Twitter, giù le mani da Britney

Un misterioso cracker si intrufola nell'account verificato della cantante, creando il caos. La pop star inneggia a satana e al nuovo ordine mondiale. Tornato tutto alla normalità, rimane da capire come abbia fatto il malintenzionato

Roma – “Mi concedo a Lucifero ogni giorno, affinché giunga tra noi il prima possibile. Gloria a Satana!”. Non si tratta di un vecchio inno dell’occultista britannico Aleister Crowley , né della solita canzone provocatoria dell’anticristo ai tempi di MTV Marilyn Manson. Trattasi, invece, di un cinguettio proveniente dall’account Twitter della pop star Britney Spears, recentemente apparso ai suoi seguaci in una veste decisamente malvagia. Un misterioso cracker ha infatti messo sotto scacco il profilo della cantante statunitense , trasformandolo in un covo web del demonio.

“Spero che arrivi presto il nuovo ordine mondiale!”. Così una seconda dichiarazione in 140 caratteri sulla piattaforma di microblogging, che ha citato una delle più note teorie del complotto relativa ad un presunto gruppo oligarchico impegnato segretamente a dominare il Pianeta. Al posto del dolce e innocente viso di Britney Spears, infatti, sono apparse una serie di piramidi occhiute , segni distintivi della cosiddetta setta degli Illuminati . Lo stesso occhio sinistro della cantante ha mostrato un contorno a forma di oscuro triangolo.

Un cracker ha così agito nell’ombra, intrufolandosi in uno dei più seguiti account Twitter, con i quasi 4 milioni di follower attivi dell’ex lolita del pop statunitense. Lo staff del tecno-fringuello, insieme a quello di Britney Spears, ha risolto l’imbarazzante situazione, scusandosi per le offese causate dai messaggi occulti del cracker . I suoi seguaci hanno così potuto godersi nuovamente le foto patinate presenti in un account verificato, quindi ufficiale e autorizzato dalla stessa celebrità.

Tornato tutto alla normalità – ovvero a fedelissimi follower pronti a sfidare viaggi intercontinentali per vedere un suo concerto – resta da capire cosa sia successo effettivamente . C’è chi ha illustrato la possibilità che sia stato qualcuno che aveva avuto già accesso al suo account, decidendo di manometterlo ancora una volta per oscuri motivi. Spiegazioni non certo illuminanti. Come sia potuta avvenire una cosa del genere, è ciò che interesserebbe maggiormente.

I cacciatori di bug Matteo Carli e Rosario Valotta sono recentemente intervenuti in due post sui rispettivi blog, parlando entrambi di un museo degli orrori di Twitter. Si sarebbe trattato di un problema di sicurezza che permetteva al cracker di prendere il controllo di un account tramite il click su un link da parte della vittima. A causa di caratteri Unicode non ben gestiti dall’applicazione, era possibile attivare un XSS richiamando una particolare URL . Questa vulnerabilità poteva consentire pratiche come il furto d’identità e la diffusione di malware e spam.

Gli stessi bug hunter hanno spiegato che la falla è stata risolta da Twitter a settembre, ma se il cracker in questione l’ha sfruttata per entrare nell’account di Britney Spears, potrebbe esserci qualcosa che ancora non quadra. Come ha spiegato Carli, Twitter avrebbe installato la patch senza fare code review dell’intero software o perlomeno delle funzioni per validare l’output. Ipotesi e vulnerabilità a parte, non si tratta della prima volta in cui la pagina della pop star giunge nelle mani dei cracker più burloni.

Lo scorso luglio, il mondo aveva appreso da Twitter la prematura dipartita di Britney Spears, a causa di un cracker che aveva sfruttato una falla di Twitpic . Prima di morire cinguettando, la bionda cantante aveva ammesso ai suoi follower di essere dotata di una gigantesca vagina dentata . Follower che ora sembrano stanchi di vedere la propria beniamina trattata in questo modo dai cracker del web. Basta con morti, vagine e rapporti con Lucifero, sembrano dire, organizzandosi addirittura con un nuovo slogan: donthackbritney . Che il cracker prenda gentilmente visione di questo video.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nome cognome e soprannome scrive:
    FanXXXXXsti e disoccupati
    Bene, se non è BlogBabel con la sua classifica, è Catepol sul Corriere, se non sono gli articoloni NoLogo su PI, sono le discussioni su vip di turno su FF...Insomma, il ritratto è quello di un paese 2.0 dedito al cazzeggio, alla facciazza di:precari, disoccupati, in mobilità, in nero, a progetto, ai processi brevi, alla banca Arner, alla banda larga (ma non troppo), al ritorno di Veltroni, devo continuare?Ma sì, cazzeggiamo. Forse è vero che è più importante il ponte di Messina della banda larga. Se la si usa in questo modo...Morale: chi ha i soldi per permettersi il cazzeggio, forse potrebbe fare un migliore uso della banda larga. Altrimenti fa come quei tizi della FAO che spendono cifre folli nei pranzi collegati alle riunioni. Alla faccia di chi muore sul serio di fame. Sul serio.Ah, cazzeggio è anche disquisire sul cazzeggio degli altri. IMHO.
  • cinico scrive:
    Socialdementi
    Un popolo di disadattati, o teledipendenti realities-addict o scimmiati dai socialnetwork.Io mi chiamo fuori.
  • mik.fp scrive:
    Derive Popolari
    Fenomeno emergente dovuto a ben 10 (?) edizioni di Grande Fratello et similia. E senza bisogno di un Grillo che le coordini. Meglio i Grillini... almeno debunkano e fanfarano pro bono!
    • skyeye scrive:
      Re: Derive Popolari
      a proposito di derive popolari.. http://www.noberlusconiday.org/per tutti quelli che si sono rotti di mister B.. partecipare e' un dovere di ogni ONESTO cittadino.. le televisioni non lo pubblicizzeranno, ma voi ditelo a tutti!! RESISTENZA!!! (Salvatore Borsellino)
      • Anders scrive:
        Re: Derive Popolari
        - Scritto da: skyeye
        a proposito di derive popolari..

        http://www.noberlusconiday.org/

        per tutti quelli che si sono rotti di mister B..
        partecipare e' un dovere di ogni ONESTO
        cittadino.. le televisioni non lo
        pubblicizzeranno, ma voi ditelo a tutti!!


        RESISTENZA!!!
        (Salvatore Borsellino) [OT]Sai che il tuo viral-marketing è finito nel filtro di AVG Search Shield?Per quanto ritenga Sua Emittenza un delinquente non sopporto gli OT e lo SPAM, azioni come le tue non fanno altro che delegittimare l'iniziativa.[/OT]
  • Anonimo Codardo scrive:
    Lavoro
    Ma Baggis lavora o è cassaintegrata?
  • MasCat scrive:
    Chiarimento
    Il mio commento riguarda l'articolo ed il senso che ho colto.Se Mik si sente chiamato in causa, mi spiace, ma è un problema suo.Riguardo all'articolo, mi sento di esprimere i miei concetti riguardo a ciò che viene espresso in merito alle persone che si sono sentite "invase" da un personaggio che "avrebbe alterato" il senso dei rapporti su un social network.Se il senso è stato travisato, mea culpa, ma questo era il concetto in sintesi.Per quanto riguarda il nascondersi dietro ad un monitor, parlo di quelle persone che si creano il loro mondo virtuale, basato su contatti virtuali e non si rendono conto che anche i concetti da loro espressi sono virtuali... ma pretendono poi di renderli reali.
  • MasCat scrive:
    Ti tirano le pietre
    Mi meraviglio di come possa creare sensazione una notizia del genere.Viviamo in una società che, in buona parte, ha perso i suoi obbiettivi come comunità e prosegue verso esigenze personali come massima priorità, fregandosene degli altri (o interessandosene, se fà parte dei propri obbiettivi).Siamo talmente assuefatti da tanta negligenza sociale che si ricerca di creare uno spazio che possa essere (almeno in teoria) tutto nostro.E' un utopia, si fà come lo struzzo, testa in terra e sedere all'aria (e poi ci si lamenta se ci fà male qualcosa).Siamo arrivati, da una parte, ad un espressione sempre più violenta e lassista di democrazia e libertà e poi si arriva all'estremo opposto.Non vorrei sembrare pomposo, ma sono sempre più convinto che l'espressione massima del concetto di libertà è valido finchè la tua "libertà" non invade la mia... e questo vale per chiunque.Se il signore delle iene (non è una parodia, tranquilli) vuole esprimere il suo pensiero (vuoi per cazzeggio o per qualsiasi altro motivo) su un social network, non vedo perchè non debba farlo, solo perchè qualcuno si sente alterato in quel suo "disequilibrio" sociale che qui trova tanto equilibrato.Se questo qualcuno ha qualcosa da dire, lo dica apertamente, fuori dai network, e non si nasconda dietro ad un monitor.
    • Mik scrive:
      Re: Ti tirano le pietre

      Non vorrei sembrare pomposo, ma sono sempre più
      convinto che l'espressione massima del concetto
      di libertà è valido finchè la tua "libertà" non
      invade la mia... e questo vale per
      chiunque.Non mi pare che nessuno voglia chiudergli la bocca, arrestarlo, fargli sospendere l'account o insultarlo.
      Se il signore delle iene (non è una parodia,
      tranquilli) vuole esprimere il suo pensiero (vuoi
      per cazzeggio o per qualsiasi altro motivo) su un
      social network, non vedo perchè non debba farlo,
      solo perchè qualcuno si sente alterato in quel
      suo "disequilibrio" sociale che qui trova tanto
      equilibrato.Forse perché per il funzionamento di FF una XXXXXXX riproposta sotto in mille salse, da decine di amici, invade la homepage con migliaia di XXXXXXX.Io lo trovo uno strumento inutile, e lo critico, chi lo usa può criticare altri che lo usano in modi non consueti, tu critichi coloro che criticano ...embhè?
      Se questo qualcuno ha qualcosa da dire, lo dica
      apertamente, fuori dai network, e non si nasconda
      dietro ad un
      monitor.Cioé vado a casa da pizzarri, o come si chiama e gli dico quello che penso? O lo devo raccontare al salumiere? Oppure devo prendere un megafono e dirlo nella piazza del mio paese? Oppure per esprimere il mio parere ti devo faxare la mia carta di identità?Cosa intendi per apertamente non dietro ad un monitor?
  • Mik scrive:
    invece che lavorare cazzeggiano
    quasi tutti in orario lavorativo sono i postfacebook, msn, friendfeed, twitter, msnquanto cacchio costano alle aziende e alla collettività?come se non ne avessimo già troppi di lavativi parassiti
    • Guybrush scrive:
      Re: invece che lavorare cazzeggiano
      - Scritto da: Mik
      quasi tutti in orario lavorativo sono i post

      facebook, msn, friendfeed, twitter, msn
      quanto cacchio costano alle aziende e alla
      collettività?

      come se non ne avessimo già troppi di lavativi
      parassitiVediamo se ho capito questa logica:1) Se un collega si alza per andare a fumare una sigaretta va tutto bene.2) Se un collega non si alza, spende un minuto per rispondere ad un commento e' un ladro.Bene, ora mi regolo di conseguenza... mi serve un tabaccaio.
      • m c scrive:
        Re: invece che lavorare cazzeggiano
        - Scritto da: Guybrush
        - Scritto da: Mik

        quasi tutti in orario lavorativo sono i post



        facebook, msn, friendfeed, twitter, msn

        quanto cacchio costano alle aziende e alla

        collettività?



        come se non ne avessimo già troppi di lavativi

        parassiti

        Vediamo se ho capito questa logica:
        1) Se un collega si alza per andare a fumare una
        sigaretta va tutto
        bene.
        2) Se un collega non si alza, spende un minuto
        per rispondere ad un commento e' un
        ladro.
        Bene, ora mi regolo di conseguenza... mi serve un
        tabaccaio.In genere il collega non si alza, spende un minuto per rispondere a un commento, poi va a fumare la sigaretta e quando torna alla postazione deve nuovamente risondere, e aggiornare il mondo che non è più a fumanre, ma è tornato a lavorare.il "tempo perso" sui social network non si sostituisce al "tempo perso" sugli altri siti internet, alle macchine del caffè, per la sigaretta, per andare in bagno, ma si somma. Quindi si perde più tempo.
  • skyeye scrive:
    mentalita' italiota
    niente di piu': cazzeggiare mentre quelli al governo te lo stanno mettendo proprio li'.. quando succedera'.. auguro a tutti il piu' brutto dei risvegli!!ps: non dimenticate che stanno facendo l'ennesima legge XXXXXta, quindi se ci tenete ancora al vostro "diddietro" preparate le forche..
    • skyeye scrive:
      Re: mentalita' italiota
      il "quando succedera'" non era ovviamente riferito all'atto precedentemente descritto ma quando l'italia fara' la stessa fine dell'Argentina.. (le maiuscole non sono a caso..)
  • panda rossa scrive:
    Ma un bel chissenefrega?
    Ma un bel "chissenefrega", non ce lo vogliamo mettere?E mettiamocelo, su, che non costa niente!
    • saccoccia scrive:
      Re: Ma un bel chissenefrega?
      - Scritto da: panda rossa
      Ma un bel "chissenefrega", non ce lo vogliamo
      mettere?

      E mettiamocelo, su, che non costa niente!Ma scherzi? eh no, queste sono cose importanti... C'è chi ci ha fondato sopra un lavoro, respect!
    • Valeren scrive:
      Re: Ma un bel chissenefrega?
      Non è così secondario, se pensi alle vendite delle testate scandalistiche e delle varie schifezze tipo CIoé e compagnia.Coinvolgono milioni di italiani.Questa è la versione 2.0 ora puoi anche interagire col VIP e ciò crea anche complessi e difficoltà negli interlocutori (specialmente se sono i milioni di cui sopra).Si vede il VIP come un'entità intoccabile ed astratta, e se riesci ad avvicinarlo puoi solo sottometterti (foto e autografo, grazie divino) oppure opporti e cercare di sminuirlo solo per dimostrare alla massa (cui frega niente) che tu sei superiore.Ci sarebbe una terza reazione: se è simpatico, santo cielo, scambia quattro chiacchere e sorridi! Sarà mica difficile? Richiede troppo cervello? :)
    • Picchiatell o scrive:
      Re: Ma un bel chissenefrega?
      - Scritto da: panda rossa
      Ma un bel "chissenefrega", non ce lo vogliamo
      mettere?

      E mettiamocelo, su, che non costa niente!Sono d'accordo con te pero' ricordiamoci che tutti questi saranno in mezzo ad una strada tra poco quando finiranno i soldi, o quando e' piu' probabile chi ci mette i soldi si accorgerà che non ne vale piu' la pena, un po' di rispetto per questi futuri disoccupati VIP....
    • Eretico scrive:
      Re: Ma un bel chissenefrega?
      mettiamocelo, mettiamocelo... mi pare d'obbligo.
Chiudi i commenti