VPN Cina: le migliori VPN cinesi

Per chi viaggia spesso nel paese orientale è consigliabile usare una delle VPN cinesi in grado di superare il firewall nazionale.
Per chi viaggia spesso nel paese orientale è consigliabile usare una delle VPN cinesi in grado di superare il firewall nazionale.

Affrontando un viaggio in Cina per lavoro, necessità o piacere tutti i viaggiatori incapperanno in una spiacevole sorpresa, una volta giunti nella nazione orientale: non è possibile accedere alla maggior parte dei siti Internet utilizzabili in Italia. La severa politica del posto impedisce infatti ai cinesi e ai viaggiatori stranieri sul territorio di accedere a servizi comuni in Italia come Netflix, YouTube, Google, Gmail, Facebook e altri, tagliando di fatto ogni turista europeo “fuori dal mondo” finché risiede all'interno del territorio della Repubblica Popolare Cinese. Per fortuna le restrizioni imposte possono essere bypassate con una VPN cinese efficace e sicura anche dentro i confini della Cina.

Nei seguenti capitoli è possibile scoprire perché è necessario utilizzare una VPN cinese per navigare senza limiti e restrizioni e come evitare i servizi VPN che, anche se più economici o più veloci, potrebbero non funzionare correttamente una volta giunti in Cina.

Le migliori VPN del 2021

Abbiamo analizzato molti servizi VPN confrontando la loro velocità e sicurezza, quali politiche log utilizzano e quali protocolli di crittografia usano, qui elenchiamo le migliori VPN che offre il mercato.
[fcrp_feat_sc sc_id=”187153″]

Perché usare una VPN in Cina

Great-Firewall-VPN-cinesi

Come anticipato nell'introduzione della guida è necessario utilizzare una VPN in Cina per poter accedere a tutti i siti che un utente occidentale è abituato ad utilizzare a casa. Questa forma di tutela si rende necessaria visto che la Repubblica Popolare Cinese applica una censura elevata su tutti i contenuti disponibili su Internet attraverso l'utilizzo di un potente firewall nazionale, in grado di filtrare ogni connessione in entrata e in uscita dal paese e di bloccare siti web, connessioni a servizi P2P e a servizi di streaming.

Questa forma di controllo delle informazioni viene applicata per tutelare i cinesi ma viene applicata a chiunque si connetta a Internet sul territorio cinese, inclusi quindi gli stranieri (abituati ovviamente alla libertà totale concessa nel proprio paese occidentale), che si trovano vittime della censura cinese su tutti i dispositivi in uso (PC, smartphone o tablet) e connessi ad un qualsiasi provider Internet cinese (che collaborano in maniera stretta con il governo centrale, collaborando nella gestione del grande firewall).

Come scegliere la migliore VPN cinese

VPN cinesi

Agganciandoci al capitolo precedente viene subito evidente che, prima di organizzare un viaggio verso la Cina è necessario scegliere accuratamente una o più VPN in grado di superare le restrizioni del Great Firewall cinese, così da poter navigare come se fossimo in Italia o in qualsiasi paese occidenta.

Affidarci ad un servizio VPN generico, una gratuita o una nuova con pochi server (spesso più che sufficienti in Italia o in altri paesi occidentali) potrebbe non essere sufficiente: senza le dovute precauzioni e la tecnologia adeguata (spesso appannaggio dei servizi VPN a pagamento migliori) è possibile ritrovarsi con la connessione bloccata e inaccessibile una volta giunti sul territorio cinese e  nell'impossibilità di scegliere sul posto un nuovo servizio VPN, visto che le pagine web di tutti i servizi VPN sono inaccessibili dalla Cina.

Per evitare problemi e navigare senza censure è necessario quindi scaricare prima del viaggio una o più app VPN potenti e in grado di superare il Firewall cinese, così da poter navigare senza censure e senza controlli da parte delle autorità cinesi, evitando ogni forma di repressione e di blocco.

Le migliori VPN cinesi del 2021

Scegliere una VPN giusta è importantissimo quando si organizza un viaggio in Cina! Qui in basso è possibile trovare le VPN cinesi migliori scaricabili prima del viaggio, con abbonamenti alla portata di tutti e in grado di soddisfare tutte le esigenze di viaggio (da piccoli viaggi di piacere fino ai viaggi d'affari da un mese o più). Una volti giunti nel territorio cinese è possibile avviare la VPN scelta e utilizzarla senza i filtri e le censure imposte dal Great Firewall cinese.

Astrill VPN

Astrill VPN

Tra i servizi migliori in grado di superare il Great Firewall cinese spicca Astrill VPN. Questo servizio VPN è pensato per essere utilizzato efficacemente in Cina grazie ad alcune funzionalità innovative come la modalità StealthVPN, che nasconde l'uso della VPN e inganna il Grande Firewall Cinese, evitando di allertare le autorità locali. Altra funzione molto utile da usare in Cina è la Smart Mode, che permette di cambiare IP da locale a internazionale in base al sito che si visita nel browser, così da fornire un IP cinese sui siti cinesi e un IP internazionale quando si sceglie di aprire Google, Netflix o altri siti censurati.

Astrill VPN offre più 110 server in 62 paesi e fornisce una prova gratuita di 7 giorni (non utilizzabile una volta giunti in Cina, quindi conviene provarla in Italia e abbonarsi prima dell'arrivo sul territorio cinese).

>> Vai al listino Astrill VPN

ExpressVPN

ExpressVPN

La VPN più veloce al mondo è senza ombra di dubbio ExpressVPN, che vanta record di velocità anche per chi si connette dietro il Great Firewall cinese. Questa elevata velocità di connessione è fornita grazie ad un elevato numero di server presenti vicino alla Cina; il merito è anche del sistema di offuscamento migliorato costantemente dall'azienda, una scelta costante di nuovi server veloci da utilizzare appositamente dalla Cina (e selezionabili subito al primo avvio del servizio in Cina) e una severa politica no-log su ogni connessione aperta, che mette al riparo tutti gli utenti durante la navigazione dal territorio cinese.

ExpressVPN è tra le migliori per rapporto qualità-prezzo e offre anche una garanzia di rimborso di 30 giorni, così da poter provare il servizio durante  un viaggio in Cina e decidere se riutilizzarlo in caso di successivi viaggi (indispensabile per chi lavora o ha un'azienda europea in Cina).

>> Vai al listino di ExpressVPN

Surfshark

Surfshark VPN cinesi

Altro servizio molto valido per superare la censura cinese è Surfshark, tra le poche VPN cinesi in grado di superare egregiamente il Great Firewall. Questo risultato è stato raggiunto grazie all'adozione di nuove tecnologie di camuffamento come NoBorders e Camouflage. La prima è una modalità di connessione che permette di connettersi automaticamente a un server veloce con accesso senza censure a Internet, senza dover perdere tempo a trovare il server giusto, mentre la seconda è pensata per nascondere i pacchetti generati dalla VPN così da renderli irriconoscibili alle autorità, che non riusciranno mai a identificare il traffico VPN e la cifratura presente durante la connessione. Come gradita aggiunta è possibile beneficiare anche di CyberWeb di Surfshark, un sistema di protezione integrato contro tracker, programmi dannosi (malware) e tentativi di phishing.

Il servizio Surfshark VPN offre una garanzia di rimborso di 30 giorni, così da poter provare la bontà della VPN ancor prima di organizzare un viaggio in Cina (dove è preferibile andare sempre con un abbonamento VPN attivo e funzionante).

>> Vai al listino di Surfshark VPN

VyprVPN

VyprVPN

Per gli utenti che cercano la massima sicurezza e affidabilità quando utilizzano una VPN in Cina è possibile puntare sul servizio offerto da VyprVPN, attualmente il miglior servizio VPN cinese. Se si ha il timore di non avere una VPN funzionante o di essere bloccati dal Great Firewall cinese, basta affidarsi a VyprVPN, che offre un sistema di camuffamento proprietario Chameleon, attualmente uno dei migliori metodi per bypassare il firewall cinese visto che può passare inosservato anche ad un avanzato controllo dei pacchetti (DPI) da parte delle autorità cinesi.

Questo servizio offre 700 server ad alta velocità in ogni parte del mondo e larghezza di banda illimitata dalla Cina ad un prezzo imbattibile, con tanto di prova gratuita di 3 giorni (è preferibile provarla in Italia e pagare l'abbonamento in anticipo, così da avere la massima protezione una volta giunti in Cina).

>> Vai al listino di VyprVPN

PrivateVPN

PrivateVPN

PrivateVPN è tra i servizi VPN più recenti con cui è possibile superare senza difficoltà il grande firewall cinese, nonostante quest'ultimo venga aggiornato con regolarità per bloccare tutti i servizi VPN più famosi. Questa VPN fornisce una buona velocità di connessione, un buon numero di server vicini alla Cina (per ottenere la massima velocità di navigazione) e una valida app  dotata di una modalità Stealth, pensata per nasconde il traffico VPN al Grande Firewall Cinese in maniera semplice e alla portata di tutti.

PrivateVPN dispone di oltre 150 server in 60 paesi e offre server sicuri per la Cina da Hong Kong, Giappone, Taiwan e altri paesi vicini. Per chi vuole provare il servizio senza dover sottoscrivere nulla è disponibile una prova gratuita di 7 giorni, accompagnata da 30 giorni di garanzia di rimborso in caso di problemi con l'abbonamento sottoscritto.

>> Vai al listino di PrivateVPN

Domande frequenti

In questo capitolo è possibile trovare le risposte a tutte le principali domande poste dagli utenti occidentali sulle VPN cinesi e sulla loro reale efficacia contro uno strumento di censura molto potente come il Great Firewall cinese.

Cos'è il Grande Firewall cinese

Il Grande Firewall cinese (chiamato anche Great Firewall) opera su tutto il territorio cinese con una serie di strumenti informatici atti a controllare ogni connessione in entrata e in uscita da Internet.

Qualsiasi dispositivo in grado di connettersi a Internet (via cavo, via rete dati cellulare o via satellite) effettuerà una connessione a questo firewall, che agisce come un vero e proprio filtro: di fatto bloccherà sul nascere la connessione a qualsiasi indirizzo web sgradito o non autorizzato in Cina. Oltre ai siti web blocca anche l'accesso ad altri servizi Internet non approvati o vietati in Cina come reti P2P, rete Onion (Tor), servizi di streaming P2P, servizi di posta elettronica vietati, servizi newsletter vietati e siti del Deep Web. In Cina è vietata anche la cifratura delle connessioni (HTTPS), visto che i dati scambiati devono essere costantemente controllati dagli organi di polizia e dagli organi militari cinesi alla ricerca di sovversivi, terroristi e nemici della repubblica.

Per superare il Great Firewall è richiesto un sistema di camuffamento dei pacchetti molto sofisticato che solo alcune VPN cinesi sono in grado di superare, evitando ogni forma di censura o controllo delle informazioni.

Le VPN sono legali in Cina?

L'utilizzo delle VPN è vietato in Cina da parte di tutti i cinesi e i siti per utilizzare questo tipo di servizio o per scaricare le app non sono raggiungibili in nessun modo. Agli stranieri presenti in Cina non viene vietato esplicitamente l'uso delle VPN ma è necessario non abusare di questa tolleranza, visto che la connessione cifrata della VPN riemergerà facilmente tra le connessioni in chiaro del Great Firewall, portando ad un'indagine e ad un controllo da parte delle forze di polizia, che potrebbero chiedere informazioni sull'attività svolta sul PC, sullo smartphone o sul tablet in uso con la VPN.

Se ci fermano per un controllo (e possono chiedere di vedere anche PC, smartphone e tablet) probabilmente ci verrà chiesto di disinstallare la VPN e di non utilizzarla sul territorio cinese.

Le VPN sono sicure?

Le VPN descritte nell'articolo sono tutte sicure e permettono di cifrare la connessione Internet con tecniche in grado di ingannare il Great Firewall, così da poter “uscire” dai confini cinesi e connetterci a qualsiasi server di un altro paese più libero.

Utilizzando le VPN cinesi tutte le informazioni che si scambiano non potranno essere decifrate dalle autorità di controllo, tutelando di fatto la privacy dell'utente e impendendo ai cinesi di raccogliere dati sull'attività svolta (cosa che potrebbe comunque allertare le autorità di controllo cinesi e avviare un'indagine a nostro nome).

Conviene usare una VPN gratis in Cina?

Allo stato attuale delle cose non è affatto consigliabile utilizzare una VPN gratuita in Cina, visto che le tecniche di camuffamento utilizzate dalle grandi aziende VPN devono essere aggiornate con regolarità (anche ogni giorno) per poter superare il grande firewall cinese, che diventa ogni giorno che passa sempre più restrittivo e difficile da superare.

Per sviluppare nuove tecniche di camuffamento è richiesto un grande sviluppo in termini di risorse umane e hardware, che può essere finanziato solo dalle aziende che offrono VPN a pagamento. Una VPN gratuita non offrirà mai la stessa efficacia di una VPN a pagamento, specie se è necessario viaggiare spesso verso la Cina.

Le VPN cinesi influiranno sulla velocità di navigazione?

I servizi di VPN a pagamento offrono velocità di navigazione allineate con la velocità massima ottenibile dalla connessione Internet senza VPN: di fatto sono pochi gli utenti in grado di notare veramente la differenza tra una connessione “liscia” e una connessione con VPN dalla Cina, specie se si sceglie un server VPN libero nelle vicinanze del territorio cinese (per esempio i server posizionati in Giappone, India o Hong Kong).

Questo vale anche quando si utilizza una VPN cinese: la velocità sarà probabilmente bassa per via del grande firewall, ma difficilmente verrà rallentata dal server VPN o dai metodi di cifratura e camuffamento (spesso il rallentamento è dato proprio dal tentativo da parte delle autorità cinesi i violare i codici di cifratura e identificare l'utente che usa la VPN).

Posso usare la VPN per Netflix e altri servizi streaming in Cina?

Utilizzando una VPN cinese di qualità è possibile accedere a tutti i servizi che eravamo abituati ad utilizzare in Italia o in qualsiasi altro paese occidentale, inclusi quindi i servizi di streaming come Netflix, YouTube, Amazon Prime Video, Disney+ e Infinity.

Per gustarci un video o l'ultima puntata della serie TV preferita anche in Cina è necessario puntare  su una delle VPN segnalate nella guida (tutte in grado di superare il great firewall cinese anche per i flussi in streaming) e scegliere come server di connessione Italia (per accedere ai contenuti riservati al territorio italiano) o uno degli altri server presenti, così da poter accedere per esempio ai contenuti riservati agli utenti connessi dagli Stati Uniti.

Riepilogo e conclusioni

Per chi viaggia spesso in Cina per lavoro o necessità e desidera accedere agli stessi siti e servizi disponibili in Italia deve sottoscrivere prima del viaggio un abbonamento ad un servizio VPN valido e in grado di superare senza problemi il Great Firewall cinese, cosa che non è scontata visto l'aumento della censura e del controllo digitale da parte delle autorità cinesi.

La scelta e il download del client per la VPN vanno effettuati prima di metterci in viaggio: una volta arrivati in Cina non è possibile scegliere, pagare o scaricare nessuna VPN e di fatto è necessario sottostare alle regole dei cinesi, visitando solo i siti cinesi autorizzati dal governo centrale.

Scaricando un client VPN sui dispositivi personali prima del viaggio è possibile ottenere tutte le tutele una volta arrivati nella Repubblica Popolare Cinese: per navigare senza pensieri è sufficiente aprire il client scelto, scegliere il server VPN sul territorio italiano (o su uno dei server presenti vicino alla Cina) e iniziare a navigare senza filtri, censure o blocchi improvvisi della navigazione.

Vista la velocità con cui aggiornano il grande firewall cinese è possibile incappare in un blocco o in una censura della VPN cinese scelta, anche se questa era identificata come sicura e funzionante in Cina prima della partenza. Per evitare questo spiacevole problema è preferibile scegliere almeno 2 servizi VPN prima di arrivare in Cina, così da avere una connessione di backup in caso di blocchi o censure sulla connessione VPN principale. Grazie alle politiche di rimborso e ai sistemi di prova gratuita è possibile anche provare tutte le VPN segnalate in alto durante il viaggio in Cina, avendo cura di scegliere sempre due servizi a pagamento da utilizzare in caso di blocchi o in caso è necessario soggiornare in Cina per un periodo superiore ai 10 giorni.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

07 02 2021
Link copiato negli appunti