USA, Apple indagata sui brevetti HTC

A mettere fine alla guerra dello smartphone potrebbe essere un particolare panel, che dovrà verificare se la Mela abbia o meno violato cinque patenti di HTC. E decidere se ci sarà il blocco alle importazioni di iPhone

Roma – Dovrà analizzare la situazione, verificare che le accuse mosse dal produttore taiwanese di smartphone HTC siano sufficienti per decretare il blocco alle importazioni dei principali device della Mela . La U.S. International Trade Commission (USITC) ha così annunciato ufficialmente l’avvio di un’inchiesta nei confronti di Apple.

Sarà uno speciale panel a decidere se l’azienda di Cupertino abbia o meno violato cinque brevetti depositati da HTC , due relativi alla gestione dell’alimentazione di un apparecchio e tre sull’accesso alla memoria di un compositore telefonico. 45 giorni a disposizione per USITC, per stabilire una data precisa in cui verranno ultimate le indagini e ci si avvierà alla conclusione della spinosa vicenda legale.

Una vera e propria guerra dello smartphone, iniziata a dire il vero da Apple che aveva denunciato l’azienda di Taiwan sia alla Commissione internazionale del commercio statunitense (ITC), sia alla Corte distrettuale del Delaware. Oggetto del contendere, venti brevetti di Cupertino relativi all’interfaccia utente, all’hardware e all’architettura di design di iPhone.

HTC aveva risposto per le rime – una prassi nei procedimenti brevettuali – controdenunciando l’azienda di Steve Jobs e chiedendo all’USITC il blocco alle importazioni negli Stati Uniti di iPhone, iPod e iPad. Una misura che la commissione a stelle e strisce potrà mettere in campo soltanto qualora le tesi portate avanti da HTC siano sufficientemente convincenti .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ephestione scrive:
    Insomma conviene a pochissimi
    Chi ha terabyte di dati da caricare in cloud farebbe prima ad affittare una connessione superveloce, a meno che l'invio (quasi) immediato dei dati stessi non sia un aspetto mission critical; altrimenti il risparmio economico non esiste mai, perché devi pagare spedizione, da quanto ho capito si tengono il disco, ci sono commissioni notevoli aggiunte al costo normale... quando dall'altra parte, ormai le connessioni broadband a consumo non esistono più.
Chiudi i commenti