Telecom multata con 145mila euro

Telecom multata con 145mila euro

Secondo l'Autorità TLC sono sufficienti a rendere giustizia di comportamenti scorretti tenuti nel biennio 2000/2001, comportamenti che hanno pesato sulla concorrenza. Non è la prima sanzione a carico di Telecom Italia
Secondo l'Autorità TLC sono sufficienti a rendere giustizia di comportamenti scorretti tenuti nel biennio 2000/2001, comportamenti che hanno pesato sulla concorrenza. Non è la prima sanzione a carico di Telecom Italia


Roma – Il Consiglio dell’Autorità per le garanzie nelle telecomunicazioni ha ieri reso noto la decisione di sanzionare Telecom Italia per 144.607 euro. Una multa che arriva come conseguenza di quelli che sono descritti come comportamenti lesivi della concorrenza e dei consumatori sul mercato TLC.

L’ Autorità TLC ritiene che una multa di questa dimensione sia sufficiente a far giustizia, nello specifico, di omessa comunicazione preventiva all’Autorità di offerte commerciali lanciate sul mercato senza le istruttorie necessarie, offerte finite numerose volte tra le molte denunce presentate in quegli anni all’Autorità dai concorrenti di Telecom Italia. Una parte della sanzione si deve inoltre ad un “indebito scambio di informazioni” tra i due principali settori di Telecom Italia: “servizi” e “rete”.

Il commissario dell’Autorità Alessandro Luciano, relatore di uno dei provvedimenti con cui si è giunti alla sanzione, ha affermato: “Anche se il comportamento dell’azienda è divenuto più collaborativo nei tempi recenti con l’Autorità e nei confronti della concorrenza, l’Agcom non può abbassare la guardia nella sua attività di vigilanza di pari passo con lo sviluppo del mercato”. “Si aprono quindi – ha continuato Luciano – nuovi ambiti di contenzioso: penso ad esempio alla carrier preselection, all’unbundling del local loop e all’xdsl e banda larga”. Tutti settori, questi ultimi, sui quali i competitor di Telecom Italia nel 2002 hanno già presentato una serie di denunce.

Quella di ieri non è la prima sanzione che l’Autorità TLC impone a Telecom Italia per comportamenti che hanno danneggiato gli operatori concorrenti e dunque il mercato. Nel maggio del 2001, per esempio, l’Autorità ha sanzionato Telecom Italia con 115 miliardi di lire, una somma allora ritenuta sufficiente a “compensare” quanto accaduto sul mercato del broad band.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

09 01 2003
Link copiato negli appunti