Telegram Premium è ufficiale: lancio entro fine mese

Telegram Premium è ufficiale: lancio entro fine mese

Telegram Premium è stato confermato ufficialmente dopo mesi di indiscrezioni: la novità sarà attiva entro la fine di giugno.
Telegram Premium è stato confermato ufficialmente dopo mesi di indiscrezioni: la novità sarà attiva entro la fine di giugno.

Telegram conferma le voci di corridoio degli ultimi mesi e annuncia che entro la fine di questo mese sarà attivo un piano Premium. La notizia è stata data direttamente da Pavel Durov, CEO e fondatore della piattaforma, sul proprio canale ufficiale.

L’esecutivo della compagnia non è entrato nel dettaglio del prezzo che avrà l’abbonamento, anche se recenti indiscrezioni hanno parlato di un tier di 5 dollari/euro al mese. In ogni caso, è un’informazione che verrà svelata a breve.

Telegram aggiunge il piano Premium: il messaggio del fondatore

Queste alcune delle parole con cui Pavel Durov ha annunciato l’attesa novità:

“Dal giorno in cui Telegram è stato lanciato quasi 9 anni fa, abbiamo offerto ai nostri clienti più funzionalità e risorse di qualsiasi altra app di messaggistica. Un’applicazione gratuita potente come la nostra è stata rivoluzionaria nel 2013 e lo è ancora nel 2022. […]

Eppure, molti ci hanno chiesto di aumentare ulteriormente i limiti attuali su chat, media e caricamenti di file. Se dovessimo rimuoverli per tutti, però, i costi per i nostri server che gestiscono il traffico sarebbero diventati ingestibili. […]

Ecco perché questo mese introdurremo Telegram Premium, un piano di abbonamento che consentirà a chiunque di acquisire funzionalità, velocità e risorse aggiuntive. Darà inoltre modo agli utenti di supportare Telegram e unirsi al club delle persone che per prima ricevono le novità”.

Il CEO ha tenuto anche a ricordare che tutte le funzionalità esistenti resteranno gratuite e ce ne sono altre in arrivo. Inoltre, anche coloro che non si abboneranno potranno contare su alcuni benefici del piano Premium, come la possibilità di visualizzare documenti, media e sticker inviati dagli utenti che hanno sottoscritto l’abbonamento.

Credo che Telegram debba essere finanziato principalmente dai suoi utenti, non dagli inserzionisti. In questo modo loro resteranno sempre la nostra priorità principale”.

Ha infine concluso Durov.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 11 giu 2022
Link copiato negli appunti