Tribler, il futuro di BitTorrent è adesso

Rilasciata una nuova versione del client finanziato dalla UE. Caratteristica distintiva: la sua capacità di traghettare la condivisione P2P in un universo privo di server centrali

Roma – Tribler , il client BitTorrent nato con l’ ambizioso obiettivo di rivoluzionare condivisione e IPTV del prossimo futuro, è arrivato alla versione 5.3. Il progetto finanziato dai milioni della Comunità Europea ha raggiunto la maturità e si distingue per le sue caratteristiche uniche, prima fra tutte la capacità di trasformare BitTorrent in un’esperienza completamente indipendente da siti di ricerca per i file .torrent , tracker e server centralizzati.

Elogiato da TorrentFreak come qualcosa di “rivoluzionario”, Tribler 5.3 include un’interfaccia per la ricerca tra i contenuti correntemente scambiati sul network BitTorrent: la ricerca viene condotta tra i peer connessi per la condivisione, non tocca in alcun modo i siti che indicizzano i file .torrent , è in grado di interfacciarsi ai tracker attivi e offre persino una funzionalità di “auto-completamento” per i contenuti più comuni.

Tribler è in sostanza un client BitTorrent completamente decentralizzato , con tutta probabilità il primo della sua specie: non bastasse questo, ha anche un sistema di gestione intelligente e community-driven dello spam. Gli utenti possono classificare i download attraverso un meccanismo di “canali” ( channel in originale) con all’interno diversi Torrent, mentre chi scarica e condivide può assegnare un voto a un canale che verrà in seguito proposto in cima ai contenuti ricercati, sempre in proporzione al numero di voti positivi ricevuti degli utenti.

Le altre “doti particolari” di Tribler includono la possibilità di avviare immediatamente lo streaming di contenuti video condivisi – grazie al player multimediale integrato basato sul codice di VLC media player – e la compatibilità garantita con il sistema di tracker centralizzati su cui attualmente si basa la stragrande maggioranza delle attività di condivisione su rete BitTorrent.

Tribler è un progetto che coinvolge “22 scienziati che lavorano a tempo pieno” su di esso, spiega il leader del team dottor Johan Pouwelse. Un progetto che include “parecchi algoritmi e codice open source”, assieme al contributo di 7 diverse università o organizzazioni.

Il client è “la più estesa iniziativa P2P guidata con piglio scientifico in circolazione” dice Pouwelse, a cui manca ancora un ultimo tassello in grado di trasformarlo in una forza della natura: una base di utenza corposa . Il numero di utenti che usa Tribler è infatti ancora basso e si misura nell’ordine delle migliaia, un’inezia al confronto dei milioni di “pari” che sfogliano quotidianamente The Pirate Bay, Demonoid o altre piattaforme specializzate e che va di pari passo con la scarsità di contenuti – soprattutto “rari” – disponibili per la ricerca e il download.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Se voglio GVoice o Latitude sull'iCoso?
    Se Apple non vuole, anche se sono app perfettamente lecite, o aspetto che cambi idea, o mi attacco al tram.Oggi le app, domani decideranno quali siti potrò visitare, quali libri potrò leggere? Certo, certo, sono libero di non comprare la robaccia Apple.I macachi invece sono prigionieri del loro zoo luccicante, e sono felici delle sbarre.
    • Aleph72 scrive:
      Re: Se voglio GVoice o Latitude sull'iCoso?
      - Scritto da: Funz
      Se Apple non vuole, anche se sono app
      perfettamente lecite, o aspetto che cambi idea, o
      mi attacco al
      tram.
      Oggi le app, domani decideranno quali siti potrò
      visitare, quali libri potrò leggere?

      Certo, certo, sono libero di non comprare la
      robaccia
      Apple.
      I macachi invece sono prigionieri del loro zoo
      luccicante, e sono felici delle
      sbarre.Per tua informazione, Latitude è sempre stato disponibile tramite webapp.Era solo l'app ad avere problemi. Ora è stata accettata ed è disponibile.Tu continua pure ad immaginarti un (tuo) futuro in cui Apple censuri anche la navigazione web... io intanto mi godo il mio iPhone 4!P.S.: mi sono reso conto ora che non apro il client di posta sul macbook da più di un mese... non ne ho ancora avuto bisogno!
      • Funz scrive:
        Re: Se voglio GVoice o Latitude sull'iCoso?
        - Scritto da: Aleph72
        Per tua informazione, Latitude è sempre stato
        disponibile tramite
        webapp.Limitata, non integrata e ciuccia batteria. Chi voleva l'app vera, se l'è tirato per un anno finché Apple non si è degnata di approvarla.
        Era solo l'app ad avere problemi. Ora è stata
        accettata ed è
        disponibile.Ma graaaazie Steve!E comunque non era l'app ad "avere problemi", casomai l'app store di Apple :p Cavolo, troppe "app" nelle frasi precedenti! :D
        Tu continua pure ad immaginarti un (tuo) futuro
        in cui Apple censuri anche la navigazione web...
        io intanto mi godo il mio iPhone
        4!Contento te, felice nel tuo giardinetto recintato. Io sto benissimo fuori, e con tutta la mia libertà.
        P.S.: mi sono reso conto ora che non apro il
        client di posta sul macbook da più di un mese...
        non ne ho ancora avuto
        bisogno!E chi se ne sbatte? (rotfl)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 dicembre 2010 11.20-----------------------------------------------------------
        • Aleph72 scrive:
          Re: Se voglio GVoice o Latitude sull'iCoso?
          - Scritto da: Funz
          Limitata, non integrata e ciuccia batteria.
          Chi voleva l'app vera, se l'è tirato per un anno
          finché Apple non si è degnata di
          approvarla.Capirai... ce ne sono altre 2000 di apps che funzionano meglio di latitude.
          Contento te, felice nel tuo giardinetto
          recintato. Io sto benissimo fuori, e con tutta la
          mia
          libertà.Certo che sono contento. E il bello è che nel momento in cui non lo fossi più, posso cambiare con quello che più mi aggrada.Il giardinetto recintato mi sa che sta solo nella testa di voi haters.Io non mi precludo alcuna possibilità a priori, voi si.Io non escludo di poter comprare e usare un Android o un Win Phone 7 o un Meego o quello che sia. voi un iOS lo escludete a priori, chi è più recintato??

          P.S.: mi sono reso conto ora che non apro il

          client di posta sul macbook da più di un mese...

          non ne ho ancora avuto

          bisogno!

          E chi se ne sbatte? (rotfl)Era solo per dire che da quando ho l'iPhone 4 uso pochissimo il computer di casa.Però hai ragione, è OT.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 dicembre 2010 11.23-----------------------------------------------------------
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Se voglio GVoice o Latitude sull'iCoso?

            Era solo per dire che da quando ho l'iPhone 4 uso
            pochissimo il computer di
            casa.Chiaro: chi non ha bisogno di un computer e non sa usarlo, può accontentarsi di un iphone.
          • Aleph72 scrive:
            Re: Se voglio GVoice o Latitude sull'iCoso?
            - Scritto da: uno qualsiasi
            Chiaro: chi non ha bisogno di un computer e non
            sa usarlo, può accontentarsi di un
            iphone.Certamente, anche se un pc con iTunes è necessario.
  • chrjs scrive:
    myCrumbs
    E' strana la questione di Latitude visto che myCrumbs c'è da tempo su AppStore e fa la stessa identica cosa.
Chiudi i commenti