Universal, musica da biblioteca

La grande sorella del disco ha donato circa 200mila master alla US Library of Congress statunitense. Tra queste, vecchie incisioni di Billie Holiday e Bing Crosby. Al via la fase di digitalizzazione dei brani

Roma – È stato descritto come uno dei patrimoni audio più importanti di sempre, gentilmente offerto dalla major del disco Universal Music Group ad una delle biblioteche più vaste del mondo, la US Library of Congress.

Le primigenie registrazioni di circa 200mila canzoni della tradizione a stelle e strisce sono infatti state donate alla biblioteca, tutte risalenti ad un periodo storico che inizia con il 1920 e finisce con gli anni 40.

Brani di artisti leggendari come Bing Crosby – in una rara versione di “White Christmas” risalente al 1947 – Les Paul, Ella Fitzgerald e Billie Holiday. Curiosi e appassionati potranno accedere al materiale sul sito web della biblioteca.

Una squadra di tecnici della stessa Library of Congress provvederà nelle prossime settimane ad una massiva opera di digitalizzazione dei brani donati da Universal nel formato disco originario.

La sezione dedicata alla musica può ora contare su un totale di 3 milioni e 200mila brani . Le operazioni di digitalizzazione – che si terranno al Packard Campus, in Virginia – dovrebbero terminare entro la prossima primavera.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pippO scrive:
    non vedo l'ora...
    di provarne uno! (prezzo permettendo...)
    • ephestione scrive:
      Re: non vedo l'ora...
      se non altro se ne occupa qualcomm che penso abbia entrate abbondantissime dalla sua linea di cpu mobili, perché gli rimangano fondi a sufficienza da destinare alla ricerca, quindi credo sia un prodotto che vedrà la luce, purché accada in tempo utile ;)
Chiudi i commenti