TV interattive sposate da XML

Una cordata di aziende per la TV interattiva svela uno standard che, basato su XML, porterà a contenuti compatibili con qualunque set-top box sul mercato


Roma – L’onnipresente XML, una delle tecnologie alla base dei nuovi servizi sul Web, è riuscito a mettere d’accordo anche i fornitori di contenuti per la TV interattiva. Un gruppo di essi, che rappresenta circa il 90% del mercato, ha infatti svelato un insieme di tecnologie aperte che sono alla base di uno standard per la TV interattiva.

L’obiettivo di questo standard, sviluppato dalla GoldPocket Interactive , è quello di rendere i contenuti interattivi destinati alla TV a due vie compatibili con qualunque decoder via cavo o satellitare e con i sistemi di Web TV. Per raggiungere questo scopo GoldPocket si è avvalsa dell’XML, già largamente supportato dalla maggior parte delle set-top box TV oggi sul mercato.

I futuri sviluppi dello standard verranno decisi e supervisionati da un comitato formato dai più grandi colossi del settore, fra cui AOL Time Warner, Sony Entertainment e Turner Broadcasting.

GoldPocket ha già rilasciato, insieme ad una bozza dello standard, un’applicazione di authoring integrata con le tecnologie di video editing di Avid e necessario per la creazione di contenuti compatibili con lo standard.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Circa i risultati .....
    Ho provato a lanciare il tool su W2K Professional con Sp2.Mi ha trovato 24 hotfixes mancanti.Mi sono scaricato le hotfixes (parecchie delle quali dovrebbero già essere incluse in Sp2) ed installate.Purtroppo rilanciando il tool .....nulla cambia !!Mancano sempre le "solite" hotfixes ......Qualche idea in merito ?
  • Anonimo scrive:
    Windows Rulez!!!
    .......................E' scemo chi legge! eheheeheheh
  • Anonimo scrive:
    Protettore di cosa ?!? ...
    Ho voluto provare il "Nuovo megascanner protettore di Windows" e dopo aver installato il tutto ho lanciato l'eseguibile che diligentemente mi ha suggerito cosa non andava sul mio PC. Ora non ricordo l'esatto fix richiestomi ma tra le richieste "MUST" mi ha suggerito di scaricare alcuni "Microsoft Hotfixes" di cui mi dava i link. "MMhh Bella cosa ho pensato tra me e me..., e vai con l'update del sistema, magari funziona un po' meglio"Ma indovinate la sorpresa dopo aver installato gli Hotfixes previsti, ...."PE_FUNLOVE.4099 virus has infected your file ..."cosi per un centinaio di file eseguibili del sistema ma che l'antivirus e' riuscito a identificare e bloccare.Sbalordito dallo strano comportamento vado a fare qualche ricerca sul virus in questione e trovo sul sito www.antivirus.com"...Note: Several Microsoft Hotfixes downloaded between April 6-20 from Microsoft's Premium Support and Gold Certifies Web sites were infected with PE_FUNLOVE.4099 a.k.a. the Fun Love virus. As of now there are no reports that other Microsoft Hotfix Web sites are infected. However, Trend Micro advises all customers to download the latest pattern file to ensure protection against this file infector virus. ..."Eh si ega scanner protettore di Windows...E vatti a fidare di MS. Complimenti e grazie a MS per avermi fatto perdere mezza giornata di lavoro....
    • Anonimo scrive:
      Re: Protettore di cosa ?!? ...
      Quando si scarica o si visita qualche sito M$, bisogna fare attenzione. I suoi prodotti sono oggetto di trojan e virus vari, per cui niente di anomalo se i suoi web server (iis) ne sono portatrici. Altresì avviene scaricando sw.Purtroppo è la situazione determinata dai sw M$.
  • Anonimo scrive:
    ...nome inquietante
    M(icrosoft)B(usiness)S(oftware)A(ssociations)setup.exe...inquietante
  • Anonimo scrive:
    l'ho provato
    ho scaricato sto scanner, l'ho installato su un client, gli ho fatto scannare l'ip del server e mi dice che mancavano 2 patch, indicandomi gentilmente pure l'url da dove scaricarle, scarico, installo e rifaccio lo scan, e il problema rimane sempre... pur avendo installato le patch incriminate....che mmerda...(sisi, l'ho gia' riavviato un paio di volte)
  • Anonimo scrive:
    e' pieno di...
    radical chic, come gli squatters che conosco ,figli di avvocati, ecc...ok, server side linux e' meglio ma workstation (per lavoro e io lavoro)windows e' NETTAMENTE SUPERIORE per l'utilizzo di un'utente medio.personalmente utilizzo distro linux ma solo perche' ho conoscenze informatiche medio-elevate e lo fo' fungere...ma arripigliatevi...senza offesa
  • Anonimo scrive:
    Controllore di me stesso: caro Paolucci...
    Mi rivolgo al responsabile di Micro$oft Italia,Umberto Paolucci...Esistono situazioni in cui chi controlla unaattivita` ha degli interessi diretti nel suosvolgimento, quello che si chiama "conflitto diinteressi"; e`impensabile che ad esempio unasocieta` venga controllata da un'altrasocieta`che ne ha acquistato azioni; Micro$oftsi e` distinta in passato per aver fatto delleschifezze di programmi, mettendo a repentagliola sua immagine a tal punto che e` piu` faciletrovare chi vuole gettare fango su Micro$oftche chi la appoggi, perche` i buchi nellasicurezza presenti nel software M$ sono unasfilza interminabile, ed e` il punto su cui sibasa qualunque campagna pro -Unix o pro-Linux;egregio Dott.Paolucci, ora esiste un softwareche dovrebbe trovare e correggere tali buchi;decenza imporrebbe che almeno questo softwarenon portasse il marchio Micro$oft, ma forseritenete gli utenti piu' utonti di quello chesono realmente; vi concedo il beneficio deldubbio.cordiali salutiPino Silvestrel1vo8f1yv9hw08a001@sneakemail.com
    • Anonimo scrive:
      Controllore di me stesso: mio caro Paolucci...
      Mi rivolgo al responsabile di Micro$oftItalia, Umberto Paolucci (e`lui, no?)Esistono situazioni in cui chi controlla una attivita` ha degli interessi diretti nel suo svolgimento, quello che si chiama "conflittodi interessi"; e`impensabile che ad esempio una societa` venga controllata da un'altra societa`che ne ha acquistato azioni; Micro$oft si e` distinta in passato per aver fatto delle schifezze di programmi, mettendo a repentaglio la sua immagine a tal punto che e` piu` facile trovare chi vuole gettare fango su Micro$oftche chi la appoggi, perche` i buchinella sicurezza presenti nel software M$ sonouna sfilza interminabile, ed e` il punto su cui si basa qualunque campagna pro -Unix opro-Linux;egregio Dott.Paolucci, ora esiste unsoftware che dovrebbe trovare e correggere tali buchi;decenza imporrebbe che almeno questosoftware non portasse il marchio Micro$oft, maforse ritenete gli utenti piu' utonti di quelloche sono realmente; vi concedo il beneficiodel dubbio. cordiali salutiPino Silvestrel1vo8f1yv9hw08a001@sneakemail.com
    • Anonimo scrive:
      Re: Controllore di me stesso: caro Paolucci...
      - Scritto da: Pino Silvestre
      decenza imporrebbe che almeno questo
      software
      non portasse il marchio Micro$oft,In effetti è stato sviluppato da Shavlik Technologies (http://www.shavlik.com/).
  • Anonimo scrive:
    Ecco un programma "hacker" legale!
    Questo scanner è al pari (se non più potente) di tanti scanner che si possono trovare sugli spaventosi "siti hacker" di cui tutti hanno paura.Scommettiamo che nessuno chiederà a microsoft di chiudere il dominio perchè contenente materiale "potenzialmente" illecito?(Bleargh!)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ecco un programma
      - Scritto da: DuePesiDueMisure
      Questo scanner è al pari (se non più
      potente) di tanti scanner che si possono
      trovare sugli spaventosi "siti hacker" di
      cui tutti hanno paura.
      Scommettiamo che nessuno chiederà a
      microsoft di chiudere il dominio perchè
      contenente materiale "potenzialmente"
      illecito?

      (Bleargh!)tutti hanno paura... _di che?!_ :-\materiale potenzialmente illecito eh... corro subito a provarlo di nascosto sul PC di qualche pollo, per farmi dire quali problemi di sicurezza nasconde.MS ha questo di buono: comunque la giri, c'è sempre qualche pozzo di scienza che strilla al lupo. du' palle...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ecco un programma
      Certo che qualsiasi cosa esca da Redmond proprio non la digerite eh?Scommetto che se producesse carta igienica la critichereste perchè troppo morbida :PPPvabè mi riguardo e riascolto l'intro di Agonysaluti
      • Anonimo scrive:
        Re: Ecco un programma
        Troppo intrippante l'intro di Agony!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ecco un programma
        - Scritto da: orco buono
        Certo che qualsiasi cosa esca da Redmond
        proprio non la digerite eh?

        Scommetto che se producesse carta igienica
        la critichereste perchè troppo morbida :PPPGià... Immagina: "Il pezzo di carta igenica ha eseguito un operazione non valida e sarà terminato". E intanto ti sei sporcato la mano di m...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ecco un programma
        Mi sembra che la carta igenica la MS la produca di gia`, e` anche parecchio costosa, bisogna proprio essere ricchi per permettersela !Ah gia` non vi ho detto che si chiama "certificazione" ! :))))- Scritto da: orco buono
        Certo che qualsiasi cosa esca da Redmond
        proprio non la digerite eh?

        Scommetto che se producesse carta igienica
        la critichereste perchè troppo morbida :PPP

        vabè mi riguardo e riascolto l'intro di Agony

        saluti
    • Anonimo scrive:
      E infatti
      Pienamente d'accordo.Detesto la Microsoft, come tanti, ma non posso fare a meno di utilizzare WindowsXp (o cmq un sistema win) perchè nel lavoro che faccio è vitale.Il megascanner è utile e fa risparmiare tempo, che è l'unica cosa che al momento mi interessa, perchè posso anche leggermi i bollettini Microsoftad intervalli regolari, ma NON HO TEMPO!Sono però d'accordo anche con il fatto che alla fin fine il tool non è altro che la versione potenziata e graficamente più interessante di quello che si trova su certi siti hacking.L'unica cosa: se utilizzate un tool di Redmond, specialmente se è mirato per Xp state attenti che SICURAMENTE prova a fare il furbo in qualche modo... (leggi: usare tool AntySpy).
    • Anonimo scrive:
      Re: Ecco un programma
      tra l'altro ti dice se una password e' troppo semplice o no, come fa??? in base ai caratteri?? oppure decripta la password e guarda com'e' messa? no perche' se e' cosi' non sarebbe bello...bau
      • Anonimo scrive:
        Re: Ecco un programma

        tra l'altro ti dice se una password e' troppo
        semplice o no, come fa??? in base ai caratteri??
        oppure decripta la password e guarda com'e'
        messa? no perche' se e' cosi' non sarebbe bello...il tipo di algoritmo usato per crittare le pwd non e' reversibile
        • Anonimo scrive:
          Re: Ecco un programma
          appunto, come fa a dire che le password sono troppo corte o troppo facili???bau
          • Anonimo scrive:
            Re: Ecco un programma
            rispondo in fondo anche a chi chiedeva come facesse ad identificare- Scritto da: Gecco
            appunto, come fa a dire che le password sono
            troppo corte o troppo facili???ad esempio provando a decrittarle (com metodi "standard"): se ci riesce sono troppo facili, se non ci riesce sono leggermente piu' sicure.per farlo, il modo piu' semplice e' usare un vocabolario: prova tutte le password piu' diffuse (quasi) come se stesse facendo il login e se trova quella giusta ti dice che chiunque la potrebbe trovare...poi ci sono altri modi piu' raffinati, non so se li usa o menoper quello che riguarda l'identificazione: l'algoritmo non e' reversibile, per cui ogni volta che si inserisce la password questa viene crittata allo stesso modo dell'originale, se corrisponde con quella registrata ok, altrimenti non ci si autentica.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ecco un programma
            - Scritto da: Gecco
            appunto, come fa a dire che le password sono
            troppo corte o troppo facili???

            baudizionari di password comuni...ma stiamo giocando e gioco anch'io...
        • Anonimo scrive:
          Re: Ecco un programma

          il tipo di algoritmo usato per crittare le
          pwd non e' reversibilebravo furbo!e se nn e' reversibile come fa il sistema ad autenticarmi?;o)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ecco un programma
            - Scritto da: Cirio

            il tipo di algoritmo usato per crittare le

            pwd non e' reversibile

            bravo furbo!
            e se nn e' reversibile come fa il sistema ad
            autenticarmi?
            ;o)spero che sia un troll...Greenkey
          • Anonimo scrive:
            Re: Ecco un programma
            Mai sentito parlare di hash...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ecco un programma
            lui stava parlanbdo di funz di codifica nn reversibili...- Scritto da: 'gnurant
            Mai sentito parlare di hash...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ecco un programma
            il derivato della marjiuana?CERTO!!;))
    • Anonimo scrive:
      Re: Ecco un programma
      Mi dispiace dover dissentire precisando una differenza fondamentale:1) questo scanner è prodotto dalla ms per proteggere i SUOI applicativi;2) questo scanner ha fini leciti NON ILLECITI.3) anche se la tecnologia potrebbe assimilarlo ad uno strumento di hacking bisogna ricordare che non è lo strumento in sé ad essere buono o cattivo ma l'uso che se ne fa.Per chiarezza.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ecco un programma
        Come sempre qualsiasi cosa fatta da M$FT la ritenete una porcata e non vi degnate neanche di leggere le informazione sui prodotti.Per esempio per evidenziare pwd troppo semplici si prova semplicemente una "net use" sul disco di sistema passando nome e pwd, non vengono decriptate come altri programmi fanno!!!!A volte un minimo di senso critico ci vuole ....
        • Anonimo scrive:
          Re: Ecco un programma
          - Scritto da: aus99
          Come sempre qualsiasi cosa fatta da M$FT la
          ritenete una porcata e non vi degnate
          neanche di leggere le informazione sui
          prodotti.Boh, il post originale mi sembrava piu' una critica a chi impedisce l'uso di scanner in quanto "pericolosi strumenti di hacking" senza comprendere che servono anche all'admin di turno... comprensione che arriva puntuale quando il sw suddetto e' rilasciato da una nota casa (probabilmente anche se fosse venuto da Symantec)
          [snip]
          A volte un minimo di senso critico ci vuole
          ....
          Appunto
          • Anonimo scrive:
            Allora qualcuno ha capito! (Re: Ecco un programma)

            Boh, il post originale mi sembrava piu' una
            critica a chi impedisce l'uso di scanner in[szip!]
            rilasciato da una nota casa (probabilmente
            anche se fosse venuto da Symantec)Credevo di essermi espresso veramente male, ma se qualcuno ha capito il succo del mio discorso, significa che tutti coloro che hanno dato le prime risposte al mio thread, parlano "per partito preso" al pari delle persone che loro stessi criticano.(cioè, mi accusavano del fatto che criticassi Microsoft PER PRINCIPIO, quando la stavano proprio difendendo PER PRINCIPIO, non avendo capito quello che dicevo)Il concetto è: se lo stesso programma viene fatto dall'underground, è una cosa "pericolosa" e da ritenersi "illegale" e "censurabile" (le virgolette non sono messe a caso).Se invece la produce una grossa industria di software (Microsoft,Symantec,Ca,ecc..) allora è un "utile software per SysAdmin".Mah..
          • Anonimo scrive:
            Re: Allora qualcuno ha capito! (Re: Ecco un programma)
            - Scritto da: DuePesiDueMisure]zac[
            Credevo di essermi espresso veramente male,
            ma se qualcuno ha capito il succo del mio]zac[No no, hanno capito tutti, perfino la ms stessa che spara quelle cavolate.Vai tranquillo che fanno finta di capire, anzi gia' nel momento in cui hanno criticato i tools di 'terzi' erano gia' pronti a produrne e acquistarne di 'ufficiali'.Business is difendere il proprio orticello, magari diserbando quello altrui, che e' anche meglio.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ecco un programma

          Per esempio per evidenziare pwd troppo
          semplici si prova semplicemente una "net
          use" sul disco di sistema passando nome e
          pwd, non vengono decriptate come altri
          programmi fanno!!!!E, di grazia, che pwd usi per net use?

          A volte un minimo di senso critico ci vuolegia'...
Chiudi i commenti