Migliori VPN Funzionanti in Cina: La Classifica del 2024

Le migliori VPN per la Cina: quali funzionano davvero?

Per chi viaggia spesso nel paese orientale è consigliabile usare una delle VPN cinesi in grado di superare il firewall nazionale.
Le migliori VPN per la Cina: quali funzionano davvero?
Per chi viaggia spesso nel paese orientale è consigliabile usare una delle VPN cinesi in grado di superare il firewall nazionale.
Edoardo D'amato
Pubblicato il 22 feb 2024

Le VPN per la Cina sono utilizzate per navigare su Internet senza restrizioni. In questo paese infatti non è possibile accedere alla maggior parte dei siti e delle app utilizzabili in Italia. La severa politica locale impedisce ai cittadini cinesi e ai viaggiatori stranieri di usare servizi comuni come Netflix, YouTube, Google, Gmail, Facebook e altri, tagliando di fatto ogni turista occidentale “fuori dal mondo” finché si trova all’interno del territorio della Repubblica Popolare Cinese.

Per fortuna le restrizioni imposte possono essere bypassate con una virtual private network efficace e sicura. Purtroppo in questa situazione anche le VPN blasonate potrebbero non funzionare e cadere di fronte al forte Great Firewall cinese (vedremo di cosa si tratta più avanti).

Questo è il nostro metodo: abbiamo selezionato le migliori VPN per la Cina tra quelle capaci di soddisfare 5 criteri fondamentali: alti standard di sicurezza; garanzie per la privacy; presenza di protocolli di offuscamento; server vicini alla Cina e la compatibilità con i principali dispositivi.

Le migliori offerte VPN di marzo 2024

Migliori VPN del 2024 – Panoramica veloce

Prima di addentrarci in questa guida completa alle VPN in Cina, presentiamo una panoramica veloce delle migliori VPN che offre il mercato. Abbiamo analizzato molti servizi confrontando la loro velocità e sicurezza, quali politiche log utilizzano e quali protocolli di crittografia usano.

Server
Dispositivi supportati
Funziona con
Prezzo
Server: 5400+ in 60 paesi
Dispositivi supportati: fino a 6
Funziona con:
  • Windows
  • Linux
  • Mac
  • Android
  • iOS
Prezzo: da 3.99 €/mese
Server: 700+ in 37 paesi
Dispositivi supportati: illimitati
Funziona con:
  • Windows
  • Mac
  • Android
  • iOS
  • Smart TV
Prezzo: da 1.54 €/mese
Server: 3200+ in 65 paesi
Dispositivi supportati: illimitati
Funziona con:
  • Windows
  • Linux
  • Mac
  • Android
  • iOS
Prezzo: da 2.29 €/mese
Server: 200+ in 63 paesi
Dispositivi supportati: fino a 10
Funziona con:
  • Windows
  • Linux
  • Mac
  • Android
  • iOS
Prezzo: da 2.08€/mese
Server: 5900+ in 90 paesi
Dispositivi supportati: fino a 7
Funziona con:
  • Windows
  • Linux
  • Mac
  • iOS
  • Smart TV
Prezzo: da 2.03 €/mese
Server: 5900+ in 90 paesi
Dispositivi supportati: fino a 7
Funziona con:
  • Windows
  • Linux
  • Mac
  • Android
  • iOS
  • Smart TV
Prezzo: da 6.35 €/mese
Server: 3000+ in 28 Paesi
Dispositivi supportati: fino a 10
Funziona con:
  • Windows
  • Mac
  • Android
  • iOS
Prezzo: da 3.34 €/mese

 

Perché usare una VPN in Cina

Great-Firewall-VPN-cinesi

Come anticipato nell’introduzione è necessario utilizzare una VPN in Cina per poter accedere a tutti i siti che un utente occidentale è abituato ad utilizzare a casa. Questa forma di tutela si rende necessaria visto che la Repubblica Popolare Cinese applica una censura elevata su tutti i contenuti disponibili su Internet attraverso l’utilizzo di un potente firewall nazionale, in grado di filtrare ogni connessione in entrata e in uscita dal paese e di bloccare siti web, connessioni a servizi P2P e a servizi di streaming.

Questa forma di controllo delle informazioni viene applicata per tutelare i cittadini cinesi ma viene applicata a chiunque si connetta a Internet sul territorio cinese, inclusi quindi gli stranieri, che si trovano in balia della censura cinese su tutti i dispositivi in uso (PC, smartphone o tablet) e connessi ad un qualsiasi provider Internet cinese (che collaborano in maniera stretta con il governo centrale nella gestione del grande firewall).

 

Cos’è il Grande Firewall cinese?

Il Grande Firewall Cinese, noto anche come Gold Shield Project, è un sistema di censura e sorveglianza implementato dal governo cinese per regolamentare e filtrare l’accesso a Internet nel paese. Questo sistema è progettato per bloccare l’accesso a siti web esterni considerati inappropriati o pericolosi per l’ordine pubblico e la morale sociale, tra cui siti di notizie internazionali, piattaforme di social media come Facebook, Twitter e YouTube, e servizi di messaggistica come WhatsApp.

Il Grande Firewall utilizza una serie di tecniche avanzate, tra cui il filtraggio degli indirizzi IP, l’ispezione profonda dei pacchetti (DPI), il blocco delle DNS e il riconoscimento delle parole chiave, per impedire agli utenti cinesi di accedere a contenuti online non approvati.

In risposta a queste restrizioni, molti individui e organizzazioni all’interno e all’esterno della Cina utilizzano VPN e altri strumenti di elusione per superare i blocchi imposti dal Grande Firewall e accedere liberamente all’Internet globale. Tuttavia, il governo cinese continua a intensificare i suoi sforzi per rilevare e bloccare questi servizi, rendendo sempre più difficile per gli utenti aggirare le restrizioni.

 

VPN per la Cina: Classifica 2024

Scegliere una virtual private network giusta è importantissimo quando si organizza una visita in Cina. Il nostro metodo (illustrato nel dettaglio nei paragrafi successivi) ha idetificato le migliori VPN per la Cina da scaricare prima di mettersi in viaggio, con abbonamenti alla portata di tutti e in grado di soddisfare tutte le esigenze (da piccoli viaggi di piacere fino ai viaggi d’affari da un mese o più). Una volti giunti nel territorio cinese è possibile avviare la VPN scelta e utilizzarla senza i filtri e le censure imposte dal Great Firewall cinese.

1. NordVPN

NordVPN

🌍 Server: 5876 server in 60 paesi

📱 Massimo dispositivi: 6

📍 IP dedicato: ✔

🆓 Versione Free: Garanzia rimborso di 30 giorni

💻 Compatibilità: Windows, macOS, Android, iOS

🔐 Sicurezza: IKEv2/IPsec, OpenVPN, NordLynx

👨‍💻 Assistenza 24/7: ✔

🏢 Sede legale: Panama

🔥 Offerte attive: SCONTO fino al 63%

Per chi vuole navigare senza i problemi del Great Firewall può provare NordVPN. Il servizio è dotato di un livello di cifratura tale da proteggere efficacemente la connessione da qualsiasi intruso, inclusi i sistemi di sorveglianza più avanzati.

Dispone di una vasta rete con oltre 5.900 server in più di 60 paesi. Recentemente, il provider ha aggiunto server con IP dedicati a Milano e a Roma, che forniscono un indirizzo IP italiano da usare in Cina.

Prima di recarsi in Cina si dovrà scaricare NordVPN su tutti i sistemi che si utilizzeranno sul posto e affidarsi ai server offuscati presenti all’interno dell’app: questi nascondono tutti i dati sui pacchetti in transito, evitando che il provider o i sistemi di sorveglianza possano identificare il traffico VPN e bloccarlo.

Attivando quindi la connessione su questi server è possibile bypassare i sistemi di sorveglianza più restrittivi, accedendo ai contenuti italiani e ai contenuti di Internet anche da un Paese molto restrittivo come la Cina.

NordVPN pone un forte accento sulla sicurezza come fondamento del suo servizio, volto a proteggere la privacy online degli utenti. Implementa una politica rigorosa di non registrazione dei dati, crittografia avanzata AES-256 bit e doppia per una sicurezza ancora maggiore.

In tema di sicurezza, questo provider offre anche il supporto per Onion e con la tecnologia CyberSec blocca pubblicità maligne, malware e phishing. Non va dimenticato il kill switch automatico, che disconnette l’utente da Internet se la connessione VPN viene interrotta, assicurando massima privacy anche in caso di malfunzionamenti.

L’abbonamento più conveniente è quello biennale a 3,39€ al mese; chi necessita di una virtual private network per brevi periodi di tempo può sottoscrivere anche abbonamenti mensili o annuali.

2. Surfshark

Surfshark VPN

📱 Massimo dispositivi: illimitati

🆓 Versione Free: Garanzia rimborso di 30 giorni

💻 Compatibilità: Windows, macOS, Android, iOS

🌍 Server: 3200+ in 100 paesi

🔐 Sicurezza: OpenVPN, IKEv2, Shadowsocks, Wireguard e L2TP

👨‍💻 Assistenza 24/7: ✔

🏢 Sede legale: Isole Vergini britanniche

🔥 Offerte attive: SCONTO fino all’82% + 4 mesi gratis 🔥

Altro servizio molto valido per superare la censura cinese e il Great Firewall è Surfshark, questo risultato è stato raggiunto grazie all’adozione di nuove tecnologie di camuffamento come NoBorders e Camouflage. La prima permette di connettersi automaticamente a un server veloce con accesso senza censure a Internet, senza doverlo selezionare manualmente, mentre la seconda è pensata per nascondere i pacchetti generati dalla VPN così da renderli irriconoscibili alle autorità, che non riusciranno a identificare il traffico VPN e la cifratura presente durante la connessione.

Il sistema integrato CyberWeb mette al sicuro da tracker, programmi dannosi (malware) e tentativi di phishing.

Surfshark mette a disposizione un’ampia selezione di server, con 3.200 unità distribuite in 65 paesi. I server sono basati su memoria volatile (RAM), che assicura l’eliminazione automatica dei dati ogni volta che i server vengono spenti o riavviati.

L’azienda ha la sua base legale nelle Isole Vergini, il che la esonera dall’obbligo di conservare registrazioni delle attività degli utenti, ad eccezione dei dati di fatturazione e dell’indirizzo email. Questa politica di no log garantisce che non vengano trattenuti dati quali gli indirizzi IP di ingresso e di uscita, dettagli sulla navigazione, download o cronologia degli acquisti, i server selezionati dall’utente, la banda larga impiegata, dati di sessione, orari di connessione e traffico di rete. Questo assicura un livello di anonimato completo nell’uso del servizio.

Può contare inoltre su OpenVPN UDP e TCP, i protocolli di sicurezza IKEv2, la crittografia AES-256 e un kill switch pronto a impedire la fuga dei dati se la connessione fallisce. Inoltre, Surfshark vanta un DNS privato e una copertura di sicurezza aggiuntiva tramite un doppio salto VPN.

Surfshark prevede una garanzia di rimborso di 30 giorni, così da poter provare testare il servizio ancor prima di organizzare un viaggio in Cina (dove è preferibile andare sempre con un abbonamento VPN attivo e funzionante).

3. Atlas VPN

AtlasVPN

📱 Massimo dispositivi: illimitati

🆓 Versione Free: Garanzia rimborso di 30 giorni

💻 Compatibilità: Windows, macOS, Android, iOS

🌍 Server: 1000+ in 48 paesi

🔐 Sicurezza: WireGuard, IKEv2/IPSec

👨‍💻 Assistenza 24/7: ✔

🏢 Sede legale: Stati Uniti

🔥 Offerte attive: SCONTO fino al 86% + 6 mesi gratis

Un’altra VPN per navigare in Cina è Atlas che offre all’utente due diversi sistemi di sicurezza avanzati, attivabili nella sezione Privacy Pro dell’app per PC o dall’app mobile.

Il primo sistema è SafeSwap server, che utilizza diversi provider Internet per generare il traffico della connessione cifrata, rendendo ancora più difficile riconoscere i dettagli della connessione e il traffico dati generato da una rete virtuale privata. Quando si stabiliscono connessioni dalla Cina, si raccomanda di utilizzare la funzione SafeSwap e optare per il server di Hong Kong. Questa configurazione è efficace per oltrepassare il Great Firewall, consentendo una navigazione su Internet senza restrizioni.

In alternativa è possibile connettersi ai server Multihop+, che effettuano vari e propri rimbalzi tra i server della rete per offuscare il traffico originale e rendere così impossibile il riconoscimento dell’utente finale e il tipo di connessione utilizzata.

La sua rete comprende oltre 1.000 server distribuiti in più di 38 paesi. La sicurezza e la privacy offerte da Atlas sono validate anche da audit indipendenti, che confermano il rispetto della politica di no-log promossa dall’azienda e garantiscono un elevato livello di sicurezza per chi desidera navigare in incognito, senza lasciare tracce digitali.

Il kill switch è una delle caratteristiche di sicurezza più importanti di Atlas VPN: questa funzionalità disconnette automaticamente l’utente dalla rete in caso di potenziali fughe di dati o di esposizione dell’indirizzo IP reale.

Atlas è disponibile a partire da 1,59€ al mese (con abbonamento triennale e tre mesi aggiuntivi). Esiste anche come app gratuita ma non è consigliata per usi avanzati come la navigazione in Cina.

4. Express VPN

Una delle virtual private network più rapide è senza ombra di dubbio Express VPN, che vanta record di velocità anche per chi si connette dietro il Great Firewall cinese. Questo è possibile grazie ad un elevato numero di server presenti vicino alla Cina. La sua rete è composta da oltre 3.000 server situati in 94 nazioni, caratterizzati da una crittografia di livello militare che rende la connessione estremamente sicura e difficile da intercettare o bloccare. Per coloro che desiderano connettersi dalla Cina, è possibile optare per server localizzati in Hong Kong, India, Giappone (raccomandato), Filippine, Singapore, Corea del Sud e Taiwan. L’impiego dei protocolli avanzati Lightway o WireGuard migliora ulteriormente l’efficacia nel superare le restrizioni imposte dalla Cina.

Il sistema di offuscamento è in continuo aggiornamento, così come l’integrazione di nuovi server veloci da utilizzare appositamente dalla Cina (e selezionabili subito al primo avvio del servizio in loco)

La severa politica no-log su ogni connessione aperta, mette al riparo tutti gli utenti durante la navigazione dal territorio cinese. Al pari di altri servizi VPN, anche Express non registra informazioni relative agli utenti e alle loro attività online. L’unico tracciamento effettuato comprende dati minimi, come quali applicazioni sono state attivate con successo, le date (ma non gli orari esatti) di connessione al servizio, la località del server scelto e il volume totale di dati trasferiti ogni giorno. Queste informazioni sono raccolte esclusivamente per assicurare un funzionamento ottimale della rete, identificare e risolvere eventuali problemi tecnici con le applicazioni e offrire assistenza tecnica.

Express VPN è ha un costo più elevato rispetto ai competitor, offre una garanzia di rimborso di 30 giorni, così da poter provare il servizio durante  un viaggio in Cina e decidere se riutilizzarlo in altre occasioni.

5. VyprVPN

Vypr VPN

Massimo dispositivi: 5

Versione Free: Garanzia rimborso di 30 giorni

Sistemi Operativi: Windows, macOS, Android, iOS, Linux

Server: 700 server in 66 paesi

Sicurezza: apertiVPN, PPTP, L2TP/IPsec, Chameleon

Assistenza 24/7: ✔️

Sede legale: Svizzera

Offerte attive: SCONTO fino al 25% 🔥

Una VPN da usare in Cina è VyprVPN: il suo sistema di camuffamento proprietario Chameleon attualmente è uno dei migliori metodi per bypassare il firewall cinese visto che può passare inosservato anche ad un avanzato controllo dei pacchetti (DPI).

VyprVPN impiega una crittografia AES-256 di livello militare per le sue connessioni, aderisce fermamente a una politica di non registrazione dei dati degli utenti e offre 700 server ad alta velocità in ogni parte del mondo e larghezza di banda illimitata dalla Cina. Disponibile un’ampia selezione di server per coloro che si collegano dalla Cina, inclusi Hong Kong, India, Giappone, Filippine, Singapore.

Vypr inoltre adotta una politica no-log estremamente rigorosa per assicurare l’anonimato completo degli utenti. L’azienda non registra alcuna informazione riguardante le connessioni in atto o i siti web visitati. Dispone anche di una funzione kill switch per terminare immediatamente qualsiasi connessione in caso di necessità. L’opzione di split tunneling, che consente di dividere il traffico tra la VPN e una connessione diretta, è disponibile solamente su dispositivi Android e macOS.

Il prezzo di questo servizio è molto competitivo, con tanto di prova gratuita di 3 giorni (è preferibile provarla in Italia e pagare l’abbonamento in anticipo, così da avere la massima protezione una volta giunti in Cina).

6. PrivateVPN

PrivateVPN

🌍 Server: 200+ in 100 paesi

📱 Massimo dispositivi: 10

🆓 Versione Free: Garanzia rimborso di 30 giorni

💻 Compatibilità: Windows, macOS, Android, iOS, Linux, Kodi, Router

🔐 Sicurezza: AES a 256 bit chiave DH a 2048 bit

👨‍💻 Assistenza 24/7: ✔

🏢 Sede legale: Svezia

🔥 Offerte attive: SCONTO fino all’85%

PrivateVPN supera senza difficoltà il Grande Firewall cinese, nonostante quest’ultimo venga aggiornato con regolarità per bloccare tutti i servizi di virtual private network.

La sua rete si avvale di più di 200 server dedicati distribuiti in 63 paesi, garantendo una copertura delle principali regioni del mondo. Data la presenza relativamente limitata di server, si raccomanda di selezionare il server più prossimo, o un paese con server nelle vicinanze, per ottimizzare la velocità di connessione. In prossimità della Cina si trovano server a Hong Kong, in India, Giappone, Filippine, Singapore, Corea del Sud e Taiwan.

Include inoltre la funzionalità Stealth VPN, che, in combinazione con il protocollo L2TP, maschera il traffico generato dall’uso del servizio, rendendolo indistinguibile per qualsiasi sistema di analisi del traffico di rete.

Questa VPN per la Cina fornisce una buona velocità di connessione e una valida app dotata di una modalità Stealth, pensata per nasconde il traffico al Grande Firewall Cinese in maniera semplice e alla portata di tutti.

PrivateVPN si impegna inoltre a non tracciare alcun dato relativo alla connessione e all’utilizzo dei server, posizionandosi come una delle opzioni più sicure.

Le applicazioni offerte dal servizio implementano la crittografia AES-256 e sono compatibili con una varietà di protocolli, tra cui OpenVPN, L2TP, IPSec, IKEv2 e PPTP. Questo assicura la possibilità di connettere facilmente qualsiasi dispositivo, proteggendo la privacy senza sforzo. Optare per PrivateVPN, riconosciuta come una delle migliori reti virtuali private dell’anno, significa avvalersi di server affidabili in ogni circostanza.

7. Astrill

Tra le migliori VPN da usare in Cina, in grado di superare il Great Firewall cinese, spicca Astrill. Si rivela efficace in questo paese grazie a un’ampia distribuzione di server (115 città in più di 57 paesi) e all’adozione di due protocolli di offuscamento esclusivi, OpenWeb e StealthVPN, progettati per bypassare ogni genere di firewall, filtri o restrizioni di comunicazione online.

Viene inoltre garantita una copertura ottimale grazie ai server posizionati nelle vicinanze della Cina, come Taiwan, Hong Kong e Indonesia, e alla possibilità di ottenere un indirizzo IP dedicato. Quest’ultima opzione consente un accesso ininterrotto alle risorse di rete e la capacità di restare raggiungibili dall’estero anche quando ci si trova in territorio cinese, un beneficio non comune tra i servizi VPN.

Questa VPN per la Cina è efficace grazie ad alcune funzionalità innovative come la modalità StealthVPN, che nasconde l’uso della rete virtuale privata e inganna il Grande Firewall Cinese, evitando di allertare le autorità locali.

Altra funzione molto utile da usare in Cina è la Smart Mode, che permette di cambiare IP da locale a internazionale in base al sito che si visita nel browser, così da fornire un IP cinese sui siti cinesi e un IP internazionale quando si sceglie di aprire Google, Netflix o altri siti censurati.

 

La metodologia

VPN cinesi

Prima di optare per una qualsiasi VPN per la Cina, è essenziale verificare che ci siano specifiche caratteristiche per assicurarsi che il servizio non risulti inefficace o troppo lento sul territorio cinese. Questa metodologia in 5 criteri ci aiuta a selezionare i servizi che funzionano anche in Cina.

Sicurezza

È cruciale scegliere una VPN che offra una cifratura robusta della connessione (AES 256-bit) per proteggere il tunnel creato per eludere il Great Firewall. Importante è anche la presenza di una funzione di Kill Switch che interrompa immediatamente il traffico Internet se la connessione alla VPN si interrompe, evitando così possibili intercettazioni. Ulteriori funzionalità per la sicurezza sono sempre apprezzate come il supporto a Onion (NordVPN) o i server Multihop+ (AtlasVPN).

Privacy

Preferire servizi con una politica di no-log stringente per prevenire raccolte dati non autorizzate. I servizi di spicco conducono regolarmente audit sulla privacy per attestare la loro affidabilità. I server basati esclusivamente su RAM, che eliminano i dati di connessione dopo la disconnessione, sono indicativi di un servizio orientato alla privacy. I server RAM sono disponibili usando Surfshark e NordVPN.

Protocolli

La scelta del protocollo è determinante: per la Cina, sono consigliati protocolli offuscati capaci di mascherare l’origine del traffico e superare il Great Firewall.

Server

Una vasta rete di server contribuisce a mantenere alte le velocità di connessione, essenziale in Cina dove le velocità possono essere inferiori alle aspettative.

I migliori servizi dispongono di almeno 2 o 3 server nei paesi vicini alla Cina per facilitare l’uscita dal sistema di censura e navigare liberamente. Da questo punto di vista l’opzione migliore è Express VPN.

Compatibilità

La VPN da usare in Cina deve essere compatibile con i principali dispositivi (Windows, Mac, Android, iPhone), oltre a Smart TV e sistemi di intrattenimento come Fire TV Stick e Chromecast con Google TV. È importante notare che alcuni dispositivi potrebbero non funzionare ottimamente in Cina e che i protocolli offuscati potrebbero essere disponibili solo su certi client (ad esempio, Windows e Mac). Tutte le VPN per la Cina presentate in questa guida supportano la maggior parte dei dispositivi, Surfshark e Atlas VPN permettono in più connessioni illimitate con un unico abbonamento.

 

Quali app non funzionano in Cina?

Il Great Firewall impone restrizioni su un’ampia varietà di app e siti web internazionali, ecco un elenco di quelle che non funzionano in Cina senza l’uso di una VPN efficace:

  1. Social Media:
    • Facebook
    • Twitter
    • Instagram
    • Pinterest
  2. App di Messaggistica:
    • WhatsApp
    • Telegram
    • Messenger (di Facebook)
  3. Servizi di Streaming:
    • YouTube
    • Netflix
    • Hulu
    • BBC iPlayer
    • Disney+
  4. Motori di Ricerca:
    • Google (e tutti i suoi servizi correlati come Google Maps, Gmail, Google Docs, Google Drive)
    • Bing (in alcuni periodi)
  5. Altre App e Servizi:
    • Dropbox
    • Slack
    • Skype (la sua funzionalità può essere limitata)
    • Zoom (potrebbero esserci restrizioni)

Per quanto riguarda le app di dei provider VPN, quelle che non dispongono di protocolli offuscati o di server ottimizzati per bypassare il Great Firewall potrebbero non funzionare efficacemente in Cina. Ciò significa che alcune virtual private network potrebbero non riuscire a stabilire una connessione o a mantenere una connessione stabile e veloce. La scelta di una VPN per la Cina con specifiche capacità di elusione è quindi cruciale per gli utenti che hanno bisogno di accedere a questi servizi in viaggio.

 

Conviene usare una VPN gratis in Cina?

Allo stato attuale delle cose non è consigliabile utilizzare una VPN gratuita in Cina. Questo perché i servizi free potrebbero non impegnarsi, per questioni economiche, ad aggiornare con regolarità (anche ogni giorno) le tecniche di camuffamento per poter superare il Grande Firewall cinese, che diventa sempre più restrittivo.

Per sviluppare nuove tecniche di camuffamento è richiesto un grande sviluppo in termini di risorse umane e hardware, che può essere finanziato solo dalle aziende che offrono servizi a pagamento. Una VPN gratuita non offrirà mai la stessa efficacia di una a pagamento, specie se è necessario viaggiare spesso verso la Cina.

Trovare VPN gratis che funzionano davvero in Cina è complesso. La maggior parte dei servizi senza costi hanno delle limitazioni che potrebbero impedire la navigazione:

ProtonVPN è apprezzato per il suo impegno verso la sicurezza e la privacy, consentendo agli utenti di accedere a Internet senza dover affrontare i costi tipici delle reti virtuali private premium. Sebbene ProtonVPN offra dati illimitati, un vantaggio notevole, i suoi utenti gratuiti sono limitati a pochi server, che possono non essere sempre ottimizzati per l’uso in Cina. Questo può portare a velocità di connessione lente, specialmente durante le ore di punta, e a una capacità limitata di bypassare il Grande Firewall in modo costante.

Windscribe, d’altra parte, offre 10GB di dati al mese gratuiti, sufficienti per navigazione leggera e comunicazioni essenziali. Include anche funzioni di sicurezza avanzate e la possibilità di scegliere tra diversi server. Tuttavia, il limite di dati potrebbe risultare restrittivo per coloro che cercano di effettuare streaming o scaricare contenuti pesanti, e anche in questo caso, le prestazioni in Cina possono variare a seconda della capacità di aggirare i filtri del governo.

Infine, TunnelBear offre una semplicità d’uso notevole e server in diversi paesi, compresi alcuni che potrebbero offrire rotte ottimali per l’uso in Cina. Gli utenti gratuiti ricevono però solo 500MB di dati al mese, un limite che rende il servizio poco pratico per qualsiasi uso oltre la navigazione molto basica o le comunicazioni di emergenza.

Bisogna ricordare che la priorità data agli utenti paganti significa che le prestazioni per gli utenti gratuiti possono essere notevolmente inferiori. Per chi necessita di una connessione affidabile e costante, potrebbe essere più saggio considerare un’opzione a pagamento specializzata per l’uso in Cina.

 

È legale usare una VPN in Cina?

In Cina le VPN non sono ufficialmente illegali, tuttavia vengono bloccate e controllate. In questa prospettiva, il loro uso non è approvato nel territorio cinese se i provider non sono autorizzati dal governo o non rispettano determinati requisiti.

Tuttavia, le autorità tendono a essere meno rigide nei confronti degli stranieri che visitano la Cina per brevi periodi: le virtual private network standard potrebbero non funzionare, ma servizi dotati di protocolli offuscati possono superare il Great Firewall con relativa facilità.

La situazione cambia per chi risiede in Cina per motivi di lavoro o studio, poiché esiste il rischio di dover giustificare le proprie attività online, anche utilizzando reti virtuali private con protocolli nascosti. In questi casi, è consigliabile procedere con cautela e ricorrere a VPN offuscate solo quando strettamente necessario, rispettando le normative locali che proibiscono categoricamente l’uso di VPN non autorizzate.

 

Riepilogo e conclusioni

Per navigare su Internet in Cina può essere utile installare una virtual private network prima di mettersi in viaggio perché una volta atterrati non è possibile scegliere, pagare o scaricarne nessuna e di fatto è necessario sottostare alle regole dei cinesi, visitando solo i siti cinesi autorizzati dal governo centrale.

In Cina anche le VPN migliori potrebbero non garantire un servizio efficace al 100% a causa del rafforzamento costante del Great Firewall cinese che blocca le connessioni criptate. Per scongiurare questa eventualità si può pensare di scegliere almeno 2 servizi VPN prima di arrivare in Cina, così da avere una connessione di backup in caso di blocchi o censure sulla connessione privata principale. Grazie alle politiche di rimborso e ai sistemi di prova gratuita è possibile anche provare tutte le reti private virtuali segnalate.

Domande frequenti sulle migliori VPN cinesi

Le VPN sono sicure?

Le VPN descritte nell’articolo sono tutte sicure e permettono di cifrare la connessione Internet con tecniche in grado di ingannare il Great Firewall, così da poter “uscire” dai confini cinesi e connetterci a qualsiasi server di un altro paese più libero.

Utilizzando le VPN cinesi tutte le informazioni che si scambiano non potranno essere decifrate dalle autorità di controllo, tutelando di fatto la privacy dell’utente e impendendo ai cinesi di raccogliere dati sull’attività svolta (cosa che potrebbe comunque allertare le autorità di controllo cinesi e avviare un’indagine a nostro nome).

Le VPN per la Cina influiranno sulla velocità di navigazione?

I servizi di VPN a pagamento offrono velocità di navigazione allineate con la velocità massima ottenibile dalla connessione Internet senza VPN: di fatto sono pochi gli utenti in grado di notare veramente la differenza tra una connessione “liscia” e una connessione con VPN dalla Cina, specie se si sceglie un server VPN libero nelle vicinanze del territorio cinese (per esempio i server posizionati in Giappone, India o Hong Kong).

Questo vale anche quando si utilizza una VPN cinese: la velocità sarà probabilmente bassa per via del grande firewall, ma difficilmente verrà rallentata dal server VPN o dai metodi di cifratura e camuffamento (spesso il rallentamento è dato proprio dal tentativo da parte delle autorità cinesi i violare i codici di cifratura e identificare l’utente che usa la VPN).

Posso usare la VPN per Netflix e altri servizi streaming in Cina?

Utilizzando una VPN cinese di qualità è possibile accedere a tutti i servizi che eravamo abituati ad utilizzare in Italia o in qualsiasi altro paese occidentale, inclusi quindi i servizi di streaming come Netflix, YouTube, Amazon Prime Video, Disney+ e Infinity.

Per gustarci un video o l’ultima puntata della serie TV preferita anche in Cina è necessario puntare  su una delle VPN segnalate nella guida (tutte in grado di superare il great firewall cinese anche per i flussi in streaming) e scegliere come server di connessione Italia (per accedere ai contenuti riservati al territorio italiano) o uno degli altri server presenti, così da poter accedere per esempio ai contenuti riservati agli utenti connessi dagli Stati Uniti.

ExpressVPN funziona in Cina?

Sì, ExpressVPN funziona in Cina. Grazie ai suoi protocolli di offuscamento avanzati, è in grado di superare il Grande Firewall cinese, permettendo agli utenti di accedere a Internet liberamente e in modo sicuro. Tuttavia, a causa delle frequenti aggiornamenti del firewall, l’efficacia può variare, quindi è consigliabile controllare l’attuale disponibilità e le prestazioni del servizio direttamente con ExpressVPN.

Come usare NordVPN in Cina?

Per usare NordVPN in Cina, assicurati di scaricare e installare l’applicazione sui tuoi dispositivi prima di entrare nel paese. Una volta in Cina, apri l’app NordVPN e connettiti a uno dei server che offrono protocolli avanzati di offuscamento, come Obfuscated Servers, per bypassare efficacemente il Grande Firewall. Questo ti permetterà di navigare su internet liberamente e in sicurezza.

Come comunicare dalla Cina in Italia?

Per comunicare dalla Cina all’Italia, puoi utilizzare servizi di messaggistica e chiamate che funzionano nonostante le restrizioni locali, come WeChat o servizi VPN per accedere a WhatsApp, Skype, o email. Assicurati di installare e configurare qualsiasi app o VPN necessaria prima di arrivare in Cina per garantire una comunicazione fluida.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione nel rispetto del codice etico. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.