Come cambiare indirizzo IP (e come rintracciarlo): guida

Come cambiare indirizzo IP (e come rintracciarlo): guida

Scopriamo come trovare il proprio indirizzo IP e come fare per cambiarlo, al fine di una maggiore garanzia di privacy nella navigazione.
Scopriamo come trovare il proprio indirizzo IP e come fare per cambiarlo, al fine di una maggiore garanzia di privacy nella navigazione.

Navigando online ci si può imbattere in restrizioni geografiche, siti Web che non possono in alcun modo essere visitati da determinati Paesi, mentre altre volte, anche peggio, possono essere visitati da un unico Paese in tutto il mondo. Ma vi siete mai chiesti in che modo il computer, o comunque la rete, riesce a capire la posizione dalla quale si sta accedendo? La risposta è molto semplice: si serve dell’indirizzo IP. A questo punto, in molti saranno anche più confusi di prima, e per questo motivo oggi andremo ad affrontare il discorso che prende in esame proprio tale indirizzo, così da offrire a tutti una panoramica chiara e precisa del suo funzionamento. Inoltre, non mancheranno anche dei paragrafi dedicati ai passaggi da seguire per cambiarlo, oltre che a manipolarlo secondo le proprie preferenze.

Cos’è un indirizzo IP

Cos'è un indirizzo IP

Ma prima di tutto: cosa è un indirizzo IP? Potremmo semplificare il concetto di indirizzo IP paragonandolo un po’ al codice fiscale o al numero della carta d’identità. Ogni cittadino ne possiede uno e con questo può essere riconosciuto in maniera più rapida all’interno dei sistemi nazionali italiani. Il suddetto indirizzo rappresenta quindi proprio quel “codice” assegnato alla rete o ai singoli dispositivi, in modo che Internet possa riconoscere gli strumenti utilizzati per la navigazione e la loro geolocalizzazione. Tuttavia, quando si parla di indirizzi IP, bisogna soffermarsi su una differenza molto importante: indirizzi privati e pubblici.

Indirizzo IP privato

L’indirizzo IP privato è un codice unico che viene assegnato automaticamente dal router ad ogni dispositivo connesso alla sua rete. Così facendo, il modem riuscirà a riconoscere nello specifico quale Device risulta connesso e in quale momento.

Indirizzo IP pubblico

L’indirizzo IP pubblico è invece il codice che identifica l’intera rete utilizzata dal modem. Tale indirizzo è quello che Internet utilizza per capire quale effettivamente risulta essere la posizione del router e quindi quali contenuti rendere disponibile o bloccare per l’accesso.

Qual è il mio indirizzo IP: come trovarlo

Qual è il mio indirizzo IP: come trovarlo

Ovviamente chiunque può risalire all’indirizzo IP, sia quello pubblico che quello privato. La procedura risulterà leggermente diversa a seconda del sistema operativo utilizzato, ma i passaggi da seguire daranno comunque molto semplici e immediati.

Su PC Windows basterà infatti avviare il prompt dei comandi (sarà sufficiente cliccare contemporaneamente i tasti “Windows” + “R” sulla tastiera e automaticamente apparirà la finestra nera) e digitare il comando ipconfig. Subito verranno visualizzati alcuni dei dettagli relativi alla connessione, tra cui anche l’indirizzo IP.

Su Mac invece, non servirà altro avviare l’app “Preferenze di Sistema” e continuare con il menu dedicato al “Network”. All’interno della nuova schermata risulterà subito visibile l’indirizzo privato assegnato.

Qualora si volesse invece visionare il codice dell’indirizzo IP pubblico, bisognerà utilizzare dei semplici e gratuiti tool online. Tra i più utilizzati riportiamo sicuramente: What is my IP, IP Location, Find IP Address e IP2Location.

Perché dovrei nascondere l’indirizzo IP

A questo punto la domanda sorge quasi spontanea: per quale motivo dovrei conoscere tutte queste informazioni? Perché l’indirizzo IP è una delle porte più utilizzate dai sistemi di tracciamento, oltre che da malware e virus. Tutti gli utenti che tengono alla propria privacy dovrebbero infatti nascondere l’indirizzo IP, mascherandolo con codici differenti e che non potranno in alcun modo lasciare traccia della navigazione.

Per fare un esempio più semplice, l’indirizzo IP viene anche utilizzato dai cookie per registrare alcune informazioni ricercate online dall’utente, così da poterle poi sfruttare per inviare annunci personalizzati e basati proprio sulle ricerche precedentemente effettuate. Mascherando l’indirizzo, neppure i cookie potranno effettivamente registrare le suddette informazioni.

Come cambiare indirizzo IP pubblico

Addentriamoci ora nella parte di articolo in cui proveremo a trovare una soluzione al problema. Cambiare l’indirizzo IP pubblico è possibile, ma farlo “manualmente” potrebbe risultare parecchio scomodo e sostanzialmente meno utile del previsto.

Come accennato in precedenza, l’indirizzo pubblico viene assegnato al modem e quindi alla rete che quotidianamente viene utilizza per la navigazione. Il codice di riferimento rimane invariato finché il router non è costretto ad appoggiarsi ad uno nuovo. Per fare ciò, bisognerà sostanzialmente staccare la spina allo stesso router, attendere circa 10 minuti e riconnetterlo alla corrente. In questo modo verrà assegnato un nuovo indirizzo IP, ovviamente differente da quello precedente.

Tuttavia, sfruttare tale procedura non è sicuramente un qualcosa di molto consigliato, poiché parecchio scomodo, oltre che poco utile per proteggere la propria privacy. L’indirizzo IP risulterà diverso, ma comunque punterà verso la stessa rete, la stessa abitazione, gli stessi dispositivi e gli stessi utenti di quello precedente.

L’utilizzo di una VPN e quale scegliere

L'utilizzo di una VPN e quale scegliere

Una vera soluzione passa invece per l’utilizzo dei servizi di VPN, i quali potranno realmente mascherare l’indirizzo IP pubblico e consentire a tutti gli utenti di navigare in maniera privata e sicura. Le piattaforme di VPN dispongono infatti centinaia di server diversi installati in tutto il mondo, offrendo a chiunque la possibilità di utilizzarli, così da risultare connessi ad una rete con indirizzo IP completamente anonimo e persino lontano chilometri dalla posizione reale della rete.

In questo modo, sarà anche possibile risolvere il problema relativo all’impossibilità di accedere a determinati siti poiché non locati nella nazione di riferimento. Basterà infatti utilizzare uno dei server a disposizione per far creder ad Internet di trovarsi in un Paese diverso da quello reale. Ma quali sono quindi i servizi migliori?

NordVPN

Le piattaforme di VPN possono effettivamente sembrare tutti uguali e in grado di offrire le stesse opzioni. Tuttavia, ciò che realmente li differenzia è il servizio che ne sta alla base. I server a disposizione, oltre che ad essere tanti, devono comunque risultare sicuri e in grado di proteggere la privacy dell’utente. NordVPN è probabilmente uno dei migliori sotto questo punto di vista, poiché dotato di più di 5000 server in più di 60 paesi e una larghezza di banda illimitata.

>> Vai alle offerte NordVPN

CyberGhost

Tra le più famose in Italia troviamo anche CyberGhost, la quale dispone di tutte le caratteristiche per essere considerata la migliore sulla piazza. Tra i suoi vantaggi migliori troviamo indubbiamente la possibilità di poter sfruttare il suo servizio su un totale di ben 7 dispositivi diversi con un solo abbonamento, sia che essi siano desktop che mobile.

>> Guarda gli sconti CyberGhost

PureVPN

PureVPN è invece la piattaforma sicuramente più accessibile, poiché compatibile con più di 20 dispositivi diversi. Questa potrà infatti essere utilizzata su: PC Windows, Mac, smartphone e tablet Android, iPhone, iPad, computer Linux, Chrome, Firefox, Android TV, Kodi, Roku, Raspberry Pi, Xbox, Play Station, Amazon Fire TV e molti altri ancora.

>> Vai alle offerte PureVPN

SurfShark

SurfShark dispone invece di una caratteristica che non sempre è possibile incontrare in questo campo. La sua VPN potrà infatti essere utilizzata su un numero illimitato di dispositivi contemporaneamente, sia che essi siano desktop o mobile. Ovviamente anche in questo caso non mancherà la possibilità di utilizzare migliaia di server presenti in tutto il mondo.

>> Vai alle offerte SurfShark

Private Internet Access

Tra le VPN con più esperienza troviamo Private Internet Access. Questa può infatti contare su più di 10 anni di permanenza nel settore, 15 milioni di clienti sparsi per il globo, un supporto cliente attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e un software completamente open source che chiunque può visionare in qualunque momento.

>> Guarda gli sconti Private Internet Access

ExpressVPN

Una delle piattaforme di VPN che può contare su più Paesi è invece ExpressVPN. Questa dispone infatti di server installati in ben 94 nazioni differenti, con un totale di 160 location sparse ovunque. Ovviamente, più nazioni a disposizione, significa avere più scelta e più possibilità di visitare siti Web accessibili solo in determinate zone.

>> Vai al listino ExpressVPN

VyprVPN

VyprVPN è forse una delle migliori alternative a PureVPN per quanto riguarda la quantità di dispositivi supportati. Tra quelli oggi garantiti troviamo infatti: PC Windows, Mac, Android, iPhone e iPad, TV, Roku, Chrome, router e quant’altro.

>> Guarda le offerte VyprVPN

PrivateVPN

Nella top delle migliori VPN non può mancare neppure PrivateVPN, conosciuta e utilizza in tutto il mondo. Si tratta di un servizio nato in Svezia e che può contare su server molto stabili e ben rodati. In più, grazie all’app desktop e quella mobile, sarà possibile sfruttare le sue opzioni fino ad un totale di ben 10 dispositivi in simultanea.

>> Vai al listino PrivateVPN

AtlasVPN

Proprio come SurfShark, AtlasVPN ha il vantaggio di poter offrire il suo servizio ad un numero illimitato di dispositivi, posizionandola quindi come uno dei software dal rapporto qualità prezzo migliore sulla piazza. In più, si potrà contare anche su un supporto clienti disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

>> Vai al listino AtlasVPN

HMA VPN

HMA VPN è forse la piattaforma più sottovalutata del momento, ma in grado di offrire delle caratteristiche assolutamente uniche. Questa dispone infatti della più grande rete al mondo, in quanto basata su più di 1000 server disposti in oltre 290 location in oltre 210 Paesi diversi.

>> Vai al listino HMA VPN

IPVanish

Tra le caratteristiche di rilievo di IPVanish troviamo invece: più di 75 Paesi coperti dai server, supporto sempre disponibile, tracciamento completamente azzerato, indirizzi IP condivisi, crittografia avanzata, numero illimitato di dispositivi supportati e molto altro ancora.

>> Guarda le offerte di IPVanish

Come cambiare l’indirizzo IP privato

Come cambiare l'indirizzo IP privato

Per modificare l’indirizzo IP privato, bisognerà ancora una volta eseguire passaggi diversi in base al sistema operativo utilizzato: Windows o Mac.

Su PC Windows bisognerà aprire l’applicazione delle impostazioni, accedere al tab dedicato a “Rete e Internet” e successivamente su “Impostazioni rete e Internet”. Ora bisognerà cliccare su “Stato” e poi su “Proprietà”, facendo attenzione a scegliere la rete al quale si è connessi. Ora basterà cliccare su “Modifica” alla destra di “Assegnazione IP” e scegliere l’opzione “Manuale” nel menu a tendina che appare in alto. Adesso sarà sufficiente attivare il toggle “IPv4” e modificare i dati sottostanti a proprio piacimento.

Su Mac invece, bisognerà aprire l’applicazione “Preferenze di Sistema”, continuare con “Rete”, cliccare su “Avanzate” in basso a destra e accedere al tab “TCP/IP”. A questo punto bisognerà scegliere l’opzione “Manualmente” dal menu “IPv4” e modificare i dettagli personalmente.

Considerazioni conclusive

Per concludere con la guida, vogliamo ricordare ancora una volta che mascherare il proprio Indirizzo IP risulta essere una pratica abbastanza importante, non solo per godere di contenuti altrimenti inaccessibili, ma anche e soprattutto per proteggere la propria privacy e la navigazione online. Modificare l’indirizzo IP privato non porterà a molti vantaggi, ma farlo con quello pubblico potrebbe realmente rivoluzionare l’esperienza di utilizzo dei propri dispositivi preferiti. In questo caso, i servizi di VPN rappresenteranno dei validi compagni di viaggio sui quali si potrà sempre contare.

Domande frequenti sull'indirizzo IP

Quando andrebbe nascosto il proprio indirizzo IP?

Sarebbe ottimo poter nascondere sempre il proprio indirizzo IP, ma assolutamente necessario quando ci si connette a reti Wireless pubblico e prive di password, o quando si visitano siti web poco sicuri.

Cambiando il proprio indirizzo IP si naviga anonimi?

Modificando l’indirizzo IP di riferimento si eviterà sicuramente di condividere dei dati parecchio importanti e privati, ma per risultare ancora più anonimi consigliamo di utilizzare in abbiadata anche la navigazione Web in incognito.

Qual è la migliore VPN per proteggere la propria privacy sul web?

Esistono decine di VPN assolutamente valide e in grado di proteggere la propria privacy online, ma tra le più famose riportiamo: NordVPN, CyberGhost, PureVPN, SurfShark, Private Internet Access ed ExpressVPN.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti