Una patch Microsoft per rendere legale Office

I brevetti Excel di Carlos Armando Amado hanno obbligato l'azienda di Redmond a rendere disponibili patch che ristabiliscono la legalità della suite Office. I dettagli


Roma – Carlos Armando Amado era salito agli onori della cronaca lo scorso giugno per aver vinto la causa contro Microsoft riguardante una serie di brevetti di Excel. Ora, secondo quanto riportato inizialmente da cnet , le conseguenze di quella sentenza coinvolgeranno anche gli utenti Office . Per ora non vi è alcuna conferma ufficiale, e Microsoft non ha rilasciato alcun comunicato al riguardo.

Il gigante di Redmond, condannato ad un indennizzo di 8,9 milioni di dollari, sarebbe stato costretto a riscrivere porzioni del codice di Microsoft Office Professional Edition 2003, Microsoft Office Access 2003, Microsoft Office XP Professional e Microsoft Access 2002. Il “codice Amado” – che non ha nulla a che spartire con la produzione letteraria di Dan Brown – rappresenterebbe un elemento chiave per la relazione fra i documenti Excel e Access. Lunedì scorso Microsoft avrebbe dunque spedito ai suoi clienti business con “Volume license” una mail che invita ad aggiornare il pacchetto Office – con una patch o direttamente con il Service Pack 2 – nel rispetto delle indicazioni contenute nella sentenza.

“La Corte (di Orange County) ha sentenziato che alcune porzioni del codice presenti nei prodotti Microsoft Office Professional Edition 2003, Microsoft Office Access 2003, Microsoft Office XP Professional and Microsoft Access 2002 violano un brevetto di proprietà di terzi. Per questo motivo Microsoft è costretta a rendere disponibile un versione corretta di questi prodotti con i presunti codici trasgressori cambiati”, si legge nella mail Microsoft, non pubblicata sul sito ufficiale ma citata da alcuni forum .

I clienti corporate che dispongono di Office Professional 2003 e Access 2003 dovranno installare il Service Pack 2 , quelli dotati di Office XP Professional e Access 2002, invece, dovranno istallare la patch specifica.

“Comprendiamo che questo creerà qualche inconveniente in una piccola percentuale dei nostri clienti, ma ci impegniamo a collaborare con loro per risolvere la questione nel migliore dei modi”, ha dichiarato a cnet Sunny Jensen Charlebois, senior product manager Microsoft.

Entro la fine di febbraio tutti i consumatori saranno avvertiti . Secondo Michael Silver, analista di Gartner , sarà difficile prevedere il costo per i clienti di questa operazione di aggiornamento. “Le aziende che vorranno controllare il funzionamento delle macro di Excel con i database, dopo aver patchato le applicazioni, dovranno spendere qualche mese di lavoro. L’altra opzione è di aggiornare la piattaforma e sperare bene, ma non credo che una componente applicativa così importante potrà essere trattata con così tanta leggerezza”, ha dichiarato Silver.

Inoltre, la responsabilità legale per il mancato aggiornamento sarà totalmente a carico di Microsoft, che sarebbe pronta ad indennizzare i clienti in caso di contestazioni o denunce. Silver, però, ha voluto sottolineare che nella licenza Microsoft i clienti sono invitati ad aggiornare “immediatamente” le applicazioni con nuove versioni, senza che questo “immediatamente” sia specificato con precisione.

Dario d’Elia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • uguccione500 scrive:
    Re: FALLIMENTO GALATTICO
    Beh, noi utilizziamo sever e router con installati kernel linux...che vuol dire? che siamo solo noi qui in ditta sulla faccia della Terra??? Va a comprarti xp per far girare il router, va...
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma la GPL da noi vale veramente?
    - Scritto da: Anlan
    No ... il biglietto timbrato indica solo l'inizio
    della fruizione del servizio.Googlando ho trovato questo:----------------------------------------------I biglietti sono dei documenti di legittimazione:2002. Documenti di legittimazione e titoli impropri.Le norme di questo titolo non si applicano ai documenti che servono soload identificare l'avente diritto alla prestazione, o a consentire iltrasferimento del diritto senza l'osservanza delle forme proprie dellacessione. ----------------------------------------
  • Anlan scrive:
    Re: Ma la GPL da noi vale veramente?
    No ... il biglietto timbrato indica solo l'inizio della fruizione del servizio. Questo al fine di evitare che lo stesso biglietto venga utilizzato più volte.Il perfezionamento del contratto avviene al momento del pagamento del corrispettivo contestualmente al rilascio del titolo di viaggio. Poi, con comodo, quando lo vuoi, hai diritto a fruire di quel viaggio (o del tram) per il tempo o per la tratta acquistata. La timbratura impedisce di fruire una seconda volta del medesimo biglietto.
  • Anonimo scrive:
    Re: fanno a gara per far confusione!
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo

    Stando così le cose, Linus ha perfettamente

    ragione.

    Ripeto, se a Barbapuzzone non sta bene questa

    cosa, perché non si scrive il suo sistema

    operativo?

    Cosi la smette di scassare le balle al mondo con

    le sue visioni da figlio dei fiori e dimostra di

    saper fare qualcos'altro che non spararsi dei

    cannoni.

    Guarda che qui l'ignorante sembri essere tu.
    Stallman ha scritto fior fiori di programmi,
    altro che spararsi cannoni.Si, li scrive tra una pippata e l'altra. Per usare Emacs, ad esempio, quanti funghi allucinogeni devi mangiarti prima?
  • Anonimo scrive:
    Re: fanno a gara per far confusione!
    - Scritto da: Anonimo
    Stando così le cose, Linus ha perfettamente
    ragione.
    Ripeto, se a Barbapuzzone non sta bene questa
    cosa, perché non si scrive il suo sistema
    operativo?
    Cosi la smette di scassare le balle al mondo con
    le sue visioni da figlio dei fiori e dimostra di
    saper fare qualcos'altro che non spararsi dei
    cannoni.Guarda che qui l'ignorante sembri essere tu.Stallman ha scritto fior fiori di programmi, altro che spararsi cannoni.
  • Anonimo scrive:
    Re: fanno a gara per far confusione!
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    - Scritto da: Anonimo


    prima Linus che non vuole migliorare la GPL,

    guarda che linus non vuole peggiorarla, la gpl3
    è

    peggiore della gpl2: non garantisce che il

    software derivato resti libero.

    (linux)


    Non scriviamo minchiate per favore!

    Il problema della GPL3 è che non accetta DRM e
    qualsiasi tipo di codice estraneo in programmi
    liberi.
    E che è ancora più virale e conservativa della
    GPL2.

    Stando alla GPL3 forse non è distribuibile come
    GPL3 neppure il driver di una scheda WiFi che
    supporta il caricamento di un firmware closed
    source dentro alla sua memoria per controllare la
    sua CPU.

    Stando così le cose, Linus ha perfettamente ragione.Ripeto, se a Barbapuzzone non sta bene questa cosa, perché non si scrive il suo sistema operativo?Cosi la smette di scassare le balle al mondo con le sue visioni da figlio dei fiori e dimostra di saper fare qualcos'altro che non spararsi dei cannoni.
  • Anonimo scrive:
    GPLv3 o GPLv2
    Non sono un esperto e vorrei chiedervi per quale motivo molti di voi stanno dalla parte del pensiero di Linus considerando la GPLv2 (Open Source, ovvero codice aperto) migliore della GPLv3 (Free Software sostenuta da Stallman e plausibilmente dalla Sun). Per la maggior parte di noi utenti che non vogliamo la tecnologia DRM tra i cog**oni non sarebbe meglio avere la GPLv3 negli OS Linux anzichè la GPLv2 che a quanto ho capito implementerebbe su Linux i DRM e compagnia bella?By Giù
    • Anonimo scrive:
      Re: GPLv3 o GPLv2
      - Scritto da: Anonimo
      Non sono un esperto e vorrei chiedervi per quale
      motivo molti di voi stanno dalla parte del
      pensiero di Linus considerando la GPLv2 (Open
      Source, ovvero codice aperto) migliore della
      GPLv3 (Free Software sostenuta da Stallman e
      plausibilmente dalla Sun). Per la maggior parte
      di noi utenti che non vogliamo la tecnologia DRM
      tra i cog**oni non sarebbe meglio avere la GPLv3
      negli OS Linux anzichè la GPLv2 che a quanto ho
      capito implementerebbe su Linux i DRM e compagnia
      bella?

      By GiùLinus probabilmente pensa che sia meglio non precludere il mercato del DRM a Linux e che così facendo darebbe all'utente un male minore, cioè il solo DRM al servizio esclusivamente del detentore di diritti che vuole applicarlo, anziché un sistema DRM proprietario come vuole MS, che sottrarrebbe potere agli autori non certo per restituirlo ai fruitori, ma per accaparrarselo lei.
      • Anonimo scrive:
        Re: GPLv3 o GPLv2

        Linus probabilmente pensa che sia meglio non
        precludere il mercato del DRM a Linux e che così
        facendo darebbe all'utente un male minore, cioè
        il solo DRM al servizio esclusivamente del
        detentore di diritti che vuole applicarlo,
        anziché un sistema DRM proprietario come vuole
        MS, che sottrarrebbe potere agli autori non certo
        per restituirlo ai fruitori, ma per
        accaparrarselo lei.Se fosse così allora la vedrei una logica nel pensiero di Linus.by Giù
  • Anonimo scrive:
    Re: FALLIMENTO GALATTICO
    ssh ....ssh ...Non telnet .....linux rulezcomunque hai ragioneforse anche più dell'80%ho usato appliaces Intel Us Roboticsc-netcon LINUX anche CISCOmi risulta usi parecchi la GPLanche se nel Mondo EMBEDDEDha una altra valenza rispetto al desktopdi solito Quelli che implementano quasta roba sono dei GURU che hanno palle fumente sia lato HW che SWmy 2cent
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma la GPL da noi vale veramente?
    - Scritto da: Anlan
    Eppure l'acquirente è tenuto a
    rispettare tutte le condizioni ed i termini del
    servizio anche se non le ha sottoscritte ed
    espressamente accettate.Però il biglietto va timbrato, quella è bene o male un'adesione al servizio.
  • Anonimo scrive:
    Re: FALLIMENTO GALATTICO
    - Scritto da: Anonimo
    questo e' il massimo! dopo che sun ci ha
    asfissiato per hanni con java, si sperava
    lasciasse morire il suo os ormai sempre meno
    usato, cos fa???
    Applica ad un os fallilentare la licenza open
    source piu' fallimentare della storia!!!
    Vabbe' ke ora ha aperto anche l'arkitettura
    sparc, vabbe ke l'os era gia messo sotto licenza
    stile-gnu....ma così non e' piu' neanke una
    societa'....cosa fara' tra un po'? Solo piu' java
    ? E quando si dovra' creare un server con il
    drm...ovviamente solo piu'
    windows server....altro ke linux o solaris

    sun non ha idee e sta morendo...lentamenteSe pensi che java sia un fallimento vuol dire che ne conosci solo la schifida implementazione MS.Sun non sta affatto morendo: nonostante non si distingua per la potenza di calcolo, e non l'ha mai fatto, ha sempre avuto una solida reputazione per le prestazioni "reali" come server in tutte quelle applicazioni in cui un PC pompato anche con al più superveloce delle CPU si strozzerebbe.E ci sono esempi ancora più estremi fuori da Sun: i mainframe, che tutti danno per moribondi, pur perdendo campo come percentuale di macchine vendute ogni anno, sono da anni in crescita lenta ma costante, hanno avuto un leggero arresto tanti anni fa quando all'inizio del boom dell'informatica qualcuno pensò di poterli sostituire con macchine meno costose, poi ci si è resi conto che per certe applicazioni le caratteristiche esclusive dei mainframe erano insostituibili.
  • Anonimo scrive:
    Re: FALLIMENTO GALATTICO
    - Scritto da: Anonimo
    Ecco il tipico amministratore di sistemi windows.
    Dodicenne, brufoloso, dedito alle seghe (mentali
    e fisiche)."Amministratore" e "Sistemi" vanno scritti tra virgolette, quando parli di Windows.
  • Anonimo scrive:
    Re: FALLIMENTO GALATTICO
    - Scritto da: Anonimo
    questo e' il massimo! dopo che sun ci ha
    asfissiato per hanni con java, si sperava
    lasciasse morire il suo os ormai sempre meno
    usato, cos fa???
    Applica ad un os fallilentare la licenza open
    source piu' fallimentare della storia!!!
    Vabbe' ke ora ha aperto anche l'arkitettura
    sparc, vabbe ke l'os era gia messo sotto licenza
    stile-gnu....ma così non e' piu' neanke una
    societa'....cosa fara' tra un po'? Solo piu' java
    ? E quando si dovra' creare un server con il
    drm...ovviamente solo piu'
    windows server....altro ke linux o solaris

    sun non ha idee e sta morendo...lentamenteEcco il tipico amministratore di sistemi windows.Dodicenne, brufoloso, dedito alle seghe (mentali e fisiche).
  • Anonimo scrive:
    Re: FALLIMENTO GALATTICO
    - Scritto da: Anonimo
    questo e' il massimo! dopo che sun ci ha
    asfissiato per hanni con java, si sperava
    lasciasse morire il suo os ormai sempre meno
    usato, cos fa???
    Applica ad un os fallilentare la licenza open
    source piu' fallimentare della storia!!!
    Vabbe' ke ora ha aperto anche l'arkitettura
    sparc, vabbe ke l'os era gia messo sotto licenza
    stile-gnu....ma così non e' piu' neanke una
    societa'....cosa fara' tra un po'? Solo piu' java
    ? E quando si dovra' creare un server con il
    drm...ovviamente solo piu'
    windows server....altro ke linux o solaris

    sun non ha idee e sta morendo...lentamenteQuanti anni hai che ti permetti di stuprare la sintassi italiana in questo modo? Quà non sei in un SMS con 160 caratteri di spazio.Non hai la più pallida idea di cosa sia la Sun, Solaris, della sua diffusione e soprattutto della diffusione della GPL.Ormai perfino l'80% di router e access point WiFi ha dentro Linux e viene distribuito con tanto di GPL e sorgenti del sistema operativo embedded e del software di gestione.
  • Anonimo scrive:
    gpl v3??
    se lo fanno si giocano la possibilita' di implementare sistemi di drm
  • Anonimo scrive:
    Re: FALLIMENTO GALATTICO
    - Scritto da: Anonimo
    questo e' il massimo! dopo che sun ci ha
    asfissiato per hanni con java, si speravabeh, cosi' asfissiante che e' stradifusso, e' perfino nel tuo cellulare, e c'e' giusto una copia mal fatta made in m$, al 3 tentativo .....
    lasciasse morire il suo os ormai sempre meno
    usato, cos fa???beh, non e' certo un sistema per desktop, e doveopera ha il suo mercato HIGHEND, che m$ non ha E PIANGE PER QUESTO.
    Applica ad un os fallilentare la licenza open
    source piu' fallimentare della storia!!!be, una cosa e' certa, e' la licenza con maggiorediffusione sul pianeta terra, di cui si usa piu' swetc etc, quindi direi che in m$ potete continuarea piangere.....
  • Anonimo scrive:
    Re: fanno a gara per far confusione!
    - Scritto da: Anonimo
    prima Linus che non vuole migliorare la GPL,guarda che linus non vuole peggiorarla, la gpl3 è peggiore della gpl2: non garantisce che il software derivato resti libero.(linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: fanno a gara per far confusione!
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo

      prima Linus che non vuole migliorare la GPL,
      guarda che linus non vuole peggiorarla, la gpl3 è
      peggiore della gpl2: non garantisce che il
      software derivato resti libero.
      (linux)Di cosa stai blaterando?
    • Anonimo scrive:
      Re: fanno a gara per far confusione!
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo

      prima Linus che non vuole migliorare la GPL,
      guarda che linus non vuole peggiorarla, la gpl3 è
      peggiore della gpl2: non garantisce che il
      software derivato resti libero.
      (linux)Non scriviamo minchiate per favore!Il problema della GPL3 è che non accetta DRM e qualsiasi tipo di codice estraneo in programmi liberi.E che è ancora più virale e conservativa della GPL2.Stando alla GPL3 forse non è distribuibile come GPL3 neppure il driver di una scheda WiFi che supporta il caricamento di un firmware closed source dentro alla sua memoria per controllare la sua CPU.
  • Anonimo scrive:
    FALLIMENTO GALATTICO
    questo e' il massimo! dopo che sun ci ha asfissiato per hanni con java, si sperava lasciasse morire il suo os ormai sempre meno usato, cos fa???Applica ad un os fallilentare la licenza open source piu' fallimentare della storia!!! Vabbe' ke ora ha aperto anche l'arkitettura sparc, vabbe ke l'os era gia messo sotto licenza stile-gnu....ma così non e' piu' neanke una societa'....cosa fara' tra un po'? Solo piu' java ? E quando si dovra' creare un server con il drm...ovviamente solo piu'windows server....altro ke linux o solarissun non ha idee e sta morendo...lentamente
  • Anonimo scrive:
    Re: Ha ragione Linus
    - Scritto da: Anonimo
    La GPLv3 è stata scritta con "inchiostro
    antipatico", uno speciale inchiostro demoniaco,
    invisibile, ma tossico e puzzolente, estratto dai
    blasfemi sandali di Stallman e raccolto in un
    corno di GNU, animale barbuto e cornuto,
    anch'esso chiaro simbolo di empietà infernale,
    come calamaio
    Vade retro, opera del demonio!Stallman puzza?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ha ragione Linus
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo

      La GPLv3 è stata scritta con "inchiostro

      antipatico", uno speciale inchiostro demoniaco,

      invisibile, ma tossico e puzzolente, estratto
      dai

      blasfemi sandali di Stallman e raccolto in un

      corno di GNU, animale barbuto e cornuto,

      anch'esso chiaro simbolo di empietà infernale,

      come calamaio

      Vade retro, opera del demonio!

      Stallman puzza?Pensa che in realtà Linus non avrebbe niente di personale contro di lui, ma gli tocca ogni giorno studiarne una nuova per litigarci e avere una buona scusa per tenersi a distanza.
  • Anonimo scrive:
    Re: Ha ragione Linus
    - Scritto da: Anonimo
    La GPLv3 è stata scritta con "inchiostro
    antipatico", uno speciale inchiostro demoniaco,
    invisibile, ma tossico e puzzolente, estratto dai
    blasfemi sandali di Stallman e raccolto in un
    corno di GNU, animale barbuto e cornuto,
    anch'esso chiaro simbolo di empietà infernale,
    come calamaio
    Vade retro, opera del demonio!Ma come... Io ero rimasto che BillGatez scritto in un certo modo faceva 666 !!! @^ O)
  • Anonimo scrive:
    Ha ragione Linus
    La GPLv3 è stata scritta con "inchiostro antipatico", uno speciale inchiostro demoniaco, invisibile, ma tossico e puzzolente, estratto dai blasfemi sandali di Stallman e raccolto in un corno di GNU, animale barbuto e cornuto, anch'esso chiaro simbolo di empietà infernale, come calamaioVade retro, opera del demonio!
  • Anonimo scrive:
    Re: fanno a gara per far confusione!
    - Scritto da: Anonimo
    prima Linus che non vuole migliorare la GPL,
    adesso la sun che secondo me avrebbe
    dovuto essere la migliore del mondo,
    purtroppo pero' i suoi capi sono rinco*iti
    da un pezzo, la quale si mette a difendere
    la GPL3 dopo aver demonizzato la 2.
    O Linus si e' arrabbiato perche' fanno le
    licenze senza consultarlo, o alla sun stanno
    festeggiando il carnevale e qualcuno per
    scherzo ha detto in giro che era il primo
    aprile, o Stallman ha bevuto the con lsd
    una volta di troppo.Capita a molti (troll2) , per loro stessa natura, di non riuscire a concepire che possano esserci divergenze di opinioni e relative diatribe, senza che queste portino a spaccature tra le parti della discussione.
    c'e' un po' troppa confusione, e quando
    riguarda un sistema stabile come
    GNU/Linux la precarieta' s'installa nell'animo
    degli utenti.Io come utente del sistema stabile suddetto non mi sento assolutamente installare ne' instillare precarieta'.
    E' una cosa positiva il dibattito, ma fatela
    semplice o spiegatela in maniera complessa
    e chiara.dagli tempo... Prima si spiegheranno tra loro, poi i giornalisti lo spiegheranno al pubblico.
    e poi questa GPL3 a me non sembrava cosi'
    antipatica.
    (linux)Neanche a me, ma la complessita' della questine legale pultroppo non ne fa una questione di simpatia.
  • Anonimo scrive:
    fanno a gara per far confusione!
    prima Linus che non vuole migliorare la GPL, adesso la sun che secondo me avrebbe dovuto essere la migliore del mondo, purtroppo pero' i suoi capi sono rinco*iti da un pezzo, la quale si mette a difendere la GPL3 dopo aver demonizzato la 2.O Linus si e' arrabbiato perche' fanno le licenze senza consultarlo, o alla sun stanno festeggiando il carnevale e qualcuno per scherzo ha detto in giro che era il primo aprile, o Stallman ha bevuto the con lsd una volta di troppo.c'e' un po' troppa confusione, e quando riguarda un sistema stabile come GNU/Linux la precarieta' s'installa nell'animo degli utenti.E' una cosa positiva il dibattito, ma fatela semplice o spiegatela in maniera complessa e chiara.e poi questa GPL3 a me non sembrava cosi' antipatica.(linux)
  • Anonimo scrive:
    Re: Ma la GPL da noi vale veramente?
    - Scritto da: Anonimo[cut]Io ti posso dire quello che so, e cioè che precedenti, anche in Europa, dove la GPL è stata fatta valere ce ne sono (Germania, mi pare).E cmq, stando a quello che dici tu anche l'EULA di MS dovrebbe essere carta straccia.Il fatto è che (penso) si presuppone che tu legga la licenza quando ti compare la solita schermata "accetti bla bla bla) se non la leggi e c'è scritto che ti possono fottere la ragazza, votare Forza Italia a nome tuo e installare WindowsME sul tuo pc sono affari tuoi**Ovviamente si fa per esagerare ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma la GPL da noi vale veramente?
      - Scritto da: Anonimo
      Io ti posso dire quello che so, e cioè che
      precedenti, anche in Europa, dove la GPL è stata
      fatta valere ce ne sono (Germania, mi pare).

      E cmq, stando a quello che dici tu anche l'EULA
      di MS dovrebbe essere carta straccia.Infatti l'ho detto anche io che vale per tutte le licenze. Però non è tanto quello che io dico, ma quello che dice quella sentenza avvenuta in Italia che mi fa venire qualche dubbio. O il giudice ha sbagliato oppure abbiamo una legge che non protegge i detentori delle varie licenze software.
    • IppatsuMan scrive:
      Re: Ma la GPL da noi vale veramente?
      - Scritto da: Anonimo
      - Scritto da: Anonimo
      E cmq, stando a quello che dici tu anche l'EULA
      di MS dovrebbe essere carta straccia.In effetti ho letto un articolo su Linux e Co. in cui un avvocato, chiedo venia ma non ne ricordo il nome, avanzava dubbi sulla validiatà di tutte le EULA, da quella di Microsoft alla GPL alla BSD... tutte! La sostanza è che per essere legalmente riconosciuto un contratto deve essere o firmato fisicamente (improponibile) o firmato digitalmente (poco proponibile) da entrambe le parti. In pratica si avanza l'ipotesi che quando si acquista un prodotto si hanno tutti i diritti legalmente concessi, e l'EULA è carta straccia.Bisognerebbe vedere come si comporterebbe un giudice nel caso un utente venga denunciato per violazione dei termini dell'EULA (ma penso che, essendo "territorio di frontiera" ogni giudice emetterebbe una sentenza diversa da quella di un altro).
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma la GPL da noi vale veramente?
        - Scritto da: IppatsuMan

        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        E cmq, stando a quello che dici tu anche l'EULA

        di MS dovrebbe essere carta straccia.

        In effetti ho letto un articolo su Linux e Co. in
        cui un avvocato, chiedo venia ma non ne ricordo
        il nome, avanzava dubbi sulla validiatà di tutte
        le EULA, da quella di Microsoft alla GPL alla
        BSD... tutte! La sostanza è che per essere
        legalmente riconosciuto un contratto deve essere
        o firmato fisicamente (improponibile) o firmato
        digitalmente (poco proponibile) da entrambe le
        parti. In pratica si avanza l'ipotesi che quando
        si acquista un prodotto si hanno tutti i diritti
        legalmente concessi, e l'EULA è carta straccia.

        Bisognerebbe vedere come si comporterebbe un
        giudice nel caso un utente venga denunciato per
        violazione dei termini dell'EULA (ma penso che,
        essendo "territorio di frontiera" ogni giudice
        emetterebbe una sentenza diversa da quella di un
        altro).No. Per BSD non vale.In questo caso l'utente ha solo l'obbligo di citare l'autore del sw nel caso ne modifichi i sorgenti.
      • Anlan scrive:
        Re: Ma la GPL da noi vale veramente?
        - Scritto da: IppatsuMan

        La sostanza è che per essere
        legalmente riconosciuto un contratto deve essere
        o firmato fisicamente (improponibile) o firmato
        digitalmente (poco proponibile) da entrambe le
        parti. Su questo, forse sbagliando, non sarei assolutamente sicuro. Anche l'acquisto del biglietto del tram è un contratto che si perfeziona con la cessione di un titolo (il biglietto) che da diritto all'uso in cambio di un corrispettivo. Eppure l'acquirente è tenuto a rispettare tutte le condizioni ed i termini del servizio anche se non le ha sottoscritte ed espressamente accettate.Nei contratti per adesione solo le eventuali clausole vessatorie possono essere considerate nulle.
    • mda scrive:
      Re: Ma la GPL da noi vale veramente?
      - Scritto da: Anonimo
      - Scritto da: Anonimo
      [cut]

      Io ti posso dire quello che so, e cioè che
      precedenti, anche in Europa, dove la GPL è stata
      fatta valere ce ne sono (Germania, mi pare).

      E cmq, stando a quello che dici tu anche l'EULA
      di MS dovrebbe essere carta straccia.

      Il fatto è che (penso) si presuppone che tu legga
      la licenza quando ti compare la solita schermata
      "accetti bla bla bla) se non la leggi e c'è
      scritto che ti possono fottere la ragazza, votare
      Forza Italia a nome tuo e installare WindowsME
      sul tuo pc sono affari tuoi*

      *Ovviamente si fa per esagerare ;)Tu ridi ma un buontempone tempo fà un un falso programma (scaricato parecchio), durante l'installazione diceva più o meno questo, nessuno dico nessuno si è accorto ! :| (rotfl).
  • Anonimo scrive:
    Ma la GPL da noi vale veramente?
    Leggendo il testo di questa sentenza qualche dubbio mi viene non solo per la GPL ma per tutte le licenze:---------------------http://www.scint.it/news_new.php?id=592"Dice giustamente il Codice Civile che le condizioni generali del contratto sono opponibili all'altro contraente se egli le conosceva al momento della stipulazione nel contratto; come può conoscerle l'acquirente se il venditore non gliele fa leggere e sottoscrivere prima di consegnare l'oggetto e di incassare il corrispettivo?"----------------------Ora la GPL non sempre viene fornita insieme ad un programma acquistato, ma anche insieme a programmi gratuiti. Però non cambia di una virgola il succo del discorso presente in questa sentenza, cioè che non si possono imporre vincoli contrattuali senza una vera e propria sottoscrizione.
Chiudi i commenti