Tracking degli utenti, Google assolto

BigG era stato denunciato da Digital Envoy per aver violato gli accordi riguardanti l'utilizzo della tecnologia di marketing tracking Digital IP; a distanza di quasi due anni viene scagionato da ogni accusa


San Jose (USA) – Si chiude definitivamente il caso Digital Envoy con la vittoria schiacciante di Google nel tribunale della Corte Distrettuale della California del Nord. Il gigante di Mountain View era stato denunciato dall’ex partner per aver violato gli accordi riguardanti l’utilizzo della tecnologia “Digital IP”, di proprietà Digital Envoy ed elemento chiave per il tracciamento degli utenti nel marketing online.

Il giudice Richard Seeborg ha ritenuto che Google non abbia violato i limiti contrattuali, estendendo l’utilizzo del sistema ad altri servizi anche se non contemplati dagli accordi. “Digital Envoy non è autorizzato a richiedere un indennizzo. L’appropriazione di segreti industriali non è confermata dalla condotta di Google. Il giudizio non può che essere a favore di Google”, ha dichiarato Seeborg.

La battaglia legale era iniziata a marzo 2004, quando Digital Envoy aveva denunciato Google per aver eluso i limiti contrattuali riguardanti l’utilizzo della sua tecnologia di localizzazione degli utenti per il settore pubblicitario. L’avvento di Google AdSense, in pratica, aveva di fatto acceso la questione, dato che lo sfruttamento sinergico di “Digital IP” non era stato contemplato precedentemente dalle parti.

Google, nell’aprile del 2005, aveva deciso così di depositare una contro-denuncia per dimostrare che le licenze non erano state violate. Il 24 gennaio la Corte si è espressa a favore del colosso statunitense.

A questo punto Digital Envoy non verrà rimborsata in nessun modo, e Google potrà continuare ad integrare la soluzione Digital IP dove preferisce, con grande soddisfazione da parte di tutti i “tracciati”…

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Varità sulla pirateria in Cina
    Io vivo a Pechino,volete sapere la verità?leggete"Pirateria in Cina, la verità"http://www.bloggers.it/mavvaffancina/
  • Anonimo scrive:
    Re: Pochi thread
    oh ca...sono iscritto alla lav e pensavo di averne già viste tante di atrocità ma questa non ha euguali.. la peggiore mai vista in vita mia. ho mandato il link a tutti i miei contatti ...chiunque dovrebbe farlo..informare ...informare..- Scritto da: xuneel
    nei post dove si parlava che yahoo collaborava
    con le autorità cinesi per catturare giornalisti
    e sbatterli in galera per 20 anni c'erano più
    thread.

    Cosa pensi che sia qualch sito warez chiuso in
    confronto a qualche vita rovinata e soprattutto
    alla censura della libertà d'espressione?

    Penso che quando ci saranno i diritti basilari si
    potrà fare scalpore anche per la pirateria che
    c'é in Cina, ma quando ci sono condanne a morte
    per un furtarello, qualche sito warez chiuso non
    è niente. Non fa notizia. Fa più notizia sapere
    che ogni famiglia cinese può comprare
    un'automobile inquinante, o vedere un giornalista
    condannato a 20 anni perché yahoo ha collaborato
    alla sua cattura o vedere certi comportamenti
    cinesi come in http://www.nonlosapevo.com.

    Comunque, con tutti quei bei sistemi di censura
    che hanno in dotazione e che bloccano i siti
    "ribelli" mi chiedo come sia possibile che esista
    la pirateria in Cina.

    ==================================
    Modificato dall'autore il 16/02/2006 13.31.17
  • xuneel scrive:
    Re: Pochi thread
    nei post dove si parlava che yahoo collaborava con le autorità cinesi per catturare giornalisti e sbatterli in galera per 20 anni c'erano più thread.Cosa pensi che sia qualch sito warez chiuso in confronto a qualche vita rovinata e soprattutto alla censura della libertà d'espressione?Penso che quando ci saranno i diritti basilari si potrà fare scalpore anche per la pirateria che c'é in Cina, ma quando ci sono condanne a morte per un furtarello, qualche sito warez chiuso non è niente. Non fa notizia. Fa più notizia sapere che ogni famiglia cinese può comprare un'automobile inquinante, o vedere un giornalista condannato a 20 anni perché yahoo ha collaborato alla sua cattura o vedere certi comportamenti cinesi come in http://www.nonlosapevo.com.Comunque, con tutti quei bei sistemi di censura che hanno in dotazione e che bloccano i siti "ribelli" mi chiedo come sia possibile che esista la pirateria in Cina.==================================Modificato dall'autore il 16/02/2006 13.31.17
  • Anonimo scrive:
    Pochi thread
    se si parlava degli USA, ci sarebbero stati i soliti deliri linux-communist-fondamentalistmeditate gente e occhi aperti
  • Anonimo scrive:
    Re: Punizioni
    lol no dai 99,9 %solo 64 capi di inputazione
  • Anonimo scrive:
    Re: Interessante
    Ora creo un network p2p AZZURRO, con in giro ovunque Silvio e la bandiera di forza italia, stai a vede che non mi accade niente :D
  • Anonimo scrive:
    Re: Punizioni
    - Scritto da: Anonimo
    Dovrebbero farlo anche in Italia, di punire con
    la morte il 99% dei reati, ci sarebbero in giro
    molti meno parassiti.Tu sei un esempio lampante di inutile parassita della società.
  • Anonimo scrive:
    Re: Punizioni
    Dovrebbero farlo anche in Italia, di punire con la morte il 99% dei reati, ci sarebbero in giro molti meno parassiti.
  • Anonimo scrive:
    Punizioni
    Spero non li condannino a morte come succede per il 99,999999998% dei reati in Cina
  • Anonimo scrive:
    Re: Interessante
    va bene, gli errori di digitazione non si devono rimarcare, ma voi sembrate cinesi ... o lo siete ?!?!?!??:)
  • mda scrive:
    Re: Interessante
    - Scritto da: Anonimo
    "Ma sono 76 i siti chiusi dalle autorità."

    Quelli piu' grossi e famosi, che esistono da
    ANNI, sono ancora perfettamente funzionanti.

    Bello.

    Eh, si vede che col le indagini accurate non li
    hanno trovati.

    BahForse perchè sul sito esiste dalla propaganda per governo ;) dunque non sono pirati !(rotfl).
  • Anonimo scrive:
    Interessante
    "Ma sono 76 i siti chiusi dalle autorità."Quelli piu' grossi e famosi, che esistono da ANNI, sono ancora perfettamente funzionanti.Bello. Eh, si vede che col le indagini accurate non li hanno trovati.Bah
Chiudi i commenti