Lo streaming abbatte il costo del Calcio in tv?

Lo streaming abbatte il costo del Calcio in tv?

Il costo del Calcio in tv sarebbe diminuito drasticamente con l'introduzione dello streaming: l'analisi di SOStariffe sui prezzi delle ultime annate.
Il costo del Calcio in tv sarebbe diminuito drasticamente con l'introduzione dello streaming: l'analisi di SOStariffe sui prezzi delle ultime annate.

Il popolo del dibattito social ha sentenziato: DAZN è troppo caro, seguire il Calcio implica costi troppo elevati e sostanzialmente si stava meglio quando si stava peggio. Tuttavia una indagine SOStariffe sembra poter smontare questo tipo di assunto, ribaltandolo verso una considerazione di segno del tutto contrario: il calcio in tv non sarebbe mai stato conveniente come quest'anno. Ma è così?

L'anno dello streaming

L'analisi è importante perché fotografa l'impatto dello streaming nella storia del Calcio in tv: l'analisi considera i prezzi delle ultime annate (quelle in cui l'offerta è stata pressoché omogenea in termini di servizio) ed innesta i costi dell'annata in corso. Queste le risultanze:

Il Calcio in tv: i costi secondo SOStariffe

Il Calcio in tv: i costi secondo SOStariffe

Consideriamo che un tifoso durante la stagione 2018/2019 per seguire la Serie A doveva sostenere un canone di circa 47 euro al mese.  La spesa si è ridotta l'anno dopo, scendendo a 38 euro, per poi subire un lieve incremento nel 2020/2021 quando il prezzo è risalito a 41 euro. L'autunno/inverno che sta per iniziare vede il prezzo dei pacchetti crollare a picco. Quest'anno bastano solo 29,99 euro al mese per vedere le stesse partite che quattro anni fa costavano circa il doppio. Un'occasione imperdibile che, potenzialmente, può garantire agli appassionati un netto risparmio sui costi per seguire la propria squadra del cuore in campionato.

Le valutazioni non sono di ordine qualitativo: su questo DAZN dovrà dimostrare importanti passi avanti fin dalle prossime giornate, così da far dimenticare i momenti di difficoltà vissuti durante le prime due giornate di campionato. Quel che è certo è che i numeri parlano: lo streaming consente di abbassare i costi di accesso, purché si abbia a disposizione una connessione di rete che l'analisi – giustamente – considera come scontata.

Lo streaming, insomma, sembra per ora aver riversato sul mercato un importante valore concorrenziale che ha determinato una forte pressione al ribasso dei prezzi: andrà valutato in divenire quanto questi prezzi potranno essere confermati e, soprattutto, se DAZN sarà in grado di alzare il livello di qualità della propria offerta. Chi ama Serie A e Champions League, in attesa che la pausa nazionale termini e si possa ripartire per entrare nel vivo della stagione, ci sono dunque buone notizie. Al netto della percezione, secondo cui si stava sempre meglio quando si stava peggio.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

01 09 2021
Link copiato negli appunti