Telegram su Mac: l'ultimo aggiornamento ha risolto due gravi vulnerabilità

Telegram Mac: aggiornare, vulnerabilità risolte

Il più recente update del client Telegram per macOS risolve due gravi vulnerabilità: accertarsi di aver installato l'ultima versione sul proprio Mac.
Il più recente update del client Telegram per macOS risolve due gravi vulnerabilità: accertarsi di aver installato l'ultima versione sul proprio Mac.

Chi è solito affidarsi al client di Telegram per computer Mac si accerti di aver eseguito l'aggiornamento che lo porta alla versione 7.4 poiché contiene le correzioni per due bug definiti “critici” che potrebbero compromettere la privacy. In gioco la riservatezza delle chat e dei contenuti scambiati.

La versione 7.4 di Telegram su Mac risolve due vulnerabilità

Le vulnerabilità in questione causano il salvataggio in locale dei messaggi destinati ad autodistruggersi anche dopo la loro eliminazione e della chiave di accesso all'app sotto forma di testo non cifrato, dunque potenzialmente consentendo a occhi indiscreti di sbloccarla e leggere le conversazioni. A scoprirle è stato il ricercatore Dhiraj Mishra esperto in sicurezza: le ha scovate nella release 7.3 e segnalate allo sviluppatore nel mese di dicembre, concedendogli il tempo necessario per preparare l'aggiornamento e rilasciarlo come avvenuto in gennaio.

Telegram, insieme a Signal, è il servizio che più ha beneficiato dell'esodo di utenti da WhatsApp in seguito all'imposizione dell'obbligo di accettare nuovi termini di servizio per non rimanere esclusi dall'uso dell'applicazione. Il termine è stato posticipato a maggio da Facebook dopo le proteste e il parere contrario del Garante Privacy.

Telegram: il client per macOS aggiornato alla versione 7.4 per risolvere due vulnerabilità critiche

Oggi l'app, a sette anni e mezzo circa dal lancio, può vantare oltre 500 milioni di utenti in tutto il mondo attirati sia dalle tante funzionalità offerte sia dalle caratteristiche implementate che garantiscono un'attenzione particolare alla tutela della privacy. Creata dall'imprenditore russo Pavel Durov, è disponibile su pressoché qualsiasi piattaforma in circolazione: Android, iOS e iPadOS su mobile (c'è ancora persino una versione Windows Phone), Windows, macOS e Linux su desktop, senza dimenticare il client accessibile da browser.

Fonte: Dhiraj Mishra
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti