PureVPN (recensione 2021): come funziona, costo e opinioni

PureVPN può attrarre per la sua grande rete di server, l'ampio supporto dispositivi e il rapporto qualità-prezzo dei suoi piani di abbonamento
PureVPN può attrarre per la sua grande rete di server, l'ampio supporto dispositivi e il rapporto qualità-prezzo dei suoi piani di abbonamento

All'interno del panorama delle VPN da usare in ambito casalingo o in ufficio merita sicuramente un posto anche PureVPN. Questo servizio offre una vasta rete di server, un pacchetto di app con funzioni approfondite e in generale un rapporto qualità-prezzo molto interessante, qualità che attireranno gli utenti che si avvicinano per la prima volta al mondo delle VPN.

Nei seguenti capitoli scopriremo insieme come funziona questa VPN, così da poter constatare quando possa effettivamente competere con le migliori VPN sul mercato, sia a livello di fruizione generale del servizio che dal punto di vista delle prestazioni.

Panoramica su PureVPN

Per chi non vuole perdere troppo tempo nella lettura può leggere subito le valutazioni espresse nei seguenti capitoli, così da capire subito se PureVPN è un prodotto che fa al caso nostro o è preferibile puntare su altre soluzioni VPN.

purevpn_voti

Pregi

  • Protezione avanzata sulle reti Wi-Fi pubbliche
  • Prezzo imbattibile
  • Hotspot tramite VPN
  • Split tunneling per le app
  • Kill Switch

Difetti

  • Sblocco dei siti di streaming altalenante
  • Problemi di stabilità con l’app Android
  • Alcuni server lenti nelle ore di punta

Cos’è PureVPN

Fondata nel 2007 e con sede ad Hong Kong, PureVPN è un servizio VPN privato fornito da GZ Systems. Possiede caratteristiche che la rendono certamente molto appetibile, a partire dalla vasta rete di server (oltre 750 in 140 paesi) e una buona gamma di applicazioni, oltre a funzioni utili come ad esempio il supporto P2P per il torrenting, le protezioni IPv6 e DNS leak, e altro ancora.

La sede ad Hong Kong la mette al riparo da eventuali mandati internazionali sull’attività svolta dai clienti, essendo fuori dalla Fourteen Eyes, ma non dobbiamo sottovalutare l’ingerenza della Cina, che sta applicando un controllo sempre più serrato sulle comunicazioni provenienti da Hong Kong.

Come funziona PureVPN: caratteristiche fondamentali

PureVPN_server

Questo servizio VPN offre svariate funzionalità per proteggere la nostra connessione: troviamo infatti la protezione IPv6 e DNS leak, protezione della navigazione web, port forwarding e la possibilità di utilizzare una rete non-NAT per utilizzare un indirizzo IP unico. Presente anche la funzione di kill switch: quest’ultimo blocca, appunto, tutto il tuo traffico Internet mentre cambi server o se la connessione alla VPN dovesse diventare instabile. I protocolli supportati da PureVPN sono PPTP, L2TP, SSTP, IKEv2, OpenVPN e Stealth, più che sufficienti per garantire la connessione con qualsiasi app o con qualsiasi dispositivo configurato manualmente.

Altra caratteristica interessante è lo Split tunneling, attualmente disponibile solo su pochi servizi VPN. Con essa possiamo specificare quali server VPN utilizzare per una determinata applicazione o se usare la VPN solo per una precisa app, così da non filtrare tutto il traffico.

I server PureVPN

purevpn-virtual-server

La rete di server di PureVPN è molto vasta: oltre 6500 server dislocati in 140 paesi diversi. Questo permette di nascondere la propria identità scegliendo uno dei server presenti nelle vicinanze. Se si utilizza il servizio VPN per accedere ai siti con blocchi geografici la grande scelta di server permetterà di sbloccare anche le connessioni più ostiche, provando anche ripetute connessioni verso lo stesso paese (per esempio gli Stati Uniti).

La vastità della rete offerta da PureVPN non si traduce però in una velocità elevata in tutte le occasioni, come vedremo nel successivo capitolo.

Quanto è veloce PureVPN?

Da questo punto di vista, PureVPN se la cava bene nella maggior parte delle occasioni: possiede infatti un numero di server che si armonizza molto bene ai tuoi requisiti di velocità. Se ad esempio desideri connetterti alla VPN per lo streaming, essa sceglierà in automatico il server più veloce. Il protocollo OpenVPN può rallentare un po' la connessione, ma non c'è un enorme calo di velocità.

A livello di numeri, le prestazioni ovviamente dipendono dalla connessione di cui disponi: si può arrivare tranquillamente a velocità pari al 70% della propria linea originale. Il nostro consiglio è quello di sfruttare il periodo di prova per fare test approfonditi, così da assicurarti che PureVPN sia adatta in ogni momento.

Purtroppo dobbiamo segnalare qualche rallentamento di troppo quando proviamo a connetterci nelle ore di punta o sui server più affollati: in questi casi la connessione rallenta vistosamente, ma basta cambiare server manualmente o riavviare il client per risolvere nella maggior parte dei casi.

PureVPN e Sicurezza

Da questo punto di vista il servizio VPN può migliorare molto, nonostante utilizzi la crittografia 256-bit AES per tutte le connessioni. Bisogna però sottolineare come negli ultimi tempi PureVPN si stia sforzando per migliorare i propri sistemi di sicurezza e le sue politiche sulla privacy.

L'ultimo audit della società KPMG ha effettivamente dato prova provata che PureVPN mantiene una politica no-log, politica che in passato era stata messa in dubbio (per notizie riguardanti DNS Leak o tracciamenti portati avanti per alcuni utenti).

Usabilità: PureVPN è facile da usare?

Le app disponibili sono davvero molto semplici da utilizzare: anche un utente alle prime armi con le VPN sarà in grado di stabilire subito la sua prima connessione cifrata senza troppi patemi. Se le app per PC e Mac sono decisamente molto stabili e affidabili, qualche perplessità è riemersa durante l’utilizzo dell’app mobile per sistemi Android, che potrebbe crashare di punto in bianco mettendo in difficoltà chi stava cercando di proteggere la propria connessione.

Nulla di irrisolvibile, ma da un’app pensata per offrire massima protezione in maniera semplice ci si aspetta decisamente qualcosa di più. Nessun problema segnalato per l’app per iPhone o iPad o con le estensioni per browser, che rendono ancora più semplice stabilire una connessione cifrata.

L'assistenza clienti

l supporto clienti di PureVPN si compone di guide aggiornate per fornire istruzioni complete che offrono soluzioni ai problemi più comuni (con vasta gamma di articoli per quasi tutti i sistemi operativi), ticket di supporto (si può ottenere una risposta in circa mezz’ora, ma ad onor del vero le risposte sono abbastanza “rudimentali” e quelle successive spesso non ottengono risposta) e infine la live chat.

Quest'ultimo è sicuramente il metodo migliore offerto da PureVPN, se le guide non sono di particolare aiuto. Si riceve una risposta in un paio di minuti. In generale, per quanto riguarda l'assistenza, possiamo concludere che – anche con riferimento alla live chat – questa VPN offre un servizio più che sufficiente, ma non paragonabile a quello di top del settore.

PureVPN e i sistemi operativi

App-PureVPN

Una volta iscritti a PureVPN è possibile accedere ad una buona selezione di app, tra cui Windows, Mac, Linux, Android e iOS, più le estensioni per browser Chrome e Firefox. Ciò che sorprende in positivo è la presenza di supporti per dispositivi più di nicchia, come ad esempio Roku, PlayStation, Xbox, Fire TV Stick e router.

Su mobile le app hanno diverse funzionalità, sono abbastanza intuitive, ci sono svariate opzioni (molto utile quella per l'ottimizzazione della connessione per certi scopi, come quella per lo sblocco del web in Cina, per lo streaming e molte altre) e su Android è presente un kill switch apposito.

Windows (10 e altre versioni)

Il client per Windows 10 e per le versioni precedenti del sistema operativo è elegante e intuitivo da utilizzare e può essere scaricato facilmente dalla pagina dedicata. Dopo il download è possibile proteggere subito la nostra connessione aprendo l’app, utilizzando l’account registrato su PureVPN e, una volta dentro, utilizzando il tasto di connessione rapida o scegliendo dalla mappa la nazione in cui vogliamo ottenere il nuovo IP.

Nella parte sinistra della finestra è possibile scegliere anche i server raccomandati o uno dei server speciali offerti dal servizio, senza doverli cercare manualmente tra quelli presenti nella mappa o nell’elenco dedicato.

Vedi anche la guida a come configurare una VPN su Windows.

PureVPN per Mac

L’app per Mac funziona in maniera del tutto identica a quella vista su Windows ed è possibile scaricarla nella pagina dedicata. Dopo lo scaricamento è sufficiente avviare l’installazione dell’app in stile Mac (trascinando l’icona) e avviare l’app dal Launchpad, così da poter aggiungere l’icona dell’app in alto a destra.

All’avvio basterà utilizzare le credenziali dell’account PureVPN e scegliere il server a cui connetterci dalla mappa o dall’elenco presente nella sezione Locations.

Linux

Per le distribuzioni GNU/Linux non è presente un’app con interfaccia grafica, ma è necessario utilizzare la linea di comando per poter scaricare il pacchetto necessario per PureVPN e stabilire in seguito la connessione all’account e al server scelto, come mostrato nella pagina dedicata.

Parliamo sicuramente di una soluzione destinata solo ad utenti esperti della riga di comando, ma considerando che il livello medio dell’utente Linux è sempre molto elevato non avremo difficoltà a collegare il PC Linux a PureVPN lanciando i comandi giusti.

Vedi anche: le migliori VPN per Linux.

PureVPN e Mobile

purevpn dispositivi

Le app per mobile non potevano mancare su questo servizio VPN, così da poter proteggere la connessione anche quando siamo fuori casa o stiamo viaggiando all’estero.

Android

L’app per Android è molto semplice da installare, visto che è disponibile al download cercando il suo nome sul Google Play Store. Dopo l’installazione è possibile eseguire subito l’accesso con l’account PureVPN già pronto e proteggere la connessione scegliendo tra un server automatico (verrà scelto il più veloce in zona) oppure scegliendo manualmente la nazione e i server a cui connetterci.

L’app ha mostrato qualche tentennamento in alcuni frangenti, andando in crash: nulla che non possa essere risolto con gli aggiornamenti, comunque sempre molto frequenti.

Vedi anche: le migliori VPN per Android.

iPhone e iPad

L’app per iPhone e iPad è molto piacevole da vedere e da utilizzare, oltre ad offrire una stabilità migliore rispetto alla controparte Android. Quest’app può essere scaricata con semplicità aprendo lo store integrato Apple e cercando il nome del servizio VPN.

Come detto l’app di dimostra molto fluida e stabile su ogni device Apple, regalando quindi velocità e protezione senza pari.

Vedi anche: le migliori VPN per iPhone.

PureVPN e i servizi di streaming

Veniamo ad uno dei punti critici del servizio, dove è evidente che c’è ancora molta strada da fare. Il servizio di PureVPN sponsorizza la possibilità di superare i blocchi geografici dei servizi di streaming più famosi, ma alla prova pratica potrebbe essere necessario più di un tentativo per superare i blocchi, specie nelle ore di punta o durante le prime delle serie TV più famose.

Netflix

PureVPN funziona su Netflix, ma in più d'una occasione si è reso necessaria una riconnessione o un cambio di server per poter accedere ai cataloghi presenti in USA o in UK: questo perché quasi tutti gli indirizzi IP associati al servizio VPN sono ormai riconosciuti dai sistemi di blocco, impedendo quindi la visione.

Come già fatto notare è necessario insistere per trovare il giusto server da utilizzare per Netflix, rendendo l’operazione decisamente meno pratica rispetto alla concorrenza (che si connettere quasi sempre al primo colpo).

Disney Plus

Disney Plus può essere sbloccato con grande facilità dai server di PureVPN, essendo un servizio decisamente più giovane rispetto agli altri. Per bypassare i blocchi è sufficiente selezionare un server USA o un server UK, accedere al sito Disney Plus e creare un account nuovo per la visione dei contenuti non accessibili dall’Italia.

Amazon Prime

Amazon Prime blocca quasi tutti gli indirizzi IP associati a PureVPN, rendendo quindi la connessione abbastanza difficoltosa. Tentare più volte aiuta, ma nella maggior parte dei casi lo sblocco non sarà eseguito, costringendoci quindi a puntare su altri servizi VPN.

DAZN

DAZN può essere sbloccato facilmente con PureVPN, basterà selezionare nel client VPN la nazione Germania o uno degli altri paesi in cui è presente il servizio di streaming, effettuare l’accesso con un nuovo account e gustarci tutto il contenuto in streaming senza problemi.

Torrent e gioco online

Anche in questo caso la risposta è affermativa: PureVPN funziona per il torrenting. Ma… c'è un ma: molti dei server più popolari – tra cui Regno Unito, USA, Canada e Australia – bloccano la condivisione P2P. Questo la pone in gradino sotto alle altre VPN famose, che invece permettono di effettuare torrent su ogni server su cui clicchiamo.

La velocità dei server vicini alla nostra posizione è buona, ma il ping tende ad essere più elevato del solito: conviene quindi usare PureVPN per il multiplayer online solo se non riusciamo in nessun modo a bypassare i sistemi di ban dei giocatori, visto anche l’elevato numero di server che è possibile scegliere per nascondere la nostra identità e connessione.

Puoi trovare altre spunti utili nella guida alle VPN per il Torrent.

Prezzi e piani

Il pregio più evidente di PureVPN è proprio il prezzo: attualmente è una delle più convenienti sul mercato. Il servizio prevede tre tipologie di piani: il primo è quello mensile da 9,60 euro, ma possiamo beneficiare anche del piano annuale da 0,99 euro al mese (con fatturazione anticipata) e infine il piano biennale da 3,33 euro al mese (con fatturazione anticipata di due anni).

Ed è proprio il piano annuale in questo momento quello che ti invitiamo a prendere maggiormente in considerazione: è il più conveniente a livello di costi ma soprattutto l'unico ad offrire una prova di 7 giorni. Terminato questo arco temporale verranno addebitati €61,95 per il primo anno a meno che il piano di prova non venga annullato.

Come metodi di pagamento sono accettati sia PayPal sia l’utilizzo diretto di una carta di credito, così da venire incontro ad ogni tipo di esigenza.

Esiste una versione PureVPN gratis?

Come accennato in alto è possibile effettuare una prova gratuita di 7 giorni con il piano annuale, più che sufficienti per provare la bontà del servizio e scoprire se esso fa al caso nostro o se è il caso di puntare su altro.

A questo viene aggiunto anche il rimborso totale della spesa entro 31 giorni dalla sottoscrizione dell’abbonamento: difficile trovare una tutela più ampia in altri servizi simili, al punto da meritare le 5 stelle nella nostra valutazione iniziale.

Conclusioni

PureVPN ha dalla sua una grande rete di server, ampio supporto dei dispositivi e un rapporto qualità-prezzo dei suoi piani di abbonamento decisamente interessante. Le app mobile sono un punto a favore (quando funzionano correttamente), dal momento che offrono una più che discreta quantità di funzionalità. Anche il comparto privacy/sicurezza sta migliorando: l'audit always on di KPMG lo testimonia.

Tuttavia, per tutta una serie di ragioni (compresi alcuni problemi di connettività e problemi con i servizi di streaming), PureVPN ha ancora molta strada da fare per poter competere con i colossi del settore, anche se il prezzo conveniente e l’ampia prova gratuita avvicineranno molti utenti nel provare almeno per qualche mese questo servizio.

Domande frequenti su PureVPN

Cos'è PureVPN?

PureVPN è un servizio VPN privato fornito da GZ Systems, con sede a Hong Kong. Il servizio è fuori dalla Fourteen Eyes, quindi sicuro da utilizzare e con una politica no-log rassicurante.

PureVPN è legale?

Si, certo: è un servizio legale, ma ovviamente non deve essere utilizzata per attività illegali, come ad esempio la violazione di altri PC o la vendita di materiale protetto da copyright.

Altro consiglio che vogliamo darti è di controllare attentamente le leggi del paese in cui ti trovi prima di scaricare e iniziare ad utilizzare una VPN. Dunque, presta attenzione nei paesi in cui vigono leggi server sull’uso del web.

PureVPN è sicura?

Abbiamo visto come il team di PureVPN si stia impegnando molto per aumentare il livello di sicurezza da assicurare ai propri utenti.

Per il momento la risposta che possiamo darti è la seguente: si, PureVPN è sicura, ma se stai cercando il top della sicurezza, il consiglio è di rivolgersi ad altri servizi.

Esiste un piano PureVPN gratuito?

PureVPN può essere provato gratis per 7 giorni sottoscrivendo un piano annuale. Prima del termine del periodo di prova basterà disattivare il rinnovo automatico per evitare l’addebito della somma annuale.

Per approfondire sulle VPN free, vedi anche la guida alle VPN gratis migliori.

Quanto costa PureVPN?

Il prezzo più basso ottenibile è 1€ al mese, sottoscrivendo l’abbonamento annuale. 12€ all’anno sono una cifra decisamente molto bassa per una VPN commerciale, rendendola una delle migliori per chi vuole risparmiare.

PureVPN funziona con DAZN?

Il servizio funziona molto bene con DAZN, con qualsiasi server scelto.

PureVPN funziona con Netflix?

PureVPN funziona con Netflix, ma potrebbe funzionare decisamente meglio: è necessario provare più server prima di trovare quello non ancora bloccato dal servizio.

Insistendo si riesce però a navigare su tutti i contenuti del servizio di streaming senza problemi, anche in HD.

Per approfondire vedi anche le migliori VPN per Netflix.

Su quanti dispositivi contemporaneamente posso usare PureVPN?

Su tutti gli abbonamenti è possibile collegare contemporaneamente fino a 10 dispositivi, con la possibilità di estendere la disponibilità fino a 20 dispositivi (pagando un extra).

Esiste rimborso?

Si, esiste una garanzia di rimborso di 31 giorni, con cui avrai la possibilità di testare ancora meglio il tutto.

Una volta terminato l’arco temporale di riferimento, potrai decidere se acquistare il servizio oppure no: in caso di rinuncia, avrai indietro tutti i soldi.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

24 06 2021
Link copiato negli appunti