Turchia: YouTube messo al bando?

Lo dicono le agenzie internazionali. La ragione è sempre quella: video offensivi nei confronti del padre fondatore del paese

Roma – C’è qualcosa di ciclico nelle censure che colpiscono YouTube nel mondo: a dare questa idea sono le autorità turche che ancora una volta hanno deciso di ordinare ai provider di bloccare l’accesso al celebre portalone del video sharing.

Secondo un tribunale turco, infatti, su YouTube girano video che prendono di mira Ataturk, il padre fondatore della patria, e proprio come già accaduto la presenza di quel materiale è sufficiente per ricorrere alla pesante mano della censura.

YouTube ha in passato rimosso i video ritenuti offensivi, convincendo così le autorità locali a riaprire il rubinetto della connettività.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • teddybear scrive:
    Notizia vecchia.
    Evidentemente il Washington Post doveve riempire qualche trafiletto.
  • Gianni scrive:
    Che bestie
    Non aggiungo altro.
    • La Verità scrive:
      Re: Che bestie
      sono completamente d'accordo! quella gente deve essere dominata col pugno di ferro: sono qualche centinaio di anni indietro rispetto alla civiltà non musulmana e la democrazia per loro è ancora inconcepibile.
    • stramaxxa scrive:
      Re: Che bestie
      ma piantiamola! ... un caso montato ad arte e giù a criticare un intera società e coltura!Ha ragione "Paolo P2" andiamo tutti a vivere nella civilizzata Spagna.. dove il matrimonio non ha più nessun valore e dove anche le coppie omosessuali possono fare di tutto....O andiamo in Olanda.... a drogarci dalla mattina alla sera.. tanto poi se divento un vecchio rincoglionito c'è pure l'eutanasia...Facciamo crescere i nostri figli in America... se mio figlio è troppo agitato lo imbottiscono di psicofarmaci sin dall'elementari...Aspetti schifosi ci sono in tutte le società.... quindi zitti e a cuccia.
      • Non gay ma tollerante scrive:
        Re: Che bestie
        - Scritto da: stramaxxa
        Ha ragione "Paolo P2" andiamo tutti a vivere
        nella civilizzata Spagna.. dove il matrimonio non
        ha più nessun valore e dove anche le coppie
        omosessuali possono fare di
        tutto....In che senso? Questa dovrebbe essere una caratteristica negativa della spagna?Fintanto che certa gente non imparera' ad essere tollerante faremo una vita triste dappertutto!
      • ste scrive:
        Re: Che bestie
        stattene a casa tua, a ceppaloni
  • OpenMind64 scrive:
    Non capisco il problema

    un marito può porre fine al proprio matrimonio
    dicendo semplicemente alla propria moglie per
    tre volte la frase "voglio divorziare"La questione a questo punto è una sola: il marito vuole divorziare o no?Se vuole divorziare, basta che si presenti davanti alla moglie e le dica altre due volte la frase in questione (una volta a voce gliela ha già detta).Se non vuole divorziare, può sempre dire che negli SMS non ha scritto esattamente "voglio divorziare", ma "divorzio:", e che ha cambiato idea.In ogni caso se una persona vuole lasciare il partner, non è vietandogli l'uso del cellulare che si tiene assieme la coppia. Soprattutto se il disbrigo delle formalità per la pratica di divorzio è così rapido.
    • Claudio Messora scrive:
      Re: Non capisco il problema
      e' un caso limite, montato ad arte per far discutere del problema del divorzio nella comunità islamica.Anche se secondo la fede, un uomo può divorziare dalla propria moglie dicendoglielo per tre volte, in realtà parliamo sempre di casi estremi che accadono nei paesi non "a fede islamica", ma in quei paesi a fede islamica culturalmente isolati. Effettivamente è una cosa possibile legalmente, ma a tale possibilità non corrisponde un effettivo utilizzo del mezzo. Da noi, per esempio, la Chiesa può dichiarare nullo un matrimonio senza figli, ma i casi in cui di questo ci si avvale non sono frequenti, e di solito avvengono a fronte di altri problemi, come escamotage..
      • Paolo P2 scrive:
        Re: Non capisco il problema
        Aggiungerei che per la legge islamica non basta dichiarare tre volte il divorzio, bisogna che ci siano due testimoni a confermare la richiesta. Ovviamente il marito non ha problemi a trovare un paio di amici che lo spalleggino.Questo ha portato ad assurdità come i divorzi telefonici da una nazione all'altra (basta far sentire la voce di altre due persone), ma... come attestare la loro presenza con un sms?
Chiudi i commenti