Ubuntu, stop alle build a 32-bit

Gli sviluppatori di Ubuntu propongono la fine del supporto per l'architettura di processore i386 con le prossime versioni dell'OS FOSS. Il sentimento è lo stesso anche altrove, nella community Linux: supportare il vecchio hardware costa
Gli sviluppatori di Ubuntu propongono la fine del supporto per l'architettura di processore i386 con le prossime versioni dell'OS FOSS. Il sentimento è lo stesso anche altrove, nella community Linux: supportare il vecchio hardware costa

Ubuntu si prepara a pensionare il supporto per l’architettura di processore x86 a 32-bit (i386), storica tecnologia informatica introdotta decenni or sono da Intel con la CPU 80386 e oggi obsoleta grazie alla diffusione capillare dei PC equipaggiato con chip a 64-bit.

L’ipotesi di abbandono viene al momento discussa sulla mailing list dell’OS Linux, e a giustificazione della scelta si sottolinea il lavoro non indifferente necessario alla compilazione, al test e alla validazione delle immagini di Ubuntu compatibili con architettura i386 .

Ubuntu potrebbe quindi diventare un OS compatibile esclusivamente con le CPU a 64-bit (x86-64) con l’arrivo della release 18.10, e a quel punto gli utenti che hanno la necessità di far girare software a 32-bit potranno farlo grazie alle virtual machine o ai container.

I piani prevedono in ogni caso un pensionamento “dolce” dell’architettura i386/32-bit, con la fine del supporto nell’aprile del 2021 e l’interruzione dell’assistenza per le applicazioni di sicurezza entro l’aprile del 2023.

Gli OS Linux più popolari si avviano a eliminare una volta per tutte il supporto al vecchio hardware informatico? Anche in OpenSUSE si lamentano delle risorse necessarie ai test su CPU a 32-bit, un vero e proprio raddoppio di costi che si scontra sempre più con la difficoltà di recuperare l’hardware adatto sul mercato dell’usato.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

06 07 2016
Link copiato negli appunti