TIM Talks aiuta i non vedenti con il cellulare

Disponibile da questa settimana l'applicazione parlante che consente l'utilizzo del telefonino anche a non vedenti ed ipovedenti

Roma – Il cellulare potrebbe davvero diventare uno strumento user-friendly anche per gli utenti non vedenti se TIM ha fatto bene i compiti: a partire da questa settimana mette a loro disposizione l’applicazione TIM Talks , studiata per consentire a questa clientela un più agevole utilizzo del telefonino.

TIM Talks consiste in un’applicazione (disponibile per alcuni telefonini con sistema operativo Symbian, come i Nokia 6630, 6680 e N70) in virtù della quale una voce elettronica legge all’utente ciò che compare sul display, in base alle impostazioni da lui stesso fissate.

Tommaso Daniele, presidente nazionale dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, commenta: “Fino a qualche anno fa pensare ad un cellulare accessibile era un sogno. Oggi invece è importante sapere che i prodotti ci sono e che funzionano. Sfondare una barriera, come quella dell’inaccessibilità della telefonia mobile, è stato un passo importante per l’autonomia dei non vedenti e il raggiungimento delle pari opportunità”.

Cosa si può fare con TIM Talks? Gestire la messaggistica, quindi SMS, MMS ed email, ma anche utilizzare la rubrica per richiamere un contatto e attivare una telefonata, gestire l’agenda, l’orologio e la sveglia. Operazioni che tutti gli utenti riescono ad effettuare e che ora saranno facilmente accessibili anche a non vedenti ed ipovedenti. Alla base del software c’è “ETI Eloquence”, già utilizzato in altre applicazioni per la lettura dello schermo dei PC.

Nei negozi “il Telefonino”, TIM Talks viene offerto senza costi aggiuntivi al momento dell’acquisto di un telefonino compatibile con l’applicazione. Ulteriori informazioni sul servizio e sul suo funzionamento sono disponibili a questo indirizzo .

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • dierre scrive:
    Che vuol dire "a che pro registrare..."
    un brevetto per un cellulare che coniughi telefonia e gaming?La domanda mi stupisce... se non l'avesse fatto SE l'avrebbe ben presto fatto NK o SI O MOT o chissa quale minuscola azienducola che avrebbe guadagnato miliardi di dollari per il semplice fatto che poi un giorno qualcuno l'avrebbe sviluppata...
    • Mickey Mouse scrive:
      Re: Che vuol dire "a che pro registrare..."
      - Scritto da: dierre
      un brevetto per un cellulare che coniughi
      telefonia e
      gaming?Nokia N-Gadge ??
    • dierre scrive:
      Re: Che vuol dire "a che pro registrare..."

      - Scritto da: dierre

      un brevetto per un cellulare che coniughi

      telefonia e

      gaming?- Scritto da: Mickey Mouse
      Nokia N-Gadge ??Ma non solo, tutti i cellulari hanno dei giochi incorporati e quindi rientrano in questa tipologia, andrebbe approfondito bene cosa hanno registrato esattamente, oltre a capire se nokia ha registrato n-gadge..
Chiudi i commenti