Twitter, più pubblicità e meno utenti

Twitter esce a testa alta dall'ultima trimestrale di cassa, ma deve fare i conti con una community che vede il numero degli utenti in forte calo.

Twitter, più pubblicità e meno utenti

Se le azioni Twitter sono schizzate verso l’alto del 14% nelle trattative after-hour di ieri sera è perché i numeri relativi alle entrate del social network sono finalmente positivi: un toccasana per quanti hanno investito nel gruppo poiché, dopo i picchi estivi vicini ai 50 dollari di quotazione, si è tornati ora a quota 30 proprio mentre aleggiano possibilità di trend ribassisti su tutto il listino (solo Microsoft e poche altre si salvano dalla caduta a Wall Street).

Ed è proprio il fronte dell’advertising quello con le notizie più rosee in occasione dei dati trimestrali del gruppo: il social network ha infatti registrato nel trimestre un aumento degli introiti pari al 29% rispetto all’anno precedente, arrivando a quota 650 milioni; in particolare v’è stato un forte aumento del tasso di engagement (+50% anno su anno, a dimostrazione della bontà dei nuovi format pubblicitari adottato), sintomo di una strategia funzionale agli obiettivi di monetizzazione.

I problemi sono invece su un altro fronte, il solito di sempre, quello che più annichilisce la fiducia nel futuro di Twitter: il numero di utenti coinvolti nella community. Dopo un trimestre passato a depurare gli account da quelli controllati da bot, Twitter si trova con 9 milioni di utenti in meno e prevede un ulteriore calo nel trimestre in corso. Il gruppo non correla tale situazione al taglio dei bot, il che sta a significare che in parte il problema possa essere negli account fasulli cancellati, ma in parte potrebbe essere correlato ad una più preoccupante emorragia di utenti verso altri lidi.

Twitter è sempre stato all’ombra di Facebook, sopravvivendo forse proprio grazie alla sua natura differente e alternativa rispetto al social networking di casa Zuckerberg. Nei mesi in cui Google+ si sfila dalla battaglia (senza avervi mai effettivamente partecipato), Instagram è tuttavia un nome ben più forte e con trend ben più positivo, relegando Twitter in posizione di rincalzo. I giudizi sulla natura del network sono spesso soggettivi e legati alle singole esperienze, ma i numeri sono la moneta in grado di pagare la sostenibilità del progetto. E i numeri oggi recitano la litania di una community che, invece di aumentare, diminuisce.

In questo calo degli utenti c’è tuttavia un lato positivo che va osservato: il social network ha finalmente abbracciato una gestione che dovrà dare risultati di medio-lungo periodo in termini di salubrità della community. I numeri potrebbero scendere, insomma, ma la qualità generale dei post, delle discussioni, delle interazioni e dell’esperienza utente dovrebbe poco alla volta aumentare. È questo un aspetto non secondario, la base su cui costruire i numeri e le trimestrali che verranno. Oggi i numeri raccontano altro: Twitter è una community in cura dimagrante, ma che ha almeno recuperato le proprie capacità in termini di monetizzazione. E di qui dovrà ripartire.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti