Una taglia sulla prima chiamata dalla Luna

Da un sito USA che vende cellulari, un supplemento di premio per chi - dalla Luna - riuscirà ad effettuare una chiamata da telefonino. 10mila dollari e un pizzico di marketing

Roma – La Luna affascina e conquista i nuovi media e soprattutto il marketing: non poteva essere altrimenti. Se Google propone una conquista robotica del satellite mettendo in palio 30 milioni di dollari con il contest Google Lunar X Prize , ora a bigG si unisce YouNeverCall che propone un premio aggiuntivo: 10mila dollari per il primo utente che telefonerà dalla Luna.

Problemi di roaming a parte, l’obiettivo di YouNeverCall (azienda che vende online cellulari ed accessori) è semplicemente di aggiungere un’allettante sfaccettatura all’imponente mission di Google, il cui obiettivo – spiega MobileWhack – è quello di suscitare entusiasmo intorno al rinnovato interesse per l’esplorazione spaziale e la riconquista del satellite, sui cui l’uomo non mette più piede dal 1972 .

Il satellite più grande che c'è - T.A.Rector, I.P.Dell'Antonio/NOAO/AURA/NSF Il premio è infatti sproporzionato, se rapportato all’eventuale investimento tecnologico necessario a permettere una telefonata in partenza dalla Luna: come spiega YouNeverCall, “la chiamata dovrà passare da un telefono cellulare disponibile in commercio e arrivare alla sede centrale di YouNeverCall a Los Angeles. La chiamata potrà essere inoltrata con ogni tipo di protocollo o tecnologia di compressione prima di raggiungere i nostri uffici e dovrà consentire all’interlocutore di rispondere correttamente ad alcune domande a risposta sì/no”.

La caccia al roaming lunare è aperta.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Memo scrive:
    Re: Prezzo democratico
    Non vuol dire niente. Ma se provi a ricordarti della vergognosa vicenda con il timbrificio Armani, in cui lo stilista si comportò tutt'altro che democraticamente, allora si può capire che è un tentativo di tenere alta la propria reputazione, facendo propaganda di sé con una qualità che è proprio quella che aveva dimostrato di non avere.
  • Miao scrive:
    650€... Democratico?
    La conferma che i soldi annullano perfino i fondamenti di cultura base di un comune essere umano...
    • AKA scrive:
      Re: 650€... Democratico?
      Questo fa capire cosa si intende per "democrazia" oggigiorno: "popolo bue riempi le mie tasche". E basta con 'sti sarti di alto bordo che si riempono la bocca e si credono maitre-a-penser, hanno solo la fortuna che i loro straccetti li mettono su donne che fanno ragionare molti con organi non deputati a ciò.
  • Ringo scrive:
    ...
    [ senza parole ]
Chiudi i commenti