Un brevetto caccia la Play dagli USA

La bruciante sconfitta in tribunale contro Immersion ora costa a Sony e ai fan americani della Playstation un prezzo altissimo. Il gigante nipponico si vede tagliare il suo prodotto di punta

Washington (USA) – C’è un’aria funerea nel quartier generale della divisione americana di Sony, società che ha dovuto subire una delle più clamorose sentenze fin qui emesse in materia di brevetti . Una sentenza che le rende impossibile continuare con tranquillità nella diffusione della sua Playstation sul mercato più ricco del Pianeta , quello americano.

Secondo un tribunale distrettuale californiano, Sony ha integrato nella sua console videoludica le tecnologie di Immersion , in particolare quelle che associano eventi durante il gioco alle vibrazioni nelle joystick, una funzionalità diffusissima adottata anche dalla Xbox di Microsoft . A differenza di Sony, però, quest’ultima ha infine raggiunto un accordo proprio con Immersion per l’uso di quelle tecnologie. In particolare – ha comunicato la Sony Computer Entertainment – il blocco riguarda la Playstation, 1 e 2, due tipologie di joystick nonché 47 diversi videogiochi.

La violazione di brevetto costerà nell’immediato a Sony 90 milioni di dollari sebbene l’azienda abbia annunciato subito l’appello contro la sentenza: finché questo non sarà concluso le sarà possibile continuare la commercializzazione della Playstation. Ma, per il mondo del commercio, il clima attorno alla Playstation, uno di quei prodotti in grado di scatenare acquisti di massa, rischia di cambiare a tutto favore delle alternative alla console Sony, a cominciare proprio da Xbox. Basti pensare che soltanto una settimana fa è partita la distribuzione sul mercato USA della PSP (vedi foto), la versione “portable” della Playstation.

La PSP Quanto accaduto sembra avere persino indignato Sony. “Questa ordinanza – tuonano ora i suoi avvocati – è deprecabile. Iniziamo subito le procedure per l’appello, dove dimostreremo che non abbiamo violato alcun brevetto”.

Ma è un’ordinanza pesante, che arriva in un momento assai complesso per Sony che sta ristrutturando tutte le proprie attività tentando di tornare a margini e profitto a cui i suoi azionisti per lungo tempo sono stati abituati. Questa una delle ragioni, peraltro, della recente nomina di un inglese alla guida del gruppo nipponico.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • jokanaan scrive:
    E al cesso? (non sto trollando!)
    E come disse un mio amico, viva il cesso, il tempio delle idee!E' risaputo che è al gabinetto che si consumano maggiormente i prodotti letterari e giornalistici, quindi trovo ben più utile una wi-fi alla toilette; e oltretutto la possibilità di poter partecipare ai forum mentre si espletano le proprie funzioni fisiologiche potrà aprire nuovi orizzonti nelle tecniche di trolling! (rotfl)apparte gli scherzi, volevo semplicemente far riflettere su quant'è incredibile un mondo dove persone hanno bisogno di essere connesse ad una rete di comunicazione globale 24h/24, non è inquietante? (anonimo)
  • Anonimo scrive:
    tristezza-contentezza
    Un pò di contentezza..Questo servizio mi farebbe comodo, sia per motivi professionali ma anche per "scacciare la noia" in volo.. Un pò di tristezza.Perchè salire sull'aereo lo percepivo come "staccare la spina" il cellulare non suonava... non potevo mandare-ricevere email... Potevo rilassarmi completamente...Forse sono un pò "malato" ma veramente provo un piacere ed una senzazione di relax in quelle 2+2 ore di "disconessione" che faccio alla settimana. A quanto pare però mi connetteranno anche li... ;-)ciao
  • DuDe scrive:
    Cellulari no wifi si?
    Non capisco come un wifi possa essere piu' sicuro di un cellulare.Dicono che il cellulare interferisce con la strumentazione di bordo e posso pure essere daccordo, ma come la mettiamo col wifi? Oppure ci sara' un hot-spot singolo e tutte le prese di rete cat5 sui sedili, altrimenti se schermano per il wifi pure i cellulari potrebbero essere autorizzati
    • Anonimo scrive:
      Re: Cellulari no wifi si?
      - Scritto da: DuDe
      Non capisco come un wifi possa essere piu' sicuro
      di un cellulare.
      Dicono che il cellulare interferisce con la
      strumentazione di bordo e posso pure essere
      daccordo, ma come la mettiamo col wifi?
      Oppure ci sara' un hot-spot singolo e tutte le
      prese di rete cat5 sui sedili, altrimenti se
      schermano per il wifi pure i cellulari potrebbero
      essere autorizzatisono le solite troiate, se tu usi un cellulare o un qcosa di elettronico dai fastidio e comprometti la sicurezza del velivolo, se invece lo possono offrire loro (magari come servizio a pagamento) allora tutto va bene.... bah
    • Anonimo scrive:
      Re: Cellulari no wifi si?
      devi considerare che la potenza trasmissiva di un cellulare può arrivare a 1 o 2 W, mentre un apparato wifi al massimo arriva a 0,1W (spesso è tra i 0,01 e 0,05 W). Da qui come puoi immaginare le interferenze generate sono di gran lunga inferiori.
      • Anonimo scrive:
        Re: Cellulari no wifi si?CAZZATA!
        1 o 2 watt vicino alla testa??? hihihihihi,se fosse vero,saremmo tutti pelati da un lato....Prima di scrivere cazzate,informatevi!
        • Anonimo scrive:
          Re: Cellulari no wifi si?CAZZATA!
          Sono attualmente in uso due livelli di potenza di trasmissione per le apparecchiature GSM: classe 4 (potenza massima 2 watt) e classe 2 (potenza massima 8 watt). I cellulari sono solitamente classe 4, i veicolari 2.I gsm hanno potenza variabile (x i tacs era fissa), quindi la potenza di trasmisisone cambia secondo le necessità (distanza dal nodo, codifica usata ecc)raramente un cell scende sotto i 0,5 w
    • Anonimo scrive:
      Re: Cellulari no wifi si?
      Qualcuno oggi offre GSM sui voli, ma il problema è solo che a 35000 piedi di GSM che prendono non ce ne sarebbero molti ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Cellulari no wifi si?
        Be.. I GSM non vanno se la velocità di avvicinamento/allontanamento tra teminale e nodo è maggiore di .. mon mi ricordo!! mi sembra 320km/h o qualcosa di simile!... (c'è qualche esperto qui per dare il dato esatto?)questo differentemente da altri standard (In USA si telefona senza problemi anche sugli aerei quando non è vietato e c'è copertura)..... Se leggete "il codice da vinci" ad un certo punto un personaggio (mi sembra il vescovo) accende di nascosto il cell prima dell'atterragio a roma e fa una chiamata... L'autore probabilmente non sapeva di questa limitazione col GSM....
  • Anonimo scrive:
    Ma Trenitalia non l'aveva promesso ...
    Ricordo, oltre un anno fà, una promessa di TRENITALIA a riguardo del WIFI sugli Eurostart che sembrava annuncio... qualcuno l'ha visto finora???
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma Trenitalia non l'aveva promesso .
      Intanto hanno messe le spine per la corrente sulle carrozze di seconda classe ... ci questo passo, fra una decina d'anni arriveranno a metterci le prese di rete :D, e fra una trentina avremo il wi.fi.A pagamento, percarita'.Intanto i controllori viaggiano con i terminali bluetooth aperti :P ... ah, beata italia.
      • markoer scrive:
        Re: Ma Trenitalia non l'aveva promesso .
        - Scritto da: Anonimo[...]
        Intanto i controllori viaggiano con i terminali
        bluetooth aperti :P ... ah, beata italia.No, hanno la password... mica come i cellulari degli altri viaggiatori ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma Trenitalia non l'aveva promesso ...
      Trenitalia non si chiama mica Lufthansa.Non prendetemi per esterofilo ma tanto noi se non arriviamo per ultimi (comprandoci la tecnologia che gli altri buttano via perché ormai obsoleta) non siamo contenti.
  • Anonimo scrive:
    E' molto comodo
    Ho avuto la fortuna di provare la connessione onboard, come la chiamano, e funziona quasi magnificamente: veloce e piuttosto stabile. Nel mio caso l'offerta era gratuita ma quello che temo e' che diventi a pagamento come le telefonate che costano un occhio. Per ora pollice in su
  • Anonimo scrive:
    Avete travisato tutto sui tempi
    PI, informati meglio, tutto funziona da parecchio tempo e in particolare Lufthansa offre Connexion su svariati voli da un anno, ma prima la lunga fase di sperimentazione del vettore tedesco aveva fornito connettività per altri mesi. La cosa che non avete colto è che adesso aggiungeranno anche il Francoforte - Portland con Connexion a bordo di un aereo Lufthansa, tutto qua. Hello, is anybody there?
    • Anonimo scrive:
      Re: Avete travisato tutto sui tempi
      E' vero... sui voli che ho fatto per gli Stati Uniti ho sempre trovato il servizio FlyNet (loro lo chiamano così), e ero in classe economy!!! I prezzi però mi sembravano proibitivi per una connessione a Internet così mi sono limitato sfogliare qualche pagina del loro portale.
  • Anonimo scrive:
    Si anche in aereo!
    In treno, in macchina.... il wifi mettiamolo ovunque, intanto qui c'è gente che non è ancora coperta con l'adsl (io lo sono).Come faranno questi poveretti a scaricare musica e film con il p2p senza la banda larga?ah che paese arretrato è i nostro!
    • Anonimo scrive:
      Re: Si anche in aereo!
      - Scritto da: Anonimo
      In treno, in macchina.... il wifi mettiamolo
      ovunque, intanto qui c'è gente che non è ancora
      coperta con l'adsl (io lo sono).

      Come faranno questi poveretti a scaricare musica
      e film con il p2p senza la banda larga?

      ah che paese arretrato è i nostro!eh, già!
    • Anonimo scrive:
      Re: Si anche in treno!
      Siii, il P2P tra pendolari !!!!!!!! Il vero futuro dell'"emoscambio" SICURO !Osso di Seppia
      • Anonimo scrive:
        Re: Si anche in treno!
        - Scritto da: Anonimo
        Siii, il P2P tra pendolari !!!!!!!!
        Il vero futuro dell'"emoscambio" SICURO !


        Osso di SeppiaMinchia, già col Blutooth in treno ci si scambiano i biglietti da visita, ora si potranno scambiare anche i filmetti
        • Anonimo scrive:
          Re: Si anche in treno!


          Minchia, già col Blutooth in treno ci si
          scambiano i biglietti da visita, ora si potranno
          scambiare anche i filmettiE mentre sei in coda sulla tangenziale ? Ne vogliamo parlare ?Tutti con il portatile (pda) in tasca e bittorrent che trusa....Osso di Seppia
Chiudi i commenti