Twitter, filtri e AI contro gli abusi

Gli utenti potranno filtrare dalla propria timeline determinate parole chiave, frasi, hashtag o emoticon. In attesa che la AI preposta sappia discernere il bene dal male

Roma – Twitter ha introdotto nuovi strumenti con l’obiettivo di migliorare le interazioni fra utenti della sua piattaforma e in particolare bloccare determinati contenuti considerati provocatori, offensivi o semplicemente indesiderati , ma anche – in generale – per migliorare il controllo di un utente sui contenuti mostrati sulla propria timeline.

D’altra parte non solo Facebook si è trovato al centro delle discussioni relative alla proliferazione di troll e contenuti di bassa qualità, ma si tratta di un problema generalizzato per gli intermediari e i social media: se Google <a href="/twitter-contro-i-troll-google-contro-le-fake-news/
” target=”_blank”>sta cercando di concentrarsi contro le fake news, Twitter da tempo tenta di arginare le campagne di insulti e di trolling che rischiano di inondare la sua piattaforma con diverse iniziative.

Innanzitutto, a seguito dello scalpore creato dalla diffusione di immagini della salma di Robin Williams, Twitter aveva promesso di rimuovere le immagini o i video delle persone decedute su richiesta dei loro familiari e di smettere di tollerare i comportamenti dei troll. Era il 2014, e Twitter ha continuato a perseguire questo intento: ma si tratta di una operazione complessa, tanto che ha ancora un problema nella gestione degli account di troll, di quelli inattivi e della segnalazione dello spam.

Ha quindi rimesso mano agli strumenti a disposizione degli utenti e da ultimo l’idea della piattaforma contro i troll è stata quella di bandire per qualche ora i tweet di coloro che verranno identificati come potenziali latori di comportamenti in violazione della privacy della piattaforma; inoltre, nella tornata di aggiornamenti di febbraio , ha introdotto strumenti migliori per segnalare i contenuti abusivi, nonché mezzi per limitare la visibilità dei contenuti potenzialmente controversi, non facendo tra l’altro apparire tra le notifiche dell’utente le risposte a conversazioni avviate da persone silenziate o bloccate.

Ora Twitter prosegue proprio su questa linea: con l’ ultimo aggiornamento ha introdotto funzionalità che serviranno innanzitutto a non far apparire notifiche legate a determinate parole o hashtag bloccati . Sarà inoltre possibile estendere tale blocco anche alla propria timeline: gli utenti potranno cioè indicare utenti e parole che non vogliono vedere.

Gli utenti avranno inoltre la possibilità di bloccare più facilmente gli account senza foto del profilo e email o numero di telefono non verificati .

Ma non basta: Twitter ha annunciato l’esordio di un nuovo sistema di AI per identificare ed eventualmente bloccare gli account coinvolti in comportamenti abusivi o sospetti come per esempio il twittare continuamente senza stimoli e senza follower o quelli espressamente indicati nei suoi termini di servizio.
In sperimentazione da qualche settimana, l’AI dovrebbe prevedere come punizione per gli account individuati il blocco temporaneo o l’imposizione di una verifica di identità via telefono o indirizzo email associati all’account.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iRoby scrive:
    Utile
    Io usavo Master PDF Editor che è molto potente.Ma per la semplice compilazione su un modulo PDF questo è veramente carino e leggero.Perché permette di inserire testo sui campi lasciati in bianco.Ed io ho poi scritto e scansionato la mia firma che posso inserire in fondo al documento
  • caio scrive:
    Ma che avete capito
    Se il modulo viene viene riempito da programma può anche essere alterato facilmente da programma. Compilare il modulo a mano e fare la scansione serve a creare un file PDF che contiene immagini difficil da alterare.State parlando come quelli della apple, trattiamo tutti come utonti idioti che vogliono la pappa pronta e le cosette semplici, così poi li freghiamo più facilmente.Se vogliono ridurre la carta devono introdurre la compilazione online CON PASSWORD.
  • ipouoi scrive:
    burosauri impazziti
    Capisco che quello che hai scritto è in relazione con il programma, ma potremmo cancellare buona parte della nostra burocrazia sfruttando intelligentemente l'informatica solo quando la burocrazia diminuirà realmente.Il vero problema della burocrazia è che significa costi per tutti, per i cittadini costretti a dare retta ai burocrati e a spendere tempo e denaro, e per lo Stato, con tutto l'apparato per gestire la burocrazia e farla rispettare.E dato che lo Stato siamo noi, siamo noi a pagare, sempre.Dimenticavo: la burocrazia paralizza la vita dei cittadini, e più ce n'è, più la paralizza, senza contare le incongruenze e le interferenze fra leggi, regolamenti e quant'altro.
    • Burocrate scrive:
      Re: burosauri impazziti
      - Scritto da: ipouoiHai abbastanza ragione. Io comunque lavoro (adesso) nella PA, ed avendo a che fare (adesso) con i privati, ho scoperto cose che voi umani.. non vi immaginate (non immaginavo nemmeno io quando stavo dall'altra parte), anche perché io se scrivessi le cose dei miei utenti verrei cacciato, mentre tutti possono scrivere male (anche giustamente) della PA. Ma se io potessi dare i voti, invece che porgere a voi gli "smile" :-) (che poi, più fai meglio il tuo lavoro - che spesso significa frapporre veti e dire di no - e peggio ti giudicano, ovviamente. Il lavativo prende il premio).E veniamo per l'appunto a questo programma ed ad un privato: le Poste Italiane. Da decenni cerco sul loro sito un modestissimo PDF che mi permetta di compilare I LORO BOLLETTINI CARTACEI STANDARD (i TD123 e similia): attenzione, non sto dicendo di stamparmi in proprio i bollettini (che "loro" mi dicono "aaaaaah, poi usa carta balorda, ci inceppa i lettori!! vade retro!!), sto dicendo di stampare SOLO I DATI sui LORO bollettini cartacei che trovo in filiale: niente, non ci sono.Ho segnalato anni fa all'Assistenza, nessuna risposta.Chissà che sto Xournal non mi serva. Al lavoro me lo son fatto in proprio con Word, ma non è il bollettino standard postaleps - ho anche testato i vari moduletti presenti in rete. In teoria vanno bene, ma quando arrivo in stampa il PDF non ha abilitata la funzione "stampa solo i dati", quindi vuole stampare anche il modulo, che in teoria almeno l'utente non potrebbe fare (oltretutto, i moduli "normali" non vanno bene per l'A4, sono un pizzico più lunghi, ed aggiungiamo le "spaziature", mai provato a scrivere un comune come che so' Castelvecchio Pascoli, Milano Marittima ecc.? ma credono si chiamino tutti Torino? e Ugo Rossi?). Sempre con Poste, qui al lavoro, l'ultima mandata di cartoline giudiziare avvisi di ricevimento l'hanno tagliata troppo "alta" per cui la stampante fatica, "taglia" la scritta. Ogni volta che arriva una fornitura, devo rimettere mano ai modelli, perché non sono mai tagliati allo stesso modo...
      • Burocrate scrive:
        Re: burosauri impazziti
        Infatti, se fate una ricerca perposte italiane modulo PDF compilazione bollettinii primi risultati non c'entrano niente con le Poste, ed il primo delle Poste è il link di autorizzazione alla stampa in proprio. Nessun PDF bianco usabile in proprio.E sempre di Poste, mai fatta di recente una Raccomandata? Avete visto la copia carbone sotto? praticamente illeggibile
        • panda rossa scrive:
          Re: burosauri impazziti
          - Scritto da: Burocrate
          Infatti, se fate una ricerca per
          poste italiane modulo PDF compilazione bollettini
          i primi risultati non c'entrano niente con le
          Poste, ed il primo delle Poste è il link di
          autorizzazione alla stampa in proprio. Nessun PDF
          bianco usabile in
          proprio.
          E sempre di Poste, mai fatta di recente una
          Raccomandata? Avete visto la copia carbone sotto?
          praticamente
          illeggibileIl motivo per cui la copia carbone sotto e' illeggibile e' per via dell'appalto di fornitura fatto tramite consip dell'amico del padre di renzi, arrestato di recente.L'appalto per la fornitua di quei tagliandi e' costato 100 milioni di euro, di cui 99.50 se li sono magnati, e col restante mezzo milione hanno fatto stampare i bollettini dalla stamperia cinese dietro a porta portese.
          • Burocrate scrive:
            Re: burosauri impazziti
            - Scritto da: panda rossaHo qualche dubbio che le Poste usino Consip per i loro appalti (formalmente è una ditta privata), comunque sarebbe indecente anche per la PA... e comunque rifare i loro bollettini in modo decenti, richiederebbe solo del buonsenso, basterebbe provare a compilarli
    • iRoby scrive:
      Re: burosauri impazziti
      Messaggio pieno di luoghi comuni...Lo Stato paga la burocrazia non la gente, le tasse non servono per pagare i servizi e la burocrazia.L'abilità del burocrate è quella di complicare le cose semplici per essere necessario.Quindi il suo lavoro è un meccanismo di mantenimento e perpetuazione della sua categoria.Quindi in in sostanza una persona che non è cattiva, semplicemente si fa gli affaracci suoi per cercare di essere insostituibile e sopravvivere.La burocrazia in teoria la sistemi domani imponendo un elenco di regole che impongono chiarezza e lunghezza degli atti.Per esempio un'ordinanza non deve superare le 75 parole, un atto le 120 parole, una legge le 500 parole, ecc.Basta un programmillo a cui lo dai in pasto che ti dice che non va bene perché troppo lunga.Per la comprensione invece puoi metterli al vaglio della gente. Le pubblichi in una bacheca online e devono essere votate per giudicarne la chiarezza. Se non la gente non li capisce in base ai voti della gente stessa vengono bocciati e devono essere riscritti.
      • Burocrate scrive:
        Re: burosauri impazziti
        - Scritto da: iRoby
        Per esempio un'ordinanza non deve superare le 75
        parole, un atto le 120 parole, una legge le 500
        parole, ecc.
        Basta un programmillo a cui lo dai in pasto che
        ti dice che non va bene perché troppo lunga.Mah. Tutto il tuo discorso mi pare abbastanza improbabile. La cosa sopra la aggiri facile: dividi la legge evvai.E comunque, difetti a parte, la democrazia richiede anche "tanta aria alla bocca": mai letto gli atti parlamentari? Probabilmente anche i grillini (immagino fai riferimento a quell'area) quando occorre parlare parlano (anzi: Grillo scrive una predica al giorno... e non da 120 caratteri...).Semmai, quello che sostengo io è che manca verifica e MANUTENZIONE delle leggi: verifica su risultati, effetti ecc. e soprattutto TANTA ma TANTA manutenzione, perché non è possibile che una legge di 10 anni fa, che è stata usata, sviscerata, ci hanno scritto libri sopra sui problemi ed i dubbi, prassi, giurisprudenza ecc., non venga più toccata per eliminare appunto i dubbi sulla sua applicazione.Poi, che le leggi vadano scritte meglio, sono decenni che lo sostengo per primo, e all'epoca nemmeno ero nella PA
        • Burocrate scrive:
          Re: burosauri impazziti
          Ah: e perché non le scrivono meglio? Perché in Parlamento ci sono troppi Avvocati e Professionisti, e pochi operai e casalinghe...
        • iRoby scrive:
          Re: burosauri impazziti
          L'Italia affoga in 150.000 leggi contro le 7000 dell'Inghilterra.Sarà un caso?Di certo dimostra 2 cose, o in Italia amiamo la burocrazia.Oppure... È un meccanismo di controllo sociale.Mi spiego meglio, la quantità di normative e la scarsa chiarezza sono volute così in modo che persone e aziende siano impossibilitate a rispettarle tutte e saranno sempre in fallo. Su una legge, su un comma su una gabella qualsiasi.E quindi ricattabili o punibili.Si applica in burocrazia il meccanismo psicologico del "doppio legame". Ossia agisco in modo da obbligarti a sbagliare per poi poterti puntare il dito darti del criminale e farti sentire in colpa.Peccato che questo meccanismo genera società schizofreniche.
          • F Type scrive:
            Re: burosauri impazziti
            - Scritto da: iRoby
            Si applica in burocrazia il meccanismo
            psicologico del "doppio legame". Ossia agisco in
            modo da obbligarti a sbagliare per poi poterti
            puntare il dito darti del criminale e farti
            sentire in
            colpa.Poi magari io stato ti faccio una multa e ci guadagno anche soldi...In genere si tiene questo comportamento perchè fa comodo a qualcuno ai piani alti,tutti ci devono mangiare e tali leggi vengono pensate e scritte da dei burocrati in legalese con il rpeciso intento di essere vaghe e sottoposte a più di una interpretazione.
          • Burocrate scrive:
            Re: burosauri impazziti
            - Scritto da: iRoby
            L'Italia affoga in 150.000 leggi contro le 7000
            dell'Inghilterra.

            Sarà un caso?Il paragone però non è corretto. Sono due sistemi legislativi diversi.Da loro le "leggi" le fanno le sentenze (il common law se ricordo), da noi non funziona così. Devi paragonare stati con modalità simili.
Chiudi i commenti