Ultimo miglio impigliato nell'ISDN

Lasciare Telecom Italia per un altro operatore non è cosa semplice, soprattutto per chi dispone di una ISDN. Mai dimenticare fax e raccomandate


Roma – Caro Punto Informatico, ogni tanto pubblichi le lettere degli sfortunati consumatori, così ho pensato che questa la devi proprio sapere, perchè è degna di essere resa nota. Ho una linea Telecom ISDN a casa, e quando un mesetto e mezzo fa vengo a sapere della nuova offerta Canone zero di Wind , decido subito di approfittare della liberalizzazione dell’ultimo miglio.

Senonchè l’operatore Wind mi informa del fatto che non posso farlo se ho una linea ISDN, e devo prima chiedere a Telecom la variazione da ISDN a linea tradizionale. Deciso a togliermi di torno il tanto odiato canone, chiamo Telecom Italia e chiedo di trasformare la mia linea ISDN in tradizionale.

L’operatrice dapprima cerca di dissuadermi, come da copione (un’altra
volta avevo pensato di effettuare questa operazione, ma un operatore si era prodigato nell’elencazione dei pochi vantaggi in termini economici che ne avrei tratto, dati gli aumenti del canone della linea tradizionale etc. etc., e così avevo desistito), e poi mi liquida con un “evaderemo la sua richiesta”.

Siccome già in passato in altre abitazioni avevo avuto linee ISDN, e so per certo che in fase di abbonamento basta una telefonata ed è tutto gratis, mentre se vuoi recedere chissà come mai devi inviare fax, raccomandate con ricevute di ritorno e via discorrendo, mi insospettisco e chiedo all’operatrice conferma del fatto che non è necessario inviare alcun tipo di richiesta scritta.
L’operatrice annuisce, e mi liquida ripetendo che la mia segnalazione è stata correttamente registrata, e che ci vorrà un mese.

La cosa comunque non mi convince, ma ipotizzando uno snellimento nella trafila burocratica decido di attendere. Nel frattempo, una ragazza di Como che conosco decide di cessare la sua linea ISDN, un operatore Telecom anche qui le dice che non deve fare nulla, senonchè dopo quasi due mesi si vede recapitare una bolletta con il canone regolarmente addebitato, e richiamando Telecom scopre che nulla è stato cessato, ma che c’è bisogno di una richiesta scritta.

Tutto diventa evidente: se non fosse assurdo, certi operatori sembrerebbero addirittura istruiti in modo da recuperare almeno un bimestre sulla fase di cessazione di linea ISDN, facendo credere al malcapitato utente che non è necessario alcun tipo di richiesta scritta, per poi richiedergliela quando il poveretto richiama il 187 con il portafoglio alleggerito di un altro pagamento.

Così, offeso per essere trattato come una mucca da mungere, richiamo oggi Telecom e un’operatrice che non vuole lasciarmi un suo identificativo nonostante le mie richieste, mi conferma che c’è bisogno di una richiesta scritta, e non solo: che i tempi di attesa sono di almeno due mesi (oltre al fatto che bisogna pagare 50euro per la trasformazione…questo stranamente all’atto dell’abbonamento gratuito non lo dicono mai).

Morale: ho pagato un bimestre in più, rimpinguando le tasche Telecom e ho accumulato ritardo sul mio obiettivo di sfruttare la liberalizzazione dell’ultimo miglio.

Inoltre: come puo’ un consumatore difendersi dalle informazioni ingannevoli che un operatore puo’ dare al telefono, se non gli è nemmeno dato di sapere con chi sta parlando, o per lo meno un numero di matricola? Più che consumatori siamo “consumati”.

Cordiali saluti,
Claudio Messora

Gentile Claudio
sono sempre di più coloro che scrivono perché stanno tentando di cambiare gestore e sfruttare la liberalizzazione dell’ultimo miglio. Tentano, perché pare proprio che spesso non fili tutto liscio come dovrebbe.

Il consiglio dettato dall’esperienza indica che quando si vuole modificare un contratto con un operatore, chiudere un servizio o persino lasciarlo non ci si possa esimere dal ricorrere a telefonate, certo, ma soprattutto a fax e ancora di più a raccomandate a/r.

In bocca al lupo, la Redazione

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Questo e' il futuro di Napster:
    Socket ErrorHost name lookup for 'www.napster.com' failed
  • Anonimo scrive:
    Scusate sono nuova
    ma cos'e' Napster?
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusate sono nuova
      - Scritto da: Micaela
      ma cos'e' Napster?il "nonno" dei vari kazaa, winmx, edonkey e compagnia bella...
      • Anonimo scrive:
        Re: Scusate sono nuova
        - Scritto da: x - :


        - Scritto da: Micaela

        ma cos'e' Napster?

        il "nonno" dei vari kazaa, winmx, edonkey e
        compagnia bella...Grazie a te a tutti quelli che hanno risposto. Intanto ho fatto qualche ricerca e ho trovato un sacco di cose su Napster. Peccato abbia chiuso. Ma io dov'ero?Baci a tutti
        • Anonimo scrive:
          Re: Scusate sono nuova
          - Scritto da: Micaela
          Grazie a te a tutti quelli che hanno
          risposto. Intanto ho fatto qualche ricerca e
          ho trovato un sacco di cose su Napster.
          Peccato abbia chiuso. Ma io dov'ero?A fare pompini?!
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusate sono nuova
      - Scritto da: Micaela
      ma cos'e' Napster?Napster e' stato uno dei primi, ma il piu' noto, programma capace di far scambiare brani musicali in formato compresso MP3.Gli utenti connessi ad internet potevano passarsi brani musicali sotto il naso delle case discografiche, praticamente. con pochi clic, come si usa dire.Dopo Napster hanno preso piede altri programmi ed altri modi di scambiarsi file (non solo brani musicali, ma anche video, immagini, programmi, interi film...) mentre Napster, che si era messo alla luce con milioni di utenti, è stato un po utilizzato come "capro espiatorio" e messo in croce dalle Major del disco. Anche se oggi non funziona e non esiste praticamente piu'.. e' ancora sinonimo di "scambio file". qui puoi trovare una piccola panoramica di nuovi programmi che hanno preso il posto di Napster nel cuore degli scambisti digitalihttp://punto-informatico.it/new/p.asp?i=41476E se vuoi cerca la parola "Napster" nel nostro motore di ricerca e scoprirai tutta la sua interessante storia. O fai un salto al canale FileSharing (scambio file)http://punto-informatico.it/canali.asp?p=0&i=P2P+-+File+sharingciao! ;)LucaSchiavoni
    • Anonimo scrive:
      Re: Scusate sono nuova
      ...piu' che nuova direi che sei marziana :)
    • Anonimo scrive:
      Ma com'è possibile!
      ma di napster se ne è parlato tanto ai TG!tanto, che lo conobbi proprio in quel periodo, potendone sfruttare le potenzialità solo per un periodo limitato.e sono stato davvero triste quando si è iniziato a filtrarlo. per un po' di mesi sono rimasto senza p2p.avvelenato in commemorazione di Napster & Audiogalaxy & tutte le altre vittime del sistema.
      • Anonimo scrive:
        [OT] ode ad audiogalaxy
        l'ho trovata su un forum di AG, quando venne chiuso.la rileggo e mi viene da piangere un po' T_TO woe, o woe, o woe are weCut down by the hand of the enemyThe R-I-A-A came and shut the doorAnd, alas, AudioGalaxy is no moreThey slithered in like a thief in the nightAnd totally X'd all the files on the siteOn 6/17 at 5 o'clockThey left millions of folks in a state of shockWe will miss all the music your site did containYou were so good to us before you were slainWe will think of you fondly each download we doCause those other sites can't hold a candle to you.
        • Anonimo scrive:
          Re: [OT] ode ad audiogalaxy
          Mi unisco alla commemorazione di ciò che è stato una delle più grandi intuizioni della rete.... una requiem...:(Teo
Chiudi i commenti