Sun apre il codice di Solaris Cluster

Viene così messo a disposizione della comunità open source un nuovo software di classe enterprise, dedicato alla creazione di cluster di computer SPARC/x86 in grado di garantire un servizio senza interruzioni

Santa Clara (USA) – In occasione del secondo anniversario dall’ apertura del codice di Solaris 10, Sun ha donato alla comunità open source il codice alla base di Solaris Cluster, una soluzione di clustering pensata soprattutto per l’ high availability (HA).

Sun ci tiene a sottolineare come il neonato Open HA Cluster poggi sulla stessa tecnologia già utilizzata all’interno della propria piattaforma enterprise, e “metta finalmente a disposizione della comunità open source una soluzione di clustering di livello commerciale”.

Il software gira sia sui server SPARC di Sun che su quelli x86/x64 , consentendo alle aziende di creare e gestire cluster ad architettura mista.

Il codice del software verrà rilasciato a partire dai prossimi giorni, e seguirà un processo diviso in tre fasi della durata complessiva di 18 mesi. La prima fase prevede la pubblicazione del codice dei cosiddetti “application module” , o agenti, che consentono alle applicazioni di funzionare sulla piattaforma cluster e sfruttarne le caratteristiche di scalabilità e failover. Dal momento che ogni applicazione necessita di un agente personalizzato, Sun spera che la comunità di sviluppatori open source possa contribuire ad espandere il numero di applicazioni compatibili con Solaris Cluster: gli agenti scritti per Open HA Cluster gireranno anche sulla soluzione commerciale di Sun.

Sebbene, come si è detto, il software di Sun si rivolga soprattutto alla creazione di cluster per l’alta disponibilità – utilizzati per garantire un servizio senza interruzioni e per fornire funzionalità di disaster recovery – Sun ha detto che non scoraggerà la discussione o la nascita di progetti per l’high performance computing basati su Open HA Cluster . In quest’ultimo settore Sun ha per altro già rilasciato il codice del proprio Sun Grid Engine , un software per la distibuzione dei processi nei cluster.

Tutto il codice di Open HA Cluster sarà pubblicato sotto la Common Distribution and Development Licence, la stessa già utilizzata per OpenSolaris e molti altri progetti. Sun non ha escluso la possibilità, in futuro, di migrare il codice sotto la GPL , una mossa che permetterebbe agli sviluppatori di inglobare Open HA Cluster in Linux.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • francemont90 scrive:
    la funzione per scaricare i video....
    ...funziona anche con Opera e sul sito dei video di mediaset?
  • per usare questa meraviglia scrive:
    Di quanta ram avrò bisogno
    che impesta il pc?No, sul serio. Le versioni precedenti al 21esimo secolo erano buone e RP era utilizzatissimo in rete.E non si può dire che sia stato scavalcato da Windows Media Player per abuso di posizione dominante di Microsoft. Per me la Real s'è affossata da sola facendo un programma via via più pesante e quasi inutilizzabile.
    • carobeppe scrive:
      Re: Di quanta ram avrò bisogno
      Ma avete tutti problemi di ram d'ora in avanti? Ormai non costa più nulla, compratevi un paio di giga e abbozzatela di lagnarvi! Se poi il discorso è che il PC si impesta di ogni troiaio è un altro discorso, ma quelli che dicono che i programmi son sempre più esosi di memoria (o anche i sistemi operativi) mi fanno ridere... purtroppo è vero anche con le ultime distro di linux; la ubuntu con meno di 512 MB di ram è inutilizzabile proprio come vista...
      • dan scrive:
        Re: Di quanta ram avrò bisogno
        "la ubuntu con meno di 512 MB di ram è inutilizzabile proprio come vista..."Ma che ca**o dici? Ubuntu ne richiede 256, Vista 512 per installarsi e 2048 per funzionare al meglio!!! Inoltre con Ubuntu ci sono molti programmi inclusi, con Vista devi appesantire ulteriormente il sistema! E poi Ubuntu è per l'home user che ha anche più RAM di quella, chi vuole ottimizzare sceglie un'altra distro (o modifica ad hoc quella).Per favore, prima di scrivere accendi il cervello e fallo funzionare...
  • ppp scrive:
    Real alternative
    Real alternative è la sola soluzione per togliersi dalle ahem di torno quel pachiderma invasivo
    • suc scrive:
      Re: Real alternative
      guarda che real alternative ha tutte le librerire che ha real player, quindi alla fine è uguale
      • VisualC scrive:
        Re: Real alternative
        ne ha molte di meno cmq io uso realplayer 10 da un sacco di tempo basta disattivare lo sparamessaggi (facilissimo bastano 2 click nelleopzioni)
  • MeX scrive:
    [PUFFO BRONTOLONE] io odio RealPlayer...
    non so voi... ma Real Player era di un'arroganza inaudita! In più ti sparava pop-up di pubblicità peggio di un adware... speriamo che questa versione sia più "pulita"... io però non mi fido a installarlo... qualcuno può rassicurarmi sulla sua redenzione?
    • Anonimo scrive:
      Re: [PUFFO BRONTOLONE] io odio RealPlayer...
      - Scritto da: MeX
      non so voi... ma Real Player era di un'arroganza
      inaudita! In più ti sparava pop-up di pubblicità
      peggio di un adware... speriamo che questa
      versione sia più "pulita"... io però non mi fido
      a installarlo... qualcuno può rassicurarmi sulla
      sua
      redenzione?penso sia impossibile la redenzione, ma non scoraggiarti: da un po' esiste "real alternative" programmino very light che fa tutto quello che dovrebbe fare realplayer senza impestare il pc
      • suc scrive:
        Re: [PUFFO BRONTOLONE] io odio RealPlayer...
        con realalternative il tuo pc rischia di impestarti, in quanto realalternative non ha uno straccio di aggiornamenti automatici. Realplayer invece ce li ha.
    • m00f scrive:
      Re: [PUFFO BRONTOLONE] io odio RealPlayer...
      Hai conosciuto solo la versione post-2000Le versioni prima del 1998/99 erano fantastiche, quasi come il MediaPlayer Classic (del K-Lite Pack)
Chiudi i commenti