biometria

Chi si imbarca a Battery Park ha una sorpresa: gli viene fatta una fotografia che un software analizza e confronta con un database di pericolosi ricercati


New York (USA) – Alla ACLU, l’associazione per i diritti civili, la cosa non va giù ma pare invece sia stato accolto quasi con entusiasmo l’annuncio delle autorità di New York di voler imporre una scansione del volto a tutti coloro che intendono visitare la Statua della Libertà, una delle più importanti “attrazioni” della Grande Mela, ogni anno méta di milioni di turisti.

L’operazione, condotta dal governatore dello Stato di New York George Pataki insieme alla ormai celebre azienda del face scanning Visionics Corporation, mira evidentemente a rendere più sicura la Statua, che già gode di una sorveglianza senza precedenti. Le tecnologie introdotte sono già al vaglio dall’Esercito americano e se ne parla anche per nuovi servizi di sicurezza via telefonia mobile .

A quanto pare, la decisione di installare telecamere pensate per la fotografia del volto in corrispondenza dei metal detector che precedono l’imbarco sulle navi che portano all’isola della Statua della Libertà, è stata presa a seguito di informazioni trasmesse dall’ FBI alle autorità locali di pubblica sicurezza.

“Esamineremo ulteriormente la tecnologia di riconoscimento del volto – ha affermato Pataki – per vedere se non sia possibile utilizzarla anche in altre zone della città”.

Come noto, Visionics sfrutta un sistema ottico che scompone l’immagine del volto in un numero elevato di punti tra i quali viene scelta una certa quantità di “punti caratteristici”. Sono questi, tradotti in codice binario, ad essere poi ricercati nel database dell’azienda, che contiene i “punti caratteristici” di ricercati e sospetti.

La ACLU , da sempre pesantemente critica sui sistemi di controllo del volto, ha stigmatizzato l’operazione affermando che si tratta non solo di una tecnologia inefficace ma anche di un “insulto alle genti americane”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    L'inutile bollino blu
    Ma non si fa prima ad indagare il sito che fa porcherie invece di apporre un bollino blu su tutti i siti?Forse lo vogliono spacciare per nuovo Bollo tipo quello dell'auto... ovvero tassa.Fuuuuurrrrrbbbbiiiii!Ogni tanto lo spirito della Palombelli ritorna con la sua cavolata:Internet è e deve rimanere libera, se si mette un bollino blu lo voglio anche sulle televisioni, sui telefoni, sui giornali, sui cartelloni pubblicitari... sulle banane di quelli che fanno queste proposte semplicistiche.Scarlight
  • Anonimo scrive:
    Su Le Scienze
    Ricordo un numero di "Le Scienze", alias Scientific American di non troppi anni fa (ma comunque prima che diventasse quella specie di Focus che è oggi), nei quali si parlava di alcuni luoghi, nel mondo, nei quali erano culturalmente ben accette alcune pratiche che, nel nostro paese "occidentale" sarebbero senza dubbio ritenute pedofilia. C'erano villaggi in cui le mamme "iniziavano" al sesso i loro figli, luoghi dove i genitori masturbavano i propri pargoli... e non parlo di infibulazione, circoncisione et simili.Pensate che sorpresa quando questi si collegheranno ad internet e scopriranno che da noi è illegale fare un pompino ad un bambino o infilare un dito nella vagina di una bambina!
  • Anonimo scrive:
    E giusto
    Mettiamo pure i registratori a tutte le panchine nei giardinetti e conserviamo per 10 anni i nastri.Quando poi i garanti dalla privacy e i gruppi dei diritti civili la pianteranno di rompere le palle mettiamo in tutte le abitazioni un sistema di telecamere a circuito chiuso in modo che le forze di sicurezza possano fare controlli in tempo reale su eventuali attivita illecite di chiunque o rivedersi cosa facevano anni addietro dentro casa i nuovi sospetti.Echelon già esiste rinforziamolo in modo che si sappia i contenuti delle telefonate di chiunque.I braccialetti eletrronici sono eccessivi ma se con l'avanzare della tecnologia possiamo mettere un chip sotto pelle che ci informi sugli spostamenti di tutti, perchè no.?
    • Anonimo scrive:
      Re: E giusto
      Appunto...le violenze mica si compiono in internet. Io metterei le telecamere in TUTTE le case, e in TUTTI i parchi pubblici, e poi prenderi a caso qualche registrazione. Penso sia meglio fermare queste cose nella realtà piuttosto che "virtuali".Mr.Wolf
      • Anonimo scrive:
        Re: E giusto
        - Scritto da: MrWolf
        Appunto...le violenze mica si compiono in
        internet. Io metterei le telecamere in TUTTE
        le case, e in TUTTI i parchi pubblici, e poi
        prenderi a caso qualche registrazione. Penso
        sia meglio fermare queste cose nella realtà
        piuttosto che "virtuali".
        Mr.WolfSiete ironici, vero?
      • Anonimo scrive:
        Re: E giusto
        - Scritto da: MrWolf
        Appunto...le violenze mica si compiono in
        internet. Io metterei le telecamere in TUTTE
        le case, e in TUTTI i parchi pubblici, e poi
        prenderi a caso qualche registrazione. Penso
        sia meglio fermare queste cose nella realtà
        piuttosto che "virtuali".
        Mr.WolfSono convinto che tu sia ironico, in caso contrario leggiti 1984.
        • Anonimo scrive:
          Re: E giusto
          "Speriamo" che sia ironia...Io però mi sono rotto le palle!Ma possibile, mi chiedo, che per mettere in essere l'ennesima legge liberticida si debba ancora una volta montare su una campagna "di opinione"?...Che ogni volta si debba "creare" un mostro che giustifichi misure "speciali" che poi vengono applicate per tutt'altro?Deliberino quello che vogliono ma che non scassino il cazzo!- Scritto da: 1984


          Sono convinto che tu sia ironico, in caso
          contrario leggiti 1984.
        • Anonimo scrive:
          Re: E giusto
          Sì sono ironico ovviamente...e comunque 1984 l'ho già letto.Mr.Wolf
  • Anonimo scrive:
    hanno letto per mesi tutti i messaggi di C6
    Parliamoci chiaro.. anche il papa sa che la pedofilia (che e' un fenomeno *assolutamente* marginale) e' l'unica scusa possibile rimasta per mettere sotto controllo internet senza provocare una rivolta popolare.Come si sono permessi di sniffare per mesi tutti i messaggi di C6, IRCnet e gli altri luoghi di discussione.. leggere e loggare milioni di messaggi per poi arrestare 2 utenti con foto porno (cioe' un insieme di pixel sul monitor che accesi in un certo modo risultano illegali).Ma il garante della privacy non dice nulla??
    • Anonimo scrive:
      Re: hanno letto per mesi tutti i messaggi di C6
      Sono perfettamente d'accordo, soprattutto col fatto che sono solo pixel su uno schermo.E poi, come se non bastasse, capita SEMPRE che girovagando su siti porno legali capita qualche popup di siti pedo...e chi legge i log non sa mica che voi siete stati su www.sito_illegale.com perché si è aperto un popup senza che lo volevate!!! E' questo il bello di internet!Mr.Wolf
  • Anonimo scrive:
    ...e voi
    li avete pure votati questi!!!vergogna
    • Anonimo scrive:
      Re: ...e voi
      - Scritto da: sergio
      li avete pure votati questi!!!

      vergognachi li ha votati???
    • Anonimo scrive:
      Re: ...e voi
      - Scritto da: sergio
      li avete pure votati questi!!!

      vergogna
      Se dovessi fare la lista delle cavolate che hanno fatto gli id10ti che voti tu dovrei star qua fino a l 2003.
      • Anonimo scrive:
        Re: ...e voi
        allora tienteli e sii contento...falla la tua lista, vediamo... io non ho fretta
        • Anonimo scrive:
          Re: ...e voi
          - Scritto da: sergio
          allora tienteli e sii contento...

          falla la tua lista, vediamo... io non ho
          frettaL'abbraccio con gates, il bullarsi degli accordi stipulati con quest'ultimo... tanto per tenerci nell'ambito dell'informatica. Se usciamo da questo cambio subject e metto "la storia infinita".
  • Anonimo scrive:
    il log mi fa paura
    che bello fermare la pedofilia (ma che stiamo dicendo? i pedofili mica li ha inventati internet,comuqnue tutti sono convinti di questo)e che bello avere a disposizione 5 anni (dico 5 anni) di registrazione di tutti i siti in cui sono statose una sera sono giù perchè la ragazza/moglie etc mi ha tagliato e vado a cercare un pò di porno (di quello "classico") oppure mi collego un pò troppo spesso a siti legati al no-global o ai centri sociali?Fra 5 anni lo si potrà ancora leggereChe bello
    • Anonimo scrive:
      Re: il log mi fa paura
      La misura dei log, al di la di quanto possa essere usata per scopi diversi da quelli per cui viene concepita la norma, mi pare debole, al pari di altre misure che arrecano danno solo a chi non ha comporamenti illeciti, essendo facilmente aggirabili da chi invece ne vuole sfuggire. In pratica, dal momento dell'approvazione della legge, la maggior parte di coloro che vorranno continuare indisturbati a scambiarsi materiale pedopornografico, lo faranno utilizzando strumenti informatici che renderanno alquanto inutile qualsiasi monitoraggio delle connessioni. Forse si dovrebbe dire ai nostri parlamentari che si dovrebbero informare un po' di piu' sulle dinamiche della rete.
      • Anonimo scrive:
        Re: il log mi fa paura
        - Scritto da: FDG
        Forse si
        dovrebbe dire ai nostri parlamentari che si
        dovrebbero informare un po' di piu' sulle
        dinamiche della rete.I nostri parlamentari lo sanno.Forse bisognerebbe informare chi vota i nostri parlamentari che a questi la lotta alla pedofilia interessa relativamente, mentre cio che gli sta veramente a cuore è il controllo sociale.
    • Anonimo scrive:
      Re: il log mi fa paura
      Beh...fra "minimo" 5 anni si potrà leggere, non è detto che il tuo provider non li tenga per 20 o 50 anni i log!Mr.Wolf
  • Anonimo scrive:
    Idioti, non fermeranno mai il p2p
    Certo è na bella storia pensare di poter risolvere il problema della pedofilia, è un abella favola. Il p2p non può essere fermato per la sua stessa natura, e si sa che il p2p permette di scambiare qualsiasi tipo di file. La polizia si metta a investigare dove serve e non dove butterebbe solo soldi oltre che arrecare danni a tutti quelli "onesti".
  • Anonimo scrive:
    correggete il link
    il link a fine pagina e' errato. correggete e spostate il post, grazie.
Chiudi i commenti