Tiscali: niente fusione con Microsoft

Ne aveva parlato il Corriere della Sera, che annunciava anche le prossime dimissioni di Renato Soru. Ma il provider sardo chiarisce in serata come stanno le cose


Roma – Ieri mattina mezza Italia tecnologica è saltata sulla sedia leggendo il supplemento economico del Corriere della Sera che annunciava la possibile fusione di Tiscali in Microsoft Corporation.

La ghiottissima notizia è rimbalzata rapidamente su tutte le agenzie, condita con i dettagli provenienti da non precisate fonti secondo cui un’alleanza Tiscali-Microsoft è in vista e potrebbe portare alla fusione.

“Sono in corso intensi colloqui – si leggeva sul Corriere – nel corso dei quali si sta prendendo in considerazione un arco di possibilità molto ampio, che va dalla collaborazione tecnologica su singoli settori a un’integrazione più vasta e profonda che potrebbe estendersi a livello della proprietà”.

Il Corriere ipotizzava persino che Soru, che oggi detiene ancora il 30 per cento di Tiscali, si sarebbe ormai stufato della sua avventura (ma ne starebbe “progettando di nuove”) e sarebbe dunque pronto a vendere.

In serata Tiscali ha voluto gettare acqua sul fuoco, spiegando che ci sono colloqui in corso ma che vanno esclusivamente nella direzione di partnership tecnologiche e commerciali con l’azienda di Bill Gates.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    E aggiungo
    questo è bellissimo: www.tv
  • Anonimo scrive:
    Impossibile visualizzare la pagina...
    A voi funzionano?
  • Anonimo scrive:
    E le Circolari Ministeriali?
    Esiste una circolare ministeriale che obbliga i siti delle PA ad essere accessibili secondo le raccomandazioni WAI del progetto WCAG....
    • Anonimo scrive:
      Re: E le Circolari Ministeriali?
      No, c'era solo una raccomandazione dell'AIPA in merito, ma non mi risulta nessun obbligo
  • Anonimo scrive:
    nuove estensioni?
    il dominio è gov.it. Glia altri sono sottodomini.Non ci sono "nuove estensioni"
    • Anonimo scrive:
      Re: nuove estensioni?
      Dici che potevo registrare lalla.gov.it?
      • Anonimo scrive:
        Re: nuove estensioni?

        Da un rapido test porta ancora alla HP di un sito pornografico ma non imita piu' la HP della Casa Bianca.Chiaramente il "rapido test" ti è stato necessario per puro dovere di cronacahe heciao.
      • Anonimo scrive:
        Re: nuove estensioni?
        no, minimo 3 caratteri. Ne ho registrati diversi :-)
        • Anonimo scrive:
          Re: nuove estensioni?
          - Scritto da: AAA
          no, minimo 3 caratteri. Ne ho registrati
          diversi :-)Per chiarezza:"La lunghezza varia da un minimo di 3 ad un massimo di 63 caratteri. Per i nomi a dominio registrati sotto la struttura geografica il limite è tra 1 e 63 caratteri."Fontehttp://www.nic.it/RA/faq/faq-nomi.html#1
          • Anonimo scrive:
            Re: nuove estensioni?

            "La lunghezza varia da un minimo di 3 ad un
            massimo di 63 caratteri. Per i nomi a
            dominio registrati sotto la struttura
            geografica il limite è tra 1 e 63
            caratteri."

            Fonte
            http://www.nic.it/RA/faq/faq-nomi.html#1.....e www.q8.it?
      • Anonimo scrive:
        Re: nuove estensioni?
        - Scritto da: DKDIB

        Veramente la questione e' *molto* +
        semplice: in Italia (come del resto in buona
        parte dei paesi occidentali) non si possono
        registrare domini con meno di 4 caratteri.Per l'Italia lo è sicuramente (vedi mio post, http://www.punto-informatico.it/pol.asp?mid=199402&fid=40400)Per il resto del mondo, non saprei.Es. http://www.qa.com/
      • Anonimo scrive:
        Re: nuove estensioni?

        Veramente la questione e' *molto* +
        semplice: in Italia (come del resto in buona
        parte dei paesi occidentali) non si possono
        registrare domini con meno di 4 caratteri.Nun credo:http://www.php.ithttp://www.asp.it(Si vede che faccio lo sviluppatore?)
        • Anonimo scrive:
          Re: nuove estensioni?

          http://www.php.it
          http://www.asp.it

          (Si vede che faccio lo sviluppatore?)veramente no dato che ne l'uno ne l'altro portano a siti che parlano dei rispettivi linguaggi ;-P
          • Anonimo scrive:
            Re: nuove estensioni?
            AAA: ma quanto tempo ci hai messo per vedere i siti?5 secondi? e poi era una battuta... suvvia...
Chiudi i commenti