Traffico VPN: come evitare eventuali blocchi nel 2022

Traffico VPN: come evitare eventuali blocchi nel 2022

Blocchi al traffico VPN? Ecco alcune semplici precauzioni per evitare (o aggirare) questo tipo di problema sempre più diffuso.
Blocchi al traffico VPN? Ecco alcune semplici precauzioni per evitare (o aggirare) questo tipo di problema sempre più diffuso.

Quando si parla di VPN appare logico che non tutti siano propriamente felici del loro utilizzo, nonostante sia del tutto legale. Alcune piattaforme cercano di individuare i singoli IP dei server e di metterli in una blacklist.

Questo è il motivo, per esempio, per cui alcuni siti di streaming legati al territorio italiano non sono comunque accessibili attraverso alcune VPN dall’estero. A livello mondiale invece, basti pensare a Netflix che, già nel 2014, ha implementato misure anti-VPN per evitare il raggiungimento delle librerie da parte di utenti di altri territori.

Esiste un modo per evitare il blocco del traffico VPN?

In realtà, esistono diversi consigli utili per evitare questo inconveniente. Primo tra tutti è la scelta di una VPN di alta qualità.

I provider più seri infatti, cambiano spesso i propri indirizzi IP, offuscando il proprio traffico ed evitando blocchi di qualunque tipo.

Traffico VPN bloccato? Il primo passo per evitare casi del genere è una VPN affidabile

Esistono però anche altre abitudini che possono aiutare a scongiurare questo rischio. Per esempio, va tenuto conto che ogni VPN che si rispetti non offre un singolo indirizzo IP per nazione. Dunque, al blocco di un indirizzo specifico, è possibile cercare un’alternativa presente sullo stesso territorio.

Alcuni provider poi, offrono dei servizi con IP dedicato. In questo caso, visto che l’IP non è condiviso con nessuno, è molto difficile che lo stesso venga rilevato come VPN.

I servizi di maggior rilievo del settore inoltre, utilizzano dei particolari protocolli offuscati attraverso tecnologie stealth. In questo modo, i pacchetti dati in entrata/uscita non sono riconoscibili come trattati da una VPN e dunque non subiscono blocchi di sorta.

Per trovare le migliori condizioni possibili in questo settore, il consiglio è di affidarsi ad ExpressVPN.

Stiamo parlando di un servizio che può vantare, oltre a una rigida politica no-log, anche una crittografia di livello militare. Con i suoi 3.000 server sparsi in 94 paesi inoltre, questa piattaforma offre l’opportunità di evitare facilmente qualunque tipo di blocco.

Tenendo presente che ExpressVPN è disponibile, attraverso appositi software, su Windows, Mac, iOS e Android, è facile intuire come il suo utilizzo si adatti a pressoché qualunque contesto.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 20 lug 2022
Link copiato negli appunti