Un Tubo in tre dimensioni

YouTube, Nvidia e Firefox uniscono le forze per portare sul web i video stereoscopici. Se le videocamere 3D si diffonderanno aumenterà anche la quantità di contributi speciali

Roma – La mania del 3D ripartita dalle sale cinematografiche sta lentamente contagiando tutti gli altri settori dell’intrattenimento. Televisori, tablet , videocamere, console portatili e schede grafiche per PC si stanno muovendo per andare incontro alla stereoscopia. Anche i browser web e i servizi che propongono filmati in streaming dovranno adeguarsi alla nuova video-tendenza.

Nvidia, Mozilla e Google hanno appena scelto di unire le forze per portare la magia del “nuovo” 3D anche su YouTube . Il sito di condivisione video supporta da tempo la tecnologia, in via sperimentale, ma aggiusterà ulteriormente il tiro con la complicità di Firefox 4 e Nvidia.

Il browser del Panda Rosso si sta specializzando sul modaiolo web 3D molto più dei rivali, utilizzando le speciali caratteristiche degli standard HTML5 e WebM. Le GPU basate su tecnologia 3D Vision di Nvidia sono invece programmate per il rendering e la visualizzazione di due immagini separate, una per l’occhio sinistro e una per l’occhio destro.

Come noto, il sistema proposto da Nvidia funziona anche con monitor CRT analogici, che lavorano con frequenze di aggiornamento di almeno 100 Hz, ma necessita dell’utilizzo di appositi occhiali LCD attivi che si occuperanno di inviare a ciascun occhio l’immagine giusta, per ricreare l’effetto speciale.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ivan scrive:
    rimborsi agli operatori concorrenti
    ok al rimborso ai concorrenti, ma il rimborso a noi utenti che quando chiamiamo da un fisso un cliente tre ci succhiano direttamente il sangue? ovviamente di rimborso all'utente non se ne parla giusto??
  • pippo scrive:
    Operatori di rete e MVNO
    Gli operatori di rete utilizzeranno la loro copertura per vendere servizi ai MVNO che garantiranno la copertura del servizio in tutta Unione Europea con accordi con i vari operatori di rete.E' da vedere se ci dovrà essere separazione effettiva tra i due oppure se si può essere MVNO internazionale e operatore di rete localeLe licenze di operatore di rete potrebbero quindi diventare regionali e non più nazionali ma l'importante è che per ogni ambito ci siano almeno 3 operatori di rete e comunque almeno un operatore per non avere zone scoperteora abbiamo in teoria 4 operatori di rete in Italia gsm/edge/umts cosa succederà con le nuove assegnazioni di frequenze ?Come fare per coprire le zone scoperte ed evitare che tutti gli operatori di rete si posizionano negli stessi posti?
  • mah scrive:
    LA FINE DI
    Finalmente terminerà lo sfruttamento dei gestori per autoricaricarsi.Tre è andata avanti per anni sfruttando i costi di terminazione e dividendo gli utili con i clienti.Tutto bello? No, il punto fondamentale è che in questi anni Tre (e Vodafone) hanno fatto ben poco per ampliare la copertura nel Paese.Tim sta testando da tempo LTE, ha una copertura minima in EDGE e buona parte del territorio in 3G.Wind sta progressivamente ampliando la copertura anche in EDGE, ma resta scarsa in 3G.Vodafone fa da quasi fanalino di coda per investimenti. Incredibile come tolti i centri urbani dove va in 3G (come gli altri gestori), a differenza degli altri è ferma al GPRS in tutto il resto del Paese.Tre fa ancora peggio, non riuscendo a coprire più di mezza Italia.
    • MarcoW scrive:
      Re: LA FINE DI
      - Scritto da: mah
      Finalmente terminerà lo sfruttamento dei gestori
      per
      autoricaricarsi.

      Tre è andata avanti per anni sfruttando i costi
      di terminazione e dividendo gli utili con i
      clienti.
      Tutto bello? No, il punto fondamentale è che in
      questi anni Tre (e Vodafone) hanno fatto ben poco
      per ampliare la copertura nel
      Paese.

      Tim sta testando da tempo LTE, ha una copertura
      minima in EDGE e buona parte del territorio in
      3G.

      Wind sta progressivamente ampliando la copertura
      anche in EDGE, ma resta scarsa in
      3G.

      Vodafone fa da quasi fanalino di coda per
      investimenti. Incredibile come tolti i centri
      urbani dove va in 3G (come gli altri gestori), a
      differenza degli altri è ferma al GPRS in tutto
      il resto del
      Paese.

      Tre fa ancora peggio, non riuscendo a coprire più
      di mezza
      Italia.Guarda che anche Vodafone sta' testando da tempo la tecnologia LTE ed entro il 2012 già saranno operative 200 antenne LTE di sua proprietà. Per quanto riguarda HSDPA/UMTS ci sta' lavorando coprendo paesi dove non esiste nemmeno un minimo di copertura 3G (basti guardare qui: http://1000comuni.vodafone.it/aree_coperte ), col cavolo TIM se ne occupa, anzi, ruba più che può con il famigerato canone TELECOM e il canone di unbundling! ;)
  • Lucadiver scrive:
    la 3
    chiedere alla 3 di essere trasparente nelle tariffe è chiedere la luna, hanno sempre un modo per aggirare il cliente malcapitato
    • Guybrush scrive:
      Re: la 3
      - Scritto da: Lucadiver
      chiedere alla 3 di essere trasparente nelle
      tariffe è chiedere la luna, hanno sempre un modo
      per aggirare il cliente
      malcapitatopero' se hai copertura di segnale (considera quel se in corpo 72) non è male, sia come costo che come servizi di rete.GT
Chiudi i commenti