Tagli di prezzo e nuovi hard disk per Xbox 360

La tanto vociferata edizione di Xbox 360 con hard disk da 60 GB raggiungerà i negozi americani il prossimo mese. Contestualmente, la versione da 20 GB calerà di prezzo. Restano ignoti i piani per il mercato europeo

Redmond (USA) – Le voci relative a Xbox 360 che si erano diffuse negli Stati Uniti nelle ultime settimane hanno trovato conferma, almeno in parte, in questo comunicato di Microsoft : vi si annuncia che la console dalla “X” verde sbarcherà presto sul mercato d’oltre oceano in una versione con hard disk da 60 GB, mentre il modello da 20 GB subirà un calo di prezzo.

L'Xbox 360 da 60 GB è realtà “Xbox 360 triplica lo spazio di archiviazione della console originaria conservandone lo stesso prezzo”, proclama BigM nel proprio comunicato. L’imminente versione da 60 GB costerà infatti 349 dollari , mentre quella da 20 GB passerà a costare 299 dollari , ossia 50 verdoni meno del prezzo attuale. Invariati i prezzi delle edizioni Arcade ed Elite, rispettivamente di 279 e 449 dollari.

Il lancio sul mercato americano dell’Xbox 360 da 60 GB è stato fissato per l’inizio di agosto . Attualmente non si conoscono i piani di Microsoft per il mercato europeo, ma è probabile che qui la nuova console con disco “maggiorato” non arrivi prima di ottobre.

Non tutte le voci che si erano diffuse nelle scorse settimane sono state confermate da Microsoft. A rimanere nel limbo delle congetture c’è l’ Xbox 360 60 GB Live Starter Pack , un kit rivolto ai possessori di Xbox 360 Core e Arcade che, al prezzo di 100 dollari, dovrebbe includere un hard disk da 60 GB, un abbonamento trimestrale a Xbox Live!, un cavo Ethernet e un paio di cuffie con microfono per comunicare con altri utenti. Sempre stando alle indiscrezioni, il rilascio sul mercato del nuovo drive da 60 GB dovrebbe accompagnarsi ad una riduzione di prezzo dell’attuale modello da 120 GB , che dai 180 dollari passerebbe a 150 dollari.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • gugghi scrive:
    sembra Cecchetto
    quello nella foto sembra C.Cecchetto
  • luca repetti scrive:
    anche Doctorow , Stross e Vinge
    anche Cory Doctorow, Charles Stross e Vernor Vinge:http://www.kappero.com/svago/news/00027/scarica-gratis-little-brother.shtml
  • giorgio1769 scrive:
    L'ebook non si legge...si ascolta :)
    Non vado da 7 anni dal libraio.Ho smesso di comprare libri cartacei (non ho spazio x metterli).Uso da anni programmi che leggono ebook con la voce sintetica del pc. E posso ascoltare centinaia di libri all'anno che leggendo su carta non avrei tempo.Poi se necessario mi stampo su carta gli ebook (di solito saggi sotto le 100 pagine e mai romanzi).Risultati: non ho problemi di spazio fino a 7.000 ebook in un cdnon spendo + per leggere mi ricordo di + quello che leggo (ascoltare si ricorda meglio di leggere)Continuo a leggere anche su carta: i 2 sistemi possono coesistere.
    • XYZ scrive:
      Re: L'ebook non si legge...si ascolta :)
      - Scritto da: giorgio1769
      Non vado da 7 anni dal libraio.
      Ho smesso di comprare libri cartacei (non ho
      spazio x
      metterli).
      Uso da anni programmi che leggono ebook con la
      voce sintetica del pc. E posso ascoltare
      centinaia di libri all'anno che leggendo su carta
      non avrei
      tempo.
      Poi se necessario mi stampo su carta gli ebook
      (di solito saggi sotto le 100 pagine e mai
      romanzi).

      Risultati:
      non ho problemi di spazio fino a 7.000 ebook in
      un
      cd
      non spendo + per leggere
      mi ricordo di + quello che leggo (ascoltare si
      ricorda meglio di
      leggere)
      Continuo a leggere anche su carta: i 2 sistemi
      possono
      coesistere.Sarà un riflessione di principio ma, essendo sia un appassionato lettore che un collezionista di vinili, trovo un pò storpiante il concetto di "ascolto del libro"..Forse perche quando leggo ho la mia personale tempistica, il mio personale modo (di interpretare il linguaggio, la cadenza semantica del testo, etc..).Quindi l'ascoltarlo, letto da un altra persona e non dalla mia stessa mente mi irriterebbe un pò..Altro discorso naturalmente si può fare per i spettacoli teatrali o gli "audiolibri" in vinile (ad es. Mistero Buffo di Dario Fò)..Dove è appunto "l'interpretazione della lettura" che arricchisce la già fantastica espressione artistica. :)
      • giorgio1769 scrive:
        Re: L'ebook non si legge...si ascolta :)
        - Scritto da: XYZ
        Sarà un riflessione di principio ma,
        essendo sia un appassionato lettore che un
        collezionista di vinili, trovo un pò storpiante
        il concetto di "ascolto del
        libro"..

        Forse perche quando leggo ho la mia personale
        tempistica, il mio personale modo (di
        interpretare il linguaggio, la cadenza semantica
        del testo,
        etc..).

        Quindi l'ascoltarlo, letto da un altra persona e
        non dalla mia stessa mente mi irriterebbe un
        pò..

        Altro discorso naturalmente si può fare per i
        spettacoli teatrali o gli "audiolibri" in vinile
        (ad es. Mistero Buffo di Dario
        Fò)..

        Dove è appunto "l'interpretazione della lettura"
        che arricchisce la già fantastica espressione
        artistica.


        :)Il mio principio è acquisire conoscenza con ogni mezzo.Non sono un feticista del cartaceo. A me interessano i contenuti non i suppporti.Poi bisogna essere duttili: leggere, ascoltare in baseal tipo di libro.Se ascolto 1 manuale del faidate non ho bisogno di interpretazione. Un romanzo da 1000 pagine è meglio leggerlo su carta che stamparlo. Un audiolibro con voce di attore è migliore della voce sintetica, ma non tutti gli ebook si trovano su audiolibri recitati. Un saggio lo leggo su carta e poi lo ascolto tante volte su pc o lettore mp3.Insomma si può fare tutto, senza precludersi nulla in base alle esigenze del momento.
      • Suricato scrive:
        Re: L'ebook non si legge...si ascolta :)
        quoto, leggere un libro ti da anche più tempo per riflettere, puoi tornare su certe frasi e leggerle più lentamente per collegarne sottigliezze, mi sono accorto più volte che vedere un film (in parte narrato) e leggere lo stesso libro è una cosa totalmente diversa specialmente nelle parti narrate (e guarda caso complesse e arzigogolate)leggendo hai la possibilità di cogliere sfumature che nella narrazione ti possono sfuggire
    • Enjoy with Us scrive:
      Re: L'ebook non si legge...si ascolta :)
      - Scritto da: giorgio1769
      Non vado da 7 anni dal libraio.
      Ho smesso di comprare libri cartacei (non ho
      spazio x
      metterli).
      Uso da anni programmi che leggono ebook con la
      voce sintetica del pc. E posso ascoltare
      centinaia di libri all'anno che leggendo su carta
      non avrei
      tempo.
      Poi se necessario mi stampo su carta gli ebook
      (di solito saggi sotto le 100 pagine e mai
      romanzi).

      Risultati:
      non ho problemi di spazio fino a 7.000 ebook in
      un
      cd
      non spendo + per leggere
      mi ricordo di + quello che leggo (ascoltare si
      ricorda meglio di
      leggere)
      Continuo a leggere anche su carta: i 2 sistemi
      possono
      coesistere.Un libro si legge non si ascolta! Che poi l'uso dell'E-ink possa rappresentare il futuro sono d'accordo.
      • giorgio1769 scrive:
        Re: L'ebook non si legge...si ascolta :)
        - Scritto da: Enjoy with Us
        Un libro si legge non si ascolta! Che poi l'uso
        dell'E-ink possa rappresentare il futuro sono
        d'accordo.Un libro si legge non si ascolta? Chi lo stabilisce?E' una tua opinione. Allora allo stesso modo potrei dire un libro si legge su carta non su e-ink.Dal punto di vista antropologico prima dei libri, la cultura si tramandava a voce, perciò è + naturale per un uomo ascoltare che leggere.Io ho scritto che si possono fare entrambe le cosein base al tipo di testo. Nessuno dice aboliamo il cartaceo e ascoltiamo i libri.La radio non è scomparsa con la tv e la tv non scompare con internet... però ogni mezzo avrà una diversacollocazione se esce qualcosa di nuovo.Personalmente uso tutte le tecnologie possibili e non mi precludo nulla. Mi rendo conto che quando qualcuno propone 1 cosa insolita pochi lo seguono x conformismo.Ma a me il mio sistema funziona e chissenefrega se lo usano pochi. Ho tanti vantaggi.
    • 987 scrive:
      Re: L'ebook non si legge...si ascolta :)
      Che pagliacciataAscoltare richiede molto più tempo, non puoi tornare avanti e indietro come fai, naturalmente, con gli occhi, non puoi ascoltare schemi o immagini, non vedi il cambio di fontI libri di solito sono pensati per essere letti
  • Marco Andrei scrive:
    Poveri occhi costretti a leggere su uno
    E' risaputo che guardare uno schermo non fa certo bene agli occhiin quanto si riduce l'ammiccamento necessario a tenereumettati gli occhi.Più ci si concentra a leggere uno schermo meno si ammicca epiù ci roviniamo gli occhi.Se addirittura passiamo a leggere libri interi allo schermopenso che per gli occhi diventerà preoccupante il loro stato disalute.
    • ba1782 scrive:
      Re: Poveri occhi costretti a leggere su uno
      Si infatti... senza poi dire che, almeno personalmente, guardare un monitor a lungo mi stanca proprio fisicamente...
      • Suricato scrive:
        Re: Poveri occhi costretti a leggere su uno
        mai provato un display e-ink vero?quando l'avrete fatto tornate qua e smentitevi...oppure per essere sicuri fate così: per non stancare gli occhi in assoluto cucite le palpebre con un ago e un po' di filo...
        • marco andrei scrive:
          Re: Poveri occhi costretti a leggere su uno
          Non è che lo schermo "stanca" gli occhi, magari fosse solo quello... prova chiedere al tuo oculista e poi torna qui a dirci cosa ti ha detto.
          • Josafat scrive:
            Re: Poveri occhi costretti a leggere su uno
            Se conosci la risposta dell'oculista, ti pregherei di anticiparla. Quale può essere la differenza tra carta e e-paper, da questo punto di vista?
  • Homo Liber scrive:
    BAEN Books
    Baen è una libreria/editrice americana specializzata in fantascienza.Loro regalano il primo (o i primi due) volumi delle saghe che pubblicano, sapendo che, se piacciono, molti lettori acquisteranno i seguiti, elettronici o su carta.A quanto ne so, hanno avuto ottimi riscontri. Gli autori bravi e sconosciuti hanno scalato le classifiche.;-)
  • Enjoy with Us scrive:
    I librai hanno ragione
    L'ebook rappresenta la loro fine, il fatto che ancora non si sia ancora concretizzata è solo per il fatto che mancano device decenti per potersi leggere con una comodità paragonabile al cartaceo un libro.Aspettate che la tecnologia dell'E-ink maturi (più che altro nei prezzi) e poi vedremo che fine faranno le varie librerie quando potrai scaricare dai internet a prezzi molto vantaggiosi (o via P2P addirittura gratis) tutti i libri che vuoi, evitando gli ingombri tipici dei libri, leggi scaffali ingombranti e polverosi!A essere il proprietario di una libreria qualche timore per il futuro lo avrei....
    • Terminator scrive:
      Re: I librai hanno ragione
      Penso peró ai libri con le foto... tipo quelli con le ricette. Che fai, lo compri elettronico? E poi fai fuori le tanichette della stampante per stamparti la ricetta del giorno? Non é la stessa cosa che la carta. Purtroppo, pur essendo super fans delle cose tecnologiche, penso che per molti libri sia ancora meglio la carta. Ovviamente si puó far a meno per i romanzi di solo testo. Quelli sí, possono secondo me essere anche tutti elettronici.
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: I librai hanno ragione
        - Scritto da: Terminator
        Penso peró ai libri con le foto... tipo quelli
        con le ricette. Che fai, lo compri elettronico? E
        poi fai fuori le tanichette della stampante per
        stamparti la ricetta del giorno? Non é la stessa
        cosa che la carta. Purtroppo, pur essendo super
        fans delle cose tecnologiche, penso che per molti
        libri sia ancora meglio la carta. Ovviamente si
        puó far a meno per i romanzi di solo testo.
        Quelli sí, possono secondo me essere anche tutti
        elettronici.e ti pare poco, se ad una libreria togli tutti i best seller cosa gli rimane da vendere? I libri per bambini, i libri di ricette e qualche atlante fotografico...
      • Funz scrive:
        Re: I librai hanno ragione
        Io invece penso che la manualistica sia uno dei settori dove l'e-book presenterebbe i vantaggi più grossi. Non ci sono solo le ricette, ci sono anche tomi da centinaia di pagine, dizionari...
        • staza scrive:
          Re: I librai hanno ragione
          il fascino di avere un libro carteceo però è indubbio... almeno a chi piace leggere e che come me ama circondarsi di libri :)quello che mi frena dall'andare in libreria ad acquistare a man bassa libri è relativo al loro costo esorbitante (15 in su!!!), proprio per questo è da anni che mi rivolgo al mercato dell'usato, economico e trovi anche libri in buone/ottime condizioni (magari erano di collezionisti maniaci come me :D)se uscissero device decenti per leggere e-book senza doverci rimettere la vista o dover girare con un apparato grande come un portatile, lo acquisterei più che volentieri, ma di sicuro, piu di 2/3 ad ebook non glieli darei!
    • Caaaaaa scrive:
      Re: I librai hanno ragione
      E' da decenni che si parla di scomparsa dei libri e non è mai successo...L'eink e solo l'ennesimo tentativo.Secondo me invece l'unico device interessante sarebbe una stampante economica che stampi il libro e lo rileghi a caldo.Scarichi il libro da internet e te lo stampi da solo.
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: I librai hanno ragione
        - Scritto da: Caaaaaa
        E' da decenni che si parla di scomparsa dei libri
        e non è mai
        successo...
        L'eink e solo l'ennesimo tentativo.
        Secondo me invece l'unico device interessante
        sarebbe una stampante economica che stampi il
        libro e lo rileghi a
        caldo.
        Scarichi il libro da internet e te lo stampi da
        solo.Ho avuto modo ti utilizzare per prova uno di questi ebook, ti posso assicurare che si ha l'impressione proprio di essere davanti ad una pagina stampata, si legge benissimo anche sotto la luce solare diretta (es. in spiaggia sotto l'ombrellone), l'autonomia è molto buona si parla di oltre 800 pagine di autonomia (poi dipende dal modello) è piccolo e leggero meno di 200 grammi, circa un A5 come dimensioni. Ha uno slot per SD, compatibile almeno fino a 4 Gb (era la dimensione dell'SD che era montata), cosa che consente di memorizzare migliaia di libri.La nota dolente sono i prezzi da 300 euro a salire, Io infatti aspetto solo che incomincino a proporlo a un centinaio di euro per correre a comprarlo
        • pippo scrive:
          Re: I librai hanno ragione

          Ho avuto modo ti utilizzare per prova uno di
          questi ebook, ti posso assicurare che si ha
          l'impressione proprio di essere davanti ad una
          pagina stampata, si legge benissimo anche sotto
          la luce solare diretta (es. in spiaggia sotto
          l'ombrellone), l'autonomia è molto buona si parla
          di oltre 800 pagine di autonomia (poi dipende dal
          modello) è piccolo e leggero meno di 200 grammi,
          circa un A5 come dimensioni. Ha uno slot per SD,
          compatibile almeno fino a 4 Gb (era la dimensione
          dell'SD che era montata), cosa che consente di
          memorizzare migliaia di
          libri.
          La nota dolente sono i prezzi da 300 euro a
          salire, Io infatti aspetto solo che incomincino a
          proporlo a un centinaio di euro per correre a
          comprarloIo l'ho comprato, l'altro grosso difetto che ha è il supporto al dannato PDF, ti ritrovi a leggere pagine con font microscopici ma con 2 cm di bordo rigorosamente BIANCO!!!L'alternativa, usare lo zoom, sarebbe interessante, se non facesse rimpiangere giava per la velocità :|
      • Suricato scrive:
        Re: I librai hanno ragione
        guarda, un anno fa (forse 2 non ricordo) ne comprai uno a circa 250 euro, e da quando ce l'ho leggo più libri di primal'e-ink non è solo l'ennesimo tentativo, è IL tentativo, credimi è come leggere su carta non ti fa male agli occhi e finalmente si può risparmiare qualche albero...l'unico problema è che non ci puoi caricare tutto sia per problemi di formati sia per problemi di dimensioni dello schermo (è come un foglio A5) ma del resto è fatto per leggere libri-romanzi-storie-robasimile non quotidiani e atlantiaverne 1 con schermo grande per ogni famiglia penso sarebbe la fortuna dei giornalai... invece di stampare su carta ti spediscono il file così risparmiano pure sul costo della carta e della distribuzione ;)
    • ba1782 scrive:
      Re: I librai hanno ragione
      Secondo me la carta va sostituita all'hard disk solo nella PA... Un libro è un libro... e se vuoi fare una dedica a qualcuno/a sull'ebook come fai? :P
      • Suricato scrive:
        Re: I librai hanno ragione
        ci sono ebook che dispongono di una wakom sopra il display che ti permette di registrare sopra le pagine ciò che scrivi (ottimo per chi va a scuola) ;) uno a caso (forse l'unico) l'iliad però costa un bordellohttp://www.irextechnologies.com/products/features
    • Ciccio scrive:
      Re: I librai hanno ragione
      Ma si sta scherzando?Qui si mette in dubbio la superiorità NETTA della carta sul e-bookCome si può paragonare un libro fisico, carta e inchiostro, ad uno sterile schermo?Io, avendo una libreria non da poco, non rinuncerei mai a tutti i miei volumi per relegarli in uno spoglio schermo.La storia è si importante, ma il contatto con il libro stesso ancor di più.
      • Tyler scrive:
        Re: I librai hanno ragione
        Quoto in pieno. Nonostante sia un fanatico dell' high-tech,non scambieri MAI la mia libreria con più di 1000 libri con uno screen. Chi pensa il contrario non ha mai letto un libro.
        • pippo scrive:
          Re: I librai hanno ragione

          Quoto in pieno. Nonostante sia un fanatico dell'
          high-tech,
          non scambieri MAI la mia libreria con più di 1000
          libri con uno screen.

          Chi pensa il contrario non ha mai letto un libro.Penso di batterti a quantità di libri posseduti, ma quell'affare è veramente comodo ;)
          • Tyler scrive:
            Re: I librai hanno ragione
            Bhè, se anche te sei un fanatico di romanzi, fammi sapere. Sarei felice di scambiare opinioni ed interessi. I consigli di chi legge sono apprezzati, qualsiasi genere. Chiaro che non sto neanche a sentire chi legge 2 libri l'anno e si vanta di aver letto il codice da vinci (rotfl)
          • pippo scrive:
            Re: I librai hanno ragione

            Bhè, se anche te sei un fanatico di romanzi,
            fammi sapere. Sarei felice di scambiare opinioni
            ed interessi. I consigli di chi legge sono
            apprezzati, qualsiasi genere. Chiaro che non sto
            neanche a sentire chi legge 2 libri l'anno e si
            vanta di aver letto il codice da vinci
            (rotfl)FS, storie brevi, le mie preferite ;)
          • staza scrive:
            Re: I librai hanno ragione
            iscrivetevi su anobii :)
        • Homo Liber scrive:
          Re: I librai hanno ragione
          - Scritto da: Tyler
          Quoto in pieno. Nonostante sia un fanatico dell'
          high-tech,
          non scambieri MAI la mia libreria con più di 1000
          libri con uno screen.

          Chi pensa il contrario non ha mai letto un libro.Fino a 10 anni fa leggevo una media di un libro ogni due-tre giorni.Oggi, purtroppo, non riesco a dedicare più di un paio d'ore al giorno alla lettura, e spesso non ho il tempo di prendere in mano un libro.Di tutti questi libri che ho letto (alcune migliaia, non so esattamente quanti), quelli degni di essere tenuti sono circa uno su 100 (gli altri so già che non li riprenderò mai in mano).Ora ho un iLiad. E posso iniziare un viaggio in treno portandomi dietro 200 titoli tra cui scegliere quello che leggerò in carrozza.E ho buona parte della mia biblioteca (circa 25.000 libri) in un paio di DVD (lo spazio per tenerli, soprattutto nei centri storici, vale molto di più della maggior parte dei libri).Su carta ho solo quelli per la consultazione rapida, alcuni saggi e le edizioni preziose (come i Promessi Sposi del 1870).L'importante è non confondere la lettura con il collezionismo.Il libro elettronico è il compagno perfetto per la lettura, ma non potrà mai rimpiazzare il collezionismo, e il bisogno di possesso che questo soddisfa.;-)
          • Tyler scrive:
            Re: I librai hanno ragione
            Scusami Homo, ma cosa te ne fai di 200 libri da portarti dietro? Soprattutto se già letti! Se come dici dedichi 2 ore al giorno alla lettura allora leggerai un libro a settimana come minimo. Ti vuoi portare dietro 4 anni di libri?Ma dove vai in treno, su un'isola deserta?E poi, capisco i problemi di spazio, ma preferisco avere il mio migliaio di libri letti sugli scaffali che 25,000 mai aperti in un DVD!Poi ognuno è libero di fare come vuole, ma guardare quella parete e pensare alle emozioni che mi ha dato non ha prezzo, per far vedere agli amici come è trendy l' e-book c'è mastercard :D
          • pippo scrive:
            Re: I librai hanno ragione


            Quoto in pieno. Nonostante sia un fanatico dell'

            high-tech,

            non scambieri MAI la mia libreria con più di
            1000

            libri con uno screen.



            Chi pensa il contrario non ha mai letto un
            libro.

            Fino a 10 anni fa leggevo una media di un libro
            ogni due-tre
            giorni.
            Oggi, purtroppo, non riesco a dedicare più di un
            paio d'ore al giorno alla lettura, e spesso non
            ho il tempo di prendere in mano un
            libro.Già, purtroppo :'(
            Ora ho un iLiad. E posso iniziare un viaggio in
            treno portandomi dietro 200 titoli tra cui
            scegliere quello che leggerò in
            carrozza.Io il sony
            L'importante è non confondere la lettura con il
            collezionismo.
            Il libro elettronico è il compagno perfetto per
            la lettura, ma non potrà mai rimpiazzare il
            collezionismo, e il bisogno di possesso che
            questo
            soddisfa.

            ;-)STRAQUOTO
        • Suricato scrive:
          Re: I librai hanno ragione
          ti è mai capitato che il vento o la stessa struttura del libro faccia un modo che tu debba tenere ferme le pagine perché altrimenti ti si girano da sole (mentre stai leggendo)?con l'ebook non accade.... e quella cosa per me è frustrantepoi non metto in dubbio che il tatto sulla carta e che studiare su un libro renda molto di più che toccare uno schermo e studiare su uno schermo... ma se leggere deve essere un passatempo allora preferisco leggermi un ebook su un display e-inkse non altro è meno ingombrante e me lo porto dove voglio facendo un favore a qualche albero-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 luglio 2008 11.17-----------------------------------------------------------
          • Tyler scrive:
            Re: I librai hanno ragione
            - Scritto da: Suricato
            ma se leggere deve essere un passatempo allora
            preferisco leggermi un ebook su un display
            e-inkBasta che lo fai... :)
      • Arunax scrive:
        Re: I librai hanno ragione
        Verissimo... il libro cartaceo è ben più di quello che sembra: non è solo un veicolo per trasmettere un contenuto (romanzo, saggio o minchiata che sia), è un mezzo che trasmette emozioni (come il vinile per la musica), è un oggetto d'arredamento (ve le immaginate le case come sarebbero tristi e vuote senza le meravigliose librerie? e le biblioteche?), è un mezzo per lo studio (mai notato che generalmente i libri non si leggono soltanto, ma si vivono? si sottolineano, si scrivono, si etichettano...).L'e-book e l'e-ink hanno comunque una grande utilità che non è sostitutiva al libro cartaceo ma complementare. In viaggio, ad esempio, un e-book è certamente più comodo di un libro. Il formato elettronico è utile anche per la conservazione e la diffusione della cultura (una biblioteca ad esempio, avendo prestato tutte le copie di un libro, potrebbe permettere la consultazione dell'ebook). Per non parlare dell'utilità della tecnologia e-ink in altri campi, come per esempio in schermi per apparecchi portatili a bassissimo consumo.Personalmente penso che la cosa migliore sarebbe vendere i libri fisici con anche l'ebook incluso: così ognuno potrebbe scegliere l'alternativa che preferisce.
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: I librai hanno ragione
          - Scritto da: Arunax
          Verissimo... il libro cartaceo è ben più di
          quello che sembra: non è solo un veicolo per
          trasmettere un contenuto (romanzo, saggio o
          minchiata che sia), è un mezzo che trasmette
          emozioni (come il vinile per la musica), è un
          oggetto d'arredamento (ve le immaginate le case
          come sarebbero tristi e vuote senza le
          meravigliose librerie? e le biblioteche?), è un
          mezzo per lo studio (mai notato che generalmente
          i libri non si leggono soltanto, ma si vivono? si
          sottolineano, si scrivono, si
          etichettano...).
          L'e-book e l'e-ink hanno comunque una grande
          utilità che non è sostitutiva al libro cartaceo
          ma complementare. In viaggio, ad esempio, un
          e-book è certamente più comodo di un libro. Il
          formato elettronico è utile anche per la
          conservazione e la diffusione della cultura (una
          biblioteca ad esempio, avendo prestato tutte le
          copie di un libro, potrebbe permettere la
          consultazione dell'ebook). Per non parlare
          dell'utilità della tecnologia e-ink in altri
          campi, come per esempio in schermi per apparecchi
          portatili a bassissimo
          consumo.
          Personalmente penso che la cosa migliore sarebbe
          vendere i libri fisici con anche l'ebook incluso:
          così ognuno potrebbe scegliere l'alternativa che
          preferisce.Io sono un divoratore di romazi, narrativa, fantascienza, triller, nella mia vita avrò letto almeno duemila libri, senza considerare quelli di scuola.Concordo sul fascino del libro di carta, ma è anche estremamente scomodo. I libri occupano spazio, si impolverano, pesano, in casa ne avrò circa 800, gli altri (quelli che non mi sono piaciuti)li ho dati via.Questi lettori E-ink secondo me rappresentano il futuro, ancora hanno dei difetti di gioventù e un prezzo troppo elevato, ma sono convinto che non appena raggiungeranno prezzi più adeguati (sotto i 100 euro) si assisterà ad una loro diffusione a macchia d'olio.Chiaro che qualche libro cartaceo uno lo conserverà sempre, ma i vari romanzetti, fantascienza ecc... è evidente che passeranno in formato elettronico e sinceramente se dovessero venderli a 15 euro come la versione cartacea, sarò il primo a scaricarmeli a gratis da internet!
    • L S scrive:
      Re: I librai hanno ragione
      Io, da amante deila lettura, continuerò ad acquistare libri in formato cartaceo.
      • pippo scrive:
        Re: I librai hanno ragione

        Io, da amante deila lettura, continuerò ad
        acquistare libri in formato
        cartaceo.L'amazzonia ti ringrazia...
      • Homo Liber scrive:
        Re: I librai hanno ragione
        - Scritto da: L S
        Io, da amante deila lettura, continuerò ad
        acquistare libri in formato
        cartaceo.Hai mai provato a leggere un e-ink senza partire prevenuto?
        • XYZ scrive:
          Re: I librai hanno ragione
          - Scritto da: Homo Liber
          - Scritto da: L S

          Io, da amante deila lettura, continuerò ad

          acquistare libri in formato

          cartaceo.

          Hai mai provato a leggere un e-ink senza partire
          prevenuto?Questo è un discorso molto simile a quello che si può fare riguardo al mondo dei vinili..La mia opinione è che è giusto comprare libri allo stesso modo in cui è giusto comprarli in formato elettronico (e come dice Suricato, salvare qualche alberello).O meglio, La mia audioteca (come la mia biblioteca d'altronde) è ricca e ben fornita, ma la prudenza (che in viaggio non è mai troppa) mi spinge a digitalizzare, e anzi, ultimamente vista la penuria "di cose interessanti" sia da leggere che da ascoltare sto sempre più passando al digitale(pdf x libri e .wav/.flac/.ape per audio, s'intende), apparte quelle rare occasioni in cui (data l'introvabilità o la bellezza), l'acquisto di un vinile o anche di un libro diventa un bell'obbligo da assecondare. :)
Chiudi i commenti