Un gigantesco hotspot a forma di Toronto

Proliferano in Nord America i progetti di copertura WiFi cittadina. Ora è la volta della metropoli canadese. Ecco i dettagli


Toronto – Toronto Hydro Corp ha presentato ieri un progetto che, a fine realizzazione, vedrà la celebre città canadese trasformarsi in un gigantesco hotspot wireless, che si porrà in diretta concorrenza con i principali operatori TLC del Paese per conquistare una fetta consistente del mercato wireless, che vale 8 miliardi di dollari l’anno.

Con lo sviluppo dell’iniziativa, i cui primi risultati sono previsti per il prossimo autunno, Toronto si aggiunge all’elenco di città nordamericane come Philadelphia , New Orleans e San Francisco , che hanno annunciato l’intenzione di portare banda larga a basso costo all’utenza privata e business.

Il progetto di Toronto Hydro sarà il più esteso mai intrapreso in Canada e potrebbe concretamente minacciare le posizioni di mercato finora detenute da Rogers Wireless , Telus Mobility e Bell Mobility , che potranno comunque aspirare a diventare convenzionati e offrire i pacchetti di TH ai cittadini.

Il cosiddetto WiFi municipalizzato coprirà infatti interi nuclei urbani con la stessa tecnologia wireless utilizzata in realtà di dimensioni inferiori, come le reti aziendali e domestiche. La promessa del progetto è di offrire una diffusa e capillare possibilità d’accesso alla banda larga, consentendo ai comuni di offrire, attraverso gli operatori convenzionati, una connettività veloce a condizioni abbordabili per tutte le fasce di utenza.

Un altro obiettivo è di dare alle città l’opportunità di cambiare immagine, assumendo un ruolo di attrattiva per turisti, professionisti e uomini d’affari, di dare alle forze di polizia locali un network di comunicazione più efficiente per svariati servizi, dall’accesso ai database giudiziari al monitoraggio dei parchimetri.

Non sono tutte rose e fiori, per i progetti di WiFi cittadino: negli USA, gli operatori che operano da decenni nel settore TLC accusano i comuni di abusare della propria posizione “dominante” costringendo i cittadini a prendere parte ad iniziative avviate senza alcuna esperienza. Il timore dei carrier è anche da cercare nel futuro dei servizi già esistenti: è verosimile ritenere che le “oasi” di connettività WiFi attualmente presenti in aeroporti, ristoranti, coffee shop e alberghi, non avranno più alcun senso di esistere, una volta che le città si doteranno della copertura e offriranno connettività a prezzi accessibili.

Il WiFi cittadino non è comunque un fenomeno riservato alle città d’oltreoceano: a Londra, ad esempio, il distretto finanziario della City diventerà presto un network WiFi grazie all’accordo siglato tra il provider TheCloud e la City-of-London Corporation .

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bowlingbpsl scrive:
    "Simpatiche" le velate minacce...
    ...nel servizio di Striscia. Una tizia, che ora non ricordo se era dell'ufficio legale o del settore PR ed Immagine (immagine pubblica di cui penso abbiano un gran bisogno, non fosse altro perche' IO mi ricordo che si sono comperati una ditta dal nome PLUG-IT), non faceva che ripetere qualcosa tipo:"Abbiamo dato mandato ai nostri legali per tutelare la nostra immagine pubblica" ... senza curarsi delle domande che le faceva Laudadio. Simpaticissimi. Quasi quanto Buongiorno (ops...) dei... uh, tempi d'oro.
    • Anonimo scrive:
      Re: "Simpatiche" le velate minacce...
      Purtroppo mi sa che ti ricordi male. Plug-it non ha nulla a che fare con Elitel. Mi sa che c'è un po' di disinformazione su questo argomento, stile caccia alle streghe.http://www.tariffe.it/operatori/operatori_desc.php3?op=PLG
  • Anonimo scrive:
    Registarre le chiamate
    Ho seguito il servizio del gabibbo ed alle domande dell'inviato, Elitel ha dichiarato che verifichera' la validita' delle attivazioni, controllando le registrazioni fatte dal call center. Questo significa che tutte le chiamate che riceviamo dai call canter sono registrate. Strano pero' che loro non ci avvisato. Commettono un illecito per la legge?
    • Anonimo scrive:
      Re: Registarre le chiamate
      - Scritto da: Anonimo
      Elitel ha dichiarato che
      verifichera' la validita' delle attivazioni,
      controllando le registrazioni fatte dal call
      center. Questo significa che tutte le chiamate
      che riceviamo dai call canter sono registrate.
      Strano pero' che loro non ci avvisato. Commettono
      un illecito per la legge?"Controllare le registrazioni fatte dai call center" può anche voler dire (anzi, è più probabile) che gli addetti di Elitel compilano un registro con segnalazioni e reclami.
      • Anonimo scrive:
        Re: Registarre le chiamate
        - Scritto da: Anonimo
        "Controllare le registrazioni fatte dai call
        center" può anche voler dire (anzi, è più
        probabile) che gli addetti di Elitel compilano un
        registro con segnalazioni e reclami.Guarda ora mi metti il dubbio, ma io ricordo che aveva detto la "registrazione vocale". Poi c'era un cliente che aveva fatto il reclamo e gli hanno fatto ascoltare la registrazione. Peccato pero' che la voce della registrazione era quello del figlio di 11 anni.
        • Anonimo scrive:
          Re: Registarre le chiamate
          - Scritto da: Anonimo


          - Scritto da: Anonimo


          "Controllare le registrazioni fatte dai call

          center" può anche voler dire (anzi, è più

          probabile) che gli addetti di Elitel compilano
          un

          registro con segnalazioni e reclami.

          Guarda ora mi metti il dubbio, ma io ricordo che
          aveva detto la "registrazione vocale". Poi c'era
          un cliente che aveva fatto il reclamo e gli hanno
          fatto ascoltare la registrazione. Peccato pero'
          che la voce della registrazione era quello del
          figlio di 11 anni.Ma secondo te è plausibile che non capiscano che nella registrazione la voce è di un bambino? E secondo te gliela avrebbero fatta ascoltare. Dai su è impossibile!
          • Anonimo scrive:
            Re: Registarre le chiamate
            - Scritto da: Anonimo
            Ma secondo te è plausibile che non capiscano che
            nella registrazione la voce è di un bambino? E
            secondo te gliela avrebbero fatta ascoltare. Dai
            su è impossibile!Non ti resta che ascoltare striscia, tanto io credo che ne parlerano ancora.
          • Anonimo scrive:
            Re: Registarre le chiamate
            Sinceramente non mi interessa, striscia è una cosa che non vedo spesso
Chiudi i commenti