Tecnologie dimenticate

Un carpentiere scova un modo per sollevare enormi pietre con tecnologie antiche

Roma – Nell’era dell’elettronica, della robotica e delle strutture di sollevamento industriali, può far sorridere che qualcuno lavori su tecnologie antiche per spostare enormi pietroni. Ma sono sistemi che possono gettare luce su come un tempo venivano sollevati certi pesi.

Ad indagare è un carpentiere in pensione, l’inglese Wally Wallington, che per l’occasione ha messo su un sito web dal titolo emblematico, La tecnologia dimenticata . Un sito nel quale racconta come “dodici anni fa dovevo rimuovere blocchi di cemento da 1200 libbre da un pavimento da esposizione. Il problema è che non avevamo una macchina che poteva raggiungere alcuni di questi blocchi (…) Utilizzando alcune rocce e ponendole in equlibrio, ho rimosso i blocchi da sotto la pavimentazione fino ad una posizione nella quale potevano essere raggiunti e rimossi”.

Secondo Wallington, che presenta sul suo sito un filmato Quicktime sulla sua “antica tecnologia”, questo genere di strumenti, fatti di mezzi disponibili da millenni, potrebbero essere alla base di alcune costruzioni antiche, come Stonhenge, sulla cui realizzazione permangono ancora dubbi da parte degli storici.

Qui sotto il video:

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • dmetal scrive:
    godo
    come da oggetto
  • Hiei3600 scrive:
    Mi Domando....
    ...come mai PI faccia un articolo ogni qual volta ci sono operazioni del genere...solo perché riguardano l'informatica(Anche se il problema vero con l'informatica non ha NIENTE a che fare),o forse perché pensano che ci sia molta gente che legge Punto Informatico che questo argomento tocca in prima persona?(newbie)
    • veritas scrive:
      Re: Mi Domando....
      non sappiamo niente degli indagati,alcuni dei quali probabilmente non sono pedofili (basta avere anche un solo file di una 17-18nne nudo-a per essere considerati impropriamente pedofili)gli altri poi dovrebbero essere pedofili virtuali ovvero gente con fantasie moralmente riprovevoli ,molti dei quali in realtà non hanno mai fatto male a nessun bambino e che dovrebbero essere punite,secondo me, se hanno appunto alimentato con i loro acquisti questo squallido mercato!prima di fare poi i giustizialisti vi ricordo che spesso sono indagati ignari genitori o ignare vecchiette che essendo titolari del numero telefonico sotto indagine,sconoscevano del tutto quello che facevano figli e nipoti!il fatto che i siti pedoporno siano raddoppiati lo trovo gravissimo e questo denota l'incapacità e l'inettitudine di tutte le polizie nazionali e internazionali di colpire i veri criminali della pedopornografia ovvero i gestori di tali siti che proliferano tranquillamente!ovvio che è più facile colpire l'utente beota che memorizza e scambia foto che può trovare gratuitamnte in questi siti che nessuno riesce ad oscurare!questi blitz mascherano in realtà il fallimento di questa giusta lotta e servono a gettare fumo negli occhi della gente in modo da far credere di catturare pericolosi pedofili,i quali nella realtà non si accontentano certamente di immagini vìrtuali!prendersela con lo stupido studente o impiegato che fa scambi proibiti è più facile che combattere le grandi mafie internazionali del pedocrimine!
      • Hiei3600 scrive:
        Re: Mi Domando....
        Per non parlare del fatto che tutto il materiale nelle reti P2P è praticamente impossibile da estirpare,altro che oscuramento siti...
        • veritas scrive:
          Re: Mi Domando....
          - Scritto da: Hiei3600
          Per non parlare del fatto che tutto il materiale
          nelle reti P2P è praticamente impossibile da
          estirpare,altro che oscuramento
          siti...CIò APPUNTO DIMOSTRA L'IMPOTENZA DELLE VARIE POLIZIE ,che poi si rifanno sugli stupidi ed idioti ,spesso innocui,voyeurs dipingendoli poi come mostri pedofili ,mentre i veri mostri gongolano e proliferano!
          • veritas scrive:
            Re: Mi Domando....
            è ovvio che è moralmente riprovevole chi memorizza e scambia foto con soggetti impuberi violentati,ma il reato dovrebbe scattare solo quando costui compra o vende questo materiale proibito;naturalmente chi le produce deve essere severamente punito!il solo vedere e memorizzare qualcosa di osceno o di brutto (ottenuto gratuitamente,non dovrebbe implicare alcun reato ,se no se vediamo e memorizziamo un'esecuzione capitale dovremmo ,seguendo questa logica,essere accusati di complicità nell'omicidio!cmq è bene rispettare la legge e non memorizzare o scambiare alcunchèdi proibito!
          • Sono arrabbiato scrive:
            Re: Mi Domando....
            Si, anche perchè comunque nell'articolo si parla di contenuti a pagamento.Dunque essendo a pagamento chi li richiede è evidentemente una persona con determinati problemi che appunto pagando alimenta questo "mercato".Sul p2p il fattore pagamento dei contenuti non esiste perchè è gratis e dunque non credo si alimenti un bel niente se non le malattie mentali della gente che questo tipo di contenuti li richiede.Fermo restando il fatto che c'è la legge che vieta e dunque questo materiale non dovrebbe nemmeno circolare, ricordiamoci che sono proprio i siti che fanno pagare i contenuti che inducono a questo fenomeno perchè è ovvio che se una cosa è gratis a nessuno conviene fare un qualcosa per cui si spende del tempo e del denaro e poi non si ha nessun ritorno economico.Queste retate così non dovrebbero nemmeno servire perchè tali siti a pagamento dovrebbero essere chiusi appena vengono aperti!
          • rotfl scrive:
            Re: Mi Domando....
            - Scritto da: veritas
            appunto mi chiedo perchè non li chiudono e perchè
            permettano che
            proliferino

            la risposta è cinicamente ovvia:se no come li
            catturano i pedofili virtuali se non ci sono i
            siti ove
            attingono?Perche' non ne sono in grado. Quelli che mettono in giro questo materiale sono protetti da organizzazioni criminali con legami nella politica.
  • Kakapoko Kifapokomo to scrive:
    niente russia!?
    a parte che bisogna sapere dove vengono perpetrati i crimini reali, prima di quelli virtuali (non "prima" in senso temporale) ... comunque mi stupisce che la Russia non sia toccata da questa indagine. strano. Meglio così, perchè la Russia è grande...
  • James Earl Cash scrive:
    io non ci credo...
    Boh, io non ci credo che il numero di pedofili è raddoppiato dall'anno scorso...ho paura che sia la solita tattica per creare allarmismo e giustificare manovre e leggi che in casi normali sarebbero definite FOLLI...
    • Nome e cognome scrive:
      Re: io non ci credo...
      Ma no tranquillo esistono veramente ed è giusto chiudere internet per evitare che si sappia in giro che ci sono i mostri.
    • BLah scrive:
      Re: io non ci credo...
      Eì aumentato perché sono aumentate le mamme svampite che vestono le bambine di 5 anni come le veline.
  • cicciopasti ccio scrive:
    Chiudeteli dentro e buttate la chiave
    Chiudeteli dentro e buttate la chiave a sta gente,e nessun sconto di pena........
    • disilluso scrive:
      Re: Chiudeteli dentro e buttate la chiave
      buttare via la chiave in un paese dove un ubriaco che uccide 4 ragazzi al volante prende una pena pari a 1 anno e mezzo per morto in un'appartamento spesato dallo stato (leggi: dalle tasse)? ci credero' quando verra' a dirmelo babbo natale in persona...
      • Kakapoko Kifapokomo to scrive:
        Re: Chiudeteli dentro e buttate la chiave
        - Scritto da: disilluso
        ci credero' quando verra' a dirmelo babbo
        natale in
        persona...al massimo Babbo natale viene a dArtelo
Chiudi i commenti