Streaming e musica, accordi per passato e futuro

Spotify pone fine a una lunga controversia per le licenze dei detentori dei diritti statunitensi di NMPA. SoundCloud, invece, si sarebbe conquistata il catalogo di Sony in vista del prossimo lancio del servizio a pagamento

La tensione delle negoziazioni tra la piattaforme di streaming e l’industria della musica si è apparentemente allentata in due accordi determinanti per l’evolvere del mercato: Spotify ha risolto la controversia con gli autori e le edizioni statunitensi della National Music Publisher’s Association (NMPA), mentre SounCloud, secondo indiscrezioni, si è aggiudicata anche l’adesione di Sony, così da nutrire il proprio catalogo in vista del lancio dell’annunciato servizio a pagamento.

L’ accordo siglato tra Spotify e la NMPA pone termine a uno dei numerosi contenziosi aperti per ottenere dalla piattaforma di streaming delle compensazioni per royalty non distribuite : si tratta in particolare delle licenze per la riproduzione meccanica, concetto che risale ai primi anni del Novecento e alla popolarità della pianola meccanica, che dovrebbe garantire al detentore dei diritti la possibilità di concedere o meno la propria opera, insieme a un’entrata per ogni riproduzione o trasmissione delle composizioni. Spotify, denunciano da tempo editori e autori, e ammette la stessa piattaforma, non ha mai ottenuto queste licenze e ha pagato solo parzialmente i corrispettivi dovuti, a causa delle difficoltà nel rintracciare coloro a cui spettano .

Il servizio di streaming, però, ha sempre sostenuto di aver stanziato le royalty non distribuite, e proprio su questo fondo, insieme all’impegno per sviluppare un sistema più efficiente per individuare gli assegnatari, si incardina l’accordo con NMPA. I numeri della pace restano confidenziali, ma fonti anonime mormorano di una cifra che si aggira intorno ai 21 milioni di dollari, di cui 5 milioni di dollari a titolo di risarcimento: verranno distribuiti a coloro che ne faranno richiesta, e le royalty non assegnate verranno spartite fra le edizioni a seconda della loro quota di mercato.

La fine delle ostilità con NMPA rappresenta per Spotify la rimozione di una macchia nel proprio successo e potrebbe costituire un modello per le piattaforme concorrenti che intendano scongiurare questo tipo di dispendiosi confronti. Una problematica già affrontata da SoundCloud, ancora prima del lancio di una propria offerta strutturata a pagamento. Pare però che, nelle ore in cui Spotify e NMPA comunicavano il raggiungimento dell’accordo, SoundCloud si sia guadagnata il catalogo della sorella mancante dell’industria discografica: dopo, Warner e Universal , la piattaforma nata per alimentare la creatività e la visibilità degli artisti avrebbe conquistato anche la firma di Sony.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Sg@bbio scrive:
    Re: Win 10 Spyware Edition
    Dicevano cosi con Windows ME, Windows Vista e Windows 8.
    • Crash scrive:
      Re: Win 10 Spyware Edition
      - Scritto da: Sg@bbio
      Dicevano cosi con Windows ME, Windows Vista e
      Windows
      8.Non puoi fare paragoni tra pere e banane.
  • khhg scrive:
    giri di parole e prese per i fondelli
    Come prima dicono che per la sicurezza i browser devono essere plugin free e poi reintroducono i plugin con un giro di parole spacciandoli per qualcosa di diverso.In realtà si trattava di un gioco politico per liberarsi dei plugin della concorenza. Scommetto che tra un po' di tempo reintrodurranno i buggatissimi controlli activex.
    • ma lui lo e scrive:
      Re: giri di parole e prese per i fondelli
      - Scritto da: khhg
      Scommetto
      che tra un po' di tempo reintrodurranno i
      buggatissimi controlli
      activex.no, activex non è roba universal app.Loro pensano più in grande: permettere estensioni in grado di bucare il desktop, il mobile e Xbox con lo stesso codice! (rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • .o0O0o. scrive:
    Re: Win 10 Spyware Edition
    - Scritto da: bubba

    {Posted from a Windows 10 free Environment}
    craptastic! :) e' proprio l'OPPOSTO rispetto a
    quel che dovrebbe fare, vista la sua pessima
    reputazione.... ma tant'e..
    :PIn una riga si sta googlizzando.Questo ai più potrebbe sembrare una bella cosa.Ovviamente i più si sbaglino ;)
Chiudi i commenti