Symantec: spegnete pcAnywhere

La situazione si fa seria. I clienti del software per la gestione remota dei sistemi in massima allerta: impartito lo stop fino a nuovo ordine. E la colpa sarebbe di Anonymous

Roma – Dopo aver subito l’onta del furto di codice sorgente da parte di hacker indiani, Symantec passa ora dal codice giallo al codice rosso e consiglia di disabilitare pcAnywhere : il prodotto che più di tutti risulterebbe vulnerabile in seguito all’accesso non autorizzato del succitato codice risalente al 2006.

La società di sicurezza USA sostiene che l’accesso non autorizzato ai suoi server va ascritto a hacker riconducibili ad Anonymous , anche se cinque anni fa il collettivo di attivisti e guastatori telematici non agiva sotto quella bandiera ideale.

L’allarme sicurezza sale di livello per pcAnywhere 12.5, ultima release del tool Symantec per l’accesso remoto in ambito corporate: la società ha già rilasciato una patch per chiudere tre diverse vulnerabilità individuate nel software, e continuerà a distribuire aggiornamenti “finché non verrà distribuita una nuova versione di pcAnywhere che risolve tutte le vulnerabilità attualmente conosciute”.

Il codice risalirà anche al 2006, ma il potenziale rischio derivante dalla scoperta di falle eventualmente sfruttabili dai malintenzionati è troppo alto: Symantec raccomanda a tutti i suoi clienti di disabilitare pcAnywhere fino a nuovo ordine, e se proprio non se ne può fare a meno le aziende dovranno essere consapevoli di quello a cui vanno incontro. A quel punto, Symantec declinerà ogni responsabilità circa eventuali incidenti o attacchi subiti attraverso il suo software.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • No acta scrive:
    NO acta
    Il web nella gabbia del copyrighthttp://www.ilfattoquotidiano.it/2012/01/31/il-web-nella-gabbia-del-copyrightDietro il risiko dell'ACTA minaccia globale alla libertàhttp://www.repubblica.it/tecnologia/2012/01/31/news/acta_minaccia_globale-29074961
  • Franky scrive:
    Le manifestazioni contro ACTA in Polonia
    In Polonia da almeno una 10 giorni i netcitizen polacchi sono scesi in piazza in miglia per protestare contro ACTA. Interessante notare come nella televisione polacca questo abbia aperto un vero e proprio dibattito...Ho trovato un paio di video di queste manifestazioni...Poland doesn't want ACTA! (con gli slogan della manifestazione tradotti in inglese in sovraimpressione)[yt]KBYg-DeisN0[/yt]Dibattiti e cronaca su ACTA nella Televisione polacca[yt]z7S_SLBz6xU[/yt]Anti ACTA protests in Poland 25.01.2012 - movie.[yt]MVYznxy8XrI[/yt](ENG SUBS) 01/27/2012 Anti-ACTA Protest @ Warsaw, Poland [yt]cMeREqQhuqM[/yt]Anti-ACTA protest video: Thousands march in Poland [yt]aQdMtSmkVBs[/yt]
  • Sblocchiamo li scrive:
    Cibo salute e saperi senza brevetti
    <b
    SBLOCCHIAMOLI - Cibo salute e saperi senza brevetti </b
    http://www.sblocchiamoli.org
    • Franky scrive:
      Re: Cibo salute e saperi senza brevetti
      - Scritto da: Sblocchiamo li
      <b
      SBLOCCHIAMOLI - Cibo salute e saperi
      senza brevetti </b


      http://www.sblocchiamoli.org"SBLOCCHIAMOLI - Cibo salute e saperi senza brevetti "I nostri diritti al cibo, alla salute e ai saperi tradizionali sono a rischio! Multinazionali dellagro-industria e della farmaceutica stanno registrando brevetti su alcune varietà di frutta, verdura e su farmaci non innovativi, al solo scopo di mantenerne alti i prezzi. Questo accade spesso allinsaputa dei cittadini che perdono gradualmente parte dei loro diritti alla salute, al cibo e alla conoscenza. Per questo è nata la Campagna di informazione e advocacy "SBLOCCHIAMOLI - Cibo salute e saperi senza brevetti". Promossa da un gruppo di Ong, associazioni e università, ha lobiettivo di diffondere consapevolezza sugli effetti che i diritti di proprietà intellettuale - come i brevetti sulle sementi e sui farmaci - hanno nella nostra vita.Quando parliamo di diritti e beni comuni, noi crediamo che sia importante poter decidere liberamente come promuovere la nostra salute, custodire e utilizzare le nostre piante e preservare le nostre risorse e tradizioni. Vogliamo continuare a goderne senza che alcun interesse commerciale ce lo impedisca."Giustissimo...pero' concretamente... a parte sensibilizzare...iniziative concrete? Proposte di legge? A questo punto che ne dite se facciamo una "legge di iniziativa popolare europea" da presentare direttamente all'UE...ma ci vogliono un milione di firme...come le raccogliamo? ed un giurista che ci aiuti a formularla correttamente...che ne pensate? Io l'idea l'ho lanciata...la possibilita' c'e'...a voi la parola...
      • krane scrive:
        Re: Cibo salute e saperi senza brevetti
        - Scritto da: Franky
        - Scritto da: Sblocchiamo li

        <b
        SBLOCCHIAMOLI - Cibo salute e
        saperi

        senza brevetti </b




        http://www.sblocchiamoli.org

        "SBLOCCHIAMOLI - Cibo salute e saperi senza
        brevetti


        "I nostri diritti al cibo, alla salute e ai
        saperi tradizionali sono a rischio!
        Multinazionali dellagro-industria e della
        farmaceutica stanno registrando brevetti su
        alcune varietà di frutta, verdura e su farmaci
        non innovativi, al solo scopo di mantenerne alti
        i prezzi. Questo accade spesso allinsaputa dei
        cittadini che perdono gradualmente parte dei loro
        diritti alla salute, al cibo e alla
        conoscenza.


        Per questo è nata la Campagna di informazione e
        advocacy "SBLOCCHIAMOLI - Cibo salute e saperi
        senza brevetti". Promossa da un gruppo di Ong,
        associazioni e università, ha lobiettivo di
        diffondere consapevolezza sugli effetti che i
        diritti di proprietà intellettuale - come i
        brevetti sulle sementi e sui farmaci - hanno
        nella nostra
        vita.

        Quando parliamo di diritti e beni comuni, noi
        crediamo che sia importante poter decidere
        liberamente come promuovere la nostra salute,
        custodire e utilizzare le nostre piante e
        preservare le nostre risorse e tradizioni.
        Vogliamo continuare a goderne senza che alcun
        interesse commerciale ce lo
        impedisca."

        Giustissimo...pero' concretamente... a parte
        sensibilizzare...iniziative concrete? Proposte di
        legge? A questo punto che ne dite se facciamo una
        "legge di iniziativa popolare europea" da
        presentare direttamente all'UE...ma ci vogliono
        un milione di firme...come le raccogliamo? ed un
        giurista che ci aiuti a formularla
        correttamente...che ne pensate? Io l'idea l'ho
        lanciata...la possibilita' c'e'...a voi la
        parola...Che fara' la fine di quelle sulla legalizzazione e quelle sull'abbattimento degli stipendi parlamentari...Comunque ci sto eh, oltre a lanciare l'idea vedi di capire anche quali sono i passi che dovresti iniziare a fare per realizzarla.
  • tucumcari scrive:
    ennesimo
    buco nell'acqua!Se sperano che tutto questo cambi o anche solo rallenti la loro fine sono dei mentecatti!
  • collione scrive:
    hacktivisti contro?
    faccio notare che il parlamento UE si è espresso più volte contro ACTAe aggiungo l'ultimissima notizia bomba http://yro.slashdot.org/story/12/01/27/026249/eu-acta-chief-resignsc'è altro da dire? evidentemente il mondo ne ha piene le scatole del governo filo-major americanoma del resto gli americani sono i primi ad averne le scatole pieneio comincio a progettare la prossima statua della libertà da spedire negli USA e voi? :D
    • Franky scrive:
      Re: hacktivisti contro?
      - Scritto da: collione
      faccio notare che il parlamento UE si è espresso
      più volte contro
      ACTA

      e aggiungo l'ultimissima notizia bomba
      http://yro.slashdot.org/story/12/01/27/026249/eu-a

      c'è altro da dire? evidentemente il mondo ne ha
      piene le scatole del governo filo-major
      americano

      ma del resto gli americani sono i primi ad averne
      le scatole
      piene

      io comincio a progettare la prossima statua della
      libertà da spedire negli USA e voi?
      :Dgrande notizia!!! ora firmiamo la petizione avaaz...cosi' affossiamo questa scempio del tutto...gia' il fatto che si sia dimesso addiritturail capo della commissione ACTA per l'UE e' un ottimo segnale..."non prendero' piu' parte a questa messa in scena"...ahah grandissimo!!!!
    • Franky scrive:
      Re: hacktivisti contro?
      - Scritto da: collione
      faccio notare che il parlamento UE si è espresso
      più volte contro
      ACTA

      e aggiungo l'ultimissima notizia bomba
      http://yro.slashdot.org/story/12/01/27/026249/eu-a
      interessante anche il commento di un lettore all'articolo che hai citato: "Tutto ciò che serve affinché il male trionfi è che gli uomini buoni non facciano niente".meditiamo gente, meditiamo!!!
  • AMEN scrive:
    Farmaci
    "con il pretesto della proprietà intellettuale, impediscono l'acXXXXX ai farmaci dei paesi in via di sviluppo"Qualcuno mi spiega questo passaggio??I farmaci sono coperti da licenza per tot anni, poi il principio attivo diventa di pubblico utilizzo (farmaco generico).Cosa c'entra il controllo dei download??
    • Franky scrive:
      Re: Farmaci
      - Scritto da: AMEN
      "con il pretesto della proprietà intellettuale,
      impediscono l'acXXXXX ai farmaci dei paesi in via
      di
      sviluppo"

      Qualcuno mi spiega questo passaggio??
      I farmaci sono coperti da licenza per tot anni,
      appunto durante il quale la gente che non puo' avere acXXXXX a tali farmaci muore...
      • Il Gargilli scrive:
        Re: Farmaci
        - Scritto da: AMEN
        "con il pretesto della proprietà intellettuale,
        impediscono l'acXXXXX ai farmaci dei paesi in via
        di
        sviluppo"

        Qualcuno mi spiega questo passaggio??
        I farmaci sono coperti da licenza per tot anni,
        appunto durante il quale la gente che non puo' avere acXXXXX a tali farmaci muore...Si. anche io vorrei sollevare questa questione perchè, pare, stiano bloccando anche la pruduzione di farmaci "generici" ad associazioni che operano in paesi dove cìè guerra e/o povertà. La cosa che non ho capito è come sia possibile e accettabile. Dovrebbe esserci qualche trattato speciale in questi casi (?). Chi sa per favore spieghi. Mi sembra alquanto strano che non ci sia una legge internazionale che almeno tuteli e dia la possibilità a questo medici di produrre farmaci.Certo, si alzerebbe anche una piccolissima quesione etica, se, per esempio, accettiamo il fatto che chi produce farmaci NON dovrebbe detenere "diritti" in senso stretto. Eppure attualmente è così. Poi mandano i filmati del XXXXX dove fanno credere che con la ACTA fermerebbero la prioduzione di farmaci "illegali", quando per decenni hanno prodotto porcherie al limite dell'accettabile.La medicina VERA esiste da più di 5000 anni, non solo in Cina. Questi commerciano nel pianeta da poco più di un secolo e pretendo di dettare legge.E ancora non hanno spiegato come sono riusciti a creare l'HIV (anche se qulcuno ha azzardato delle ipotesi, che portano comunque a "creazione artificiale").Non c'è da stupirsi. Siamo in mano a gente a cui non frega un XXXXX dell'Umanità e, come se non bastasse, è sempre più paranoica con sta menata della sovrappopolazione.PSUn consiglio per gli amici della Grecia.Abanndonate il paese, al più presto.
    • Sblocchiamo li scrive:
      Re: Farmaci
      <b
      SBLOCCHIAMOLI - Cibo salute e saperi senza brevetti </b
      http://www.sblocchiamoli.org
  • Franky scrive:
    COMUNICATO IMPORTANTE SU ACTA!!!!
    Questo che sto per scrivere e' un comunicato importante su ACTA per favore leggetelo con attenzione...se agiamo tutti insieme possiamo FARLA DECADERE.... (data di invio 27 gennaio 2012 stamattina!!!)COMUNICATO AVAAZ E PETIZIONE PER FAR DECADERE ACTA-------------------------------------------------------Cari amici, La settimana scorsa 3 milioni di noi sono riusciti a respingere l'attacco americano a internet! Ma ora c'è una minaccia persino più grave, e il nostro movimento globale per la libertà di internet è l'arma migliore per annientarla. ACTA, un trattato mondiale, darebbe il potere alle multinazionali di censurare internet. Dopo che è stato negoziato in segreto da un manipolo di paesi ricchi e poteri forti, ora potrebbe mettere in piedi un organismo nell'ombra per combattere le contraffazioni e che permetterebbe a interessi organizzati di controllare tutto quello che facciamo su internet, imponendo sanzioni che prevedono addirittura il carcere contro chi metterebbe in pericolo i loro affari.L'Europa sta decidendo ora se ratificare o meno ACTA: **** se non lo farà questo attacco globale alla libertà di internet cadrà.**** In passato si sono già opposti a ACTA, ma ora alcuni parlamentari vacillano: diamo loro l'ultima spinta per rigettare il trattato. Firma la petizione: faremo una consegna spettacolare a Bruxelles non appena avremo raggiunto le 500.000 firme:http://www.avaaz.org/it/eu_save_the_internet/?cl=1536769777&v=12250E' una vergogna: i governi dei quattro quinti della popolazione mondiale sono stati esclusi dai negoziati dell'Accordo commerciale anti-contraffazione (ACTA) e burocrati non eletti hanno lavorato spalla a spalla con i lobbisti delle multinazionali per scrivere le nuove regole e un regime sanzionatorio pericoloso. ACTA sarebbe inizialmente esecutivo negli Stati Uniti, in Europa e in altri 9 paesi, poi in tutto il resto del mondo. Ma se riusciremo a far dire no all'Europa, il trattato perderebbe il momento buono e potrebbe essere chiuso in un cassetto per sempre.Grazie a queste regole liberticide persone in ogni dove potrebbero essere sanzionate per semplici gesti come condividere l'articolo di un giornale o scaricare un video di una festa dove c'era musica protetta dal copyright. Venduto come un trattato commerciale per difendere il diritto d'autore, ACTA potrebbe vietare anche la vendita di farmaci salvavita e mettere in pericolo l'acXXXXX degli agricoltori ai semi di cui hanno bisogno. E, incredibile ma vero, la commissione ACTA avrebbe carta bianca per cambiare le sue stesse regole e sanzioni senza alcun scrutinio democratico.Potenti interessi organizzati stanno facendo di tutto per far passare il trattato, ma il Parlamento europeo si è messo in mezzo. Inviamo un grido enorme ai parlamentari per contrastare le lobby e difendere la libertà di internet. Firma ora e inoltra questo appello a tutti:http://www.avaaz.org/it/eu_save_the_internet/?cl=1536769777&v=12250La scorsa settimana abbiamo visto in concreto la forza del nostro potere collettivo: quando milioni di noi hanno unito le forze per fermare gli Stati Uniti dall'adottare la legge sulla censura a internet, che avrebbe trafitto il cuore della rete. Abbiamo anche dimostrato al mondo quanto possono essere potenti le nostre voci. Uniamole ancora una volta per contrastare questo nuovo pericolo.Con speranza e determinazione, Dalia, Alice, Pascal, Emma, Ricken, Maria Paz e il resto del team di Avaaz Più informazioni: Pirateria, l'Unione europea firma ACTA: "Bavaglio al web e alla ricerca medica"http://www.repubblica.it/tecnologia/2012/01/26/news/pirateria_acta-28803676/ La Polonia marcia per il web libero: in 10.000 contro ACTAhttp://www.giornalettismo.com/archives/193127/la-polonia-che-marcia-per-il-web-libero/ ACTA, inizia un'altra battaglia per la Retehttp://daily.wired.it/news/internet/2012/01/26/acta-censura-internet-copyright-sopa-16742.html Accordi segreti minacciano la libertà di espressione (e non solo)http://www.valigiablu.it/doc/607/accordi-segreti-con-le-multinazionali-minacciano-la-libert-di-espressione-e-non-solo.htm
  • Nome e cognome scrive:
    barra sharing 2°
    voglio dire ke si diventa matti a condividere su G+ xkè il form relativo viene nascosto, tagliato, sparisce sotto la sezione testo
  • Nome e cognome scrive:
    barra sharing
    qnado ca77o Vi deciderete a sistemarla visto ke viene (su Chrome) ricoperta dalla sezione testo ?!
  • ti insulto perche te lo meriti scrive:
    scusati se vi ho insultati...
    ...sono una XXXXX, non volevo. sono uno sfigato del XXXXX che non ha amici e rompe la XXXXXXX alla gente nascondendosi dietro ad un nick, perchè non ha le palle per mostrare la faccia. questo è il riassunto della mia vita di XXXXX.
  • ninjaverde scrive:
    PuntoDiEquilibrio
    Mi arrabbio quando sento che le organizzazione per salvaguardare i diritti del coprygth (che durano anche 90 anni) colpiscono il ragazzino, la mamma, o la nonna che hanno scaricato brani o film (anche di scarsa qualità) dalla rete, magari poco consapevoli delle leggi violate in merito.Ma se colpiscono quelli che si sono arricchiti con la pirateria non me ne frega un accidente.Ovviamente il punto di equilibrio, perchè possa esistere, necessita di vera equità, non di quella falsa di certe leggi.Equità vuol dire mettere anche a disposizione le opere in rete senza farle pagare una cifra, risparmiando sulle spese dei supporti e di distribuzione.Col buon senso si pò risolvere tutto... sempre che ci sia...
    • Sgabbio scrive:
      Re: PuntoDiEquilibrio
      - Scritto da: ninjaverde
      Mi arrabbio quando sento che le organizzazione
      per salvaguardare i diritti del coprygth (che
      durano anche 90 anni) colpiscono il ragazzino, la
      mamma, o la nonna che hanno scaricato brani o
      film (anche di scarsa qualità) dalla rete, magari
      poco consapevoli delle leggi violate in
      merito.
      Ma se colpiscono quelli che si sono arricchiti
      con la pirateria non me ne frega un
      accidente.
      Ovviamente il punto di equilibrio, perchè possa
      esistere, necessita di vera equità, non di quella
      falsa di certe
      leggi.
      Equità vuol dire mettere anche a disposizione le
      opere in rete senza farle pagare una cifra,
      risparmiando sulle spese dei supporti e di
      distribuzione.
      Col buon senso si pò risolvere tutto... sempre
      che ci
      sia...Con il capitalismo, non c'è il buon senso. Altrimenti sotto proXXXXX, non avrebbero nuclearizzato mega*, vista la lunga giurisprudenza americana in fatto di medium.
    • Ann O Nimous scrive:
      Re: PuntoDiEquilibrio
      Non è questione legata al buonsenso. E' una questione che riguarda lo scontro tra due industrie e due modelli di business. Punto. Da che mondo è mondo, in un sistema basato sull'iniziativa privata, si generano a volte queste fratture che provocano morti e feriti. Che ci sia chi, in assenza di canali legali e accessibili, si arricchisce in modi discutibili, è nello stato delle cose. Ma le attività illecite di Mega, se si dimostraranno illecite, non sono paragonabili alla mafia che prospera in assenza di canali di distribuzione legali di stupefacenti attraverso un mercato clandestino e pericoloso. Le attività di Mega riguardano strettamente l'epocale salto tecnologico con cui l'umanità sta pian piano imparando a convivere e i monopoli in un regime di libero mercato. E' difficile in questo contesto tracciare dei confini tra legale e illegale perchè è proprio il concetto di legalità, in questo specifico settore, che si sta modificando. La legalità in questo settore è garantita da un'impalcatura legislativa impropriamente chiamata "proprietà intellettuale". E' questa che sta mostrando tutti i suoi limiti e l'arcigna difesa di un sistema che mostra questi limiti fortissimi, genera questo tipo di contrasti tra due diversi modelli di accumulazione. Non è la prima volta nella storia che una nuova industria viene percepita come illegale, e non sarebbe la prima volta che una legislazione ad hoc la faccesse di colpo rientrare nella legalità.
      • ninjaverde scrive:
        Re: PuntoDiEquilibrio
        - Scritto da: Ann O Nimous
        Non è questione legata al buonsenso. E' una
        questione che riguarda lo scontro tra due
        industrie e due modelli di business. Punto. Da
        che mondo è mondo, in un sistema basato
        sull'iniziativa privata, si generano a volte
        queste fratture che provocano morti e feriti. Che
        ci sia chi, in assenza di canali legali e
        accessibili, si arricchisce in modi discutibili,
        è nello stato delle cose. Ma le attività illeciteAppunto, ma lo stato deve regolare diritti e doveri dei privati.Ossia è lecito proteggere i diritti d'autore e magari anche i diritti di editori, poichè vi sono investimenti in gioco, e sappiamo che chi lavora deve essere ricompensato.Tuttavia le regole servono per fare in modo che certe "invenzioni" o prodotti vadano a beneficio di tutti.Lo Stato deve incoraggiare anche la concorrenza al fine di evitare che qualcuno in posizione dominati possa attingere alla sua condizione dominante per prevalere sul benessere comune.Per fare in modo che queste cose diventino concrete e non solo enunciazioni occorrono leggi ed organi per farle rispettare.E' ovvio che nei nostri casi prevalgono interessi di parte e del potere delle lobby che somigliano un pò ai gruppi mafiosi. Ma se lo Stato è in buone mani questi interessi di parte non prevalgono, pur salvaguardando i diritti fondamentali delle stesse.Ossia, produco un'opera o c'è chi la inventa ed un terzo che la produce, entrambi hanno il diritto di essere remunerati di recuperare il denaro speso per inventare e per produrre + un guadagno congruo. Non possono però condizionare il mercato mondiale, piegando i consumi magari in presenza di prodotti analoghi che hanno solo il difetto di essere stati prodotti successivamente purchè non siano delle semplici copie.La copia di un'opera d'arte o di ingegno non può essere commercializzata da chi non è autorizzato, ma da chi l'ha creata o di chi ha l'autorizzazione a distribuirla.Tuttavia l'ecXXXXX di guadagno rispetto al valore reale non dovrebbe neanche essere consentito. Per questa mancanza di limiti si sviluppa oltremodo il fenomeno della pirateria.Limitando però i prezzi sul valore effettivo la pirateria non ha senso e non ha giustificazione se non per puro uso didattico.Del resto se noi limitassimo l'iniziativa privata ben pochi si darebbero da fare a creare, produrre, commerciare, poichè è il denaro che sostiene investimenti ed incentiva la libera iniziativa. I modelli idealistici per ora non funzionano, a meno che l'uomo sia così evoluto da devolvere il suo lavoro per il benessere comune (salvo le spese vive). Ossia un futuro uomo evoluto che lavora in società realmente ONLUS (per ora il volontariato è una zona di nicchia).Poi se l'umanità si evolverà...tanto meglio...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 gennaio 2012 23.39-----------------------------------------------------------
        • Ann O Nimous scrive:
          Re: PuntoDiEquilibrio
          - Scritto da: ninjaverde
          Appunto, ma lo stato deve regolare diritti e
          doveri dei privati.
          Ossia è lecito proteggere i diritti d'autore e
          magari anche i diritti di editori, poichè vi sono
          investimenti in gioco, e sappiamo che chi lavora
          deve essere ricompensato.
          Tuttavia le regole servono per fare in modo che
          certe "invenzioni" o prodotti vadano a beneficio
          di tutti.Il fatto che il lavoro, senza distinzioni tra manuale ed intellettuale, debba essere remunerato è fuor di dubbio. Quello di cui si discute è di come debba esserlo.
          Lo Stato deve incoraggiare anche la concorrenza
          al fine di evitare che qualcuno in posizione
          dominati possa attingere alla sua condizione
          dominante per prevalere sul benessere
          comune.Nel caso di cui si discute, ovvero quello della "proprietà intellettuale", lo Stato troppo spesso difende il monopolio.
          Ossia, produco un'opera o c'è chi la inventa ed
          un terzo che la produce, entrambi hanno il
          diritto di essere remunerati di recuperare il
          denaro speso per inventare e per produrre + un
          guadagno congruo. Non possono però condizionare
          il mercato mondiale, piegando i consumi magari in
          presenza di prodotti analoghi che hanno solo il
          difetto di essere stati prodotti successivamente
          purchè non siano delle semplici
          copie.Sono completamente d'accordo, ma temo che tu sia in contraddizione con quanto affermi più sotto. Del resto quella che descrivi è una realtà che non esiste, almeno nel settore di cui parliamo.
          La copia di un'opera d'arte o di ingegno non può
          essere commercializzata da chi non è autorizzato,
          ma da chi l'ha creata o di chi ha
          l'autorizzazione a
          distribuirla.
          Tuttavia l'ecXXXXX di guadagno rispetto al valore
          reale non dovrebbe neanche essere consentito.L'ecXXXXX di guadagno è il frutto proprio di quel corpus legislativo. E' il fatto che un'opera non possa essere copiata che causa ecXXXXX di guadagno.
          Limitando però i prezzi sul valore effettivo la
          pirateria non ha senso e non ha giustificazione
          se non per puro uso
          didattico.Le corporations monopoliste non possono abbassare i prezzi perchè non avrebbero un guadagno che possa essere reputato soddisfacente. Sono organizzate secondo un modello che oggi si trova in crisi. Altri soggetti sono in attesa di poter trovare delle vie per il business, ma gli è impedito se solo superino in dimensioni cio' che i competitors tradizionali reputino come "livello di guardia".
          Del resto se noi limitassimo l'iniziativa privata
          ben pochi si darebbero da fare a creare,
          produrre, commerciare, poichè è il denaro che
          sostiene investimenti ed incentiva la libera
          iniziativa.Ecco la tua contraddizione, tu vuoi l'iniziativa privata ma sostieni che un corpus legislativo come quello che ricade nella definizione "proprietà intellettuale" sia indispensabile per proteggere gli interessi dei produttori e degli altri soggetti che partecipano all'impresa. Ma questo sistema genera monopoli, che sono la negazione della concorrenza in regime di libero mercato.Io sostengo che l'iniziativa privata sarebbe incoraggiata invece dall'abolizione del copyright e il forte ridimensionamento del sistema dei brevetti, e lo faccio sulla scorta di pensatori ben più credibili di me e che per lo più hanno una formazione liberale classica.
          I modelli idealistici per ora non funzionano, a
          meno che l'uomo sia così evoluto da devolvere il
          suo lavoro per il benessere comune (salvo le
          spese vive). Ossia un futuro uomo evoluto che
          lavora in società realmente ONLUS (per ora il
          volontariato è una zona di
          nicchia).
          Poi se l'umanità si evolverà...tanto meglio...E qui invece prendi proprio un abbaglio. Io non ho parlato di ipotetici altri sistemi economici, per quanto se vuoi la mia opinione, il sistema capitalista non è di certo il punto di arrivo nell'evoluzione dell'umanità. Io parlo piuttosto di questo sistema economico e di come si possa renderlo più armonioso mediante l'eliminazione dei monopoli protetti dalla legge.
          • ninjaverde scrive:
            Re: PuntoDiEquilibrio

            Ecco la tua contraddizione, tu vuoi l'iniziativa
            privata ma sostieni che un corpus legislativo
            come quello che ricade nella definizione
            "proprietà intellettuale" sia indispensabile per
            proteggere gli interessi dei produttori e degli
            altri soggetti che partecipano all'impresa. Ma
            questo sistema genera monopoli, che sono la
            negazione della concorrenza in regime di libero
            mercato.
            Io sostengo che l'iniziativa privata sarebbe
            incoraggiata invece dall'abolizione del copyright
            e il forte ridimensionamento del sistema dei
            brevetti, e lo faccio sulla scorta di pensatori
            ben più credibili di me e che per lo più hanno
            una formazione liberale
            classica.
            Il difendere un diritto non dà automaticamente il diritto al monopolio o all'oligopolio, per questo l'antutrust dovrebbe far valere delle ragione di difesa della concorrenza o dei soggetti meno potenti.(capisco che questa è un pò teoria, ma gli organismi già ci sono...)

            I modelli idealistici per ora non
            funzionano,
            a

            meno che l'uomo sia così evoluto da
            devolvere
            il

            suo lavoro per il benessere comune (salvo le

            spese vive). Ossia un futuro uomo evoluto che

            lavora in società realmente ONLUS (per ora il

            volontariato è una zona di

            nicchia).

            Poi se l'umanità si evolverà...tanto
            meglio...

            E qui invece prendi proprio un abbaglio. Io non
            ho parlato di ipotetici altri sistemi economici,
            per quanto se vuoi la mia opinione, il sistema
            capitalista non è di certo il punto di arrivo
            nell'evoluzione dell'umanità. Io parlo piuttosto
            di questo sistema economico e di come si possa
            renderlo più armonioso mediante l'eliminazione
            dei monopoli protetti dalla
            legge.Si va bè ma il sistema si deve pur modificare altrimenti...Anzi direi che come principi generali non è necessario un vero cambiamento. Basterebbe solo il fatto che gli organismi funzionassero beneHo citato l'esempio ONLUS solamente come teoria di una società più evoluta, non della situazione corrente.I monopoli, almeno in teoria dovrebbero essere limitati dall'antitrust, quindi il "mezzo" di regolazione già esiste e può intervenire con le opportune valutazione sui vari casi. Il fatto è che non funziona a causa ovviamente (anche) di altre contraddizioni come ad esempio i brevetti farlocchi americani.
        • Ubunto scrive:
          Re: PuntoDiEquilibrio
          - Scritto da: ninjaverdeTutto giusto, in buona parte mi sembri sulla linea dell'articolo di Mantellini di qualche giorno fa.Il "problema" però è che i giusti e condivisibili propositi che hai espresso non sono raggiungibili seguendo le vie della democrazia, se l'esercizio di questa viene corrotto. Dal momento in cui la tutela delle opere incide sul <u
          bene supremo </u
          dei diritti dell'individuo, noi non possiamo più porci come "consumatori" ma come "cittadini".Un sistema ragionevole ed equo per la gestione del copyright sarebbe che le opere aventi valore commerciale dispongano delle massime tutele, alcuni hanno detto 3 anni, altri 5, altri 10.Ma terminato il ciclo vitale dei prodotti, questi dovrebbero essere liberi.Per quale motivo non dovrei poter usufruire liberamente di un film o di un disco... degli anni 60, 70, 80, 90 che non viene più sfruttato commercialmente o di cui gli autori sono addirittura morti? Quale altra ragione se non quella di forzare la rarefazione di un bene per mantenerne artificialmente alto il valore di mercato?Quello di avere il diritto esclusivo di copia per lo sfruttamento commerciale anche dopo che il prodotto è stato reso pubblico, è una concessione, un patto fra l'autore o chi gestisce gli interessi sull'opera e la società, non un diritto divino. Infatti tale patto ha una scadenza.Alla luce della diffusione di internet, della possibilità che ogni individuo ha raggiunto di trasmettere dati in tempi nulli ed a costi ridotti, con quale senso di imparzialità il legislatore ha (ad esempio) di recente deciso di estendere la durata del copyright addirittura a 90 anni dalla morte dell'autore o del detentore dei diritti, rendendo tali diritti cedibili senza alcun limite?Il legislatore ha agito in maniera imparziale o potremmo sospettare che questi si muova in pieno conflitto di interessi? E giungendo all'attualità, quando vengono delegati poteri giudiziari ed esecutivi a soggetti privati, rappresentanti solo dei propri esclusivi interessi, il legislatore sta ancora agendo nell'ambito della democrazia? Una legge che viola i più elementari principi costituzionali degli stati democratici è una legge valida?Mi domando, come liberi cittadini, quale è il nostro dovere in questo caso? Ha davvero importanza di fronte a tutto questo, il lucro / non lucro? La legge fa distinzione?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 27 gennaio 2012 02.19-----------------------------------------------------------
          • ninjaverde scrive:
            Re: PuntoDiEquilibrio
            Quoto in pieno quello che dici.Ovviamente vi sono i mezzi, gli organismi, ma spesso le leggi fanno gli interessi di parte e non di tutti.Son queste le distorsioni che spingono a non rispettare le leggi, poichè semplicemente ingiuste o non eque.
        • gerry scrive:
          Re: PuntoDiEquilibrio
          - Scritto da: ninjaverde
          Appunto, ma lo stato deve regolare diritti e
          doveri dei
          privati.Lo stato però non è un ente soprannaturale, lo stato siamo noi.E' compito nostro difenderlo dai poteri delle lobby. Se non tutto almeno in parte.
          La copia di un'opera d'arte o di ingegno non può
          essere commercializzata da chi non è autorizzato,
          ma da chi l'ha creata o di chi ha
          l'autorizzazione a
          distribuirla.Non è detto che debba proprio essere così.
          • ninjaverde scrive:
            Re: PuntoDiEquilibrio
            - Scritto da: gerry
            - Scritto da: ninjaverde


            Appunto, ma lo stato deve regolare diritti e

            doveri dei

            privati.

            Lo stato però non è un ente soprannaturale, lo
            stato siamo
            noi.Piccolo appunto:Lo stato siamo noiMa chi lo (ci) governa?Il problema vecchio come il mondo è sempre lo stesso: chi governa è all'altezza del suo ruolo e rappresenta i cittadini?Purtroppo nella politica vince non il più saggio o il più capace, ma il più forte o il più furbo.
      • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
        Re: PuntoDiEquilibrio

        Non è la prima volta nella
        storia che una nuova industria viene percepita
        come illegale, e non sarebbe la prima volta che
        una legislazione ad hoc la faccesse di colpo
        rientrare nella legalità.https://www.torrentfreak.com/the-copyright-industry-a-century-of-deceit-111127 <b
        The Copyright Industry - A Century Of Deceit </b
        p)
        • bubba scrive:
          Re: PuntoDiEquilibrio
          - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT

          Non è la prima volta nella

          storia che una nuova industria viene
          percepita

          come illegale, e non sarebbe la prima volta
          che

          una legislazione ad hoc la faccesse di colpo

          rientrare nella legalità.

          https://www.torrentfreak.com/the-copyright-industr
          <b
          The Copyright Industry - A Century Of
          Deceit </b



          p)simpatico. mi ricorda la storia di Hollywood. Gia' proprio la mecca dei dragasaccocce attuali, quando e' nata, non era altro che un conglomerato di DISSIDENTI che combatteva le odiose "leggi" dettate dalla Motion Picture Patents Company (la MPAA del tempo)... buffa la vita :
      • ti insulto perche te lo meriti scrive:
        Re: PuntoDiEquilibrio
        diocane, che XXXXX ti sei fumato per scrivere sta roba! lol :D
    • Provocatore gratuito scrive:
      Re: PuntoDiEquilibrio
      - Scritto da: ninjaverde
      Mi arrabbio quando sento che le organizzazione
      per salvaguardare i diritti del coprygth (che
      durano anche 90 anni)Tranquillo, il problema è risolto.Il 18 gennaio scorso la Corte Suprema USA ha autorizzato il congresso a legiferare in merito al copyright in barba alla costituzione, stabilendo il principio che il Congresso può (ri)mettere sotto copyright anche opere i cui diritti siano scaduti, e che pertanto siano di pubblico dominio.http://www.fulviosarzana.it/blog/nome-in-codice-scotus-la-corte-suprema-usa-attribuisce-al-congresso-poteri-speciali-in-tema-di-copyright-le-opere-di-pubblico-dominio-vengono-sottratte-alla-libera-circolazione-in-rete/Basta aggiungere SOPA/PIPA e PCIPA, condirlo con l'ACTA et voilà - gli Stati Uniti potranno godere di un copyright eterno su qualsiasi cosa gli prema, che può essere fatto rispettare a forza in tutto il mondo aggredendo direttamente gli intermediari. senza più perdere tempo e denaro con procedimenti giudiziari a carico di pesci piccoli.
  • cognome scrive:
    La Cina e il loro popolo ringraziano
    Come per l'aumento dell'IVA che aumenterà palesemente e notevolmente l'evasione fiscale (col XXXXX che voglio pagare l'IVA se per esempio vado dal dentista e devo pagare fior di palanche, certo su un barattolo di pelati non ho scampo o sul gas) questa è l'ennesima zappa sui piedi.Si cercheranno molto di piu i prodotti "paralleli" o per chi vuole "contraffatti", che costano molto meno e a volte sono qualitativamente migliori o addirittura prodotti nello stesso paese (Cina).
    • ti insulto perche te lo meriti scrive:
      Re: La Cina e il loro popolo ringraziano
      se non ti va bene e non hai le palle per restare, vattene dall'italia, nessuno sentirà la tua mancanza. in molti paesi se vendi il XXXX ti fai soldi e vivi bene.
      • Nome e cognome scrive:
        Re: La Cina e il loro popolo ringraziano

        in molti paesi se vendi il XXXX ti fai
        soldi e vivi
        bene.questo mia sà che vale anche per l'italia :s
      • rasta scrive:
        Re: La Cina e il loro popolo ringraziano
        qua il XXXX te lo fanno senza avvertirti...
      • rasta scrive:
        Re: La Cina e il loro popolo ringraziano
        è palese che le "riforme" monti (con la m minuscola) siano un istigazione all'evasione fiscale.Tra aziende che hanno chiuso e chiuderanno e l'evasione che aumenterà, volgio proprio vedere il gettito fiscale totale del 2012 raffrontato al 2011... se dovesse essere minore/uguale Monti dovrà come minimo chiedere scusa in ginocchio all'Italia.ma ti pare seria un persona che aumenta il diesel di 13 centesimi e dopo 15 giorni "cerca soluzioni per diminuire il prezzo dei carburanti"?spero che chi si illudeva che il problema fosse il cavaliere adesso apra gli occhi. TUTTA la politica e la finanza è MARCIA. Bene fanno chi sta bloccando il paese, e i forconi andrebbero piantati dove dico io a chi dico io...
        • krane scrive:
          Re: La Cina e il loro popolo ringraziano
          - Scritto da: rasta
          è palese che le "riforme" monti (con la m
          minuscola) siano un istigazione all'evasione
          fiscale.

          Tra aziende che hanno chiuso e chiuderanno e
          l'evasione che aumenterà, volgio proprio vedere
          il gettito fiscale totale del 2012 raffrontato al
          2011... se dovesse essere minore/uguale Monti
          dovrà come minimo chiedere scusa in ginocchio
          all'Italia.

          ma ti pare seria un persona che aumenta il diesel
          di 13 centesimi e dopo 15 giorni "cerca soluzioni
          per diminuire il prezzo dei
          carburanti"?

          spero che chi si illudeva che il problema fosse
          il cavaliere adesso apra gli occhi. TUTTA la
          politica e la finanza è MARCIA. Bene fanno chi
          sta bloccando il paese, e i forconi andrebbero
          piantati dove dico io a chi dico io...Quoto: sciopero ad oltranza !
    • Franky scrive:
      Re: La Cina e il loro popolo ringraziano
      - Scritto da: cognome
      Come per l'aumento dell'IVA che aumenterà
      palesemente e notevolmente l'evasione fiscale
      (col XXXXX che voglio pagare l'IVA se per esempio
      vado dal dentista e devo pagare fior di palanche,
      certo su un barattolo di pelati non ho scampo o
      sul gas) questa è l'ennesima zappa sui
      piedi.
      Si cercheranno molto di piu i prodotti
      "paralleli" o per chi vuole "contraffatti", che
      costano molto meno e a volte sono
      qualitativamente migliori o addirittura prodotti
      nello stesso paese
      (Cina).Hai mai sentito parlare delle calze per donna prodotte da una azienda italiana che le fa fabbricare in Serbia?Quindi a questo punto mi chiedo dato che le calze sono le stesse...fatte dagli stessi operai serbi...dato che questa azienda italiana non da' lavoro a nessun operaio italiano...perche' le donne dovrebbero comprare le calze "italiane" di questa azienda anzicche' direttamente comprarle dalla Serbia e risparmiare?
  • uno qualsiasi scrive:
    Re: LINUX HA FALLITO

    ai detto un sacco di sciocchezze perche' non e'
    che ti rovini ad affittarli o comprarli i
    filmMa capisci che non siamo molto propensi a dare soldi a chi ci ha DISTRUTTO un servizio che usavamo.
    • Franky scrive:
      Re: LINUX HA FALLITO
      - Scritto da: uno qualsiasi

      ai detto un sacco di sciocchezze perche' non
      e'

      che ti rovini ad affittarli o comprarli i

      film

      Ma capisci che non siamo molto propensi a dare
      soldi a chi ci ha DISTRUTTO un servizio che
      usavamo.sarebbe da dementi finanziare dei censori che non rispettano i nostri diritti!!!
  • poposit scrive:
    LINUX HA FALLITO
    questo dimostra che tutti i lug e le altre festicciole organizzare dalla fsf non sono servite a nulla nel sensibilizzare l'opinione pubblica
    • questo scrive:
      Re: LINUX HA FALLITO
      - Scritto da: poposit
      questo dimostra che tutti i lug e le altre
      festicciole organizzare dalla fsf non sono
      servite a nulla nel sensibilizzare l'opinione
      pubblicale proteste del 18 gennaio dicono il contrario ,più che altro questo dimostra che la diplomazia con le major del copyright è inutile quindi ora ci rimate solo una cosa da fare. (e non illudetevi non e tornare in videoteca)
      • topo gigio scrive:
        Re: LINUX HA FALLITO
        Ma poi con quello che è sucXXXXX, le major nn si rendano conto che in tutti quei milioni di utenti di megaupload,ci saranno stati eventuali loro clienti anche solo potenziali e secondo loro se questo è il modo per farli tornare ad affittare e comprare film musica giochi idea mia si sbagliano di grosso,anzi immagino e spero che la reazione sia contraria alla loro speranza di poter tornare a succhiare a breve il ns sangue(denaro)....In fondo noi siamo il loro guadagno,dovrebbero iniziare a metterselo in testa perche quando la pirateria nn ci sara'piu,mica è detto,anzi nessuno potra constringere nessuno a comprare un bene digitale...
        • videoelite93 scrive:
          Re: LINUX HA FALLITO
          - Scritto da: topo gigio
          Ma poi con quello che è sucXXXXX, le major nn si
          rendano conto che in tutti quei milioni di utenti
          di megaupload,ci saranno stati eventuali loro
          clienti anche solo potenziali e secondo loro se
          questo è il modo per farli tornare ad affittare e
          comprare film musica giochi idea mia si sbagliano
          di grosso,anzi immagino e spero che la reazione
          sia contraria alla loro speranza di poter tornare
          a succhiare a breve il ns sangue(denaro)....In
          fondo noi siamo il loro guadagno,dovrebbero
          iniziare a metterselo in testa perche quando la
          pirateria nn ci sara'piu,mica è detto,anzi
          nessuno potra constringere nessuno a comprare un
          bene
          digitale...ai detto un sacco di sciocchezze perche' non e' che ti rovini ad affittarli o comprarli i film
        • questo scrive:
          Re: LINUX HA FALLITO
          infatti si sta organizando il Mlack March http://www.black-march.com/ ma ho come già detto la diplomazia con loro sembra inutile se anche con questo faranno orecchie da mercante rimarrà (spero vivamente di sbagliarmi)percorribile solo la strada sbagliata
        • SpettaeSper a scrive:
          Re: LINUX HA FALLITO
          In fondo la grave crisi economica che ci attanaglia non è così malvagia, un po' di parassiti cavernicoli scompariranno ...
          • Sgabbio scrive:
            Re: LINUX HA FALLITO
            - Scritto da: SpettaeSper a
            In fondo la grave crisi economica che ci
            attanaglia non è così malvagia, un po' di
            parassiti cavernicoli scompariranno
            ...Paradossalmente è una fortuna questa crisi, anche perchè, bisogna dire che per l'intrattenimento, si spende sempre meno.
    • cognome scrive:
      Re: LINUX HA FALLITO
      - Scritto da: poposit
      questo dimostra che tutti i lug e le altre
      festicciole organizzare dalla fsf non sono
      servite a nulla nel sensibilizzare l'opinione
      pubblicaEnnesimo post inutile. Cosa c'entra con la vicenda megaupload?Ai lug non ho mai partecipato, ma mi sono sembrate delle manifestazioni comunque utili.Lo scopo è di insegnare ad usare il pc con un sistema operativo non necessariamente commerciale, senza alcuna presunzione.Io uso prevalentemente windows e linux solo per armeggiare con i dati che ho sul mio host.Quindi te lo dice uno che non è di parte, ma usa un sistema solo perchè è piu produttivo con quello.Vai a tifare allo stadio, li è pieno di troll, tuoi simili :D
    • ti insulto perche te lo meriti scrive:
      Re: LINUX HA FALLITO
      il tuo post c'entra come il tuo XXXXX in unaXXXXX: ovvero non c'entra!! :D
  • BOICOTTARE scrive:
    BOICOTTARE
    BOICOTTARE BOICOTTARE BOICOTTARE Non comprare e non noleggiare CDNon comprare e non noleggiare DVDNon andare al cinemaNon abbonarsi alle Pay TvPrendere in prestito i libri nelle bibliotecheDiffondere il Book CrossingDiffondere le Creative CommonsDiffondere il Free SoftwareE' un DOVERE MORALE contro chi vorrebbe mettere sotto controllo l'acXXXXX al Sapere. Sapere è potereFrancis Bacon BOICOTTARE BOICOTTARE BOICOTTARE
    • Mario Rossi scrive:
      Re: BOICOTTARE
      - Scritto da: BOICOTTARE
      BOICOTTARE BOICOTTARE BOICOTTARE

      Non comprare e non noleggiare CD
      Non comprare e non noleggiare DVD
      Non andare al cinema
      Non abbonarsi alle Pay Tv
      Prendere in prestito i libri nelle biblioteche
      Diffondere il Book Crossing
      Diffondere le Creative Commons
      Diffondere il Free Software

      E' un DOVERE MORALE contro chi vorrebbe
      mettere sotto controllo l'acXXXXX al
      Sapere.

      Sapere è potere
      Francis Bacon

      BOICOTTARE BOICOTTARE BOICOTTARE
    • videoelite93 scrive:
      Re: BOICOTTARE
      - Scritto da: BOICOTTARE
      <b
      BOICOTTARE BOICOTTARE BOICOTTARE </b


      Non comprare e non noleggiare CD
      Non comprare e non noleggiare DVD
      Non andare al cinema
      Non abbonarsi alle Pay Tv
      Prendere in prestito i libri nelle biblioteche
      Diffondere il Book Crossing
      Diffondere le Creative Commons
      Diffondere il Free Software

      E' un <b
      DOVERE MORALE </b
      contro chi vorrebbe
      mettere sotto controllo l'acXXXXX al
      Sapere.

      <i
      Sapere è potere
      Francis Bacon </i


      <b
      BOICOTTARE BOICOTTARE BOICOTTARE </b
      ma come ti permetti di dire queste cose ma lo sai che cè gente che lavora tu non ti rendi conto di quello che dici devi avere 12 anni
      • edibile scrive:
        Re: BOICOTTARE
        @videoelite93scusa mi dici cosa c'entra "c'è gente che lavora" con il diritto alla protesta PACIFICA? Voglio sottolineare che tutto quello che ha detto è perfettamente legale e anzi condivisibile: ad esempio credo che tu ABBIA TANTO BISOGNO di andare in biblioteca ad affittare qualche libro! Magari così capisci cosa significano Book Crossing, Creative Commons e Free Software (non sono parolacce te lo assicuro)
        • videoelite93 scrive:
          Re: BOICOTTARE
          - Scritto da: edibile
          @videoelite93
          scusa mi dici cosa c'entra "c'è gente che lavora"
          con il diritto alla protesta PACIFICA?

          Voglio sottolineare che tutto quello che ha detto
          è perfettamente legale e anzi condivisibile: ad
          esempio credo che tu ABBIA TANTO BISOGNO di
          andare in biblioteca ad affittare qualche libro!
          Magari così capisci cosa significano Book
          Crossing, Creative Commons e Free Software (non
          sono parolacce te lo
          assicuro)centre perche se non compri e non affitti e non consumi fai i danni del commerciante mica delle maior che ti credi che qelli falliscono perche te non ti compri il dvd? tutto quello che ottieni e' che affossi l'economia del tuo stesso paese, dei tuoi vicini e della gente che lavora. pensaci
          • bubba scrive:
            Re: BOICOTTARE
            - Scritto da: videoelite93
            - Scritto da: edibile

            @videoelite93

            scusa mi dici cosa c'entra "c'è gente che
            lavora"

            con il diritto alla protesta PACIFICA?



            Voglio sottolineare che tutto quello che ha
            detto

            è perfettamente legale e anzi condivisibile:
            ad

            esempio credo che tu ABBIA TANTO BISOGNO di

            andare in biblioteca ad affittare qualche
            libro!

            Magari così capisci cosa significano Book

            Crossing, Creative Commons e Free Software
            (non

            sono parolacce te lo

            assicuro)

            centre perche se non compri e non affitti e non
            consumi fai i danni del commerciante mica delle
            maior che ti credi che qelli falliscono perche te
            non ti compri il dvd? tutto quello che ottieni e'
            che affossi l'economia del tuo stesso paese, dei
            tuoi vicini e della gente che lavora.
            pensacibeh intanto la EMI e' "appena" fallita, e comprata a tranci dall'Universal e Vivendi.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: BOICOTTARE

            centre perche se non compri e non affitti e non
            consumi fai i danni del commerciante mica delle
            maiorSenza commercianti, però, le majors non potranno sopravvivere.
            che ti credi che qelli falliscono perche te
            non ti compri il dvd? tutto quello che ottieni e'
            che affossi l'economia del tuo stesso paese, dei
            tuoi vicini e della gente che lavora.
            pensaciBenissimo: allora la domanda diventa: visto che TU vendi un prodotto delle majors, e che il tuo mestiere consiste proprio nel fare da mediatore tra le majors e il pubblico, perchè non provi a negoziare tu al posto degli utenti?Perchè non parli con i tuoi fornitori, e non fai un discorso del tipo "o accontentate i clienti, oppure ci andrò di mezzo io e non potrò più comprarvi i film" ?Pensi che non ti daranno retta? Dopo tutto, il tuo mestiere è questo: far incontrare clienti e produttori, in particolare nei momenti difficili. E se non sei in grado di farlo, il tuo mestiere è finito.
      • Jexx scrive:
        Re: BOICOTTARE
        Gente che lavora...non certo tu, che passi il tuo tempo a trollare qui. In ogni caso, se smettendo di comprare e/o noleggiare film, quelli come te fossero costretti a cercarsi un lavoro come spalatore di letame, o puliscicessi alla stazione, ben venga il boicottaggio!!!
        • Carlo scrive:
          Re: BOICOTTARE
          Tu sei senza cervello. Quelli che non sono ladri come te, anzi pagano tasse, iva, eccetera eccetera vengono qua a trollare. E invece, quello che trolla sei tu.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: BOICOTTARE
            - Scritto da: Carlo
            Tu sei senza cervello. Quelli che non sono ladri
            come te, anzi pagano tasse, iva, eccetera
            eccetera vengono qua a trollare.Che ca22o scrivi? Pagano le tasse per trollare?
        • Alberto scrive:
          Re: BOICOTTARE
          Io lavora per EUPHON TECHNICOLOR a Milano,produceva cd,dvd e vhs per tutte le principali major piu' tutto quello che trovi in edicola(corsi di pittura,giardinaggio ecc.).Quando ha chiuso non sono rimasti senza soldi e stipendio le major o gli attori MA SONO STATE SBATTUTE IN MEZZO ALLA STRADA CIRCA 1200 PERSONE CON FAMIGLIE E MUTUI SUL GROPPONE.NON SO CHE LAVORO FAI MA TI AUGURO LA MIA STESSA FINE!!!!
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: BOICOTTARE

        ma come ti permetti di dire queste cose ma lo sai
        che cè gente che lavora Anche chi fa il taglialegna nella foresta amazzonica lavora. E anche chi fa il cacciatore di foche in canada.Sono lavori legali e onestissimi. Eppure, c'è chi non vuole che tali lavori vengano fatti, e protesta.
      • topo gigio scrive:
        Re: BOICOTTARE
        e certo proprio nn hai capito assolutamente niente di cosa intendevo dire:che poi tra le altre cose se leggi io miei post di sempre,forse sono rimasto l'unico in italia che si fa 100 km per affitare e comprare dvd e bluray...IO intendevo dire te lo spiego con altre parole vediamo se cosi la prendi:se te prendi e denunci milioni di persone perche hanno messo i loro dati delle loro carte di credito su megaupload per scaricare materiale coperto da copyright e magari le fai pure condannare è sicuramente una strategia di marketing azzeccatissima per fidilizzare il cliente anzi il cliente(cioè il piratone trovato con le mani nella marmellata)per questo ti dira pure grazie....e per riconscenza iniziera a spendere migliaia di euro all'anno per far arrichire le major....(cosi la capisci meglio)
        • edibile scrive:
          Re: BOICOTTARE
          ehm... scusa... non si capisce a chi stai rispondendo e soprattutto cosa stai dicendo.Ti assicuro che non voglio offendere nessuno, ma se provassi a mettere qualche virgola e punto al posto giusto, e fare qualche invio qua e là potresti invogliare qualcuno a leggere quel che scrivi! ;)
          • topo gigio scrive:
            Re: BOICOTTARE
            Eh in effetti hai ragione,era la riposta ad un post di videoelite93,che è misteriosamente scomparsa.Per la punteggiatura hai ragione ma ho scritto di foga pardon.....
      • Joe Tornado scrive:
        Re: BOICOTTARE

        ma come ti permetti di dire queste coseDicesi libertà di espressione (Art.21 Cost.) ma lo sai
        che cè gente che lavora tu non ti rendi conto di
        quello che diciSenza dubbio, ma tu dimostri di non far parte di quella categoria di persone. Tu dimostri di essere uno di quelli che speravano di arricchirsi standosene tranquilli con la panza dietro un bancone mentre qualcun altro infilava banconote dentro un distributore automatico. Ma vi è andata male ! devi avere 12
        anniTu, si direbbe, anche meno, da come scrivi !
      • Ann O Nimous scrive:
        Re: BOICOTTARE
        - Scritto da: videoelite93
        ma come ti permetti di dire queste cose ma lo sai
        che cè gente che lavora tu non ti rendi conto di
        quello che dici devi avere 12
        anniCaro amico, lei forse tra mille preoccupazioni e un po' di stenti, riuscirà a sbarcare il lunario per un altro po', forse riuscirà a farsi pure una pensioncina per quando invecchierà. Le consiglio con tutto il cuore però di educare i suoi figli, se ne avesse, e di aiutarli indirizzandoli verso un'altra professione, perchè la sua è antistorica. Lo dico con rammarico per lei, mi creda, la mia è empatia verso una persona che onestamente è stata indotta a pensare di poter operare in un settore organizzato in un certo modo e per un po' lo ha anche fatto.Le racconto una storiella: c'era una volta un contadino del Missouri, la cui proprietà si estendeva dal suolo al sottosuolo fino al centro della terra e dal suolo al cielo, fino alle stelle. Così volevano la Common Law e la Costituzione del suo paese. Un giorno però quel contadino sentì un rombo infernale provenire dall'esterno della sua abitazione, si precipitò fuori e vide una macchina volante passare con gran frastuono proprio sopra la sua proprietà. Il contadino sentì pure provenire dalla sua stia degli starnazzi terrificanti. Subito si precipitò nel pollaio e vide come polli e galline, in preda ad un panico reale, finivano per spaccarsi la testa contro le pareti di legno. Il contadino non ci mise molto a capire che se quella macchina volante fosse passata con continuità sopra la sua proprietà, la sua stessa attività ne avrebbe risentito fortemente. Il contadino angosciato chiese aiuto alla legge, sostenendo con qualche ragione di possedere anche il cielo sopra la sua terra. Un giudice però, con grande costernazione del fattore, gli diede torto, esprimendosi così: "Nonostante il contadino abbia le sue ragioni sulla scorta di norme e regolamenti, tuttavia il traffico aereo è di indubbio interesse pubblico e tra questo e qualsiasi interesse privato, non v'è dubbio sul prevalere del primo". Il giudice pensò che le rotte aeree, in caso di vittoria del fattore, avrebbero causato migliaia di reclami e procedimenti giudiziari da parte degli altri contadini degli USA, frenando in questo modo lo sviluppo di un settore primario per il benessere dell'umanità. Ancora il giudice continuò: "Non ci sono dubbi che il senso comune (il common law), voglia questo". Chi aveva ragione tra il giudice e il contadino?Buona fortuna.
        • Sgabbio scrive:
          Re: BOICOTTARE
          - Scritto da: Ann O Nimous
          - Scritto da: videoelite93


          ma come ti permetti di dire queste cose ma lo
          sai

          che cè gente che lavora tu non ti rendi conto di

          quello che dici devi avere 12

          anni

          Caro amico, lei forse tra mille preoccupazioni e
          un po' di stenti, riuscirà a sbarcare il lunario
          per un altro po', forse riuscirà a farsi pure una
          pensioncina per quando invecchierà. Le consiglio
          con tutto il cuore però di educare i suoi figli,
          se ne avesse, e di aiutarli indirizzandoli verso
          un'altra professione, perchè la sua è
          antistorica. Lo dico con rammarico per lei, mi
          creda, la mia è empatia verso una persona che
          onestamente è stata indotta a pensare di poter
          operare in un settore organizzato in un certo
          modo e per un po' lo ha anche
          fatto.
          Le racconto una storiella: c'era una volta un
          contadino del Missouri, la cui proprietà si
          estendeva dal suolo al sottosuolo fino al centro
          della terra e dal suolo al cielo, fino alle
          stelle. Così volevano la Common Law e la
          Costituzione del suo paese. Un giorno però quel
          contadino sentì un rombo infernale provenire
          dall'esterno della sua abitazione, si precipitò
          fuori e vide una macchina volante passare con
          gran frastuono proprio sopra la sua proprietà. Il
          contadino sentì pure provenire dalla sua stia
          degli starnazzi terrificanti. Subito si precipitò
          nel pollaio e vide come polli e galline, in preda
          ad un panico reale, finivano per spaccarsi la
          testa contro le pareti di legno. Il contadino non
          ci mise molto a capire che se quella macchina
          volante fosse passata con continuità sopra la sua
          proprietà, la sua stessa attività ne avrebbe
          risentito fortemente. Il contadino angosciato
          chiese aiuto alla legge, sostenendo con qualche
          ragione di possedere anche il cielo sopra la sua
          terra. Un giudice però, con grande costernazione
          del fattore, gli diede torto, esprimendosi così:
          "Nonostante il contadino abbia le sue ragioni
          sulla scorta di norme e regolamenti, tuttavia il
          traffico aereo è di indubbio interesse pubblico e
          tra questo e qualsiasi interesse privato, non v'è
          dubbio sul prevalere del primo". Il giudice pensò
          che le rotte aeree, in caso di vittoria del
          fattore, avrebbero causato migliaia di reclami e
          procedimenti giudiziari da parte degli altri
          contadini degli USA, frenando in questo modo lo
          sviluppo di un settore primario per il benessere
          dell'umanità. Ancora il giudice continuò: "Non ci
          sono dubbi che il senso comune (il common law),
          voglia questo". Chi aveva ragione tra il giudice
          e il
          contadino?
          Buona fortuna.bellissimo post, complimenti.
        • Provocatore gratuito scrive:
          Re: BOICOTTARE
          Bel post, standing ovation.
      • BOICOTTARE scrive:
        Re: BOICOTTARE

        ma come ti permetti di dire queste coseIo dico quello che mi pare e non devo certo chiedere il permesso a te. Chiaro?
        tu non ti rendi conto di quello che diciSo perfettamente quello che dico.Tutte le limitazioni alla libera circolazione del Sapere sono contro il Progresso Umano, quindi ribadisco: <b
        BOICOTTARE BOICOTTARE BOICOTTARE </b
        Non comprare e non noleggiare CDNon comprare e non noleggiare DVDNon andare al cinemaNon abbonarsi alle Pay TvPrendere in prestito i libri nelle bibliotecheDiffondere il Book CrossingDiffondere le Creative CommonsDiffondere il Free Software <b
        BOICOTTARE BOICOTTARE BOICOTTARE </b
      • Carlo scrive:
        Re: BOICOTTARE
        I somari a due zampe sono sempre somari, sia a 12 anni, sia a 60 anni. E ce ne sono parecchi anche in Italia.
      • Carlo scrive:
        Re: BOICOTTARE
        I somari a due zampe sono somari sia a 12 anni che a 60. E in Italia ce ne sono parecchi.
      • ti insulto perche te lo meriti scrive:
        Re: BOICOTTARE
        ma fatti furbo, idiota! e sentiamo, tu che XXXXX di lavoro faresti oltre a farti scoppiare i brufoli pieni di XXXXX sulla tua faccina da XXXX di ragazzino sfigato?
      • gerry scrive:
        Re: BOICOTTARE
        - Scritto da: videoelite93

        ma come ti permetti di dire queste cose ma lo sai
        che cè gente che lavora tu non ti rendi conto di
        quello che dici devi avere 12
        anni[IMG]http://i925.photobucket.com/albums/ad98/Lopz0r/successful-troll-is-successful.jpg[/IMG]
      • Franky scrive:
        Re: BOICOTTARE
        - Scritto da: videoelite93
        - Scritto da: BOICOTTARE

        <b
        BOICOTTARE BOICOTTARE BOICOTTARE
        </b





        Non comprare e non noleggiare CD

        Non comprare e non noleggiare DVD

        Non andare al cinema

        Non abbonarsi alle Pay Tv

        Prendere in prestito i libri nelle
        biblioteche

        Diffondere il Book Crossing

        Diffondere le Creative Commons

        Diffondere il Free Software



        E' un <b
        DOVERE MORALE </b

        contro chi
        vorrebbe

        mettere sotto controllo l'acXXXXX al

        Sapere.



        <i
        Sapere è potere

        Francis Bacon </i




        <b
        BOICOTTARE BOICOTTARE BOICOTTARE
        </b



        ma come ti permetti di dire queste cose ma lo sai
        che cè gente che lavora tu non ti rendi conto di
        quello che dici devi avere 12
        anninon sei l'unico che lavora e che magari ha famiglia...pure mamma Jamie una giovane mamma americana con figli a carico lavorava ed ha famiglia e si e' vista chiedere 1,5 milioni di dollari per avere scaricato 24 brani da un dollaro...anche le migliaia di persone che lavorano per le societa' internet hanno famiglia ed oltre a far chiudere i loro siti...i tuoi amici censori pretendono pure di rovinarli del tutto mettendoli in galera...per non parlare delle nostre liberta' messe continuamente a rischio...percio' ve la siete voluta voi!!! Boicottaggio mondiale!!! cosi' capirete finalmente cosa vuol dire inimicarsi i vostri stessi potenziali clienti e rendersi antipatici con l'appello continuo alla censura!!! ben vi sta!!!
    • Franky scrive:
      Re: BOICOTTARE
      - Scritto da: BOICOTTARE
      <b
      BOICOTTARE BOICOTTARE BOICOTTARE </b


      Non comprare e non noleggiare CD
      Non comprare e non noleggiare DVD
      Non andare al cinema
      Non abbonarsi alle Pay Tv
      Prendere in prestito i libri nelle biblioteche
      Diffondere il Book Crossing
      Diffondere le Creative Commons
      Diffondere il Free Software

      E' un <b
      DOVERE MORALE </b
      contro chi vorrebbe
      mettere sotto controllo l'acXXXXX al
      Sapere.

      <i
      Sapere è potere
      Francis Bacon </i


      <b
      BOICOTTARE BOICOTTARE BOICOTTARE </b
      Supportate e fate conoscere la campagna di boicottaggio mondiale"Black march" Contro SOPA PIPA ACTA e la chiusura di Megauploadlink:http://black-march.com/http://www.blackmarch.info/http://www.blackmarch.se/http://www.facebook.com/pages/Black-March/231497276929161?sk=wallhttp://www.facebook.com/pages/Stop-SOPA/257844430905059[yt]elhwvp58F7g[/yt]Manifesto:"Thursday, march 1st 2012 to Saturday 31st march 2012 With the continuing campaigns for Internet-censoring litigation such as SOPA and PIPA, and the closure of sites such as Megaupload under allegations of'piracy' and 'conspiracy' the time has come to take a stand against music, film and media companies' lobbyists. The only way is to hit them where it truly hurts. Their profit margins. March 2012 is the end of the 1st quarter in economic reports worldwide. Do not buy a single record. Do not download a single song, legally or illegally. Do not go to see a single film in cinemas, or download a copy, Do not buy a DVD in the stores. Do not buy a video game. Do not buy a single book or Magazine. Wait the 4 weeks to buy them in April: see the film later, etc. Holding out for just 4 weeks, maximum, will leave a gaping hole in media and entertainment companies' profits for the 1st quarter, an economic hit which will in turn be observed by governments worldwide as stocks and shares will blip from a large enough loss of incomes. This action can give a statement of intent: ''WE WILL NOT TOLERATE THE MEDIA INDUSTRIES' LOBBYING FOR LEGISLATION WHICH WILL CENSOR THE INTERNET.''
  • ABOLIRE IL COPYRIGHT scrive:
    ABOLIRE I VINCOLI AL LIBERO SAPERE
    ABOLIRE TUTTI I VINCOLI AL LIBERO SAPERE Il Progresso dell'Umanità non può essere succube del lurido , lercio , immondo , infame lucro di pochi relitti del passato con il cervello fermo al grammofono. p)
    • Franky scrive:
      Re: ABOLIRE I VINCOLI AL LIBERO SAPERE
      - Scritto da: ABOLIRE IL COPYRIGHT
      <b
      ABOLIRE TUTTI I VINCOLI AL LIBERO SAPERE </b


      Il Progresso dell'Umanità non può essere succube
      del <b
      lurido </b
      , <b
      lercio </b
      , <b
      immondo </b
      ,
      <b
      infame </b
      lucro di pochi relitti del passato
      con il cervello fermo al
      grammofono.

      p)straquoto!!! L'unica soluzione per chi ci tiene alle liberta' digitali e' abolire questa minaccia chiamata copyright...distrusse una intera rete amatoriale nel 1994...senza motivo...produce il vandalismo digitale sui video ammutoliti su youtube...interi account cancellati...divieto di esercitare il leggittimo diritto di recensione e di critica..ora sta minando i diritti di chi gestisce gli host e di oltre 150 milioni di utenti che si sono visti privare da un giorno all'altro dei loro dati e di un servizio..che ha sempre cancellato i file che violavano il copyright su segnalazione..ma questo non e' servito ed hanno distrutto 4 ottimi servizi...per cui esiste solo una soluzione a tutto cio' "Abolire il copyright" del tutto...un privilegio destinato ad ingrassare solo le tascge delle etichette...e spesso ha violare il leggittimo diritto degli autori a distribuire le proprie opere come meglio credono...!!!!***Aboliamo il copyright!!!***
      • Franky scrive:
        Re: ABOLIRE I VINCOLI AL LIBERO SAPERE
        Errata-corrige- Scritto da: Franky
        etichette...e spesso ha violare il leggittimo
        diritto degli autori a distribuire le proprie
        opere come meglio
        credono...!!!!
        ***Aboliamo il copyright!!!***Ho saltato un paio di parole nel copia-incolla del commento...intendevo dire:"etichette...e spesso ha avuto il coraggio di violare il leggittimo diritto degli autori a distribuire le proprie opere come meglio credono!!!*** Aboliamo il copyright***"
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: ABOLIRE I VINCOLI AL LIBERO SAPERE
        - Scritto da: Franky
        straquoto!!! L'unica soluzione per chi ci tiene
        alle liberta' digitali e' abolire questa minaccia
        chiamata copyright...distrusse una intera rete
        amatoriale nel 1994...senza motivo...E in Italia, ne vogliamo parlare?http://it.wikipedia.org/wiki/Italian_Crackdown
        • ti insulto perche te lo meriti scrive:
          Re: ABOLIRE I VINCOLI AL LIBERO SAPERE
          non limitarti a linkare un articolo senza commentare, troppo facile così, se no io ti linko un articolo di libero (tanto ormai è della famiglia) che spiega come far godere la tua trojetta con 8 orgasmi. se si linka si commenta, capito!!!???
        • Franky scrive:
          Re: ABOLIRE I VINCOLI AL LIBERO SAPERE
          - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
          - Scritto da: Franky

          straquoto!!! L'unica soluzione per chi ci
          tiene

          alle liberta' digitali e' abolire questa
          minaccia

          chiamata copyright...distrusse una intera
          rete

          amatoriale nel 1994...senza motivo...

          E in Italia, ne vogliamo parlare?
          http://it.wikipedia.org/wiki/Italian_CrackdownInfatti...mi riferivo proprio alla rete amatoriale Fidonet italiana...evento noto come "Fidonet crackdown"...inchiesta che lo ricordiamo non ebbe alcun riscontro e venne archiavita...l'ipotesi di reato per i sysOp era "associazione per delinquere finalizzata alla diffusione di software pirata"... ovviamente tutto completamente falso ed inchiesta archiviata..ma la rete amatoriale XXXXX' di esistere...questo lo diciamo per i "forcaioli" che appena sentono un PM che accusa subito confondono un'accusa con una condanna...che sono cose diversissime...
    • rasta scrive:
      Re: ABOLIRE I VINCOLI AL LIBERO SAPERE
      si ma questo non vuol dire avere DIRITTO di accedere all'ultimo film prodotto ieri... basta che i prodotti dell'"industria" digitale siano sfruttabili per periodo limitato e breve. solo dopo questo periodo, in cui sono "sfruttabili" commercialmente, allora possono diventare libere senza vincolo.Questo permetterebbe il guadagno e quindi la spinta a produrre, e eviterebbe che autori che hanno sucXXXXX con 1 cosa possano vivere di rendita...abolire totalmente il copyright è stupido tanto quanto le leggi che stiamo commentando...
      • Franky scrive:
        Re: ABOLIRE I VINCOLI AL LIBERO SAPERE
        - Scritto da: rasta
        si ma questo non vuol dire avere DIRITTO di
        accedere all'ultimo film prodotto ieri... basta
        che i prodotti dell'"industria" digitale siano
        sfruttabili per periodo limitato e breve. solo
        dopo questo periodo, in cui sono "sfruttabili"
        commercialmente, allora possono diventare libere
        senza
        vincolo.
        Questo permetterebbe il guadagno e quindi la
        spinta a produrre, e eviterebbe che autori che
        hanno sucXXXXX con 1 cosa possano vivere di
        rendita...

        abolire totalmente il copyright è stupido tanto
        quanto le leggi che stiamo
        commentando...no no e' una cosa giusta e sacrosanta invece...dal momento che la creative commons con licenza NC(non commerciale) una delle sei possibili tutela gia' sufficientemente l'autore dallo sfruttamento commerciale...il mondo e' cambiato ed e' ora di aggiornarsi...quindi *** aboliamo il copyright****!!! uno stupido privilegio delle etichette che prevede il loro diritto esclusivo di distribuzione...aboliamolo!!!
  • rino scrive:
    10 miti su acta
    http://trade.ec.europa.eu/doclib/docs/2012/january/tradoc_148964.pdf
    • bubba scrive:
      Re: 10 miti su acta
      - Scritto da: rino
      http://trade.ec.europa.eu/doclib/docs/2012/januaryconsiderando che i primi 2 punti sono subdolamente falsi, direi che non leggo gli altri.
      • Izio01 scrive:
        Re: 10 miti su acta
        - Scritto da: bubba
        - Scritto da: rino


        http://trade.ec.europa.eu/doclib/docs/2012/january
        considerando che i primi 2 punti sono
        subdolamente falsi, direi che non leggo gli
        altri.Boh, io ho buttato un occhio, ma per ogni punto il documento dice semplicemente: "Non è vero, ACTA è così buonina, carina e gentile che voi schiavi non avete nulla di cui preoccuparvi", senza portare alcun sostengo a questa affermazione.Confortante! :-S
  • bubba scrive:
    scuse un par di belotas
    Gli USA e gli altri traffichini, sono un sacco di ANNI che stanno lavorando a questa roba. Con metodi molllto dubbi (segreti), tant'e' che, dopo wikileaks e proteste varie, era uscito un mezzo draft e la versione completa a fine 2010. Poi il Parlamento dellEU ha tracheggiato anche sul pubblicare il suo parere (disponibile solo a fine 2011), neanche fosse una normativa del pentagono.....Anzi il bello e' che NON e' neanche veramente una normativa, anche se vincola legalmente le nazioni, cosa che ha fatto ancora + incacchiare.Ovviamente i promoter di questa XXXXXcchia, sono i soliti MPAA,RIAA, Pfizer (=big pharma) ,ecc. Anche il titolo e' fuorviante "anti-contraffazione" e' solo una particina del trattato... molto riguarda le solite norme punitivo-preventive per gli hosting provider su "beni digitali"uno dei tanti riassunti sulle qualita' dell'ACTA qui [code]http://brunosaetta.it/internet/acta-i-famigerati-accordi-anticontraffazione-in-discussione-al-parlamento-europeo.html[/code]
  • Sgabbio scrive:
    enzo mazza....
    Dire realtà criminale come megaupload mi sembra prematuro, sa esiste qualla cosa chiamata proXXXXX, presunzione d'innocenza...
    • dudabel scrive:
      Re: enzo mazza....
      chi sei l'avvocato Ghidini del Berlusca ?O sei l'avvocato di Toto Riina
      • Sgabbio scrive:
        Re: enzo mazza....
        - Scritto da: dudabel
        chi sei l'avvocato Ghidini del Berlusca ?
        O sei l'avvocato di Toto RiinaCommento sterile è stupido.
        • dudabel scrive:
          Re: enzo mazza....
          il tuo invece di grande profilo giuridico. Mi ricordi Cicchitto o Gasparri che si arrampicano sui vetri per aiutare Cosentino: non è un camorrista fino a quando un giudice non lo avrà scritto in una sentenza e fino ad allora farà il parlamentare. Bravo, sei un difensore della libertà
          • topo gigio scrive:
            Re: enzo mazza....
            Be anche se non le puo fare piacere una persona è innocente fino a prova contraria e con un giusto proXXXXX(che dubito,gia come si sono messe le cose,il proprietario di megaupload avrà)sa, tutto cio si chiama democrazia e civiltà.Inoltre sarei curioso visto che mazza si permette di definire megaupload un servizio criminale cosa ne pensa di tt quelli utenti che in maniera legale hanno uppato solo dati personali.Mazza parla solo perche ha la possibilita di farlo non perche sia migliore di nessuno qua dentro,ci vorrebbe finalmente qualcuno che a queste persone cosi boriose presuntuose spocchiose e prepotenti facesse una volta per tt abbassare la testa...Poi come andra' a finire il "giusto proXXXXX"di megaupload lo sappiamo gia tutti:un destino gia scritto,mi sovviene il caso pirate bay ed il giudice chiamato a giudicare.....
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: enzo mazza....
            - Scritto da: topo gigio
            Be anche se non le puo fare piacere una persona è
            innocente fino a prova contraria e con un giusto
            proXXXXX(che dubito,gia come si sono messe le
            cose,il proprietario di megaupload avrà)sa, tutto
            cio si chiama democrazia e civiltà.In america però se perdi in primo grado l'appello lo puoi fare solo dalla prigione. Da noi invece questo avviene solo per i casi di omicidio, per il resto si possono ricoprire cariche istituzionali di altissimo livello per anni ed anni pur avendo condanne in secondo grado. Ma allora questo primo grado cosa ci sta a fare? Per farci fare le figuracce con Amanda Knox e gli stati uniti?
          • topo gigio scrive:
            Re: enzo mazza....
            Cio che dici è assolutamente falso perche da noi ti puoi fare tt il proXXXXX dentro anche da semplice indagato un conto è il giusto proXXXXX un conto è l'iter processuale sono due cose completamente differenti,per esempio lele mora(lo cito perche di attualita) si sta facendo tt dentro con un accusa di bancarotta fraudelenta,poi magari fare il proXXXXX e lo potra pure vincere pero intanto è dentro.Un altro reato per esempio lo stalking(basta anche una semplice denuncia senza nemmeno accertamenti,prima di arrestano e poi finisci dentro,poi ti difenderai sempre da dentro ledendo il diritto alla difesa) li nn ci sono XXXXX che tengano nei casi piu gravi(qui mi viene da sorridere o forse da piangere)anche da semplice indagato,nn ci sono piu nemmeno li arresti domiciliari(legge sulla sicurezza introdotta dal governo berlsconi)
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: enzo mazza....
            - Scritto da: topo gigio
            Cio che dici è assolutamente falso perche da noi
            ti puoi fare tt il proXXXXX dentro anche da
            semplice indagato un conto è il giusto proXXXXX
            un conto è l'iter processuale sono due cose
            completamente differenti,per esempio lele mora(lo
            cito perche di attualita) Ma io mica ti ho parlato del carcere in attesa di giudizio che viene applicato per non inquinare le prove o per probabile pericolosità sociale. Da noi solo in rari casi dopo la condanna di primo grado uno sta in galera, come ad esempio quello di Amanda Knox che era un caso di omicidio, ma se non c'è pericolosità sociale le prove dopo il primo grado ormai sono state acquisite non possono essere più inquinate. Vedi Tanzi che è andato in carcere, poi è uscito ed è ritornato dentro dopo la sentenza della cassazione. In america invece sei condannato in primo grado? Vai in galera e da lì fai l'appello e sicuramente sarà così anche in altri paesi.
          • Franky scrive:
            Re: enzo mazza....
            - Scritto da: dudabel
            il tuo invece di grande profilo giuridico. Mi
            ricordi Cicchitto o Gasparri che si arrampicano
            sui vetri per aiutare Cosentino: non è un
            camorrista fino a quando un giudice non lo avrà
            scritto in una sentenza e fino ad allora farà il
            parlamentare. Bravo, sei un difensore della
            libertàdimostri di non capire un cavolo manco delle vicende politiche da quello che scrivi... la polemica non e' su se un politico e' colpevole o innocente...questo lo si puo' stabilire solo in un proXXXXX dove vi sia:(1) 1 giudice(2) l'accusa(3) la difesa(4) un fascicolo con le prove(5) dei testimoniI processi funzionano cosi'...la polemica sui politici accusati di corruzione invece riguarda il fatto che rifiutano di presentarsi proprio al proXXXXX e di farsi processare!!! Che e' cosa ben diversa!!! In virtu' di una presunta immunita' che vale solo ed esclusivamente per loro...per cui sull'autorizzazione al proXXXXX decide il parlamento...su questo fatto qui...cioe' l'immunita' parlamentare...su questo c'e' la polemica...non sul giusto proXXXXX...altra polemica riguarda il fatto che un politico dice.."questa legge e' ingiusta non votate l'autorizzazione a farmi processare"...be se la legge e' ingiusta va cambiata per tutti i cittadini non solo per gli onorevoli colleghi....Ma il giusto proXXXXX non e' in discussione a meno che non vogliamo tornare ai roghi medievali ed alla forca...cerca di aprire un poco la mente...
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: enzo mazza....
            - Scritto da: dudabel
            il tuo invece di grande profilo giuridico. Mi
            ricordi Cicchitto o Gasparri che si arrampicano
            sui vetri per aiutare Cosentino: non è un
            camorrista fino a quando un giudice non lo avrà
            scritto in una sentenza e fino ad allora farà il
            parlamentare. Bravo, sei un difensore della
            libertàMa stai parlando degli stessi che votarono la legge Urbani? (rotfl) O magari di quel camorrista di Antonio Martusciello che è per la censura dell'AGCOM e che è amico dei fratelli Iorio accusati di camorra [1]? [1] http://www.giornalettismo.com/archives/131739/il-commissario-dellagcom-e-socio-del-boss/-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 27 gennaio 2012 00.27-----------------------------------------------------------
      • cognome scrive:
        Re: enzo mazza....
        - Scritto da: dudabel
        chi sei l'avvocato Ghidini del Berlusca ?
        O sei l'avvocato di Toto RiinaFino a prova contraria, si è innocenti.Lo decide il giudice se una persona è innocente oppure no.L'arresto preventivo è un abuso, perchè le ragioni ritenute valide per questa azione sono sostenute da una persona sola, non da una giuria.In soldoni, se tu mi stai sulle palle, ti sbatto in galera sin da subito, poi magari il giudice ti scarcera.Ti pare giusta una cosa del genere?
      • say no scrive:
        Re: enzo mazza....
        - Scritto da: dudabel
        chi sei l'avvocato Ghidini del Berlusca ?
        O sei l'avvocato di Toto Riinastrano... tu lo sembri molto ma molto più di lui...
    • fimi scrive:
      Re: enzo mazza....
      - Scritto da: Sgabbio
      Dire realtà criminale come megaupload mi sembra
      prematuro, sa esiste qualla cosa chiamata
      proXXXXX, presunzione
      d'innocenza...megauploas era un rivale ed andava eliminato.
    • Franky scrive:
      Re: enzo mazza....
      - Scritto da: Sgabbio
      Dire realtà criminale come megaupload mi sembra
      prematuro, sa esiste qualla cosa chiamata
      proXXXXX, presunzione
      d'innocenza...Ma la presunzione di innocenza vale solo per i politici...il resto dei cittadini puo' essere sbattuto in prima pagina con l'etichetta di "mostro" solo per essere nella lista dei "sospetti"...per non parlare dei linciaggi forcaioli ai cittadini stranieri...se poi uno si azzarda a violare il santissimo e benedettissimo ecumenico copyright non ne parliamo proprio...e strano che qualche "simpatico" lobbista non abbia proposto di reintrodurre la pena di morte...come dice il famosissimo detto coniato dai lettori di techcrunch:"se linki una canzone a M.Jackson vai dentro da 5 a 10 anni...chi uccide M.Jackson va dentro solo per 4 anni!"
Chiudi i commenti