USA, cellulari sbloccati e legali

La proposta per legalizzare lo sblocco dei terminali mobile alla fine del contratto è praticamente legge: manca solo la firma di Obama, e i jailbreaker americani non rischieranno più la galera

Roma – Si avvicina il momento finale per l’approvazione del disegno di legge “Unlocking Consumer Choice and Wireless Competition Act”, una proposta ampiamente condivisa dalla politica di Capitol Hill per legalizzare lo sblocco di cellulari e smartphone al termine del contratto stipulato con il carrier originario.

Il disegno di legge era già stato approvato dal Senato americano, venerdì ha ottenuto la ratifica anche da parte della Camera dei Rappresentanti e ora non resta che la firma della Casa Bianca per la trasformazione definitiva in legge.

E sul fatto che Barack Obama controfirmi la legge non sussiste il minimo dubbio, visto che lo stesso Presidente si è dichiarato pronto ad apporre la sua firma a una norma che rappresenta “un altro passo verso una maggiore flessibilità e maggiore scelta per i cittadini americani”.

Con la (oramai certa) legalizzazione dello sblocco dei cellulari si chiude quindi una lunga storia fatta di divieti e punizioni, una storia cominciata nel 1998 con l’approvazione del DMCA (Digital Millennium Copyright Act) e per cui il “crimine” dello sblocco di un terminale per l’uso con un nuovo carrier – senza il consenso esplicito del carrier originario – poteva sin qui costare fino a 500mila dollari di multa e cinque anni di galera.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • andreazed scrive:
    io e gli altri
    Beh, il fatto che tu non abbia capito un fico non significa che l'articolo non interessi a nessuno.Capita che il mondo vada al di là del nostro sguardo.
  • seriamente scrive:
    disinformazione
    Sinceramente non ho capito un fico.Non ho il background culturale per infilare questa notizia in un contesto che me la faccia diventare significativa, e l'articolo non lo fornisce.Certo, posso informarmi altrove, ma allora sarebbero bastate due righe (di numero):"IBM ha stretto una partnership con l'associazione USAA per proporre un'applicazione dedicata al reinserimento dei veterani nella società civile."Il resto è come non scritto.
    • krane scrive:
      Re: disinformazione
      - Scritto da: seriamente
      Certo, posso informarmi altroveQua funziona cosi: leggi la notizia altrove e poi la commenti nei forum. Anzi se al posto dei giornalisti ci fosse un bell'aggregatore io preferirei.
  • prova123 scrive:
    Si si ... supercomputer
    Premi 1 ... premi 5 ... premi 7 ... premi 3 ... ed alla fine il consiglio giusto :D: http://www.youtube.com/watch?v=9QPfOPhLYz4
Chiudi i commenti