Un iPhone su 4 è sbloccato

Lo dicono nuovi numeri sulle vendite negli USA, che tracciano un quadro del gradimento del lock tra dispositivo ed operatore cellulare

Potrebbero non piacere ad Apple i dati diffusi in queste ore da Bernstein Research, rilevazioni secondo cui un iPhone su quattro è stato sbloccato dagli utenti . Se confermati, si tratta di numeri che tracciano il reale livello di gradimento, se così si può dire, del lock dell’iPhone, cellulare il cui utilizzo Apple lega strettamente agli operatori con cui ha stabilito i propri accordi tariffari.

Gli analisti che la scorsa settimana avevano già iniziato a mettere in dubbio certi numeri di vendita, ritengono che il numero di “unlock” possa mettere in difficoltà la Mela, il cui modello di business sull’iPhone si appoggia direttamente ai piani tariffari.

Apple dal lato suo ha ammesso che vi sia un certo numero di iPhone sbloccati ma non ha voluto rivelare le proprie stime. Gli esperti che prima valutavano gli “unlock” al massimo al 20 per cento del totale, ora guardano più in alto. Il problema, a loro dire, è che tentare di chiudere la porta agli unlock in modo drastico potrebbe impattare sulle vendite del cellulare.

Valutazioni difficili, peraltro, se si considera che iPhone continua a vendere molto bene su tutti i mercati nei quali è stato introdotto. Proprio nei giorni scorsi T-Mobile, il partner tedesco di Apple, ha annunciato di aver venduto 70mila dispositivi in soli tre mesi, qualcosa meno delle aspettative ma comunque un numero ritenuto rilevante. Da seguire ma ancora incerta la situazione in Francia: Orange ha dichiarato di vendere 1600 iPhone al giorno (contro i 900 in Germania) ma non ha fatto sapere quanti di questi sono venduti nella versione “unlocked” di default, come noto disponibile solo in Francia.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • WolfWood scrive:
    Verso un futuro alla Ghost in the shell
    e pensare che utilizzare protesi robotiche era qualkosa di abbastanza fantascientifico!!! Un passo in più verso l'uomo macchina!!!Dato però che è una ricerca che convolge ex militari non è che voglino creare dei super soldati meccanici????Naaaa !!!!
Chiudi i commenti