Super Talent lancia due SSD a basso costo

Il produttore statunitense ha introdotto una nuova famiglia di dischi a stato solido espressamente dedicata al mercato consumer. Con un costo per gigabyte molto vicino ai 2 dollari, anche per il modello da 128 GB

Roma – Il costo delle memorie flash cala costantemente, e ciò si riflette beneficamente anche sul prezzo dei dischi a stato solido (SSD). Uno dei primi SSD da 128 GB a scendere sotto il muro dei 300 dollari è il nuovo MasterDrive LX della statunitense Super Talent , un’unità da 2,5 pollici espressamente indirizzata ai notebook consumer.

Come tutti gli SSD appartenenti a questa fascia di mercato, anche quello di Super Talent adotta memorie NAND flash di tipo Multi-Level Cell (MLC), che in questo caso sono in grado di fornire velocità massime di 100 MB/s in lettura e 40 MB/s in scrittura.

Dotato di un’interfaccia SATA II, che lo rende compatibile con la maggior parte dei notebook oggi sul mercato, il MasterDrive LX è interamente rivestito in metallo. Il controller integra un sistema ECC per la correzione degli errori e una tecnologia wear leveling per incrementarne la durata di vita. Durata che Super Talent stima in almeno 10 anni.

Per le specifiche tecniche integrali si veda questo documento PDF .

Il MasterDrive LX esiste anche nella versione da 64 GB, che condivide le stesse caratteristiche del modello a maggiore capacità. Il prezzo del primo è di 179 dollari, mentre il prezzo del secondo è di 299 dollari. Cifre che fanno assestare il prezzo per gigabyte del modello più capiente a circa 2,3 dollari, contro i poco meno di 2,8 dollari necessari per portarsi a casa un esemplare da 64 GB.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • andrea scrive:
    galera
    ma la galera no?
  • SzoeBhNZowZ scrive:
    ZoHiMxaXTDQyks
    comment5, http://adjarias.ru/|ÐокÑÑвала ÐÑлаÑнÑе , http://admt8.ru/|ÐодÑÑки ÐекоÑаÑивнÑе , http://best-beagle.ru/|ÑвадебнÑе Ð±Ð¾ÐºÐ°Ð»Ñ Ð´Ð»Ñ ÑампанÑкого , http://all-other.ru/|оÑигиналÑнÑе ÑвадебнÑе ÑÑжеÑÑ ,
  • il giustizier e scrive:
    controlli
    prego controllare anche il sito giocodigitale, secondo me sono truffatori
  • Paolo Gentile scrive:
    speriamo che non accada su tutti i siti
    e bello vincere così, maledetti truffaldini.Per fortuna gli hanno beccati
  • Cammello Turco scrive:
    Le aste al ribasso saranno le prossime
    Sono sempre i soliti a vincere, chissa come mai .. forse xche' lavorano x i siti stessi ?? non se ne puo' piu' , basta lasciare un bug adhoc e sfruttarlo da remoto .. non mi sorprende x niente che i siti di scommesse online siano taroccabili
  • 2diPicche scrive:
    Fattucchiere, Maghi e imbonitori
    Giocare online con la speranza che sia tutto regolare e' comre rivolgersi a maghi, fattucchiere, spacciatori di numeri del lotto e pensare VERAMENTE che abbiano un qualche potere, trascurando il semplice fatto che se avessero veramente dei poteri che se ne fanno dei vostri euro, tanto loro prevedono tutto e sanno tutto, potrebbero vincere tutti i giorni ...Eppure sono tanti, tanti e tanti. Invoco il darwinismo sociale, e' gente che merita di essere fregata e di estinguersi come specie. Un software non e' la muraglia cinese, sono dei bit molto immateriali, bastano magari 5 righe di codice per implementare il trucco (o 5 righe di codice sbagliate per realizzare un bug sfruttabile), e' puro suicidio affidarsi a un software per questo tipo di attivita'.Poi se uno vuole giocare (e non e' tra quelli che meritano l'estinzione) giochi ma deve avere la prospettiva non di vincere ma di divertirsi come se giocasse a GTA sapendo che e' inevitabile che perda, l'importante e' decidere prima quanto si e' disposti a perdere per non finire rovinati.Quoto infine in tutto chi ha parlato di voto elettronico, un altro suicidio.
    • Homer S. scrive:
      Re: Fattucchiere, Maghi e imbonitori

      Invoco il
      darwinismo sociale, e' gente che merita di essere
      fregata e di estinguersi come specie.Mi hai tolto le parole di bocca. Ti stra-quoto!Ho lavorato in un'agenzia ippica per anni.Esclusa una piccola percentuale (tipo il 10-15%) di persone che lo fanno per divertimento (ovvero che giocano pochi euro alla volta e si danno un limite giornaliero), la maggior parte continua a scommettere pensando che alla fine guadagnerà! Ma come si fa? Lo capirebbe anche un bambino di 3 anni che sei sempre e solo in perdita!Ho visto gente che non tornava neanche a cena telefonando alla moglie inventandosi scuse ridicole.Si, Darwin ci deve mettere del suo con 'sti tipi... :s
    • Mr.God scrive:
      Re: Fattucchiere, Maghi e imbonitori
      - Scritto da: 2diPicche
      Quoto infine in tutto chi ha parlato di voto
      elettronico, un altro
      suicidio.In america EDS é finita sotto accusa per aver truccato il software delle elezioni...ma quando c´é di mezzo il potere non succede niente.Noi siamo arretrati, dobbiamo ancora far sparire gli scatoloni con le carte.
    • fullhouse scrive:
      Re: Fattucchiere, Maghi e imbonitori
      - Scritto da: 2diPicche
      Giocare online con la speranza che sia tutto
      regolare e' comre rivolgersi a maghi,
      fattucchiere, spacciatori di numeri del lotto e
      pensare VERAMENTE che abbiano un qualche potere,
      trascurando il semplice fatto che se avessero
      veramente dei poteri che se ne fanno dei vostri
      euro, tanto loro prevedono tutto e sanno tutto,
      potrebbero vincere tutti i giorni
      ...non è esattamente la stessa cosa. I "maghi" ti prospettano la vincita sicura. Su un tavolo da poker le fiches te le devi guadagnare. Non è questione di fortuna.

      Eppure sono tanti, tanti e tanti. Invoco il
      darwinismo sociale, e' gente che merita di essere
      fregata e di estinguersi come specie. Un software
      non e' la muraglia cinese, sono dei bit molto
      immateriali, bastano magari 5 righe di codice per
      implementare il trucco (o 5 righe di codice
      sbagliate per realizzare un bug sfruttabile), e'
      puro suicidio affidarsi a un software per questo
      tipo di
      attivita'.E' successo una volta... non è detto che TUTTI siano coinvolti. Per tua informazione Il fornitore del servizio realizza il guadagno (parlo dei tornei SIT & GO) ancora prima che il "dealer" (con virgolette perché virtuale) distribuisca la prima mano, mentre nei tornei CASH c'è una percentuale sull'ammontare del piatto. Quindi non credo che al fornitore freghi qualcosa di come vada a finire la partita...Non sto difendendo nessuno, credimi. E' solo che mi sembra un po' esagerato il tuo sfogo, tutto qui.

      Poi se uno vuole giocare (e non e' tra quelli che
      meritano l'estinzione) giochi ma deve avere la
      prospettiva non di vincere ma di divertirsi come
      se giocasse a GTA sapendo che e' inevitabile che
      perda, l'importante e' decidere prima quanto si
      e' disposti a perdere per non finire
      rovinati.
      quoto in pieno
      Quoto infine in tutto chi ha parlato di voto
      elettronico, un altro
      suicidio.non sono d'accordo, è lo stesso concetto di prima.Un'ultima cosa...sei veramente sicuro che una partita a poker "live" sia meno pericolosa di una giocata online???ciao
      • UnFiloMacch inoso scrive:
        Re: Fattucchiere, Maghi e imbonitori
        Incredibile...il post piu qualunquista e pieno di luoghi comuni che abbia letto quest anno...Non sarà che quegli ItaGliani ignoranti e che credono a tutto quello che leggono e sentono da sentito dire, quelli che andrebbero estinti col darwinismo sociale, creduloni e imbambolatisiete proprio voi tuttologi che spaziate su tutti i campi dello scibile umano...???Oppure non hai neanche minmamente idea di quello di cui parli?
      • 2diPicche scrive:
        Re: Fattucchiere, Maghi e imbonitori

        non è esattamente la stessa cosa. I "maghi" ti
        prospettano la vincita sicura. Su un tavolo da
        poker le fiches te le devi guadagnare. Non è
        questione di fortuna.

        Non e' la stessa cosa hai ragione ma io accomunavo il tutto sotto la voce: creduloneria. Certo quella dei maghi e' macroscopica ma questa qui mica tanto di meno.
        E' successo una volta... non è detto che TUTTI
        siano coinvolti.
        Vero e' ragionevole ma mi sento tranquillamente di affermare che TUTTI e dico TUTTI e ripeto TUTTI i software e i sistemi informatici hanno buchi, quindi come fai a fidarti?
        Per tua informazione Il fornitore del servizio
        realizza il guadagno (parlo dei tornei SIT & GO)
        ancora prima che il "dealer" (con virgolette
        perché virtuale) distribuisca la prima mano,
        mentre nei tornei CASH c'è una percentuale
        sull'ammontare del piatto. Quindi non credo che
        al fornitore freghi qualcosa di come vada a
        finire la
        partita...
        Non e' cosi' semplice, magari gli affari vanno cosi' e cosi', magari ci sono dipendenti disonesti, magari chi fa il software vuole tenersi le mani libere, tanti magari insomma, la tentazione di mettersi nelle tasche anche piu' soldi della percentuale e' forte per il fornitore e ancora di piu' per chi lavora con lui che ha un semplicissimo stipendio e magari e' pure incavolato perche' non lo promuovono o lo vogliono licenziare ... Dato per scontato che come detto sopra tutto il software ha buchi qui ci si mette pure il dolo, io non starei tranquillo.

        Quoto infine in tutto chi ha parlato di voto

        elettronico, un altro

        suicidio.

        non sono d'accordo, è lo stesso concetto di prima.
        Esatto, solo che la vediamo in maniera diversa, il concetto e' sempre quello di prima e quindi abbiamo e i buchi e il fatto che gli uomini non sono tutti dei S. Francesco, anzi la maggior parte assomiglia a Barbablu' quando si tratta di soldi e di potere.
        Un'ultima cosa...
        sei veramente sicuro che una partita a poker
        "live" sia meno pericolosa di una giocata
        online???
        No, per niente, i trucchi sono tanti e tanti e tanti ma almeno li' le possibilita' sono limitate, dalle telecamerine sul soffitto alle carte segnate in varia maniera ma tu sei li' in ossa e ciccia e, se proprio ti piace il gioco, hai forse qualche possibilita' in piu' di sgamare il trucco, ma anche qui non hai certezze, lo concedo. E allora il discorso unico razionale possibile e' che il gioco sia gioco, pokerino tra amici e al massimo ci lasci li' poche decine di euro, una scusa per stare insieme, cazzeggiare e bere. Piu' o meno il costo di una cena fuori.
        • fullhouse scrive:
          Re: Fattucchiere, Maghi e imbonitori

          Vero e' ragionevole ma mi sento tranquillamente
          di affermare che TUTTI e dico TUTTI e ripeto
          TUTTI i software e i sistemi informatici hanno
          buchi, quindi come fai a
          fidarti?
          si, è ovvio che un software abbia dei bug, non lo scopriamo certo ora, ma secondo me è un'esagerazione dire così... seguendo il tuo ragionamento non si dovrebbe, tanto per fare un esempio:- usare i servizi di home banking perché qualcuno potrebbe "leggere" le tue chiavi memorizzate sul server (è DIFFICILE, non IMPOSSIBILE)- usare mezzi di pagamento elettronici, perché c'è il rischio che vengano "clonati"- utilizzare conti correnti perché c'è il rischio che qualcuno riesca in qualche modo a "prelevare" al posto tuosecondo me è un po' esagerata questa tua "avversione" per la tecnologia...è chiaro ad esempio che il concetto di "random" quando si parla di elettronica non esiste, ma allo stesso modo anche un croupier di una certa esperienza è a conoscenza di dove andrà a finire la pallina che ha appena lanciato (a livello di quadrante)... a questo punto dovrebbero andare tutti in galera per frode??????

          Non e' cosi' semplice, magari gli affari vanno
          cosi' e cosi', magari ci sono dipendenti
          disonesti, magari chi fa il software vuole
          tenersi le mani libere, tanti magari insomma, la
          tentazione di mettersi nelle tasche anche piu'
          soldi della percentuale e' forte per il fornitore
          e ancora di piu' per chi lavora con lui che ha un
          semplicissimo stipendio e magari e' pure
          incavolato perche' non lo promuovono o lo
          vogliono licenziare ... Dato per scontato che
          come detto sopra tutto il software ha buchi qui
          ci si mette pure il dolo, io non starei
          tranquillo.
          appunto. magari. ma io sono ottimista :)comunque mi sembra inutile andare avanti con questa discussione. siamo ai due lati opposti ;) buona serata!
  • Gigi scrive:
    ...segreto. Aggiungo io
    Chiedilo ai Venezuelani che hanno perso il posto di lavoro e sono stati discriminati dopo aver votato contro Chavez.
    • pabloski scrive:
      Re: ...segreto. Aggiungo io
      - Scritto da: Gigi
      Chiedilo ai Venezuelani che hanno perso il posto
      di lavoro e sono stati discriminati dopo aver
      votato contro
      Chavez.quali?i fazendeiros che in 13 possedevano tutto il Venezuela?
  • Featureman scrive:
    e poi parliamo di voto elettronico....
    come da oggetto
  • pabloski scrive:
    Gioco sicuro
    mmm interessante, la Kahnawake Gaming Commission agisce col pugno di ferroricordo invece un caso di truffa nelle estrazioni del lotto passato completamente in sordina...era un caso di anni fami verrebbe da chiedere: "ma chi veramente garantisce il fair gaming?"mi pare che siano le giurisdizioni estere ad essere più oneste e trasparenti
    • Salvatore scrive:
      Re: Gioco sicuro
      Noi (gli arancioni), dopo aver pensato a tutti i possibili attacchi informatici ed aver tappato anche tutte le possibili falle di sicurezza interna, abbiamo dovuto passare un collaudo AAMS. Inoltre, OGNI GIORNO, c'è chi scrive ad AAMS lamentando delle irregolarità e noi dobbiamo indagare e dimostrare che stiamo in regola. Quindi i controlli ci sono.
      • pabloski scrive:
        Re: Gioco sicuro
        - Scritto da: Salvatore
        Noi (gli arancioni), dopo aver pensato a tutti i
        possibili attacchi informatici ed aver tappato
        anche tutte le possibili falle di sicurezza
        interna, abbiamo dovuto passare un collaudo AAMS.
        Inoltre, OGNI GIORNO, c'è chi scrive ad AAMS
        lamentando delle irregolarità e noi dobbiamo
        indagare e dimostrare che stiamo in regola.
        Quindi i controlli ci
        sono.fatto sta che la storia del lotto truccato è stata insabbiata, non se n'è saputo più nulla e l'anno scorso venne fuori la storia dei 90 miliardi di euro evasi all'erariosenza contare che almeno dove vivo io le licenze le hanno ottenute tutte personaggi affiliati alla malavita....non dico che c'è collusione, però c'è almeno un certo lassismo nei controlliche poi al Nord facciano sul serio è risaputo, ma l'Italia è composta pure dal Sud e qui, credimi, si fanno cose turpi, soprattutto nelle attività gestite dai monopoli
  • dario calen scrive:
    Re: come le macchinette videopoker
    - Scritto da: jobb
    vedi attakkati alle macchinette...decerebratiuno che scrive "attaKKati" in quel modo non dovrebbe permettersi di dare del decerebrato ad un altro.
    • andrea v scrive:
      Re: come le macchinette videopoker
      peccato che alcuni(una piccola parte questo è vero)sfigati tra cui il sottoscritto con questo gioco da ritardati gudagnano dieci volte di più(anche di più alcuni) che i vari operai/impiegati....almeno informati prima di scrivere.
  • kattle87 scrive:
    Abbasso il SW Proprietario!!!
    come da topic :D (rotfl) :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 01 ottobre 2008 08.49-----------------------------------------------------------
  • ... scrive:
    Re: come le macchinette videopoker
    non giocate, non vi obbliga nessuno ma non rompete i maroni a chi vuole farlo. Ci sono degli ingenui (decerebrato mi pare eccessivo e troppo offensivo) che giocano online, è vero, ma non più di quelli che partecipano ai tornei veri.
    • Mr.God scrive:
      Re: come le macchinette videopoker
      - Scritto da: Francesco Silvestri
      sono uno di quei decerebrati di cui sopra.

      talmente decerebrato da aver vinto tre premi
      letterari: due per la categoria racconto breve e
      uno - non chiedetemi perchè l'ho fatto - per la
      poesia.
      studente eternamente fuori corso in lettere
      moderne, mi trovo totalmente incapace di
      sillabare fonemi base; soprattutto perchè "si",
      "no", "cibo", "bagno" non lo sono (e, notare: non
      so usare bene i segni
      paragrafematici).

      non riesco a gestire il mio denaro.
      dopotutto, un flair-bartender che guadagna circa
      150 euro a serata per stare 3 ore - tre ore -
      dietro un bancone, a fine mese ha un tale
      bankroll da permettersi tutti i vizi di questo
      mondo; sempre se mi avanzano soldi, dopo essere
      stato davanti alle macchinette del
      videopoker.

      sono giustamente privato di sesso, come si evince
      dal precedente paragrafo: un bartender non fa
      sesso, purtroppo, è cosa
      risaputa.

      il resto del tempo lo perdo giocando a poker
      online.

      che vita da sfigato, vero?Abbastanza, e questo post poi é di una tristezza immonda.Guarda un pó Baldini, con i milioni che aveva che fine stava per fare..
    • CO COM scrive:
      Re: come le macchinette videopoker

      dopotutto, un flair-bartender che guadagna circa
      150 euro a serata per stare 3 ore - tre ore -
      dietro un bancone, a fine mese ha un taleLavoro nel cosidetto payroll, e frasi come la tua mi portano a fare delle valutazioni "tecniche".Sei assunto regolarmente oppure vieni pagato cash con tre banconote da 50? (traduzione: TFR tredicesima quattordicesima, malattie e ferie pagate te le scordi,per non parlare di benefit come auto e rimborsi spese , etc)Guarda che un banale quadro per ora effettivamente lavorata guadagna di più.. soprattutto se queste ore sono passate a cazzeggiare su internet :)
      • Francesco Silvestri scrive:
        Re: come le macchinette videopoker
        assunto regolarmente + collaborazioni extra in altri locali comunque mai in nero.
    • ndr scrive:
      Re: come le macchinette videopoker

      che vita da sfigato, vero?Sulla tua vita non mi esprimo, ma il post si, è seriamente da sfigato...Ora inventati un sillogismo, spara qualche termine in inglese a casaccio e vai alla grande...Buonanotte!
  • uno che sa scrive:
    tutto quello che posso dire e'
    ROTFL!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!a quando il gioco del lotto fatto "interamente" al computer? come sempre, viva l'analogico e il bussolotto
    • pabloski scrive:
      Re: tutto quello che posso dire e'
      - Scritto da: uno che sa
      ROTFL!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      a quando il gioco del lotto fatto "interamente"
      al
      computer?


      come sempre, viva l'analogico e il bussolottocon le palline riscaldate e il bambino addestrato ad estrarre quelle calde :D
  • Spoiler scrive:
    collusione
    Tutti lo fanno.. solo che alcuni lo fanno meglio.
    • ... scrive:
      Re: collusione
      Secondo me il punto non è scrivere una routine di anticollusione.Una poker room che si rispetti non deve avere la possibilità di far vedere le carte a nessuno, neanche ad un amministratore.Non ha senso creare un account che consenta di vedere le carte.
  • Mr.Bil scrive:
    A tirar troppo la corda...
    Partendo dal presupposto che il banco per definizione è lì per guadagnare, (altrimenti potrebbe chiudere bottega subito), e ogni tanto ci sta il fortunato di turno che vince tutto...ma è una rara probabilità.Questi non sono stati tanto furbi...avrebbero dovuto accontentarsi di "rubare" poco per non destare sospetto...ma il detto: tanto va la gatta al lardo...che ci lascia lo zampino...
    • LOngRoad scrive:
      Re: A tirar troppo la corda...
      nelle poker room online non c'è BANCO.le vincite/perdite sono P2P, la poker room trattiene una commissione SUL GIOCATO, indipendentemente da chi vinca e da chi perda. Il POKER non è il VIDEOPOKER, discorso dove il banco è ben più presente.
  • Roby10 scrive:
    Figuriamoci in Italia
    E con la nota mentalità italiana del "ti frego io prima che mi freghi tu" chissà ora che hanno aperto le poker room "legali" (perchè se lo fa lo stato è legale, se lo fa un altro no!!!!) quanti ci mangeranno su!!
    • LOngRoad scrive:
      Re: Figuriamoci in Italia
      In Italia sarà molto difficile fare questi giochi, per questo motivo.Una poker room di quelle "non legali", trattiene un rake (commissione sul giocato) del 3 o 4%, questo permette di attirare grandi giocatori con grandi capitali, i quali poi si potrebbero eventualmente poi derubare ;).Le poker room italiane, quelle "legali" trattengo un rake del 20%, và da se che rimane poco da rubare tolta questa commissione sul giocato, ti rubano già tutto loro, e nessun grande giocatore vi metterà mai piede, perchè per stare in attivo dovrebbe vincere 8 tornei su 10, neanche il migliore potrebbe farlo.Dopotutto si chiama gioco sicuro, ma sicuro per chi?...
      • pabloski scrive:
        Re: Figuriamoci in Italia
        sicuro per le aziende dei parenti dei politici :D
      • Salvatore scrive:
        Re: Figuriamoci in Italia
        Allora...il 20% è solo sui tornei a buy-in basso. Per gli altri il rake è inferiore, fino ad un minimo del 9%.Se si leva il 3% sulla raccolta da dare ad AAMS è come se la fee andasse dal 17 al 6%, quindi in linea con le + grandi poker room straniere.Cmq dal punto di vista della correttezza vi posso dire che, almeno noi (quelli arancioni), non siamo in grado, neppure volendo, di conoscere le carte dei giocatori mentre al client vengono mandate le informazioni delle carte degli avversari solo allo showdown.
  • Marco Marcoaldi scrive:
    Era già ipotizzabile !
    Non vedo per quale motivo non si possa fare !!!!Tutt'ora per un dipendente che ha accesso ai server è possibile farlo e non vedo il perchè no !!!!!!E poi come fanno ad accorgersene ?Secondo me sta cosa sta molto in voga per addirittura accorgersene !!!!! Non penso che al primo tentativo subito lo fregano !!!!! E' SOLO la punta dell'iceberg !
    • LOngRoad scrive:
      Re: Era già ipotizzabile !
      In effetti nell'articolo si parla di bug, ma in realtà sono stati sfruttati gli account dei "tecnici" che possono vedere le mani di tutte (e poi comunicarle a chi stà giocando); tuttavia le poker room hanno un algoritmo anticollusion (ovvero se due giocatori giocano troppo negli stessi tavoli, l'algoritmo presumo che si siano accordati e non li fà più entrare sullo stesso tavolo).Basterà implementare anche la cosa per gli account dei "tecnici£, se osservano troppo un giocatore segnalare la cosa.
      • ... scrive:
        Re: Era già ipotizzabile !
        ti sfugge che questo algoritmo è scritto da chi scrive il software, cioè dal tecnico, che è pagato dalla società che gestisce il servizioe la società ha tutto l'interesse a farti perdere :)andiamo su, è come ai casinò, nessuno vince mai veramente, è tutto truccatissimo...
        • Salvatore scrive:
          Re: Era già ipotizzabile !
          Lavoro per una società (autorizzata AAMS) che, tra gli altri servizi, offre anche il poker. Ti posso dire che neppure io posso vedere le carte dei giocatori. Le carte sono persistite sul DB solo dopo 5 minuti e, nel frattempo, sono solo in RAM cifrate. Certo, il sw non lo abbiamo sviluppato noi e forse in teoria si potrebbe accedere a queste informazioni. Ma noi sicuramente non lo facciamo. Inoltre il client non conosce le carte degli altri giocatori, che sono inviate dal server solo all'ultimo momento. Quindi, anche se si riuscisse ad hackerare il client non si potrebbe neppure in linea di principio a conoscere informazioni utili
          • Piero scrive:
            Re: Era già ipotizzabile !
            In un codice binario ci può essere qualsiasi cosa... ci vorrebbe un software opensource, server statali con tanto di notai, vigilanza, assicurazioni contro le frodi, etc... un sistema di generazione, archiviazione, revoca e gestione delle chiavi. E' normale che se si lascia tutto alla "buona fede" e come dire "fregate ma non fatevi scoprire". Meglio non giocare.. sono stato a Las Vegas e vi posso assicurare che è divertente ma non vince mai nessuno. Occhi aperti!
Chiudi i commenti