Svelati i Core 2 dell'estate

A breve Intel introdurrà i nuovi modelli a due e quattro core che eleveranno la frequenza di clock e miglioreranno il rapporto performance/watt. All'orizzonte anche l'Itanium di nuova generazione

Roma – Mentre si attende l’arrivo di Nehalem , il processore Intel di nuova generazione atteso per la fine dell’anno, il chipmaker di Santa Clara si prepara ad aggiornare la sua attuale famiglia di processori desktop a due e quattro core.

Svelati i Core 2 dell'estate Secondo quanto riportato dal sito giapponese HKEPC , nel corso del terzo trimestre dell’anno Intel introdurrà il chip Core 2 Quad Q9650 , una CPU a 45 nanometri con un thermal power design (TDP) di 95 watt. Questo modello avrà una frequenza di 3 GHz, un bus frontale a 1333 MHz, una cache L2 pari a 12 MB e un prezzo di 530 dollari. A parte il TDP inferiore, le specifiche di questo chip sono identiche a quelle del QX9650, uno dei primi processori a 45 nm lanciato da Intel lo scorso anno.

Con l’arrivo del nuovo Q9650, Intel taglierà il prezzo dei preesistenti modelli quad-core : il Q9550 passerà da 530 a 316 dollari, mentre il Q6600 da 224 a 203 dollari. Usciranno invece di produzione i modelli Q9300, Q6700 e Q9450.

Insieme al Q9650 debutterà sul mercato anche il Q9400 , che erediterà le stesse caratteristiche tecniche del Q9450 fatta eccezione per la cache L2, che verrà ridotta da 12 a 6 MB. Il prezzo di questo chip sarà di 266 dollari.

Nella famiglia di Core 2 Duo si aggiungeranno invece il modello E8600 , con clock di 3,33 GHz, cache L2 da 6 MB e FSB a 1333 MHz, e il modello E7300 , con clock di 2,66 GHz, cache L2 da 3 MB e FSB a 1066 MHz. Il primo costerà 266 dollari, mentre il secondo 133 dollari.

Come nel caso delle CPU quad-core, l’arrivo delle nuove CPU coinciderà con la riduzione di prezzo dei precedenti modelli di Core 2 Duo : l’E8500 e l’E8400 costeranno rispettivamente 183 e 163 dollari, mentre l’E7200 costerà 113 dollari.

Ieri si è anche appreso che i primi processori Itanium di nuova generazione, noti con il nome in codice Tukwila , arriveranno sul mercato all’inizio del prossimo anno. Nei piani di Intel questo processore rivaleggerà più da vicino con il Power6 di IBM , sia per quel che riguarda le performance che i consumi energetici.

Prodotto con una tecnologia di processo a 65 nm, Tukwila potrebbe essere il primo chip di Intel a raggiungere quota 2 miliardi di transistor. Le specifiche fin qui note parlano di quattro core (ciascuno in grado di elaborare due thread simultaneamente), una cache da 30 MB e frequenze di clock fino a 2 GHz. Come le altre CPU della famiglia Itanium, anche Tukwila è destinato a prendere posto sui server ad elevate performance e sulle workstation di fascia più alta.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti