Va all'asta la prima calcolatrice portatile di TI

All'asta la prima calcolatrice portatile, prodotta da Texas Instruments a metà anni '60: il valore stimato si attesta da 30000 a 50000 dollari.
All'asta la prima calcolatrice portatile, prodotta da Texas Instruments a metà anni '60: il valore stimato si attesta da 30000 a 50000 dollari.

Giovedì 5 novembre andrà all’asta un pezzo di storia: la prima calcolatrice portatile, prodotta da Texas Instruments tra il 1965 e il 1967. Sarà messa in vendita in occasione dell’appuntamento annuale History of Science & Technology organizzato da Bonhams.

Texas Instruments: la prima calcolatrice portatile all’asta

Gli interessati dovranno farsi trovare pronti a staccare un assegno sostanzioso: il valore stimato è tra 30.000 e 50.000 dollari, ma potrebbe andare ben oltre in caso di rilanci. La progettazione fu curata dall’ingegnere elettronico Jerry Merryman, scomparso nel febbraio 2019, su incarico di Patrick E. Haggerty, co-fondatore e presidente del gruppo. Impiegò circa un paio di anni.

È formata da una tastiera con 18 pulsanti e da un piccolo schermo rettangolare per la visualizzazione dei numeri, il tutto racchiuso in un ingombro pari a 155x105x43 mm. All’epoca la miniaturizzazione delle componenti necessarie per assemblarla era talmente costosa che le poche unità prodotte vennero destinate a impieghi in ambito militare. Le cose cambiarono però presto con una repentina riduzione dei costi e il debutto sul mercato della versione accessibile al grande pubblico, seguita dalle alternative della concorrenza (Canon Pocketronic su tutte, basata sullo stesso design).

La prima calcolatrice portatile di Texas Instruments

Altri tempi, altre tecnologie, altre forme di innovazione. Perché di innovazione si è trattato, soprattutto per coloro alle prese con ricerca e studio della matematica. Oggi le calcolatrici, scientifiche e non, trovano posto all’interno dei nostri computer e dei nostri smartphone, persino negli smartwatch da indossare al polso, sotto forma di software e applicazioni, mentre per chi cerca un dispositivo dedicato la spesa si è ridotta a una manciata di euro.

Fonte: Bonhams
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti