The Merge: il conto alla rovescia su Google

The Merge: il conto alla rovescia su Google

Un piccolo easter egg sulla versione inglese di Google: il motore di ricerca mostra il contro alla rovescia per The Merge di Ethereum.
Un piccolo easter egg sulla versione inglese di Google: il motore di ricerca mostra il contro alla rovescia per The Merge di Ethereum.

C’è anche Google tra coloro che stanno aspettando con una certa ansia The Merge. La testimonianza arriva da quello che può essere definito un piccolo easter egg comparso nel fine settimana sul motore di ricerca, che mostra il conto alla rovescia per il definitivo passaggio della blockchain Ethereum al sistema Proof-of-Stake.

Google, un countdown per The Merge di Ethereum

Nel momento in cui viene scritto e pubblicato questo articolo, il box raffigurato nello screenshot qui sotto compare solo ed esclusivamente nella versione in lingua inglese del servizio. Per attivarlo non bisogna far altro che digitare la query “ethereum merge”. Il gruppo di Mountain View specifica che si tratta di una stima, allegando dettagli in merito alla difficoltà di mining e all’hash rate.

Il conto alla rovescia di Google per The Merge

È opera di Sam Padilla, sviluppatore facente parte del team Google Cloud e più nel dettaglio della squadra al lavoro sui progetti legati alle blockchain. Questo il suo post su Twitter che chiama in causa Vitalik Buterin, fondatore di Ethereum.

Tutti sono molto entusiasti per ciò che sta per accadere e apprezzano il lavoro svolto in questi anni.

Da più parti si ritiene che The Merge, anzitutto in considerazione dei benefici introdotti a livello di sostenibilità (la gestione dell’infrastruttura decentralizzata richiederà meno energia), possa avere conseguenze sull’intero settore delle criptovalute. Anche Bitcoin potrebbe accelerare i tempi verso la transizione a un’era a emissioni zero, arrivando a centrare l’obiettivo forse già entro i prossimi anni, secondo qualcuno prima di fine 2024.

Da verificare poi come questa rivoluzione in casa Ethereum sia in grado di spostare gli equilibri sul fronte del trading. Le piattaforme, gli exchange come Crypto.com e gli altri addetti ai lavori, stanno a guardare, tutti in attesa di comprendere cosa porterà con sé l’abbandono del Proof-of-Work.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 12 set 2022
Link copiato negli appunti