Toyota, la grande corsa del robot

La robotica ha il suo Forrest Gump: arriva a 7 chilometri orari e ha battuto il record di Asimo

Roma – Come negli scenari più avveniristici dei film di fantascienza, uomini e robot impareranno a convivere in armonia, magari facendosi una rigenerante corsetta insieme. E qui potrebbe scattare la tentazione eterna della sfida, in questo caso sulla pista, tra muscoli pulsanti e lucide giunture meccaniche. Se la squadra umana potrebbe già contare su primatisti di fama mondiale, quella robotica si sta ancora organizzando, ma ha fatto un piccolo passo da gigante. È infatti recente la presentazione di un nuovo prototipo di robot umanoide , sviluppato da Toyota per tenersi meglio in equilibrio e correre più veloce.

L’ultimo robot corridore è alto 130cm, pesa 50kg ed è dotato di arti più mobili e flessibili, capaci di spingere la macchina ad una velocità media di 7km/h . Esattamente uno in più rispetto a quella del più vecchio e noto Asimo, bipede progettato da Honda e definito dai suoi stessi creatori “il robot umanoide più sviluppato sulla faccia del pianeta”. Lo sarà anche, ma adesso dovrà fare i conti con un altro atleta meccanico.

In un video dimostrativo Toyoya ha illustrato alcuni “Esperimenti di corsa veloce che coinvolgono un robot umanoide”. I primi hanno riguardato il controllo dell’equilibrio nel momento in cui i piedi artificiali cambiano posizione sulla superficie: il robot primatista inizia a scaldarsi, mentre un’addetta lo spinge, cercando di farlo cadere a terra. Qui i ricercatori Toyota sono riusciti a sviluppare metodi in tempo reale per evitare incidenti ed eventuali sbucciamenti di ginocchia.

Nel prosieguo del video, il robot dimostra la sua velocità, garantita da movimenti straordinariamente simili a quelli di una gamba umana. Il bipede artificiale compie un passo ogni 340ms e arriva addirittura a rimanere sospeso in aria per 100ms . Non si tratta, tuttavia, di un prototipo perfetto: la creatura di Toyota non riesce a divincolarsi in percorsi che non siano lisci e rettilinei, al contrario di quanto ha dimostrato il fratello maggiore Asimo. Inoltre, non è capace di sopportare spinte più forti di quelle dell’addetta nel filmato ufficiale di presentazione.

L’atletico robottone è l’ultimo arrivato nella famiglia artificiale Toyota che può già vantare su un nutrito gruppo di creature. A cominciare dal trombettista fino al più recente violinista che si muoveva fluido grazie a 17 articolazioni distribuite tra mani e braccia. Movimenti destinati alla presa di oggetti d’uso comune, per portare questi assistenti del futuro nelle case di tutti quei cittadini bisognosi di assistenza. Per ora, tuttavia, la fantascientifica sfida si tiene all’aria aperta, una sgambata dopo l’altra.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Uno Qualunque scrive:
    Si chiama protezionismo
    ... e il protezionismo è morto da tempo.Non è possibile fermare la rivoluzione digitale.
    • Utente 77 scrive:
      Re: Si chiama protezionismo
      - Scritto da: Uno Qualunque
      ... e il protezionismo è morto da tempo.Sicuro? Ne ho visti diversi esempi nel mercato dell'automotive ultimamente ^^'''
      • Uno Qualunque scrive:
        Re: Si chiama protezionismo
        - Scritto da: Utente 77
        - Scritto da: Uno Qualunque

        ... e il protezionismo è morto da tempo.

        Sicuro? Ne ho visti diversi esempi nel mercato
        dell'automotive ultimamente
        ^^'''Beh d'accordo, per esempio i governi italiani hanno buttato parecchi soldi nella FIAT ma la FIAT non si è mai sognata di lamentarsi del fatto che esistono macchine migliori e che queste non devono essere vendute in Italia.
        • Josafat scrive:
          Re: Si chiama protezionismo
          Si può dire che non aveva bisogno di lamentarsi, a fare protezionismo i governi ci pensavano da soli.Mi ricordo ancora di quando le macchine sportive americane arrivavano in Italia con la maggiorazione del 100%...
        • Utente 77 scrive:
          Re: Si chiama protezionismo
          - Scritto da: Uno Qualunque
          Beh d'accordo, per esempio i governi italiani
          hanno buttato parecchi soldi nella FIAT ma la
          FIAT non si è mai sognata di lamentarsi del fatto
          che esistono macchine migliori e che queste non
          devono essere vendute in
          Italia.Parlando dell'ultimo periodo (quello della crisi), stranamente la FIAT è la case che ha preso meno aiuti dal "suo" governo. Il mio pensiero andava specialmente a Peugeot e Renault, che hanno avuto non pochi aiuti dall'amico Sarkozzo ^^
    • lufo88 scrive:
      Re: Si chiama protezionismo
      Quoto. Questa gente capisce il significato di economia globale solo quando gli va bene.
  • anonymous scrive:
    pensa un po'
    "Le telco vogliono che le chiamate vocali su rete telematica vengano regolate in maniera più stringente. Sono un pericolo per i business locali, ragion per cui vanno imposti regole, balzelli e steccati"eh già, mica come le NOSTRE telco che promuovono la concorrenza nel rispetto dell'utente!
  • Guybrush scrive:
    OMG...
    ...a quelli la vodka fa male.Skype e' uno dei piu' perniciosi programmi di comunicazione, e' difficilissimo da bloccare e anche quando credi di esserci riuscito ecco che ti passa in scioltezza sotto al naso.E se pure riuscissero a bloccarlo basta un tunnel per farlo ri-passare di nuovo.
Chiudi i commenti