Twitter: pubblicità tracciante, pubblicità rilevante

Il programma di advertising basato sul tracciamento si apre agli inserzionisti: Twitter ruminerà cookie di siti terzi per nutrire gli account cinguettanti di nuova pubblicità

Roma – Quello che per gli utenti potrebbe rappresentare un invasivo sistema di tracciamento, capace di trasformarli in nettissimi bersagli pubblicitari, è secondo Twitter una agevolazione a favore dei consumatori, oltre che degli inserzionisti: è così che il servizio di microblogging presenta l’estensione della sperimentazione dell’advertising basato sulla profilazione avviata nei mesi scorsi.

Twitter, nel post ufficiale dedicato all’avvio del programma di “tailored audiences”, si rivolge essenzialmente agli inserzionisti: promette loro la possibilità di comunicare con dei segmenti di utenza la cui cronologia di navigazione rivela interessi che possano coincidere con i prodotti pubblicizzati. Basandosi sui cookie disseminati sulle macchine degli utenti e analizzati dai partner di Twitter, la piattaforma offrirà soluzioni pubblicitarie che permetteranno di raggiungere gli account che mostrano di essere più ricettivi, quelli corrispondenti agli utenti che hanno visitato in precedenza il sito dell’inserzionista, spinti da curiosità o interesse.

Il vantaggio del servizio di retargeting risiede nel fatto che le promozioni non sono disseminate solo sui tradizionali browser per pc, ma vengono inoculate direttamente nell’account, indipendentemente dalla postazione da cui l’utente vi accede, mediante browser piuttosto che app per smartphone . I risultati raccolti nella fase beta del servizio, assicura Twitter, sono più che allettanti: le promozioni mirate hanno fatto guadagnare agli inserzionisti conversion rate stellari, a prezzi contenuti.

Sul fronte degli utenti Twitter garantisce massima trasparenza e libertà di scelta: basterà agire sulle impostazioni dedicate alla privacy per sganciarsi dal programma e contenere il tracciamento, e i browser con protezione Do Not Track non verranno forzati ad inghiottire alcun tipo di cookie. ( G.B. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • tucumcari scrive:
    come dicevano
    i Rolling StonesGoodbye ruby tuesday...
    • pippo75 scrive:
      Re: come dicevano
      - Scritto da: tucumcari
      i Rolling Stones
      Goodbye ruby tuesday...non me lo dica, martedì?http://www.youtube.com/watch?v=107IzF6ePN8
      • iRoby scrive:
        Re: come dicevano
        Ma non era il venerdì così se si blocca qualcosa hai il week end per sistemarlo? :D
        • panda rossa scrive:
          Re: come dicevano
          - Scritto da: iRoby
          Ma non era il venerdì così se si blocca qualcosa
          hai il week end per sistemarlo?
          :DIo nel weekend faccio altro.Le patch si scaricano di martedi, cosi' si ha mercoledi, giovedi e venerdi per sistemare i sistemi.Perche' c'e' sempre il caso in cui la pezza e' peggiore del buco, e M$ non si stanca mai di ricordarcelo.
  • mint scrive:
    Tanto,
    ....un buco in più un buco in meno.[img]http://i0.wp.com/www.angiecafiero.it/wp-content/uploads/2013/06/emmenthal.jpg?resize=570%2C368[/img]
    • Frank scrive:
      Re: Tanto,
      Hai ragione anche perhè non sono quelli i bug "scoperti" da MS che gli Hacker virus usano per entrare nei PC/server Windows...
      • BambolaGonf iabile scrive:
        Re: Tanto,
        Il tuo problema sta in Norton. E' una suite che fa schifo. Pesante e non blocca nulla...
        • mint scrive:
          Re: Tanto,
          - Scritto da: BambolaGonf iabile
          Il tuo problema sta in Norton. E' una suite che
          fa schifo. Pesante e non blocca
          nulla...Ah si? Il problema sta nell'antivirus? (rotfl)
          • iRoby scrive:
            Re: Tanto,
            Il Pretoriano di Redmond nega sempre.O è l'antivirus, o è l'utente che clicka qualsiasi cosa...Ma mai la XXXXX che è pagato per difendere.
          • egixe scrive:
            Re: Tanto,
            Il problema è tra monitor e sedia.Che poi qualcuno maledica il SO per la sua nabbagine è un altro paio di maniche...
          • mint scrive:
            Re: Tanto,
            - Scritto da: egixe
            Il problema è tra monitor e sedia.
            Che poi qualcuno maledica il SO per la sua
            nabbagine è un altro paio di
            maniche...Quindi oltre al PIBKAC non ci sono altri problemi?
          • egixe scrive:
            Re: Tanto,
            - Scritto da: mint
            - Scritto da: egixe

            Il problema è tra monitor e sedia.

            Che poi qualcuno maledica il SO per la sua

            nabbagine è un altro paio di

            maniche...

            Quindi oltre al PIBKAC non ci sono altri problemi?Come in qualunque altro software, mi sembra ovvio. ;)Ma la componente BKAC ha un peso notevole in questo genere di problemi. Se di mezzo c'è norton poi... :D
          • iRoby scrive:
            Re: Tanto,
            Come volevasi dimostrare, il prodotto di Redmond è perfetto, sono gli antivirus e gli utenti quelli bacati...
          • mint scrive:
            Re: Tanto,
            - Scritto da: iRoby
            Come volevasi dimostrare, il prodotto di Redmond
            è perfetto, sono gli antivirus e gli utenti
            quelli
            bacati...E' frutto del lavaggio del cervello che hanno subìto per anni.
          • egixe scrive:
            Re: Tanto,
            - Scritto da: iRoby
            Come volevasi dimostrare, il prodotto di Redmond
            è perfetto, sono gli antivirus e gli utenti
            quelli
            bacati...Aprire eseguibili sospetti che richiedono permessi di admin ti XXXXXXXbbe anche sul solidissimo linux eh. Se poi l'untente clicca "Ok" ad ogni finestra puoi farci poco...
          • krane scrive:
            Re: Tanto,
            - Scritto da: egixe
            - Scritto da: iRoby

            Come volevasi dimostrare, il prodotto di Redmond

            è perfetto, sono gli antivirus e gli utenti

            quelli bacati...
            Aprire eseguibili sospetti che richiedono
            permessi di admin ti XXXXXXXbbe anche sul
            solidissimo linux eh. Se poi l'untente clicca
            "Ok" ad ogni finestra puoi farci poco...Su linux non basta cliccare Ok, ci vuole anche la password di root.
          • egixe scrive:
            Re: Tanto,
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: egixe

            - Scritto da: iRoby


            Come volevasi dimostrare, il prodotto
            di
            Redmond


            è perfetto, sono gli antivirus e gli
            utenti


            quelli bacati...


            Aprire eseguibili sospetti che richiedono

            permessi di admin ti XXXXXXXbbe anche sul

            solidissimo linux eh. Se poi l'untente clicca

            "Ok" ad ogni finestra puoi farci poco...

            Su linux non basta cliccare Ok, ci vuole anche la
            password di
            root.Puoi fare la stessa cosa su windows, ma non è che inserire la password impedirebbe di far danni...
          • krane scrive:
            Re: Tanto,
            - Scritto da: egixe
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: egixe


            Aprire eseguibili sospetti che richiedono


            permessi di admin ti XXXXXXXbbe anche sul


            solidissimo linux eh. Se poi l'untente


            clicca "Ok" ad ogni finestra puoi farci


            poco...

            Su linux non basta cliccare Ok, ci vuole anche

            la password di root.
            Puoi fare la stessa cosa su windows, ma non è
            che inserire la password impedirebbe di far
            danni...No, ma aumenterebbe la consapevolezza: molti utenti prendono le richieste di OK di UAC come semplici dopande tipo: sicuro che vuoi scaricare ?Trovarsi di fronte a dover inserire la password di amministrazione della macchina invece fa scattare un campanello d'allarme molto piu' forte. Ovviamente senza contare che su linux occorre anche dare i permessi di esecuzione alle cose scaricate cosa che su windows hanno di default.
          • collione scrive:
            Re: Tanto,
            - Scritto da: egixe
            Il problema è tra monitor e sedia.
            Che poi qualcuno maledica il SO per la sua
            nabbagine è un altro paio di
            maniche...vorrei però far notare due cose:1. ms è stata la maggior fautrice della politica dell'utonto ( verrebbe da dire che stanno raccogliendo quello che hanno seminato )2. è oggettivamente impossibile adoperarsi per evitare al 100% il malware, visto che ormai vengono infettati anche siti web normalissimi e legittimissimi
        • panda rossa scrive:
          Re: Tanto,
          - Scritto da: BambolaGonf iabile
          Il tuo problema sta in Norton. E' una suite che
          fa schifo. Pesante e non blocca
          nulla...Il suo problema e' settete.Norton e' solo una conseguenza del problema.
      • anverone99 scrive:
        Re: Tanto,
        - Scritto da: rockroll
        Vi racconto questa: ieri mentre ero sul sito
        www.lastampa.it (Win 7 64 + Norton I.S., tutto
        aggiornatissimo)Buttalo e mettici Avira
      • aphex_twin scrive:
        Re: Tanto,
        E' la stessa cosa che é successa a mio cuggino. :-o
    • anverone99 scrive:
      Re: Tanto,
      - Scritto da: mint
      ....un buco in più un buco in meno.


      [img]http://i0.wp.com/www.angiecafiero.it/wp-conte :-o :-o :-o :-o :-o :-o
Chiudi i commenti