Twitch si batte contro la disinformazione

Twitch si batte contro la disinformazione

Twitch ha comunicato un cambio di policy, d'ora in poi provvederà a bannare i creator che condividono con frequenza notizie false.
Twitch ha comunicato un cambio di policy, d'ora in poi provvederà a bannare i creator che condividono con frequenza notizie false.

Sulla falsariga di YouTube, Facebook, Twitter e altri servizi, anche Twitch intende battersi per contrastare la disinformazione, motivo per cui nel corso delle ultime ore ha provveduto ad aggiornare la sua policy, affermando che a partire da questo momento provvederà a bannare i creator che condividono con frequenza fake news all’interno o all’esterno della piattaforma. Per riuscirci, Twitch si avvarrà di organizzazioni ed esperti del settore.

Twitch: via i superdiffusori di disinformazione che condividono notizie false

Riportiamo di seguito quanto comunicato al riguardo da Twtich sul suo blog.

Ogni giorno, le persone si riuniscono su Twitch per creare community dove celebrare un gran numero di interessi, passioni e talenti. Siamo fieri che Twitch possa unire le persone, ma crediamo che nella nostra community non ci sia spazio per chi usa i servizi online per diffondere informazioni false e dannose. Anche se tali persone non sono molto diffuse su Twitch, se lasciate libere di agire potrebbero danneggiare gravemente il nostro servizio.

Inizialmente, la nuova policy andrà ad interessare soltanto pochi canali e in special modo verrà prestata grande attenzione ala diffusione di notizie su temi quali i vaccini per il Covid-19, le frodi elettorali e le teorie complottistiche relative alle cure mediche, unitamente ai contenuti che promuovo la violenza e quelli che mettono a rischio la pubblica sicurezza in situazioni d’emergenza.

Al già ricco elenco di cui sopra, vanno poi aggiunti i canali dei media russi che da quando ha avuto inizio il conflitto Russia-Ucraina hanno cominciato a diffondere notizie false e tenendeziose sull’Ucraina.

Fonte: Twitch
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 4 mar 2022
Link copiato negli appunti