Uber, conta per il CEO

Dopo tante indiscrezioni il consiglio voterà entro 2 settimane il nuovo vertice della compagnia: in pole position c'è Jeff Immelt, ex CEO di General Electric

Roma – Secondo fonti anonime vicine ai fatti il nome più probabile per il ruolo di CEO di Uber è quello di Jeff Immelt , ex amministratore delegato di General Electric (GE).

L’ex CEO di Uber Travis Kalanick è stato costretto alle dimissioni dal consiglio d’amministrazione dopo che si è trovato al centro di una serie di cause e veri e propri scandali : la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la denuncia di uno dei suoi maggiori investitori nonché membro del Consiglio, Benchmark. Tuttavia la posizione di Kalanick era compromessa da mesi, una situazione insostenibile anche alla luce delle problematiche strategiche e legali che la startup del car sharing deve affrontare in tutto il mondo.

Nella burrascosa vicenda Kalanick, dunque, Uber sembra ora cercare riparo nell’esperienza di un manager consolidato: ha il supporto di Arianna Huffington (che era stata anche tra i possibili candidati) e di altri direttori, nonché quello di Benchmark che – nonostante la causa – resta all’interno del Consiglio d’Amministrazione (così come lo stesso Kalanick) e considera Immelt non il candidato perfetto, ma uno in grado di occuparsi delle diverse situazioni altamente problematiche che prevedono per la compagnia.

Immelt, che ha dato le sue dimissioni da CEO di GE lo scorso primo agosto, sembra inoltre raccogliere il consenso degli investitori e di Wall Street nonostante le critiche degli investitori GE che lo accusano di aver lasciato la compagnia con un valore inferiore rispetto a quanto l’aveva presa: un fattore particolarmente importante se si concretizzeranno le intenzioni di Uber di sbarcare in borsa in pochi anni.

Per sapere chi sarà il prescelto tra la rosa di candidati finalisti (due attuali dirigenti che apparentemente non prevede alcuna donna), in ogni caso, non resta che aspettare due settimane : questo il tempo che si prenderà ora il Consiglio d’Amministrazione per prendere l’attesa decisione.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Tommaso Parenti scrive:
    ma quale intelligenza artificiale!
    prova
  • Francesco scrive:
    Senti chi parla
    Perché una auto che si guida da sola o che comunque può frenare, accelerare o sterzare da sola e connessa (quindi hackerabile) non pone lo stesso problema?
    • ... scrive:
      Re: Senti chi parla
      - Scritto da: Francesco
      Perché una auto che si guida da sola o che
      comunque può frenare, accelerare o sterzare da
      sola e connessa (quindi hackerabile) non pone lo
      stesso problema?No, perché se la cosa non ti piace puoi sempre disattivare gli automatismi della tesla e prendere tu il comando, guidando alla vecchia maniera.Non puoi fare altrettanto con un bot-killer armato fino ai denti, programmato per uccidere e, soprattutto, per non essere disattivato.
  • prova123 scrive:
    Capisco la preoccupazione di Mask
    ma se saldasse i suoi debiti non avrebbe di queste preoccupazioni.
  • Alfonso Maruccia scrive:
    Questo si!
    http://punto-informatico.it/4278529/PI/Commenti/cassandra-crossing-vostro-automa-assassino.aspx
  • Nome e Cognome scrive:
    ... tanti anni fa..
    http://punto-informatico.it/2433967/PI/Commenti/cassandra-crossing-ed-209-ci-aspetta-dietro-angolo.aspx
  • c37616f5c9b scrive:
    come la bomba atomica
    Lo sviluppo dei droni è iniziato negli stati uniti. Gli stati uniti sono il piu grande utilizzatore di droni e non c'è bisogno di permettere ad una intelligenza artificiale di premere il bottone per disumanizzare i bombardamenti. I piloti che adesso uccidono in Pakistan,Afghanistan, Yemen, Iraq, Siria etc. sono degli impiegati che lavorano il normale orario di lavoro in un ufficio vicino casa e valutano quello che vedono in una serie di schermi che riportano immagini distanti dove gli esseri umani sono poco più che puntini. L'impatto emotivo a cui sono sottoposti è poco più di quello di un videogioco.Perché lo stato che è riuscito più di tutti a disumanizzare la guerra fa una campagna tanto intensa ed emotiva sui mezzi di comunicazione? Semplice, è come la bomba atmica, non vogliono che altri stati raggiungano la loro stessa capacità.
    • ... scrive:
      Re: come la bomba atomica
      Pffff quante XXXXXXX...
      • sgonfione scrive:
        Re: come la bomba atomica
        Il commento contiene una parola troppo lunga.pfffffffffffffffffffffffffffffffffffffff!
      • 5440ca4af4c scrive:
        Re: come la bomba atomica
        Solita ignoranza italica. Non ti sei accorto che i killer robot gia esistono visto che a premere il bottone dei droni sono esseri disumanizzati. Il bando allo sviluppo di qualcosa che gia non ha senso.
        • ... scrive:
          Re: come la bomba atomica
          - Scritto da: 5440ca4af4c
          Solita ignoranza italica. Non ti sei accorto che
          i killer robot gia esistono visto che a premere
          il bottone dei droni sono esseri disumanizzati.Devi premere il bottone? Allora è un killer umano, XXXXXXXXXXXXXX.
          Il bando allo sviluppo di qualcosa che gia non ha
          senso.TU non hai senso.
    • ... scrive:
      Re: come la bomba atomica
      Pffff quante XXXXXXX...
  • Mago scrive:
    ed 209
    [yt]nSexq-EkJ5s[/yt]
Chiudi i commenti