Terremoto ADSL, levata di scudi dei provider

AIIP lancia l'allarme: nei prossimi 18 mesi Telecom potrà fare il bello e il cattivo tempo se l'Autorità TLC approverà il proprio auto-esonero. Ferite aperte sull'ADSL senza linea voce. Cortiana (Verdi): situazione intollerabile


Roma – C’è paura di Telecom Italia, e del ruolo che può svolgere come e più di prima sul fronte dell’ADSL, in una preoccupatissima lettera aperta al Garante delle TLC e a quello del Mercato che appare oggi sul quotidiano romano Il Messaggero in uno spazio acquistato per l’occasione dai 45 membri di AIIP , l’associazione dei maggiori provider italiani.

AIIP, che manifesta preoccupazioni espresse da più parti e che sono già oggetto di una interrogazione parlamentare presentata dal senatore dei Verdi Cortiana, prende di mira il provvedimento con cui l’ Autorità TLC tra le altre cose rivede le proprie competenze : tra queste il fatto di intervenire sulle offerte ADSL di Telecom Italia solo dopo la loro commercializzazione . Non si tratta di faccende di poco conto: oggi Telecom è tenuta a presentare al Garante le offerte con un certo anticipo (ex-ante) anche per garantire che siano riproducibili dai concorrenti. AIIP chiede che Agcom autorizzi preventivamente, con un anticipo di 60-90 giorni, qualsiasi offerta broad band di Telecom: se ciò non accadesse, questo il senso della denuncia dei provider, l’Autorità rinuncerebbe di fatto alle sue prerogative di controllo .

Il provvedimento di Agcom farà testo per i prossimi 18 mesi nel settore della banda larga all’ingrosso , settore dal quale dipende in misura decisiva praticamente tutto quello che va dalla tipologia e dai prezzi delle offerte ADSL fino all’ADSL senza linea voce, al VoIP, alla Tv via Internet, alla videoconferenza e via dicendo. Un mare di servizi che sono al centro del mercato ma che possono avere futuro solo in un regime di concorrenza che è però, già oggi, traballante .

I dati Agcom, che AIIP cita nella sua lettera, affermano infatti che nei primi sei mesi del 2003 Telecom “controllava il 98,3% del mercato all’ingrosso delle connessioni a banda larga su DSL” a fronte di una copertura ridotta nel paese. “In Italia – scrive AIIP – la larga banda non è ancora disponibile in moltissime località e, dove è disponibile, è più lenta e più cara che in altri paesi europei dove la stessa Telecom Italia opera, con il risultato che nel nostro paese la penetrazione è al di sotto della media europea (8,1 accessi in banda larga ogni 100 abitanti al 31 dicembre 2004) e solo al 25esimo posto nel mondo (Information Economy Report 2005 dell’ONU)”.

A fronte di tutto questo, il provvedimento sul quale sta decidendo l’Autorità prevede una fase di transizione di 4-6 mesi durante il quale tutti, dai provider allo stesso Cortiana, temono si verifichi un’assenza di autorità che darà ulteriori spazi a Telecom a danno di tutti i concorrenti ADSL, già oggi messi in seria difficoltà dal dinamismo dell’incumbent alimentato da un deficitario apparato di controllo . “Sono molto preoccupato: – ha dichiarato Cortiana – da un lato le proposte commerciali per la banda larga, come Alice Flat, di Telecom Italia non sono replicabili dai concorrenti, con la scusa di una sperimentazione che coinvolge la larga parte degli utenti flat italiani, al punto che ormai quella società detiene più del 73% del mercato delle ADSL. Dall’altro, l’Autorità Garante sulle Telecomunicazioni rivede il sistema attraverso il quale chi ha il possesso dei cavi di rame, Telecom, deve metterli a disposizione degli altri soggetti, creando così due effetti problematici: la fase di transizione, di 4 o 6 mesi, è una specie di terra di nessuno, e in questi mesi i concorrenti dell’operatore dominante rischiano concretamente il fallimento, e per di più nessuno sa se il nuovo sistema ridurrà il monopolio o lo aggraverà”.

Perché il mercato ADSL riparta e non si fermi ad Alice, AIIP chiede che i prezzi all’ingrosso del bitstream vengano allineati al costo: potrà sembrare arabo ma questo nei fatti consentirebbe agli operatori di investire nelle aree dove oggi l’ADSL non arriva anziché concentrarsi, per ottenere redditività, in zone già ampiamente coperte dalla stessa Telecom o da altri operatori.

Per le ADSL senza linea voce l’Autorità dovrebbe agire subito, secondo AIIP, per far sì che le offerte all’ingrosso di Telecom Italia siano ad un prezzo orientato ai costi (il cosiddetto cost-plus ) anziché orientate al prezzo ai clienti finali (il retail minus ): la situazione attuale e quella che potrebbe consolidarsi in assenza di un intervento del Garante, denunciano i provider, lascia a Telecom “profitti monopolistici” sulle offerte all’ingrosso, ossia su quelle con cui gli ISP devono fare i conti per organizzare le proprie offerte agli utenti finali.

“La mancata applicazione del cost-plus alle ADSL senza fonia – affermano i provider – ucciderebbe sul nascere le offerte degli operatori che offrono servizi voce in IP su ADSL, che verrebbero gravati dal “balzello” di un canone aggiuntivo, distaccato dai relativi costi, per le linee ADSL senza fonia. Prima dell’insediamento degli attuali Commissari, Telecom Italia aveva già tentato di imporre simili condizioni, ritenute in violazione della Delibera 217/00/CONS e dei contratti wholesale in vigore con gli operatori concorrenti, salvo poi rinunciare a quello che, all’epoca, AIIP definì un ?balzello non dovuto’.”

I provider nella lettera sottolineano anche che con l’Antitrust Telecom Italia si era impegnata a realizzare entro il dicembre dello scorso anno un’offerta a banda larga alternativa a quella esistente e a condizioni cost-plus, un’offerta che – denuncia AIIP – non è stata mai realizzata.

“È una situazione intollerabile – ha dichiarato Cortiana – Non solo la banda larga non raggiunge una parte vasta del Paese, lasciando i cittadini e le imprese fuori dalla rivoluzione digitale, perchè garantire questo diritto non è profittevole per Telecom, non solo le nostre tariffe sono altissime se paragonate al resto d’Europa, ma oggi corriamo il rischio che il poderoso incumebent diventi un vero e proprio monopolista”. Cortiana, che ha anche presentato un’ interrogazione parlamentare al ministro delle Comunicazioni, ha sottolineato come in altri paesi, come nel Regno Unito, l’incumbent sia stato spinto ad una divisione specifica e completa dell’aspetto rete (cioè gestione delle infrastrutture) e dell’ambito commerciale (offerte commerciali al pubblico). “Quello che non si può assolutamente fare – ha concluso il senatore dei Verdi – è lasciare le cose come stanno ora, con un operatore che soffoca il mercato e la concorrenza, non garantisce l’accesso ai cittadini, impone tariffe inaccettabili”.

UPDATE pomeridiano

Il provvedimento è stato per ora rinviato: vedi qui

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    e io godo perche'....
    e io godo (anche se la multa e' RIDICOLA) perche' sono staccato da Telecom Italia ed ho con Wind una flat voce e una flat adsl. passando a Tutto Incluso avrei i 150 minuti di chiamate gratuite ai cell. Wind e pagherei 20 euro in meno al mese.peccato che per passare a Tutto Incluso mi vengano chiesti 40 Euro (parenti stretti delle vecchie 80mila lire). il tutto per fare 2 clic su un computer x farmi un cambio di piano tariffario.che bravi!
  • Anonimo scrive:
    Ma cosa c'era scritto sul volantino?
    Non mi è chiaro il motivo per cui sia stata comminata questa condanna.L'offerta TuttoIncluso offre una serie di servizi ad un costo fisso mensile: ADSL flat, chiamate a telefoni nazionali e 150min a cellulari wind.Dato che ho sottoscritto l'offerta e fino ad oggi non ho da lamentarmi del servizio, vorrei capire di cosa si parla quando si dice che "le condizioni non sarebbero più state applicate a partire da una certa data".Qualcuno sa esattamente a cosa si riferisce tale frase?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma cosa c'era scritto sul volantino?
      anche io stessa offerta tua, ma non capisco a cosa si riferiscono con questa condanna...Bhà non mi sembra chiara
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma cosa c'era scritto sul volantino?

      vorrei capire
      di cosa si parla quando si dice che "le
      condizioni non sarebbero più state applicate a
      partire da una certa data".
      Qualcuno sa esattamente a cosa si riferisce tale
      frase?Significa che wind ha osato disallinearsi dal cartello dei prezzi ed è stata punita dalla lobby delle compagnie telefoniche usando, as usual, il disinteresse dei politici (come mai abbiamo tariffe così care?) per colpirla tramite i giudici (sempre indipendentissimi!) in risposta alla artatamente (da astroturfer) fomentata indignazione del becero popolo italiota (sempre convinto di saperne una più del diavolo) indignato, alla fin fine, del fatto che una compagnia su 4 non gli proponga i prezzi / potere d'acquisto più alti d'Europa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma cosa c'era scritto sul volantino?
      Salve! spero di non essere troppo OT;Siccome sono stufo di pagare il canone telecom pensavo di farmi presso un operatore unico un contratto flat di telefonia fissa + ADSL; l'unica proposta che ho trovato rispondente è stata il TuttoIncluso;Premetto che fino a qualche giorno fa il serviizo sul mio numero di telefono non era attivabile.... ora sembra di si!Cercadno qua e la in rete ho trovato questo interessante articolo su un forum: http://forum.html.it/forum/showthread.php?s=&threadid=907179so della difficoltà di cambiare operatore sia con ADSL che con telefonia (siamo in Italia e quindi... :'( ) Però prima di addentrarmi nella giungla delle offerte e fare magari un passo falso volevo informarmi un pò... uil risultato è che on sono + tanto sicuro di attivare sto TuttoIncluso. O meglio: mi piacerebbe avere qualche info chiara (ad esempio del perchè sul sito di Wind l'offerta non compia :$ )Esiste qualche sito dal quale si possa avere qualche informazione "superpartes" in più?????grazie!Alberto
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma cosa c'era scritto sul volantino?
        Caro Alberto,Io ti posso riferire la mia esperienza. Venni a sapere del Tuttoincluso da un mio parente che ebbe la fortuna di essere raggiunto dal servizio prima del 31 maggio, aggiundicandosi un canone di ?35 al mese.Dopo aver verificato, mesi dopo, di essere raggiunto dal servizio, ho sottoscritto il Tuttoincluso prima della scadenza di Agosto (poi prorogata a Dicembre). Dato che sul sito c'erano alcune condizioni che non mi erano chiare ho chiamato direttamente il 159.Al 159 ho trovato un operatore estremamente cortese, chiaro e disponibile a rispondere a tutte le mie perplessità e con il quale ho perfezionato la richiesta. Dopo 48 ore avevo attivo già con preselezione 1055 la linea voce (con le condizioni del Tuttoincluso) in attesa che completassero il distacco da Telecom e l'attestazione sulla centrale Wind. Dopo dieci gg circa è stata completata l'attestazione con la contestuale attivazione dell'ADSL.Questo è quanto.Ho letto il post da te riferito e non so nulla della gestione di prenotazioni o altro.Al momento l'unica pecca di quest'offerta è la sua limitatissima disponibilità, anche nei grandi centri urbani. Credo che se Wind compisse uno sforzo in tal senso potrebbe drenare una notevole quantità di utenti all'ex(?)monopolista.Spero di esserti stato utile.Fabrizio- Scritto da: Anonimo
        Salve! spero di non essere troppo OT;

        Siccome sono stufo di pagare il canone telecom
        pensavo di farmi presso un operatore unico un
        contratto flat di telefonia fissa + ADSL; l'unica
        proposta che ho trovato rispondente è stata il
        TuttoIncluso;

        Premetto che fino a qualche giorno fa il serviizo
        sul mio numero di telefono non era attivabile....
        ora sembra di si!

        Cercadno qua e la in rete ho trovato questo
        interessante articolo su un forum:

        http://forum.html.it/forum/showthread.php?s=&threa

        so della difficoltà di cambiare operatore sia con
        ADSL che con telefonia (siamo in Italia e
        quindi... :'( ) Però prima di addentrarmi nella
        giungla delle offerte e fare magari un passo
        falso volevo informarmi un pò... uil risultato è
        che on sono + tanto sicuro di attivare sto
        TuttoIncluso. O meglio: mi piacerebbe avere
        qualche info chiara (ad esempio del perchè sul
        sito di Wind l'offerta non compia :$ )

        Esiste qualche sito dal quale si possa avere
        qualche informazione "superpartes" in più?????

        grazie!
        Alberto
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma cosa c'era scritto sul volantino?
          C'è anche chi non è stato fortunato come te...http://www.bloggers.it/tuttoincluso/
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma cosa c'era scritto sul volantino?
        Caro fabrizio,ti ringrazio per la disponibilità. purtroppo con tutto quello c si sente in giro la prudenza non è mai troppa.non ho ancora deciso che fare sincerament... a sto punto penso che una telefonata al 159 sia d'obbligo; infatti non mi è molto chiara la questione (anche fda te accennata) della disponibilità o meno del servizio; sul sito di libero me la danno disponibile... però.... alberto- Scritto da: Anonimo
        Salve! spero di non essere troppo OT;

        Siccome sono stufo di pagare il canone telecom
        pensavo di farmi presso un operatore unico un
        contratto flat di telefonia fissa + ADSL; l'unica
        proposta che ho trovato rispondente è stata il
        TuttoIncluso;

        Premetto che fino a qualche giorno fa il serviizo
        sul mio numero di telefono non era attivabile....
        ora sembra di si!

        Cercadno qua e la in rete ho trovato questo
        interessante articolo su un forum:

        http://forum.html.it/forum/showthread.php?s=&threa

        so della difficoltà di cambiare operatore sia con
        ADSL che con telefonia (siamo in Italia e
        quindi... :'( ) Però prima di addentrarmi nella
        giungla delle offerte e fare magari un passo
        falso volevo informarmi un pò... uil risultato è
        che on sono + tanto sicuro di attivare sto
        TuttoIncluso. O meglio: mi piacerebbe avere
        qualche info chiara (ad esempio del perchè sul
        sito di Wind l'offerta non compia :$ )

        Esiste qualche sito dal quale si possa avere
        qualche informazione "superpartes" in più?????

        grazie!
        Alberto :
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma cosa c'era scritto sul volantino?
      - Scritto da: Anonimo
      Non mi è chiaro il motivo per cui sia stata
      comminata questa condanna.(articolo premonitore) ;) qui c'è qualche motivazione: http://punto-informatico.it/p.asp?i=53946
Chiudi i commenti