Tariffe di terminazione, europee nel 2011

Il sottosegretario Paolo Romani ritiene che il piano dell'Authority TLC sia coerente con la regolamentazione in corso in Europa

Roma – “Nel 2011 le tariffe di terminazione mobile proposte dall’ Agcom saranno in linea con la media dei Paesi europei”: con queste parole il sottosegretario allo Sviluppo economico Paolo Romani ha risposto ieri ad un’interrogazione parlamentare che tirava orecchie e giacchetta all’Authority TLC italiana sulle tariffe applicate tra i diversi operatori di telefonia cellulare.

L’interrogazione, presentata dal deputato leghista Gianluca Pini, ha messo in evidenza ancora una volta che “il livello di terminazione mobile definito dall’Agcom risulta più che doppio rispetto a quello calcolato dall’omologa Autorità francese, e la Commissione europea ritiene non giustificabile il persistere di questa diseguaglianza”.

Il piano sviluppato dall’Autorità presieduta da Corrado Calabrò definisce un taglio del 30% nei prossimi tre anni, che porterà – entro luglio 2011 – ad una tariffa di 5,9 centesimi al minuto per TIM, Vodafone e Wind, e di 7 centesimi al minuto per 3 Italia, l’ultimo operatore arrivato sul mercato.

Il sottosegretario Romani ha aggiunto: “Tutti e quattro gli operatori mobili hanno tariffe regolamentate e, precisamente, c’è una proposta di discesa per il prossimo triennio, tutt’ora allo studio della Commissione Europea, che porterà i prezzi italiani in linea con l’UE”. E sullo squilibrio tra tariffe di terminazione mobile e fissa, ha motivato così le differenti posizioni dell’Autorità: “Sul fisso l’Agcom ha adottato un approccio regolamentare innovativo che riconosce il costo della concorrenza e, più in generale, lo sforzo a investire per affermare una concorrenza di tipo infrastrutturale”, mentre per quanto riguarda il fronte della telefonia mobile “tutti gli operatori partono con una propria infrastruttura e non devono affidarsi a quelle di altri”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • sergio moretti scrive:
    copertura wi max
    Non vorrei che facessero come per brescia che doveva essere coperta per fine anno.Quale non si sa.Non so se Linkem ha la struttura ed i mezzi per poter realizzare quello che promette,in tempi certi e vicini.
  • Crotonese scrive:
    finalmente||
    Finalmente qualcosa di positivo per la nostra città!!
  • Senza ADSL scrive:
    Qualcuno ha Linkem??
    Ne sento spesso parlare ma, non ho trovato nessuno che ancora utilizzi il WiMax di Linkem....Funziona?Ha IP pubblico ?Il P2P è filtrato ?Saluti
  • bellali scrive:
    Fra quanti decenni...
    ...riusciranno a fare arrivare a casa mia una qualunque tecnologia che offra un servizio di broad band...stiamo parlando di una delle zone piu' produttive d'italia non della cima coppi del giro d'italia.Che poi secondo me la telecom dovrebbe portare l'adsl ovunque come servizio universale perche' purtroppo il wireless non sara' mai all'altezza di un cavo (fibra o doppino che sia)
Chiudi i commenti