Un SMS per raggiungere il Muro del Pianto

Chiunque può infilare la propria preghiera nel Muro Occidentale, anche senza recarsi a Gerusalemme. Basta un messaggino

Roma – Messaggini ed email stanno ormai prendendo il posto delle lettere. E si evolve anche l’antica tradizione di lasciare preghiere scritte su fogli di carta infilati nelle fessure del Muro del Pianto . Ora è infatti possibile spedire, all’antico muro di cinta del primo Tempio di Gerusalemme, un messaggio molto più moderno, via SMS.

Lo permette il servizio SMS2Wall , che “consente a persone di tutto il mondo di comunicare i propri messaggi al Muro Occidentale, direttamente dal proprio telefono cellulare”. “Il nostro obiettivo – si legge nella presentazione del servizio – è di mettere in grado chiunque, ebrei e altri, di essere a stretto contatto con la Città Santa di Gerusalemme e il suo Muro Occidentale, in modo semplice e affidabile”.

In pratica, basta spedire il proprio messaggio al numero telefonico indicato (variabile in funzione della nazione d’appartenenza – al momento l’Italia non è nel novero dei Paesi serviti). SMS2Wall provvederà a stampare il testo del messaggio e a posizionarlo nelle fessure del Muro.

È un servizio simile a quello offerto dalla dettatura telegrammi, con la differenza che in questo caso il destinatario non è una persona in carne ed ossa.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Stefano Guidetti scrive:
    insegnare Windows?
    Secondo me è già uno scandalo che si insegni a scuola agli studenti ad utilizzare Windows e Office, per creare generazioni di studenti capaci solo di usare programmi Microsoft.E per di più le scuole devono pagare Microsoft per comprare i programmi...E' uno sperpero delle risorse pubbliche.Ciò è scandaloso e si giustifica solo a causa di una classe politica corrotta.
  • Nicola scrive:
    Opensurce
    ho installato per la Facoltà in cui Lavoro il nuovo server:Ubuntu + Apache + Mysql + Postfix + Spamassassin,a ZERO euro...se dovevo installare windows 2003 :Windows Svr Ent 2003 R2 Italian OLP NL AE 505,08SQL Svr Standard Edtn 2005 Win32 Italian OLP NL AE Qualified 300Exchange Svr 2007 Italian OLP NL AE 251,94Antispam: cica 1000 euro all'anno..Oltre 200 EURO!!!Ma non si vergognano a fare queste pubblicità comparative FALSE!!La gente si sta svegliano, seppur lentamente, ed io mi batto ogni giorni affinchètutta la pubblica amministrazione usi OPENOFFICE, tanto la segretaria della segreteriausa Office 2003 esattamente allo stesso modo di Wordpad!!!!!
    • goliard scrive:
      Re: Opensurce
      Il prodotto Office 2007 imho vale le 300-400 euro nella sua versione media, ti ricordo inoltre che quasi sempre viene venduto in oem a prezzi 3-4 volte inferiori, per cui di fatto una licenza office 2003 inciderebbe si un pc per non più di 60-70 euro, star office oppure open office in retail costa circa 40 euro, alla fine la differenza è di 20-30 euro, ma hai officese poi secondo te open office è meglio di msoffice allora possiamo fermarci qui
    • goliard scrive:
      Re: Opensurce
      - Scritto da: Nicola
      ho installato per la Facoltà in cui Lavoro il
      nuovo
      server:
      Ubuntu + Apache + Mysql + Postfix + Spamassassin,
      a ZERO euro...se dovevo installare windows 2003 :e fatela 'na donazinoe ogni tanto, tirchioni-ciuccia-software! :Dse linux costasse 1 euro, tornereste tutti di nuovo a piratare windows ;)
    • Rosario scrive:
      Re: Opensurce
      Non sono qui per dire qual è meglio ma mi pare una forzatura dire che OpenOffice costa 40 -
      www.questar.it/html/linspire/oooff/openoffice.html40 se vuoi la scatola (trall'altro più brutta della scatola MS) e se vuoi comprarlo in ufficio. Non mi pare dia molto di più della versione scaricabile gratuitamente. Un CD su cui masterizzarlo costa 0.80
  • Anonimo scrive:
    Studi non convincenti, viziati.
    Sono fandonie che un sistema Windows costa meno in termini di manutenzione e di aggiornamento, basta pensare al potentissimo ed al contempo semplicissimo sistema di gestione dei pacchetti .deb Debian.Quando ad esempio su Ubuntu scelgo di aggiornare il sistema, si aggiornano tutte le applicazioni del sistema, fra le quali anche OpenOffice.Non è possibile operare con la stessa semplicità e potenza su Windows ed allora la maggior parte delle volte gli utenti semplicemente non aggiornano le applicazioni.Altro avete mai provato a fare un upgrade da una versione di Windows a quella successiva senza dover reinstallare che so' Office...: si può fare...? Con Linux si passa alla versione successiva solitamente in modo indolore e non si deve nemmeno riavviare il sistema. Ciò che dico è testato sul campo da vari anni con Fedora ed Ubuntu.Poi citiamo ancora a sfavore di Windows i noti difetti: spyware, virus, frammentazione filesystem, formati chiusi, riavvii obbligatori del sistema per completare aggiornamenti...Boh... ! Sarà ma questi studi a me non la raccontano giusta.
    • Rosario scrive:
      Re: Studi non convincenti, viziati.
      @Anonimo: Ni... si, accedo alla mia bella Ubunto e mi arrivano gli aggiornamenti, ma non è la prima volta che mi capita che per aver sbagliato qualcosina (spesso per far funzionare un programma devo mettere patch o librerie da altre fonti e spesso sono incompatibili) mi ritocca installare tutto il sistema. L'ultima volta per passare da Ubuntu 6.10 a 7.4 ho preferito ricaricare il CD e rifare tutto da capo. Magari poi sono in che non sono buono.@Goliar: Ni anche a te... sono convinto pure io che sistemi più diffusi siano più soggetti ad attacchi. Bisogna considerare però che essendo il codice aperto è più facile trovare bug e risolvere falle di sicurezza (almeno teoricamente). Per il discorso di Ubunto sistema amatoriale non l'ho capito prorio.. a me funziona, su questo computer e su quell'altro vecchio. Windows vista no, non mi riconosce ne la stampante, ne la scheda video, ne la scheda sonora. Su questo nuovo parte e mi ride in faccia perché ho solo 512 Mb di memoria, senza considerare che il 80% dei programmi che uso non ci girano, ancora troppo giovano Windows vista.
      _
      Ma non stavamo parlando di Open Office vs MS Office?Ancora non capisco quale costi di gestione veda Microsoft nei software open source.Uno studente delle medie un po' sveglio riesce ad installare entrambi i software, non vedo perché un tecnico di laboratorio non ce la dovrebbe fare. Perché immagino che se c'è un laboratorio con dei computer, ci sarà anche un tecnico in quella scuola. Comunque un computer usato per far girare office (open o MS) a parte gli aggiornamenti di sistema che si fanno con un click su entrambe le piattaforme non ha costi di gestione. Non ditemi che serve un tecnico per risolvere i problemi perché quello serve anche con windows, con Ubuntu, con debian, con freeBSD con la calcolatrice e anche con l'orologio da polso.
    • ottomano scrive:
      Re: Studi non convincenti, viziati.

      Con Linux si passa alla versione successiva
      solitamente in modo indolore e non si deve
      nemmeno riavviare il sistema.Beh, indolore mica tanto... Parlando di Ubuntu (uso kubuntu), solo nel passaggio dalla Edgy alla Feisty le cose sono "indolore". Quando sono passato dalla Dapper alla Edgy mi si è impallato xorg e/o Kde. Ho dovuto disinstallare xorg e kde da linea di comando e reinstallarli.Tralaltro tutti gli aggiornamenti ho dovuto farli con apt-get disti-upgrade, perchè con "gksu update-manager -c mi si bloccava a metà.Un utente medio questo non sa mica farlo.Mi piace linux (sono anni che lo uso in dual boot con Windows), ma potrà spopolare solo se avrà la semplicità d'uso di un MacOSXbye-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 giugno 2007 16.50-----------------------------------------------------------
    • staza scrive:
      Re: Studi non convincenti, viziati.
      sul fatto che ad uno studente piaccia o meno un software biogna verificare se in quella scuola il modello opensource è portato avanti bene o se è una "messa in scena"logicamente, pure io, se a scuola,lavoro,altro mi trovo il solito software, prediligo quello, visto che ci sono abituato, e se mi "impongono" (lab scolastici per dire) di usare un altro software per due volte al mese... bhe, quel software difficilmente riuscirò mai ad apprezzarlo...riguardo ai costi di gestione/manutenzione di prodotti open rispetto al close qui si dovrebbe distinguere il dove viene proposto...una scuola elementare, per dire, ha esigenze di molto inferiori ad una universitàuna scuola superiore (geometri) ha esigenze diverese da una superiore (ragioneria) (e così via)con questo voglio dire che se alle elementari basta qualche "giochetto" van bene anche sist operativi liberi (linux) e software libero (e ce ne sta tanto...), avendo così un gran risparmio... la manutenzione su questi pc, sarà relativamente poca, visto anche il tipo di utilizzo fatto da un bambino...già alle medie, un po piu smanettoni, le manutenzioni saranno un po di più... ma non così tantealle superiori aumentano di molto, meno al classico, di molto alle ITI (programmazione :) )poi, su che base vengono calcolati questi costi di manutenzione?alla fin fine, il dipendente è pagato cmq, sia che faccia manutenzione sia che non ne faccia... tanto vale usare software libero e gratuito e fare un po piu di manutenzioneche spendere unpozzo di soldi e fare nulla manutenzionequi il discorso è portato all'estremo naturalmente, i punti da analizzare sono tantissimi e vari, difficile fare spiegazioni dettagliate se non dilungandosi su 50 pagine! (che tra l'altro non ho voglia di scrivere :) )vero però che i prodotti microsoft, almeno nelle scuole, costano mooolto meno che non al singolo privato...cmq, quello che dico sempre io, è che non bisogna imporre l'uno o l'altro sistema, ma trovare quello più comodo, e soprattutto che a parità di utilizzo mi renda di più, sia esso un software close e a pagamento o sia esso un software libero e gratuito...
  • freemind scrive:
    Secondo me...
    ...il problema non è quello di non voler comperare un sw close ma dopo che ho speso i miei denari, voglio farci tutto quello che la definizione di sw mi permette di fare,anche formattare 10 volte al giorno il pc senza rischiare di dover riattivare la mia copia dopo x volte (non dite che non è mai successo di inserire un numero di licenza valido e vedere la scritta che invece afferma il contrario).Ora, anche se è possibile rifare l'attivazione, ma perchè cazzo mi devi bloccare il mio sw??? Non dite:"Il tuo numero è in black list perchè lo hanno usati altri 10000 individui" visto che non è una buona scusa.In oltre i prezzi di molti sw sono troppo alti per le loro qute di mercato nel senso che, se il mio sw lo usano l'80% delle persone al mondo, deve per forza costare un cazzo!!
    • goliard scrive:
      Re: Secondo me...
      - Scritto da: freemind
      ...il problema non è quello di non voler
      comperare un sw close ma dopo che ho speso i miei
      denari, voglio farci tutto quello che la
      definizione di sw mi permette di fare,anche
      formattare 10 volte al giorno il pc senza
      rischiare di dover riattivare la mia copia dopo x
      voltepuoi riattivare la copia tutte le volte che vuoi, se ti viene chiesto un codice è per essere sicuri che non si tratti di software contraffatto, cosa ci vedi di scandalosoinserire un codice ti costa si e no 1 minuto
      (non dite che non è mai successo di
      inserire un numero di licenza valido e vedere la
      scritta che invece afferma il
      contrario).a me non è mai successo, io non presto le copie di software originale al primo che passadetto questo credo che nessuno abbia mai dovuto comprare due volte lo stesso software originale
      Ora, anche se è possibile rifare l'attivazione,
      ma perchè cazzo mi devi bloccare il mio sw??? Non
      dite:"Il tuo numero è in black list perchè lo
      hanno usati altri 10000 individui" visto che non
      è una buona
      scusa.uhhh... che cattivi questi della microsoft, ce l'hanno con il tuo software e non ti vogliono bene, cattivi ble!ripeto a me non è mai successo, ma se hai un problema chiama l'assistenza e te lo risolveranno subitoinoltre aggiungo che il software che usi è sempre concesso in licenza d'uso, non esiste software TUO, anche quello sotto GPL ti viene concesso a delle determinate condizioninemmeno la Punto che hai nel garage è tua del tutto, ci sono migliaia di copyright e brevetti su quella macchina che devi rispettare
      In oltre i prezzi di molti sw sono troppo alti
      per le loro qute di mercato nel senso che, se il
      mio sw lo usano l'80% delle persone al mondo,
      deve per forza costare un
      cazzo!!il software ha un prezzo basso rispetto a quanto costa produrloil modello di licenza d'uso consente di averlo a prezzi molto accessibili, io ad esempio sto prendendo una licenza vista business oem a 116 euro, mi durerà almeno 5-6 anni, penso sia una spesa buona
    • madel28 scrive:
      Re: Secondo me...
      - Scritto da: freemind
      ...il problema non è quello di non voler
      comperare un sw close ma dopo che ho speso i miei

      denari, voglio farci tutto quello che la

      definizione di sw mi permette di fare,anche

      formattare 10 volte al giorno il pc senza

      rischiare di dover riattivare la mia copia dopo x

      volte
      puoi riattivare la copia tutte le volte che vuoi, se ti
      viene chiesto un codice è per essere sicuri che non si
      tratti di software contraffatto, cosa ci vedi di
      scandalosoGiusto, non ti scandalizzare, è comodissimo ^_^, specialmente se lo devi fare su più macchine e magari lavori nell'IT (quindi lo devi fare spesso). E' divertente, possibile che non te ne rendi conto?
      uhhh... che cattivi questi della microsoft, ce l'hanno con
      il tuo software e non ti vogliono bene, cattivi ble!
      ripeto a me non è mai successo, ma se hai un problema
      chiama l'assistenza e te lo risolveranno subitoChe idillio... Peccato che diversi miei colleghi che lavorano come OEM e nell'IT non hanno avuto la stessa meravigliosa esperienza con i call center Microsoft. E non per piccole stupidaggini. Per farla breve diciamo per cose di media serietà.
      inoltre aggiungo che il software che usi è sempre concesso
      in licenza d'uso, non esiste software TUO, anche quello
      sotto GPL ti viene concesso a delle determinate condizioni
      nemmeno la Punto che hai nel garage è tua del tutto, ci
      sono migliaia di copyright e brevetti su quella macchina
      che devi rispettareCorretto, il software coperto da GPL non è tuo e non lo sarà mai e nessuno potrà impadronirsene. Il fatto è che ci scordiamo sempre di dire che ci puoi fare quasi tutto quello che vuoi, persino installarlo sul tuo vecchio orologio Casio, se ci riesci.

      In oltre i prezzi di molti sw sono troppo alti

      per le loro qute di mercato nel senso che, se il

      mio sw lo usano l'80% delle persone al mondo,

      deve per forza costare un

      cazzo!!
      il software ha un prezzo basso rispetto a quanto costa
      produrlo
      il modello di licenza d'uso consente di averlo a prezzi
      molto accessibili, io ad esempio sto prendendo una licenza
      vista business oem a 116 euro, mi durerà almeno 5-6 anni,
      penso sia una spesa buona.Fa piacere vedere persone che sono orgogliosamente contente di comprare software Microsoft. Io sono contento quando vedo la gente felice, e proprio non mi va di rovinare belle atmosfere. D'altra parte non vi rendete conto che state pagando un costo notevole per cose che al giorno d'oggi dovrebbero avere il prezzo delle "commodities", ossia beni largamente disponibili e a buon mercato.Il prezzo dei sistemi operativi end user Microsoft non fa che salire, come pure il costo dei loro pacchetti per l'ufficio.Ma ripeto, contenti voi...
    • freemind scrive:
      Re: Secondo me...
      Non voglio dire che non sia giusto che una casa che produce sw si tuteli. Io faccio lo sviluppare per uno studio informatico e mi girerebbero le palle se il programma che ho scritto per tizio venisse copiato da caio. Ma quando il cliente ha comperato da noi un programma, finchè lo usa per come gli è concesso da contratto, per noi può farci quel che vuole. Non gli rompiamo le palle su licenze e attivazioni delle stesse.Per i prezzi: è vero che non sviluppiamo per la grande distribuzione, ma è per questo che non possiamo scrivere, ad esempio, un gestionale per 300 ma dobbiamo farci pagare di più visto che quel programma così come è scritto andrà perfettamente bene solo a quel cliente mentre Vista ultra mega edition costa poco solo se oem altrimenti no e lo usano in moltissimi!Il mio sw lo puoi installare sul pc che hai in ufficio, se lo butti, reinstalli su un altro tutte le volte che vuoi! Window no se è oem, perchè??? Perchè se vuoi farci quello che vuoi devi comperare il retail ma costa l(')ira di Dio anche se lo usano milioni di individui! Questo non è corretto!
  • uno del nord est scrive:
    26 paesi europei, ma nel NORD EST?
    da noi non ci importa che altri comunitari o extracomunitari usano officela gente qui ha troppa antipatia per attivazioni, costi di rinnovi licenze, non poter reinstallare se compro il programma oem, FIAMME GIALLE che vengono a chiedere licenze fatture e prove dell'acquistoanche la gente in regola si stufa di dover perdere giorni di lavoro magari con gli uffici presidiati da questi che ispettorano e controllano cosa facciamoDEBIAN E OPENOFFICE abbiamo risolto tutti i problemise il pc si rompe reinstallo senza dover stare mezzora a riattivare ogni cosa, che sia office o xp e senza sentirmi dire che sono uno che non paga le licenze perche ho reinstallatose vengono a controllare so che sono in regola e non chiedono di controllare anche l.'archivio e le fatture di acquisto e i bollini in controluce e che siano bene appiccicati al pc e non scoloriti perché la donna delle pulizie usa troppo lo straccio o un impiegato ha rovesciato un caffè sopragli aggiornamenti ci sono sempre e sono gratisnon serve ogni anno cambiare tutti i programmi perche la versione 2000 non legge proprio bene la 2003 e la 2003 non legge bene la 2007 ma si cambia se serve e bastaPRODUTTORI DI PROGRAMMI CON LICENZE COSTOSE BASTA CON LE VOSTRE ATTIVAZIONI, I SOLDI PER I PROGRAMMI NON CI SONO PIU CON LE NUOVE TASSE E STUDI DI SETTORE, SIAMO TUTTI PASSATI A GPL E TUTTI SIAMO PIÙ CONTENTI E CON LA MACCHINA NUOVA
    • Gianluca70 scrive:
      Re: 26 paesi europei, ma nel NORD EST?
      - Scritto da: uno del nord est
      [cut] SIAMO TUTTI PASSATI A GPL E
      TUTTI SIAMO PIÙ CONTENTI E CON LA MACCHINA
      NUOVAEcco il punto: se duplicassero a UFO il TUO di lavoro, ti incavoleresti come una scimmia urlatrice perche' non ti puoi fare la macchina nuova, se invece lo fa MS o tutte le altre societa' di closed source, allora e' una rottura di scatole.Spero che tu paghi le tue tasse ed i tuoi dipendenti con la stessa cura e scrupolosita' con cui agogni l'auto nuova :)
  • olah scrive:
    curva di apprendimento
    In passato ho tenuto corsi di formazione sia su MSOffice sia su OpenOffice per la provincia di Asti e francamente non ho notato differenze nei test di apprendimento o nei questionari di gradimento.Per quanto riguarda i costi di gestione, OpenOffice è costato meno: ho fornito i CD con dentro il software e gli studenti se lo sono installato da soli (prima lezione). Chi aveva un PC personale il CD se lo è portato a casa ed ha potuto esercitarsi senza violare la legge.
  • Cassio scrive:
    Oste, com'è il vino???
    E' normale che mammona M$ esalti le sue doti, dopo aver blaterato sulle aziende che risparmiano sui costi di gestione ora si permette di far considerazioni anche sulle scuole!la maggior parte delle scuole non ha certo i soldini per comprare tutto quel software, la maggior parte del software installato è copiato non originale. e questo lo sanno bene!poi anche se in versione education (199 euro se non erro) aggiungendo anche il costo del S.O.(altri 99) chi mai andrà a proporre pc così potenti da poter vincere l'appalto di fornitura? risultato: pc da 400-500 euro l'uno che hanno o software contraffatto o sono talmente lenti che non faranno mai girare un s.o. come vista o simili.Aggiungiamoci anche il fatto che i ragazzini vanno sempre sul web (con internet exploDer ovviamente!) in cerca di siti pornografici (e chi più ne ha più ne metta). "Inspiegabilmente" molto di frequente sui pc ci ritroviamo dialer, hijackers, trojan e virus di vario genere!!!Questo non l'ha contato mammona M$ sul suo rapportino? Beh certo che no! L'oste non dirà mai che il suo vino è cattivo!Meglio GNU/linux+openoffice, molti soldi in meno da spendere, sia per il software che per la manutenzione: basterebbe un solo docente competente per scuola in grado di mantenere i laboratori!
  • Giuseppe Rossi scrive:
    Futuro
    Io ho una figlia di 5 anni che, per il momento, non usa ancora il PC. Quando lo userà la metterò davanti a GNU/Linux e credo che non avrà problemi. Io uso MS al lavoro e mi studio Linux da un pò, e vedo solo vantaggi ad usare Linux. Prima o poi migro al 100%, almeno il mio PC aziendale.Voglio essere io a dire cosa fare al PC, non il contrario.
  • Mauro Tassinari scrive:
    Ma per favro
    La maggior parte degli utenti non sa nemmeno cos'è un intterruzione di pagina!Molti usano WordPad...Chi ha realmente bisogno di Office 2007?...Il bisogno primario del 99,9% degli utenti è avere un pacchetto semplice, multipiattaforma (*) e compatibile; MS Office non è questo.(*) Multipiattaforma comprende anche le vecchie versioni di Winsoz
  • booweer scrive:
    Paragonare OpenOffice a MsOffice
    Paragonare OpenOffice a MsOffice è da ingenui oppure da persone che si sono fermate a office 2000.OpenOffice vale sicuramente molto di più della sua gratuità, ma chi ha un minimo di senso critico non potrebbe mai paragonare microsoft office 2007 con open office, nemmeno con la sua ultima versione.office 2007 è capolavoro di applicazioni e software per ufficio e business, open office è solo una suite per operazioni comuniChi prova office 2007 ha subito la sensazione che microsoft abbia voluto esagerare, probabilmente spronata dall'avanzata del freesoftware.Non voglio essere cattivo ma chi si è fermato a open office e in generale al mondo open source si sta perdendo il bello del software di oggi.
    • fulmine scrive:
      Re: Paragonare OpenOffice a MsOffice
      - Scritto da: booweer
      Chi prova office 2007 ha subito la sensazione che
      microsoft abbia voluto esagerare, probabilmente
      spronata dall'avanzata del
      freesoftware.Il 99% di chi prova Office2007 nota la GUI diversa e basta.Office '97 basta e avanza alla quasi totalità degli utilizzatori di suite office.
    • madel28 scrive:
      Re: Paragonare OpenOffice a MsOffice
      Gentile signore,chi usa OpenOffice e il Free Software non "si è fermato": sta risparmiando una montagna di soldi.Direi invece che "si è fermato" chi vede in M$ l'unico latore del progresso e dell'innovazione.Le "operazioni comuni" si fanno molto bene con il free software.E diciamo anche, senza offesa, che nella maggior parte degli uffici (pubblica amministrazione docet) si fanno soprattutto "operazioni comuni".Non ci sono scienziati dell'ufficio, almeno qui in Italia. Da voi ce ne sono? Costeranno un patrimonio!C'è tanto software "bello" e a buon mercato (gratis), patrimonio dell'umanità intera, che è a disposizione di tutti, non solo dei fighetti con tanti soldi e altrettanta business-puzza sotto il naso.I gusti non si discutono, ognuno spende i soldi che ha come meglio crede, ma ho visto aziende in cui ho lavorato sperperare migliaia di euro in licenze e pacchetti M$ di cui hanno usato si e no il 7% delle funzioni. Ho ancora la nausea.Da noi si è scoperto che si può fare a meno di Microsoft e dei suoi "capolavori" risparmiando cifre astronomiche e stiamo un gran bene. Giunta è l'ora di darsi una svegliata.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 giugno 2007 10.49----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 giugno 2007 12.01-----------------------------------------------------------
    • booweer scrive:
      Re: Paragonare OpenOffice a MsOffice
      avete ragione entrambi, ovvero che il 99% di chi prova Office2007 nota la GUI diversa e basta e che Office '97 basta e avanza alla quasi totalità degli utilizzatori di suite office.io infatti mi riferivo all'idea stupida e frequente di paragonare tecnicamente open office e ms office anche da parte di chi pretende di avere senso critico, come le testate giornalistiche specializzate. Tutto questo è solo hype e buonismo contemporaneo, dove tutti siamo uguali al punto che abbiamo reso uguali pure i softwaretuttavia nessuno paragonerebbe mai una Touareg con una panda 4x4, sebbene con quest'ultima si possano fare gran parte delle cose che puoi fare con la prima, fortunatamente le automobili resistono ancora a queste correnti del mondo politico-informatico
    • m.aicardi scrive:
      Re: Paragonare OpenOffice a MsOffice
      - Scritto da: booweer
      Paragonare OpenOffice a MsOffice è da ingenui
      oppure da persone che si sono fermate a office
      2000.Il tuo è un commento superficiale, mi spiace.
      OpenOffice vale sicuramente molto di più della
      sua gratuità, ma chi ha un minimo di senso
      critico non potrebbe mai paragonare microsoft
      office 2007 con open office, nemmeno con la sua
      ultima versione.

      office 2007 è capolavoro di applicazioni e
      software per ufficio e business, open office è
      solo una suite per operazioni
      comuni

      Chi prova office 2007 ha subito la sensazione che
      microsoft abbia voluto esagerare, probabilmente
      spronata dall'avanzata del
      freesoftware.

      Non voglio essere cattivo ma chi si è fermato a
      open office e in generale al mondo open source si
      sta perdendo il bello del software di
      oggi.Non condivido per nulla il tuo commento, per una serie di motivi.Prima di tutto, è da valutara quanto l'utenza media è in grado di usare la suite Office (M$ o Open che sia). Nella mia esperienza la stragrande maggioranza delle persone usa il 10-20% delle funzioni della suite: molti (per la videoscrittura) non sanno usare i capitoli, il glossario, la formattazione avanzata, l'indice, per non parlare di codici di campo... Sono già "power user" quelli che usano decentemente l'intestazione ed il piè di pagina. Per i fogli di calcolo quasi nessuno sa come definire filtri, formule con riferimenti ad altri fogli. Per non parlare del VisualBasic for Applications (quello per fare le macro): lo conosce meno dell'1% degli utenti, credo.In questo scenario, ritengo che OpenOffice abbia tutto ciò che il 98% degli utenti di una suite per ufficio abbisogni.Se vuoi parlare dell'aspetto grafico, non credo che le innovazioni di Office2007 siano fondamentali per l'utilizzo della suite. Saranno belle, non dico di no, saranno più user-friendly.Ma a questo punto salta fuori la LIBERTA'... Io adesso sono LIBERO di decidere se non spendere nulla ed usare un OpenOffice meno user-friendly ma che fa ben più di quel che mi serve, oppure sono LIBERO di comprare M$Office e spendere 545 euro (questo è il prezzo che ho trovato or ora per Microsoft Office 2007 Standard - Package completo - 1 licenza - CD - Italiano - Win, visto che non sono studente) per quelle funzioni aggiuntive e per l'interfaccia grafica figa.Io preferisco continuare ad utilizzare OpenOffice.Ciao.Marco
    • booweer scrive:
      Re: Paragonare OpenOffice a MsOffice

      Io preferisco continuare ad utilizzare OpenOffice.peccato che i salami sugli occhi vi impediscano di comprendere il sottile significato di un post sempliceaccettate per favore l'idea che non tutti nel mondo fanno proseliti come alcuni di voi, io non volevo convincere nessuno ad abbandonare la propria suite di ufficioma avendo provato le ultime release di entrambi i software in questione, non posso che replicare ai commenti e agli articoli che in qualche modo vorrebbero paragonare i due software solo sul piano del prezzo, dal momento che li ritengono tecnicamente eguali
    • m.aicardi scrive:
      Re: Paragonare OpenOffice a MsOffice
      - Scritto da: booweer
      ma avendo provato le ultime release
      di entrambi i software in questione,
      non posso che replicare ai commenti
      e agli articoli che in qualche modo
      vorrebbero paragonare i due software
      solo sul piano del prezzo, dal momento
      che li ritengono tecnicamente egualiPersonalmente non ho i soldi per provare approfonditamente Office2007 e nessuno dei miei conoscenti l'ha comprato (sia lode!), l'ho solo visto.Come detto da altri a me sembra soltanto un enorme cambio della GUI (che magari piace ai più, non dico di no), ma non mi sembra che "tecnicamente" abbiano introdotto novità sostanziali per l'utente comune.Io non voglio far "proseliti", ma vorrei che l'utenza semplicemente SAPESSE che ci sono alternative, e le VALUTASSE... Mi da fastidio che la gente scelga nell'ignoranza e come dei pecoroni, tutto lì.In questo senso non vedo l'ora che Microsoft stringa la morsa sino a far scomparire la pirateria (utopia!).Quando l'utente comune per usare Word in casa dovrà sborsare più di 700 euro (sistema operativo + suite office) forse allora la pigrizia mentale sparirà.Se, poi, ci sono utenti che CONSAPEVOLMENTE utilizzano Office2007 perchè sanno che hanno bisogno di QUELLA feature che OOo non ha, sta bene. Ma al momento NON credo che succeda così.Ciao.Marco
    • Linux scrive:
      Re: Paragonare OpenOffice a MsOffice
      - Scritto da: booweer
      office 2007 è capolavoro di applicazioni e
      software per ufficio e business, open office è
      solo una suite per operazioni
      comuniSei tu che hai provato superficialmente OpenOffice.Ho insegnato in vari corsi di Office Automation e del pacchetto Office in particolare. Nel 99% degli uffici, non c'è nulla che non possa esser fatta con OpenOffice. Poi, se andiamo a vedere nel dettaglio, ci son cose in opeoffice che sono più funzionali di Office. Due esempi semplici su tutti:1) gestione delle immagini nei testi. Con word non c'è precisione nel posizionare le immagini all'interno di un testo (il testo ti si sposta in modo imprevedibile). Con writer stai certo che dove sposti l'immagine, lì si posiziona2) Elenchi puntati.... quì, se sai veramente usare writer, avrai sicuramente constatato la maggior flessibilità e facilità nel gestire gli elenchi puntatiDue esempi semplici, di cose apparentemente stupide ma che word gestisce a cane.Ovviamente con questo non voglio dire che OpenOffice sia meglio di Office..... ogniuno ha le sue pecche ed i suoi difetti, ma dire che OpenOffice e "office è solo una suite per operazioni" significa non conoscerlo per nulla.
    • boower scrive:
      Re: Paragonare OpenOffice a MsOffice

      scritto da a.aicardi
      Personalmente non ho i soldi per provare
      approfonditamente Office2007 e nessuno dei miei
      conoscenti l'ha comprato (sia lode!), l'ho solo visto.quindi non lo conosci e non puoi valutarlo (comunque esistono anche le demo gratuite)
      Come detto da altri a me sembra soltanto un enorme
      cambio della GUI (che magari piace ai più, non dico di
      no), ma non mi sembra che "tecnicamente" abbiano
      introdotto novità sostanziali per l'utente comune.ma come, prima dici di non averlo provato e ora dai le tue sentenze?credi a me, negli occhi non hai solo salame, probabilmente c'è anche della mortadella ;-)
    • Mauro scrive:
      Re: Paragonare OpenOffice a MsOffice

      office 2007 è capolavoro di applicazioni e
      software per ufficio e business, open office è
      solo una suite per operazioni
      comuniNon è proprio esatto.Office 2007 è, al pari di OpenOffice, una suite per operazioni comuni.Ognuno eccelle in qualcosa; ma perde in altre.Poi abbiamo l'Office System, dove, grazie ad altri applicativi (SharePoint in primis), Office 2007 viene inserito in un contesto collaborativo.Una cosa fantastica se la tua infrastruttura è 100% Microsoft. Come pure quella di chi si relaziona con te.Nulla di nuovo sotto il sole, comunque, a parte l'integrazione "all'origine" degli applicativi necessari a quadrare il cerchio.OpenOffice non fornisce una soluzione "chiavi in mano" per la parte collaborativa. E non credo la fornirà mai.Usando formati standard lascia che siano altri, che conoscono meglio queste cose, a fornire l'integrazione con lui.Mauro
    • Angelone scrive:
      Re: Paragonare OpenOffice a MsOffice
      Certo, per fare le tesine uno studentello di 15 anni ha necessariamente bisgno di Office Microsoft. Sennò Bill Gates non può permettersi la macchina nuova.Per il 90% delle persone open office è più che sufficiente.Ma poi se le statistiche le dice la microsoft sarà già facile che ci credo...
    • Kirisuto scrive:
      Re: Paragonare OpenOffice a MsOffice
      Non saprei... se devo scrivere un documento semplice o mio personale OOo va benissimo, sicuramente andrebbe bene anche Office, anzi, sarebbero entrambi perfino eccessivi, ma se devo scrivere una tesina rispettando lo stile standard della facoltà per le tesine, non c'è alternativa, devo ripassarmi un po' LaTeX, dopo la fatica iniziale, poi tutto fila liscio e la tesina viene impaginata come si deve praticamente da sé.Anche quando si tratta di scrivere formule, solo recentemente gli word processor non sprofondano più di fronte a LaTeX, ma non lo battono ancora.
  • Bingo Bongo scrive:
    ahahahahahahahahahahahahahaha
    chissà quanto gli è costato far scrivere queste M....iate! Non fatevi prendere in giro... do u remember "get the facts" (of course only the facts he wants u to know)???????Sveglia dormienti! Accendete i cervelli e spegnete Winzoz!(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)THE FUTURE IS FREE(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)(linux)
    • Bingo Bongo scrive:
      Re: ahahahahahahahahahahahahahaha
      si si tranquillo preoccupati di te che a me ci penso io booweer ehehehehehe booweer ehehehehhehe booweer eheheheheheh
    • boower scrive:
      Re: ahahahahahahahahahahahahahaha

      Scritto da bingo bongo
      booweer ehehehehehe booweer ehehehehhehe booweer
      ehehehehehehbingo bongo, come posso stare tranquillo?le troppe compilazioni del kernel ti hanno probabilmente fritto i neuroni :)
    • Caleb scrive:
      Re: ahahahahahahahahahahahahahaha
      Be', scusa, vediamo un attimo:1) è uno studio indipendente2) commissionato in modo disinteressato3) ad una società prestigiosache vuoi di più dalla vita? un lucano?AHAHAHA, povera Microsoft, sempre a sparare fesserie eh?nuova campagna "get the fucks" :-P
  • beppe foligno scrive:
    pollycoke è visitato da over 60s infatti
    chi usa linux?eh già. Ormai siamo solo ottusi vecchi utopisti mezzi anarchici ultracentenari a usarlo.Ancora una generazione e gli utenti linux scompariranno.(tratto da uno dei sogni di MS :-))
    • Kirisuto scrive:
      Re: pollycoke è visitato da over 60s infatti
      - Scritto da: beppe foligno
      chi usa linux?
      eh già. Ormai siamo solo ottusi vecchi utopisti
      mezzi anarchici ultracentenari a
      usarlo.
      Ancora una generazione e gli utenti linux
      scompariranno.

      (tratto da uno dei sogni di MS :-))Già, non passa giorno che il sottoscritto, pigraccio incorreggibile, non si trovi con Linux meglio del giorno prima ed è solo un mese che uso prevalentemente Linux.Ora, le poche volte che mi tocca usare di nuovo Windows, mi sento un pesce fuor d'acqua.Sarà l'età, non ho più l'adattabilità necessaria a sopportare le stranezze e idiosincrasie di Windows.
  • madel28 scrive:
    Ma non sarebbe ora di farla finita?
    Microsoft, te ne puoi stare zitta un paio di mesi? Ci fai questo maledetto favore?Non ne possiamo proprio più!Ogni giorno veniamo bombardati dalle solite stucchevoli stupidaggini: oggi M$ dice che i suoi software costano meno.Ieri diceva che avrebbe denunciato tutti quelli che usano Linux e/o OpenOffice.L'altro ieri diceva che Vista è il più sicuro di tutti i Windows.Io sto passando da una cortese antipatia per Microsoft ad un odio radicale, ma del mio non ci sto mettendo nulla, fanno tutto loro. Giorno dopo giorno.E aggiungo di essere fiero di lavorare come sysadmin Linux/FreeBSD. Costo di più? Certo, perché so quello che faccio.
    • Lemon scrive:
      Re: Ma non sarebbe ora di farla finita?


      E aggiungo di essere fiero di lavorare come
      sysadmin Linux/FreeBSD. Costo di più? Certo,
      perché so quello che
      faccio.ci puoi dire quanto costi?
    • m.aicardi scrive:
      Re: Ma non sarebbe ora di farla finita?
      - Scritto da: madel28
      Microsoft, te ne puoi stare zitta un paio di
      mesi? Ci fai questo maledetto
      favore?Quoto in pieno.
      Ogni giorno veniamo bombardati dalle solite
      stucchevoli stupidaggini: oggi M$ dice che i suoi
      software costano
      meno.
      Ieri diceva che avrebbe denunciato tutti quelli
      che usano Linux e/o
      OpenOffice.
      L'altro ieri diceva che Vista è il più sicuro di
      tutti i
      Windows....che fra l'altro sono una pila di sciocchezza...
      Io sto passando da una cortese antipatia per
      Microsoft ad un odio radicale, ma del mio non ci
      sto mettendo nulla, fanno tutto loro. Giorno dopo
      giorno.Quoto in pieno.
      E aggiungo di essere fiero di lavorare come
      sysadmin Linux/FreeBSD. Costo di più? Certo,
      perché so quello che
      faccio.Io ho usato Microzozz da Win3.0 fino a WinXP, e da due anni per i problemi che ho avuto essenzialmente con il loro Supporto Tecnico ho abbandonato Winzozz a favore di Linux; con fatica ma con grande soddisfazione.Apprezzerei che la "concorrenza" fra M$ e Linux fosse leale da parte di M$: battetevi sulla sicurezza VERA, sulla affidabilità VERA, non su quello che dicono aziende prezzolate profumatamente per cercar di dimostrare qualcosa.Per quanto riguarda la soddisfazione degli utenti inglesi, non esito a credere che siano più "soddisfatti" ad usare M$Office, perchè è da tener presente che fino al loro ingresso in scuole che usano opensource i ragazzi hanno sempre e solo usato M$Office, e quindi usare OpenOffice costa loro fatica, e sono meno "soddisfatti".Sarebbe come chiedere ad un inglese (che guida a sinistra da 20 anni) come si trova a guidare in Italia (con la guida a destra) dopo 3 giorni che è arrivato da noi. E' *evidente* che non può essere soddisfatto... Si chiama ABITUDINE!Ciao.Marco
    • booweer scrive:
      Re: Ma non sarebbe ora di farla finita?
      - Scritto da: madel28
      Microsoft, te ne puoi stare zitta un paio di
      mesi? Ci fai questo maledetto
      favore?

      Non ne possiamo proprio più!non è colpa di M$ se PI pubblica sempre articoli su redmond e tu puntualmente li leggi fino all'ultima virgola...sai che ti dico? non ne posso più di gente ridicola e perbenista che passa tutto il giorno a dire "non ne possiamo più di... questo e... di quello"questo è imho l'atteggiamento di chi nella vita si rode per non aver plasmato gli altri come avrebbe voluto, atteggiamento di intolleranza e miserabile sconfitta
    • madel28 scrive:
      Re: Ma non sarebbe ora di farla finita?
      - Scritto da booweer
      non è colpa di M$ se PI pubblica sempre articoli
      su redmond e tu puntualmente li leggi fino all'ultima
      virgola...
      sai che ti dico? non ne posso più di gente ridicola e
      perbenista che passa tutto il giorno a dire "non ne
      possiamo più di... questo e... di quello"
      questo è imho l'atteggiamento di chi nella vita si
      rode per non aver plasmato gli altri come avrebbe
      voluto, atteggiamento di intolleranza e miserabile
      sconfittaGentile giovanotto,non è certo colpa mia se M$ crea ogni santo giorno l'occasione a PI di scrivere articoli sulla tua beneamata Redmond.Sai che ti dico? Probabilmente il tuo tono è un po' sopra le righe perché sei passato da una sensata seppur non condivisibile discussione sul merito ad un elargire giudizi sommari (non richiesti) e commenti poco civili su persone che nemmeno conosci. Difficilmente le persone potranno accettare le idee di cui sei latore se cerchi di offendere la loro intelligenza.Detto questo aggiungiamo che non è mia intenzione costringere nessuno alle mie idee. Io le mie idee le sto difendendo: non vado in giro a minacciare denunce contro chi non usa il free software o ne fa qualsivoglia imitazione. Per di più non provo alcun dispiacere né "mi rode" se le mie idee non sono accettate e non ho certo bisogno di lezioni di tolleranza, almeno non con quel tono.Cordialmente.Marco
    • Roberto scrive:
      Re: Ma non sarebbe ora di farla finita?
      - Scritto da: madel28
      Microsoft, te ne puoi stare zitta un paio di
      mesi? Ci fai questo maledetto
      favore?Non lo fará mai perché questa é pubblicitá, e adirittura gratis.Infatti con notizie simili fa parlare di se nel bene e nel male.Mi ricorda qualcosa come..... ah si: parla o sparla di me, ma fallo.Microsoft? Windows? ah si ne ho sentito parlare.Ecoo questa é la tattica.
  • jfk scrive:
    E' vero, anche se....
    E' vero che amministrare linux costa di piu', infatti i tecnici costano mediamente di piu' rispetto a quelli di windows. E' anche vero pero' che Spessissimo i "tecnici" microsoft che amministrano queste realta' sono smanettoni che si vantano di questo e quello, senza averne realmente le capacita'. Il fatto poi che oramai microsoft le sue certificazioni le dia anche ad i cani (senza offesa per queste povere bestie), aumenta la concorrenza e quindi per la domanda della domanda ed offerta...Questa naturalmente e' vero nell'immediato e da questo discorso viene completamente escluso openoffice, anche perche' debbo ancora vedere una realta' italiana che utilizza tutte, ma dico TUTTE le funzionalita' messe a disposizione da office. Quali posso essere in una scuola queste fantomatiche funzioni che rendono piu' produttivo uno studente rispetto ad openoffice?forse il fatto che Microsoft con queste dichiarazioni ISTIGA A DELINQUERE gli studenti, invogliandoli a copiare office?Quale studente e' pronto a spendere mediamente 294 euro per office, per poter scrivere le sue lettere o tesi, quando puo' farlo con openoffice, non spendendo nemmeno un centesimo?Per quanto riguardo l'os, invece, superato il periodo dei 5 anni, invece il tco sale spaventosamente per microsoft, perche', intanto dismettono la versione del sistema operativo, non rilasciano piu' aggiornamenti di sicurezza, e ti costringono ad acquistae un novo os con relativa macchina, perche' il pentium 4 da 3ghz con 1 gb di ram, non ti funzionera' piu' con windows super mega galattico edizione professional, ma servcira' una macchina quad core, con 4 gb di ram, un hdd da 500 gb con 400 liberi solo per l'os e via dicendo, mentre con un buon server, carrozzato come si deve, utilizzando ltsp, continui ad utilizzare anche i vecchi pentium II con 512 mb di ram.
    • Nome e cognome scrive:
      Re: E' vero, anche se....
      - Scritto da: jfk
      Quale studente e' pronto a spendere mediamente
      294 euro per office, per poter scrivere le sue
      lettere o tesi, quando puo' farlo con openoffice,
      non spendendo nemmeno un centesimo?Perché deve spendere 294 euro quando l'edizione "Microsoft Office Home and Student 2007" costa 139 euro?
    • m.aicardi scrive:
      Re: E' vero, anche se....
      - Scritto da: jfk
      ma servcira' una macchina quad core, con 4 gb di
      ram, un hdd da 500 gb con 400 liberi solo per
      l'os e via dicendo, mentre con un buon server,
      carrozzato come si deve, utilizzando ltsp,
      continui ad utilizzare anche i vecchi pentium II
      con 512 mb di ram.Già, perchè tu parli di server Linux, quindi non abbisognano di mezzo giga di RAM solo che per far partire l'interfaccia grafica, e tanto meno di 1GB di disco in più solo per la GUI... Parli di fantascienza, per l'amministratore di un server Windows, che non ha proprio idea di come sia possibile un server che non abbia l'intefaccia grafica, di un computer che sia in internet senza che ci sia il cursore del mouse sul monitor :-)Sempre sia lodato Webmin (per i newbie, Webmin è un programma di configurazione di desktop/server Linux che tramite una comodissima pagina web ti fa configurare e modificare tutte le impostazioni di un server graficamente, da qualunque parte del mondo).Marco
    • Sgabbio scrive:
      Re: E' vero, anche se....
      per nome e cognome.Guarda che 139 euro per la licenza studente è sempre TROPPO come prezzo
    • Giuseppe Rossi scrive:
      Re: E' vero, anche se....
      Dato che ho visto come vengono fatte le certificazioni Microsoft, dato che ho più di una e ho visto un bel pò di gente ripere l'esame (io non ne ho avuto bisogno, sempre promosso :-) ), mi permetto di dissentire...Se non studi vieni buttato fuori senza complimenti.Studia prima di dare del "cane o porco" agli altri e portaci qui un pò di certificazioni da vedere così siamo sicuri che quello che dici viene detto da un genio dell'informatica.Sarai sicuramente SUPERCERTIFICATO
  • Anonimo scrive:
    Studio indipendente
    Dopo alcune polemiche in merito al Centro di Ricerca targato Microsoft, istituito a Povo con il supporto della Provincia Autonoma di Trento e del Ministero dell'Università e della Ricerca, L'Associazione per il Software Libero produce e pubblica un rapporto chiarificatore sullo stato di questo progetto, operativo dal 2005. http://softwarelibero.it/delucidazioni-sul-trasferimento-di-fondi/
  • Luca Astolfi scrive:
    mica stupidi
    chiamali scemi.
  • euroinformatica scrive:
    openoffice+formazione=microsoft office
    La Microsoft ha sempre la faccia tosta di vedere la bottiglia piena dal suo lato. E si vantano del fatto che hanno "lasciato" dupplicare i suoi sistemi incluso Office durante anni e adesso si ritrovano che gli insegnanti e gli alunni, che nei computer di casa hanno office, non sanno usare altro.Ma se al costo del OpenOffice (0) aggiungiamo il costo della formazione (?) facendono conoscere il prodotto; allora avremmo raggiunto il costo delle licenze Microsoft e guadagnato in preparazione per il futuro dei nostri alunni e insegnanti.Luis Jimenez.
  • Tommaso scrive:
    Solita faziosità
    Nell'articolo si dice che lo studio è stato commissionato da un partner di Microsoft. Io non ho trovato niente che provi questa affermazione, cioè che la società sia partner. Magari mi è sfuggito.Inoltre si dice che lo studio afferma che in UK ci siano poche scuole che utilizzano open source. In realtà dice che di 115 scuole con open source 23 erano "significative" e nessuna ha voluto collaborare. Una cosa un po' diversa.
    • tosky scrive:
      Re: Solita faziosità
      L'articolo non lo posso leggere ora, ma per una domanda la risposta sembra abbastanza a portata di mano.
      Nell'articolo si dice che lo studio è stato
      commissionato da un partner di Microsoft. Io non
      ho trovato niente che provi questa affermazione,
      cioè che la società sia partner. Magari mi è
      sfuggito.http://www.wipro.com/aboutus/alliances.htm
    • fulmine scrive:
      Re: Solita faziosità
      - Scritto da: Tommaso
      Nell'articolo si dice che lo studio è stato
      commissionato da un partner di Microsoft. Io non
      ho trovato niente che provi questa affermazione,
      cioè che la società sia partner. Magari mi è
      sfuggito.Se vai sul sito della Microsoft riportato nell'articolo (http://www.microsoft.com/downloads/details.aspx?FamilyId=A99AADB1-696D-4E09-BB0D-E62CB92522AA&displaylang=en), trovi questo sotto "Additional Informations": Microsoft, who commissioned the study , released the results today. L'oste dice che il vino è buonissimo ;) !
    • Lemon scrive:
      Re: Solita faziosità
      Per fulmine,l'oste dice che il vino è buono...Hai ragione, ma cosa dovrebbe fare MS? non può fare gli studi da sola e non può commissionarli...allora aspettiamo l'ente no-global che fa un altro studio contro MS e fidiamoci di quello...Secondo me è abbastanza naturale che "ognuno porti l'acqua al proprio mulino" e quindi fidarsi non è mai consigliato in questi casi. Però se provo a pensare in base alle mie esperienze non difficile credere che lo studio sia abbastanza attendibile in certe parti, soprattutto quando dice che gli utenti preferiscono usare office ad altri prodotti. Poi bisogna capire anche il perchè e magari, chi di dovere, dovrebbere anche prendere delle decisioni in merito, ad esempio "Ho capito che office vi piace di più ma openoffice non ci costa niente, usatelo e zitti"
    • fulmine scrive:
      Re: Solita faziosità
      Lemon, questi "studi" commissionati hanno un effetto controproducente su Microsoft.Prima di tutto si capisce che Microsoft si sente minacciata. Questo significa che effettivamente c'è qualcosa che la impensierisce, un prodotto competitivo esiste.Secondariamente questi studi sono sempre condotti in maniera da poter dimostrare quel che il commissionante vuole farsi sentire dire. Come il famoso test IIS contro Apache, condotto in una situazione talmente astrusa da non poter neppure essere considerata nel mondo reale. Chi si prende la briga di esaminare le condizioni del test le può quindi facilmente evitare in modo da avere una situazione nella quale l'alternativa open e gratis conviene ;)Terzo e ultimo punto, questi studi li trovo ... come dire ... penosi ? Una ditta che per rafforzare la sua credibilità mette le sue parole in bocca ad altri mi da l'impressione di insicurezza e di smarrimento.Per quel che mi concerne, il modo migliore per valutare un prodotto è provarlo sulla propria pelle. Se questo non è possibile, l'opinione di colleghi, conoscenti o amici vale sempre molto di più di mega studi, roboanti pubblicità o depliants ultracolorati ;)
    • Lemon scrive:
      Re: Solita faziosità
      X FulmineIo non credo che questi studi siano controproducenti per MS.Secondo me è un pò come per il famoso e discusso "Codice da Vinci", il romanzo e poi film di cui si è tatnto letto e parlato. Si scatenano le guerre tra cristiani e anti-cristiani per poi, di fatto, rimanere tutti nella propria fazione, solo un gruppo di indecisi cambierà bandiera ma è quel genere di persone che è meglio perdere che trovare, al primo inghippo ricambiano idea....La stessa cosa per questi studi: innanzi tutto io in parte ci credo per un motivo molto semplice, loro li fanno fare per vedere come va il mercato, se poi sono a loro favore li rendono pubblici altrimenti li "insabbiano". Non sarebbe la prima e l'ultima compagnia che agisce in questo modo. Poi credo che sia da irresponsabili fare delle scelte solo perchè, come dici tu, MS fa "mega studi, roboanti pubblicità o depliants ultracolorati". Certo, sono elementi che potrebbero influenzare qualcuno, ma chi ha le idee abbastanza chiare non si fa prendere in giro secondo me.In sostanza non trovo queste attività così pietose, nè più nè meno dei Linuxday, delle convention delle FSF e tante altre cose che si vedono in questo settore (non è solo MS che fa studi e raduni e marketing).Secondo me tu hai un senso di fastidio perchè non provi simpatia per MS, è lecito, non dico di no, però a mio avviso non ne vedo il motivo.Certo, MS si sente minacciata, inizia a sentire la pressione del pinguino, spara proclami e pubblicità.... ma qual'è il problema? e' un'azienda, è normale che lo faccia. Hai paura che qualcuno che voleva usare openoffice cambi idea? io non credo.Giusto per concludere vorrei rendere pubblico il mio orientamento: consiglio Office alle aziende che hanno bisogno di inviare e ricevere documenti in quei formati o che utilizzano alcune di quelle funzioni che su altre suite non sono presenti o sono ostiche da utilizzare. Propongo OpenOffice a quelle realtà dove c'è poco scambio di docuementi con l'esterno, non c'è bisogno di costruire macro o script personalizzati, l'utilizzo è relativamente limitato. A chi consiglio Office faccio presente che 400 euro a licenza per un software che utilizzeranno dai 5 ai 10 anni è un investimento esiguo, se pensi che una scarpa anti-infortunio costa 40-50 euro e ne devi dare un paio l'anno... siamo là come investimenti. I software sono strumenti, se li usi (e li sai usare) forse vale la pena di comprarli/scaricarli, altrimenti è meglio lasciar stare.
    • fulmine scrive:
      Re: Solita faziosità

      Poi credo che sia da irresponsabili fare delle scelte
      solo perchè, come dici tu, MS fa "mega studi, roboanti
      pubblicità o depliants ultracolorati". Certo, sono
      elementi che potrebbero influenzare qualcuno, ma chi ha
      le idee abbastanza chiare non si fa prendere in giro
      secondo me.Forse in un mondo perfetto :)Purtroppo c'è gente che, incaricata di "prendere decisioni", si lascia abbindolare dal reparto marketing.Ho visto una piccola dittarella sull'orlo dell'acquisto di un AS400 (Quando un Pentium da 133Mhz avrebbe svolto il medesimo compito) e ultimamente ho visto decine di migliaia di Euro andati in fumo in licenze "Sharepoint" quando un piccolo wiki e poco più avrebbe svolto il medesimo lavoro.
      Certo, MS si sente minacciata, inizia a sentire la
      pressione del pinguino, spara proclami e pubblicità....
      ma qual'è il problema? Fino a quando uno mette in mostra la propria mercanzia non mi da nessun fastidio. Il fastidio nasce quando si denigra la concorrenza (FUD) perché non in grado di migliorare la propria offerta. Abbassando gli altri, automaticamente io mi alzo, senza sforzo alcuno :)
      Hai paura che qualcuno che voleva usare openoffice cambi
      idea? io non credo.Sottovaluti la potenza della Lobby-Microsoft. Ultimamente molte istituzioni americane sono tornate sui loro passi dopo aver annunciato la volontà di abbracciare OOo. Il tutto, stranamente, dopo l'intervento di un plotone di uomini Microsoft.Purtroppo non conta solo avere un buon prodotto, conta tantissimo saperlo vendere. Ho notato che i prodotti alternativi a Microsoft fanno presa là dove chi decide è più informato: Sys-Amministratori, sviluppatori, ... Quando invece chi decide è un "business-man", allora per mancanza di informazione si finisce quasi sempre su quello che già si conosce.
  • Sgabbio scrive:
    ma.... palesemente falso
    Open office, salva e gestisce i file delle verie versioni di Office, cosa che alla stessa microsoft, volutamente non hanno mai fatto per costringerti ad un upgrape forzato (non sapete che solievo poter leggere alcuni vecchi scritti in un solo software :D), per non parlare del supporto di altri file di vecchie applicazioni ormai "defunte" ma questa è un'altra storia.Il costo.... office è distributio in un numero folto di edizioni, open office ne ha solo una a costo Zero Open document, supportato da altri software, che ti permette di poter leggere i documenti fatti con altre aplicazioni. Multi piattaforma. Non sei obbligato ad avere per forza di cose Windows per usare Open office.Esporta in PDF, cosa che Office non faNon gira solo sulle versioni più recenti di windows.Altro non mi viene in mente ora..... :D
    • Lemon scrive:
      Re: ma.... palesemente falso
      - Scritto da: Sgabbio
      Open office, salva e gestisce i file delle verie
      versioni di Office, cosa che alla stessa
      microsoft, volutamente non hanno mai fatto per
      costringerti ad un upgrape forzato (non sapete
      che solievo poter leggere alcuni vecchi scritti
      in un solo software :D), per non parlare del
      supporto di altri file di vecchie applicazioni
      ormai "defunte" ma questa è un'altra
      storia.Falsissimo, l'attuale office 2007 apre tranquillamente i documenti office 97 e viceversa, mi dispiace deluderti, in azienda li usiamo. In certi casi, è ovvio, se apro un database access 2000 in 2007 chiede la conversione e non si può tornare indietro, ma se non la fai è tutto ok

      Il costo.... office è distributio in un numero
      folto di edizioni, open office ne ha solo una a
      costo Zero

      Hai ragione, il costo è il punto nero di Office, porca miseria ma credo che Microsoft stia tirando la corda proprio al limite. Secondo me se usato nella sua interezza potrebbe anche valerli i suoi 400 euro circa, ma molti utenti usano solo funzioni base e i soldi iniziano ad essere un pò tantini anche se distribuiti magari in 5 anni di utilizzo
      Open document, supportato da altri software, che
      ti permette di poter leggere i documenti fatti
      con altre aplicazioni.
      Si, ma mi sembra un pò una consolazione...

      Multi piattaforma. Non sei obbligato ad avere per
      forza di cose Windows per usare Open
      office.
      Office gira su Windows e Mac, se linux avesse un pò più di standardizzazione vedrai che fanno anche quella versione
      Esporta in PDF, cosa che Office non fa
      L'ultimo Office 2007 si
      Non gira solo sulle versioni più recenti di
      windows.Office 2007 gira da Xp in poi, è vero, però si tratta di sistemi già di qualche anno e si può sempre fare il downgrade di versione

      Altro non mi viene in mente ora..... :DBhe, ti dico io che openoffice per certe cose non è ancora all'altezza.A parte che non è vero che riesce ad aprire i documenti di office se non i più semplici, giusto per farti un esempio, al comune del mio paese vorrebbero passare ad OpenOffice (o staroffice) ma la stampa unione, funzione utilizatissima, non funziona su i pacchetti citati.Io sinceramente spero che openoffice aumenti la sua qualità generale e che invece MS abbassi un pò (un bel pò) i prezzi. Però ho anche una piccola paura: se openoffice si affermasse.... chi mi dice che vinta la sfida contro Office venga mantenuto aggiornato e supportato? molti programmatori "volontari" sono spinti solo dall'odio verso MS, finita MS cosa li spingerà a fare di meglio?Ho visto già diversi progetti che una volta diffusi sono diventati pseudo-commerciali (si, sono rimasti i sorgenti ma non siamo mica tutti programmatori...), vedi Snort o Nessus...
    • Sgabbio scrive:
      Re: ma.... palesemente falso
      Se vogliamo essere precisi, la microsoft a decisto di supportare anche i file generati con il vecchie versioni già con la Office 2003, ma ci sono arrivati molto dopo, quando Open Office, questa cosa lo faceva da tempo immemorabile. Open Document non è una consoloazione... ma uno STANDARD, che merita di essere usato.Office non verra mai portato su Linux, non per la storiala che hai detto tu, perchè microsoft vede come un nemico mortale, Linux, se no tutti quei Fud e accordi mafiosi, mica li faceva cosi per sport.... Però anche Office per Mac a il suo bel costicino....Office è arrivato DOPO per i PDF, OO lo faceva da tempo prima.La microsoft già da office 2003, non supportava win 98 ad esempio, su Open office invece gira ancora li.Le difficolta di cuoi parli sono dovute per il fatto, che non è facile supportare un formato dove gli unici che hanno la documentazione, sono quelli che gli hanno sviluppati. Ma il supporto di questi formati e sempre migliorato.Open office e in continuo miglioramento. aspetto fiduciso la versione 2.3 per vedere cosa hanno combinato. Poi ti ricordo che Open Office è un software aperto, se loro smettono di svilupparlo o chiudono i sorgenti (dubito che la seconda cosa possa accadere) Nascerebbe un Fork, un pò come è successo per i DVIX per esempio.Il vero problema di Open office è che tale progetto soffre un pò di tirannia da parte di Sun, che invece di essere un sostenitore del progetto, si comporta come se fosse una sua propietà (basta vedere che a pure messo il suo marchio) influenzando alcune scelte. Se no, su OSX, OO avrebbe già avuto il supporto nativo di aqua da parecchio tempo.
  • Wakko Warner scrive:
    Giusto
    [img]http://www.lamarmottacheconfezionavalacioccolata.it/marmotta.gif[/img]La Marmotta conferma.
  • porcacchia scrive:
    ma che dovrebbero dire?
    Vendono Licenze.E' dai tempi di Get the facts che si sente questa storia:Costa di meno, amministrare linux costa di piu'.La domanda che ho sempre voluto fare alla Microsoft e': Ma perche' windows 2003 si amministra da solo? tra amministrare da solo (a mo di AI) e il nuovo server MICROSOFT ci sono quattro lettere in piu e 6997 numeri in meno. Punto. loro fanno marketing poi sta a chi ha il portafoglio capire che cosa gli conviene. La matematica non e' un opinione300 licenze x toteuro= 300*toteuro300 licenze x 0 = 0 euronon e' che ci vuole una medaglia fields per capirlo.Non so mi pare una somma tanto semplice.Openoffice e' gratuito e' funziona benssimo aggiungendo che esporta anche in pdf.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 giugno 2007 00.32-----------------------------------------------------------
  • pane@rita scrive:
    sarà...
    Intanto a scuola di mia madre hanno risparmiato 3000 passando da office a openoffice...e le spese di assistenza sono le medesime, del resto non si capisce per quale motivo amministrare office debba costare meno...
Chiudi i commenti