ExpressVPN: recensione, funzionalità e prezzi

Tutto ciò che c'è da sapere su ExpressVPN, una Virtuale Private Network tra le migliori del mercato per diffusione e rapporto qualità/prezzo
Tutto ciò che c'è da sapere su ExpressVPN, una Virtuale Private Network tra le migliori del mercato per diffusione e rapporto qualità/prezzo

ExpressVPN è un servizio di VPN offerto dalla società Express VPN International Ltd., la quale ha la sede nelle Isole Vergini britanniche. Il software è commercializzato come uno strumento di privacy e sicurezza che crittografa il traffico web degli utenti e maschera i loro indirizzi IP. È certamente tra i più apprezzati del mercato grazie alle molte funzionalità offerte e, ovviamente, al rapporto qualità/prezzo. Non a caso, vanta una diffusione capillare in praticamente qualsiasi parte del mondo.

➤ Consulta e confronta le migliori VPN

Come funziona ExpressVPN

ExpressVPN funziona su Windows, macOS, Linux, Android, iOS, Chrome OS, Apple TV, smart TV, PlayStation, Xbox, router e browser (Chrome, Firefox e Edge) tramite estensione. Con un unico abbonamento è possibile utilizzare 5 dispositivi contemporaneamente. Mette a disposizione oltre 3.000 server in 160 posizioni di 94 paesi. L’utente ha quindi un’ampia scelta per visitare siti censurati (ad esempio in Cina) o aggirare le restrizioni geografiche dei servizi di streaming (ad esempio Netflix), nascondendo il vero indirizzo IP del dispositivo.

ExpressVPN

Quando parliamo di VPN (Virtual Private Network) infatti ci riferiamo ad una delle più efficaci misure di sicurezza volte alla protezione dei propri dati. Essa funziona come un intermediario nelle comunicazioni tra utente e server che ospita i contenuti a cui esso stesso intende accedere. Grazie alla VPN, l’intercettazione da parte di un hacker, nel momento in cui un utente si collega ad un server, diventa molto più difficile. E, nel caso in cui i dati dovessero cadere nelle mani di un hacker, quest’ultimo non sarebbe in grado di decifrarli, dal momento che il traffico viene crittografato.

Tra le caratteristiche principali di ExpressVPN ci sono inoltre larghezza di banda illimitata, crittografia AES a 256 bit, nessun log della connessione, kill switch e split tunneling. La tecnologia TrustedServer garantisce la massima privacy, in quanto i dati sono memorizzati solo su RAM (non ci sono hard disk o SSD).

La crittografia

Nelle righe precedenti abbiamo accennato di come il traffico di Internet, una volta installata ExpressVPN, venga crittografato. Infatti, la VPN in questione può contare su un proprio strumento crittografico. Questo è un aspetto molto importante, per varie ragioni. In primo luogo, criptando il traffico, il proprio provider di servizi Internet non è in grado di vedere quali dati vengono inviati o ricevuti. Ciò risulta molto utile sia per mantenere la propria privacy ma anche se ci si trova in paesi in cui certi tipo di contenuti sono censurati.

In secondo luogo, la crittografia è importante anche nel caso in cui il fornitore di servizi Internet moduli la velocità del collegamento in relazione al consumo. Dal momento che la banda a disposizione dei vari utenti non è illimitata, spesso i fornitori scelgono di limitarne l’uso abbassando la velocità del collegamento a certi servizi che tendono a produrre un traffico elevato, come lo streaming di musica e video. Con una VPN, è impossibile riconoscere il tipo di traffico effettuato.

Infine, abbiamo già avuto modo di sottolineare in altri approfondimenti come la crittografia permetta anche di proteggere i propri dati dagli hacker, che potrebbero utilizzarli per truffe o furti di informazioni sensibili.

Prezzi e piani di ExpressVPN

ExpressVPN propone tre piani tariffari. Il primo è quello mensile: offre un abbonamento completo al prezzo di 11,03 euro al mese. Per la verità, si tratta del piano meno conveniente.

Già con il piano annuale le cose diventano più interessanti: il costo infatti scende a 5,68 euro al mese, decisamente più abbordabile rispetto al primo. Allo stato attuale peraltro ExpressVPN regala tre mesi in questo piano, per un totale di 15 mesi. Al termine di questi, l’abbonamento si rinnoverà per i successivi 12 mesi.

Infine, c’è l’abbonamento semestrale. In questo caso il costo mensile sale a 8,51 euro. A bene vedere dunque l’abbonamento più conveniente è certamente quello annuale. In sostanza, ExpressVPN intende incentivare la sottoscrizione lunga con un prezzo davvero notevole. Non è un caso che risulti più conveniente di molti altri top competitor. Non ci sono clausole di alcun tipo e nemmeno richieste di dati personali et similia. Per quanto concerne i metodi di pagamento attivi, ci sono PayPal, carte di credito/debito e varie criptovalute.

Esiste una versione free?

No, al momento ExpressVPN non prevede un abbonamento gratuito. Esiste però la possibilità di usufruire della garanzia “Soddisfatti o rimborsati“, utilizzabile entro 30 giorni dalla sottoscrizione.

Sicurezza

Come detto in apertura, ExpressVPN mette a disposizione un sistema di crittografia AES a 256 bit. AES sta per Advanced Encryption Standard (AES), un algoritmo di cifratura a blocchi utilizzato come standard dal governo degli Stati Uniti d’America. Data la sua sicurezza e le sue specifiche pubbliche si presume che in un prossimo futuro venga utilizzato in tutto il mondo come è successo al suo predecessore, il Data Encryption Standard (DES) che ha perso poi efficacia per vulnerabilità intrinseche.

AES è stato adottato dalla National Institute of Standards and Technology (NIST) e dalla US FIPS PUB nel novembre del 2001 dopo 5 anni di studi, standardizzazioni e selezione finale tra i vari algoritmi proposti. È stato sviluppato da due crittografi belgi, Joan Daemen e Vincent Rijmen, che lo hanno presentato al processo di selezione per l’AES con il nome di “Rijndael”, derivato dai nomi degli inventori.

Dunque, oltre a nascondere l’indirizzo IP e mescolare il traffico con quello di altri utenti, ExpressVPN riesce anche a crittografare il traffico tra i server VPN sicuri e il computer in modo che non possa essere letto da terzi, ad esempio il proprio provider di servizi internet o l’operatore Wi-Fi locale. In più, la chiave a 256-bit della crittografia significa 2^256 o 1,1 x 10^77 di possibili combinazioni. Si tratta di 115,.792.​089.​237.​316.​195.​423.570.​985.​008.​687.​907.​853.​269.​984.​665.​640.​560.​000.000.​000.​000.​000.​000.​000.​000 combinazioni! Un attacco a forza bruta su uno spazio delle chiavi a 256 bit è semplicemente impraticabile, anche nel caso in cui tutti i super computer del mondo fossero in funzione da quando esiste l’universo, moltiplicato per miliardi di volte.

Velocità e prestazioni

Le prestazioni in una VPN sono importanti tanto quanto la sicurezza. Quasi tutti i 3.000 server sparsi nel mondo sono attivi e geolocalizzati dove dichiarato dall’azienda stessa. Una volta connessi, si può constatare come le connessioni siano veloci e la latenza minima. La velocità costante è tra i 150 e i 200 Mbps (in questo caso dipende anche dal proprio abbonamento a internet) per tutti i server europei.

I server statunitensi hanno fatto registrare risultati anche superiori e, un po’ a sorpresa, anche quelli asiatici si sono attestati sui medesimi standard i quelli europei.  In conclusione, ExpressVPN risulta essere un servizio assolutamente da considerare anche per le sue performance.

I server di ExpressVPN

ExpressVPN mette a disposizione dei suoi utenti più di 3.000 server, situati in 94 paesi diversi. La possibilità di scegliere un paese specifico si traduce in un pieno controllo sulla provenienza geografica dell’indirizzo IP comunicato dalla VPN ai server di contenuti a cui si vuole accedere. Questo aspetto ha una sua rilevanza: può essere utile per poter accedere a siti e servizi bloccati/censurati in certi paesi, oppure per aggirare i blocchi basati sulla geolocalizzazione (ad esempio i blocchi di alcune piattaforme di streaming).

ExpressVPN-USA

ExpressVPN offre anche la possibilità di scegliere server VPN specializzati, come nel caso dei server P2P specializzati nella condivisione di file, che permettono di aggirare le restrizioni a cui questa tecnologia è spesso sottoposta. Altra funzionalità davvero utile prevista da ExpressVPN per quanto concerne la sicurezza è quella che prevede la possibilità di utilizzare due server VPN simultaneamente, invece che uno solo. Questa opzione si chiama Double VPN: permette di crittografare i dati in partenza e farli passare tramite due server VPN prima che raggiungano la loro destinazione.

Così facendo, il secondo server VPN che esegue la decifrazione dei dati non è a conoscenza della loro origine: la privacy massima è garantita.

L’assistenza

Un aspetto che ha sicuramente un suo peso quando si decide di sottoscrivere un abbonamento per una VPN è l’assistenza garantita. C’è un’area dedicata all’interno del portale di ExpressVPN, denominata “supporto“: qui è possibile accedere a tutta una serie di risorse, organizzate in diverse categorie. Molto utili i video tutorial, in cui vengono mostrati chiaramente tutti i passaggi per poter impostare il servizio e utilizzarne le svariate funzionalità.

Nel caso in cui però non dovessi trovare le risposte che stai cercando, puoi optare anche per il servizio di assistenza via mail, o in alternativa la chat dal vivo. Per usufruirne basta recarsi sull’home page del sito di ExpressVPN e cliccare su “Contattaci”, voce che presente a fondo pagina.

L’esperienza utente

Semplicissimo da installare, una volta effettuato il download del client Windows di ExpressVPN ci si ritrova davanti una mappa dinamica con le posizioni disponibili (sistema molto simile a quello di Google Maps). C’è anche una barra a sinistra che mostra i paesi, in ordine alfabetico: da questa lista è possibile accedere al miglior server disponibile.

Dunque, risulta molto comodo. E, una volta stabilita la posizione desiderata, ExpressVPN si collega al server in pochi secondi. Quando si effettua il collegamento, per mostrare che la connessione è attiva e la posizione scelta, l’interfaccia si aggiorna. Windows inoltre notifica quando la connessione viene attivata/disattivata. Per cambiare server basta selezionarne uno nuovo: in questo modo la connessione si resetterà, senza bisogno che il client venga chiuso e riavviato.

Funziona per Netflix

Nessun problema con l’utilizzo per Netflix. Del resto, la possibilità di selezionare uno qualsiasi dei 3.000 server sparsi in 94 paesi consente inevitabilmente di aggirare la geolocalizzazione dei contenuti. Abbiamo provato sul campo ExpressVPN da questo punto di vista e non abbiamo riscontrato problemi di sorta. Anche con lo streaming la connessione rimane stabile e fluida, senza creare problemi di sorta.

Funziona per torrent

Si, dal momento che, tra le sue peculiarità, ExpressVPN è anche particolarmente utile per l’uso di Torrent: questo grazie ai suoi server specializzati per connessioni P2P.

Si tratta di server appositamente configurati per offrire velocità più elevate per l’uso di torrent. Sono ottimi anche per la protezione dallo spionaggio degli ISP e degli hacker presenti negli ambienti P2P.

Le app di ExpressVPN

ExpressVPN è disponibile sia su Android che iOS, quindi può essere utilizzata comodamente anche da smartphone e tablet. Scendiamo nel dettaglio.

Android

Installata da qualcosa come più di cinque milioni di persone e con un voto medio di 4,3 stelle su Play Store, la versione per Android dell’app di ExpressVPN è chiara, molto semplice da utilizzare. Siamo più o meno allo stesso livello del client Windows, comoda e intuitiva.

Consigliamo l’utilizzo delle liste dei paesi in ordine alfabetico: la mappa infatti può portare un po’ di confusione, mentre nella lista basta selezionare un paese per collegarsi in automatico al server disponibile migliore. L’applicazione risulta stabile, presente il blocco delle pubblicità, pishing e malware.

In sintesi, per utilizzarla basta seguire questi semplici passaggi:

  • recarsi sul Play Store, scaricare l’app e inserire le proprie credenziali di accesso;
  • cliccare su “Connect” in modo tale da collegarsi in automatico al server più veloce disponibile. Nel caso in cui si voglia utilizzare un server specifico, scorrere in fondo alla pagina per trovare quello che si desidera.

iOS

La versione per device con sistema operativo iOS è praticamente identica, e anche qui consigliamo l’utilizzo del “listone” con i paesi, rispetto alla mappa. C’è qualche aspetto su cui si può migliorare, a partire dalla totale mancanza di Double VPN (presenti nella versione Android e nel client Windows). In generale, la lista dei server specializzati è più corta.

I passaggi per scaricarla e utilizzarla sono simili a quelli visti per la versione Android:

  • recarsi nell’App Store, scaricare l’app di ExpressVPN e inserire le credenziali del proprio account;
  • cliccare su “Connect” per avviare la connessione ad un server VPN;
  • una volta connesso, visualizzerai un’apposita icona in cima allo schermo, e apparirà un messaggio in cui è indicato il server e il paese a cui si è collegati.

Domande frequenti su ExpressVPN

Prima di chiudere questo articolo, abbiamo deciso di rispondere ad alcune domande che solitamente vengono poste sulle VPN, con particolare riferimento a ExpressVPN.

Rallenta la connessione?

In questo caso è impossibile fornire una risposta univoca. Di per sé ExpressVPN non rallenta la connessione, ma è chiaro come tutto dipenda dalla qualità della stessa. Con un abbonamento fibra a 200 Mbps o magari a 1 Gbps, il problema non si pone, in quanto le velocità di download e upload riusciranno a sostenere serenamente l’azione di una VPN. Discorso differente con una semplice ADSL, che magari potrebbe mostrare maggiormente il fianco.

È legale?

La risposta è sì, a patto che se ne faccia un uso legale. Da questo punto di vista torna utile un esempio concreto: utilizzare un programma torrent in abbinata a una VPN è perfettamente legale, a meno che non si utilizzi questa combinazione per scaricare file (film, serie TV, giornali etc.) coperti da copyright. Prestate dunque attenzione all’utilizzo.

ExpressVPN è sicura?

Da questo punto di vista, la migliore risposta è fornita dal sistema di crittografia di cui abbiamo già parlato nell’apposito paragrafo. ExpressVPN è uno dei servizi di VPN più diffusi del mercato non a caso.

Posso provare gratis ExpressVPN?

Non esiste una versione gratuita di ExpressVPN ma è possibile provarla per 30 giorni (pagando il mensile) per poi chiedere il rimborso senza alcuna spiegazione. Per cui si, è possibile provare gratis il servizio.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

07 03 2021
Link copiato negli appunti