Sun e Corel sfidano Office sui formati dei file

Partendo dai formati di file già introdotti con OpenOffice, Sun, Corel e altre aziende si sono alleate per sviluppare nuovi formati di documento aperti e alternativi a quelli di Microsoft Office. Alla loro base, lo standard XML


Billerica (USA) – Alcuni membri dell’Organization for the Advancement of Structured Information Standards ( OASIS ), fra cui Sun, OpenOffice.org, Corel e il colosso degli aeroplani Boeing, hanno dato vita ad un gruppo di lavoro che avrà il compito di sviluppare un formato standard dei file, basato su XML, per alcuni fra i principali tipi di documento.

Uno degli obiettivi del gruppo, chiamato Open Office XML Format Technical Committee, è quello di rompere il monopolio di Microsoft nel campo delle suite per l’ufficio e migliorare l’interoperabilità dei prodotti alternativi, come OpenOffice, StarOffice e WordPerfect.

Buona parte dei formati proposti all’OASIS dal gruppo di lavoro capeggiato da Sun sono stati sviluppati in seno al progetto open source OpenOffice.org e fanno già parte della versione 1.0 dell’omonima suite. Questi permetteranno l’interscambio di documenti XML contenenti fogli di calcolo, testi, grafici, presentazioni e immagini.

La speranza di Sun e Corel è che si unisca alla compagnia anche Microsoft, così da abbattere gli attuali problemi di scambio dei dati fra la suite per l’ufficio del big di Redmond e i prodotti alternativi. Sun, che sostiene di aver già invitato al tavolo di lavoro la rivale, si è però detta molto scettica sulla possibilità che Microsoft – per altro già membra dell’OASIS – possa partecipare alla stesura di questo standard.

Il colosso di Redmond ha affermato che sta valutando la proposta, precisando però che il futuro Office 11 supporta già lo standard XML Schema Datatypes (XSD) 1.0 sviluppato dal W3C. Sun ha tuttavia spiegato che i formati proposti non useranno XSD ma il solo standard XML più altri formati aperti come il Mathematical Mark-up Language (MathML) e lo Scalable Vector Graphics ( SVG ).

Insomma, certi standard sembrano destinati ad essere sempre meno… standard.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    54 giga in un disco
    Mica male, cominicio a farci un pensierino. Il mio sogno e' ridurre tutta la mia collezione di LP e CD (saranno un 6mila dischi) a pochi DVD
    • Anonimo scrive:
      Re: 1000 giga in un disco
      Beh, puoi aspettare i dischi da 1 tera della Fluorescent Media.... (anche se i primi prototipi tengono "solo" 150 Giga :)Ciao!
Chiudi i commenti