Un cestino robotico

Raccoglie al volo la spazzatura che gli viene lanciata

Anche se è un segno di inciviltà, a volte si ha proprio l’istinto di appallottolare un foglio di carta scarabocchiato e buttarlo all’aria in segno di sdegno per quell’idea che stenta a sopraggiungere. Peccato solo che poi ci sia la necessità di abbassarsi, raccogliere quanto gettato al vento e riporlo in luogo più idoneo, come il cestino della carta. Quest’ultimo, però, potrebbe trasformarsi in un raccatta-spazzatura volante. Incredibile? Non per il modder giapponese FRP, che ha robotizzato un tradizionale cestino, creando lo Smart Trashbox.

Smart Trashbox

Questa pattumiera intelligente è capace di tracciare la traiettoria dei rifiuti gettati per aria per calcolare il punto esatto dove andranno a cadere. Di conseguenza, grazie alle ruote motorizzate e all’alimentazione a batteria, raggiunge il punto di atterraggio, accogliendo nel secchio la spazzatura volante. Tutto questo è possibile, in quanto le ruote motorizzate integrate nel cestino sono collegate a un circuito di controllo remoto, a sua volta collegato a un Kinect modificato per l’occasione.

Montato su una parete ad una certa altezza, Kinect è capace di monitorare l’intero volume di una stanza per verificare la presenza di spazzatura volante. Una volta individuato il materiale di interesse, è programmato per calcolare con esattezza la traiettoria di volo e fornire i giusti impulsi per spostare il cestino nel punto dove il materiale volante atterrerà.

Un aiuto per tutti i pigroni che non vogliono alzarsi dalla poltrona per gettare le cartacce, questo hack ha ricevuto su YouTube oltre 2 milioni di visite, tante da far pensare che se diventasse un gadget realmente acquistabile, potrebbe riscuotere parecchio successo.

(via Geek.com )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nome e cognome scrive:
    Non sono d'accordo
    c'è più facilità nel distribuire il .avisi vede da mac e linux (linux)il container è standard e basta usare un codec diffusopassa come allegato meglio dei punto exequesto programma torna utile per inviare un video a un utente windows che non ha niente installato sul suo PC (niente codec), ma penso si tratti di una rarità possibile conseguenza di sistema Windows appena (re)installato.
    • None scrive:
      Re: Non sono d'accordo
      - Scritto da: Nome e cognome
      c'è più facilità nel distribuire il .avi
      si vede da mac e linux (linux)
      il container è standard e basta usare un codec
      diffuso
      passa come allegato meglio dei punto exe

      questo programma torna utile per inviare un video
      a un utente windows che non ha niente installato
      sul suo PC (niente codec), ma penso si tratti di
      una rarità possibile conseguenza di sistema
      Windows appena
      (re)installato.Sei un genio dell'informatica ...
    • massi scrive:
      Re: Non sono d'accordo
      il .AVI non si vede sui lettori da tavolo. Meglio il VOB.
Chiudi i commenti